Abbattere i costi e migliorare il servizio: Il Gruppo Sanitario VE.DI passa al VoIP


VE-DI_Logo_highresCon 6 sedi dislocate in Piemonte, Lombardia e Veneto e oltre 25 punti di prelievo periferici, il Gruppo Sanitario privato VE.DI, convenzionato con il SSN, eroga servizi sanitari ambulatoriali, tra cui la diagnostica per immagini, visite ed esami specialistici ed analisi mediche condotte dai propri laboratori, attraverso strutture diagnostiche attrezzate con apparecchiature di altissima qualità.

SVECCHIARE UN’INFRASTRUTTURA IT/TLC ETEROGENEA
Per favorire la crescita dell’azienda nel nord Italia il Gruppo VE.DI. ha rilevato negli scorsi anni più attività di proprietà distinte, trovandosi a dover gestire, al termine delle rispettive acquisizioni, infrastrutture IT/TLC estremamente eterogenee e geograficamente distanti tra loro. Il Gruppo VE.DI. incarica quindi Infovi, specialista vicentino di virtualizzazione, infrastrutture di rete e telefonia e partner certificato snom SCE, di erogare servizi infrastrutturali a 360°, dando luogo ad una infrastruttura di rete, firewalling e VPN unificata, in grado di favorire la cooperazione tra le singole sedi e l’accesso remoto alle immagini diagnostiche per eventuali telerefertazioni. In sede di analisi delle varie infrastrutture presenti, Infovi ha individuato i punti deboli nell’infrastruttura telefonica tradizionale: ogni sede era dotata di centrali legacy limitate e tutte differenti, difficilmente integrabili tra di loro, non scalabili né in grado di supportare servizi aggiuntivi indubbiamente critici per il successo futuro dell’azienda, se non facendosi carico di oneri aggiuntivi rispetto ai già elevati canoni di locazione e manutenzione.

La sala d’attesa di uno dei centri diagnostici del gruppo VE.DI.

La sala d’attesa di uno dei centri diagnostici del gruppo VE.DI.

ABBATTERE I COSTI e MIGLIORARE IL SERVIZIO
La leva principale a favore dello svecchiamento tecnologico era la necessità di abbassare i costi operativi delle diverse sedi, unificando l’infrastruttura per la telefonia ed erogando a tutti gli operatori le stesse funzionalità attraverso una piattaforma per le telecomunicazioni scalabile ed in grado di supportare l’implementazione di nuovi servizi. Nella fase iniziale quindi il Gruppo si è dotato di un’infrastruttura di rete next generation, di nuovi server e di nuove linee dati, selezionando offerte e provider adeguati all’integrazione del traffico voce nella nuova infrastruttura, per poter migrare al VoIP.

Per le sedi principali nella provincia di Milano (Cornaredo e Gessate) è stato quindi implementato un allacciamento in fibra con una banda simmetrica da 30 Mbps con il provider Timenet, in luogo di costose linee 4 o 6 Mbps in HDSL. Per le sedi piemontesi e per quella veneta sono state implementate, sempre con Timenet, linee da 4 Mbps in ULL ad alta velocità, con funzionalità di ridondanza e failover automatico.

LA MIGRAZIONE

Piergiacomo Garnero,  VE.DI

Piergiacomo Garnero,
VE.DI

Due anni orsono il cliente ha avviato quindi con Infovi un progetto pilota presso una delle sedi principali per valutare i benefici del VoIP, fornendo quindi al Gruppo Sanitario VE.DI un centralino IP basato su Asterisk con 20 telefoni SIP in prova per tre mesi, in affiancamento al PABX esistente.
“Abbiamo potuto verificare sul campo la qualità, l’elevata affidabilità e le potenzialità della soluzione full IP” – racconta il dott. Piergiacomo Garnero, responsabile della sede in cui è stato avviato il progetto pilota – “e quindi, alla scadenza del contratto con il fornitore del vecchio centralino, è stata effettuata la migrazione dell’intera sede alla soluzione VoIP, aprendo così la strada per la migrazione di tutto il gruppo”.

Ad oggi sono oltre 200 gli interni distribuiti tra tutte le sedi principali ed i punti prelievo periferici collegati in VoIP attraverso i centralini Asterisk ed in grado di parlare tra loro a costo zero pur trovandosi in sedi distaccate. Ad un anno dalla migrazione, Infovi ha condotto una simulazione sui meri costi legati alle linee dati e fonia per le sole sedi della provincia di Milano. Il Gruppo ha dimezzato l’esborso passando da oltre 90.000 Euro annui a Euro 45.000 incrementando contemporaneamente la qualità di infrastruttura e servizi. Grazie al risparmio ottenuto, il Gruppo è già rientrato delle spese di attivazione delle nuove linee internet (collegamento in fibra portato direttamente nella sede principale) e di acquisto della nuova infrastruttura VoIP. Le centrali VoIP sono state installate sull’infrastruttura virtualizzata già esistente, azzerando di fatto i costi dell’hardware e le necessità di manutenzione aggiuntive. Inoltre il cliente oggi dispone di funzionalità avanzate, quali ad esempio una statistica delle code e dei tempi medi di risposta eccellente, che gli consente di migliorare il servizio reso ai pazienti. Tale statistica, di difficile se non impossibile realizzazione con i centralini precedenti, viene alimentata tramite il software dei telefoni IP snom in uso e consente di monitorare e superare eventuali impasse del personale addetto alle prenotazioni dei servizi diagnostici, attraverso una gestione dinamica dei singoli agenti: un enorme beneficio, per un’azienda che vive del proprio rapporto diretto con la clientela.

Il progetto è durato in tutto oltre un anno e la migrazione ha avuto luogo in modalità granulare, sede per sede, facendo coincidere l’implementazione della nuova infrastruttura con la migrazione delle linee dati alla naturale scadenza dei contratti in essere.

I TELEFONI SIP di snom presso il Gruppo Sanitario VE.DI
Per realizzare questo progetto, decisamente complesso per la natura geograficamente distribuita del Gruppo, per l’eterogeneità delle infrastrutture da armonizzare e per le esigenze di risposta dinamica degli operatori alle chiamate in ingresso, Infovi ha scelto i terminali IP snom. Il Gruppo è dotato di circa 170 snom 710 e 30 snom 300, laddove questi ultimi furono installati nella prima sede migrata al VoIP, a posteriori del periodo di prova. Attualmente restano da migrare ancora una quarantina di interni della sede di Padova. I telefoni IP snom sono stati configurati tramite l’autoprovisioning per una maggior praticità, e nelle sedi con infrastruttura più recente sono alimentati tramite PoE. Su alcune utenze risulta essenziale anche la presenza dello switch nel telefono per evitare cablaggi aggiuntivi.

In quasi due anni dall’installazione, Infovi non ha riscontrato alcun malfunzionamento sui telefoni: finora sono state sostituite solo un paio di cornette.

il telefono IP snom 710

il telefono IP snom 710

Il FUTURO del VoIP presso il Gruppo Sanitario VE.DI
In un’ottica di miglioramento del servizio alla clientela e di impiego ottimale delle risorse, il Gruppo Sanitario VE.DI sta valutando l’implementazione di un numero unico per il centro prenotazioni (CUP), che non sia legato alla sede geografica ma “distribuito” tra tutte le sedi, in modo da consentire ai pazienti di prenotare presso qualsiasi dipendente un servizio in qualsiasi struttura. In questo modo la coda del CUP sarà gestita dalla centrale automaticamente in modo dinamico, consentendo di intervenire quale “agente CUP” anche ai dipendenti dei punti di prelievo del sangue, di norma meno impegnati tra le 9:00 e le 12:00. Per impostare un qualunque terminale IP quale “agente CUP” basta programmare un solo tasto funzione del telefono snom. Avvalersi di una tale semplificazione era assolutamente impensabile con le centrali tradizionali, se non con grandi sforzi, oltre che economici, anche di natura tecnica.

Continua a leggere

Ferrari, Lamborghini & Maserati hanno un nuovo potente vicino: 3CX


3CX-Logo-High-Resolution-1024x3723CX apre i propri uffici a Modena e consolida la propria presenza sul mercato italiano

LONDRA UK – 3CX, produttore del pluripremiato centralino VoIP per Windows 3CX Phone System, annuncia oggi l’apertura di 3CX Italia a Modena, quale nuova base operativa dell’azienda in Italia. Quarto mercato per estensione nell’ambito delle telecomunicazioni nell’Europa occidentale, l’Italia è un territorio chiave per 3CX. Situata in centroitalia, in un’area nota per l’ingegneria mecccanica ad alte prestazioni, Modena risulta la destinazione ideale per 3CX.

Nick Galea, CCEO,, 33CCX

Nick Galea, CEO, 3CX

Nick Galea, CEO di 3CX afferma: “In 3CX avevamo l’impressione che non ci fosse luogo migliore di Modena per aprire i nostri uffici, nel cuore dell’industria ingegneristica high tech italiana. Fermamente focalizzata sull’innovazione, 3CX è in ottima compagnia nelle vicinanze di Lamborghini, Ferrari e Maserati. Non vediamo l’ora di collaborare strettamente con i partner 3CX in Italia beneficiando del boom della domanda di soluzioni VoIP sul territorio.”

Loris Saretta, Channel Sales Manager di 3CX Italia afferma: “Aprire un nuovo ufficio a Modena è un importante passo per 3CX, che con 3CX Italia consolida significativmente la propria presenza sul mercato italiano. In questo modo possiamo assistere al meglio la nostra rete di partner e la nostra clientela. Con una soluzione versatile e competitiva quale il 3CX Phone System, ne anticipiamo la popolarità e continuiamo a crescere rapidamente.”

3CX Italia fornirà supporto tecnico e marketing ai partner e distributori 3CX, consentendo loro di fruire appieno delle crescenti opportunità del VoIP sul mercato italiano. La nuova sede integra un training centre e ospita il centro di assistenza tecnica locale, al fine di favorire l’incremento di fatturato dei partner attraverso un adeguato approfondimento delle rispettive conoscenze del 3CX Phone System.

La continua espansione di 3CX a livello globale è parte della strategia dell’azienda di portare il 3CX Phone System in aziende e istituzioni in tutto il mondo. 3CX ha già riscontrato nel corso dello scorso anno un rapido incremento della domanda per il 3CX Phone System in Italia come in Europa con l’apertura di una sede rispettivamente in Francia e in Polonia. Questa crescita è destinata ad aumentare con la progressiva migrazione delle aziende da sistemi telefonici proprietari a soluzioni software-based competitive e estremamente versatili.
Continua a leggere

I prodotti FRITZ! di AVM ora nei negozi Media World e Saturn


logoavmDal top di gamma del produttore berlinese al repeater wireless di fascia bassa, la neonata partnership commerciale tra AVM e Mediamarket S.p.A. consente da subito agli utenti dei FRITZ!Box di acquistare un’ampia scelta di prodotti premium del produttore berlinese nei punti vendita Media World e Saturn dislocati su tutto il territorio nazionale.

Berlino / Curno – Lo specialista berlinese delle reti e telecomunicazioni AVM annuncia di aver siglato un accordo con MEDIAMARKET S.p.A, prima catena di store per l’elettronica di consumo in Italia, che prevede, con effetto immediato, la commercializzazione dei pluripremiati prodotti FRITZ! attraverso i 116 punti vendita e le piattaforme online ad insegna Media World, Saturn e Media World Compra On Line sul territorio nazionale.

La partnership rappresenta il perfetto coronamento degli sforzi ed investimenti di AVM in Italia volti ad estendere la propria presenza al mercato consumer. A conclusione di un 2013 che ha visto un forte consolidamento del rapporto di AVM con le Telco, i rivenditori e gli installatori in ambito B2B ed un’iniziale presenza del produttore presso l’utenza consumer attraverso i più noti e-tailer, l’azienda ha valutato come particolarmente elevato il potenziale di crescita della propria quota di mercato in Italia attraverso una maggior penetrazione del mercato consumer. Alla luce degli ultimi sviluppi in fatto di connettività internet a banda larga in Italia e della crescita esponenziale e continuativa della domanda dei prodotti FRITZ! nel nostro Paese, la decisione di essere presenti negli store dedicati all’elettronica di consumo dell’azienda leader in Italia è risultata naturale.

Gianni Garita - Country Manager Italia - AVM

Gianni Garita – Country Manager Italia – AVM

“Abbiamo investito nella produzione di prodotti e accessori che rispondessero alle esigenze della clientela consumer italiana e triplicato l’organico del team in Italia rispetto al giugno dello scorso anno. In MEDIAMARKET S.p.A. abbiamo trovato il partner ideale per offrire alla nostra clientela consumer accesso ai nostri prodotti pluripremiati non solo tramite gli shop online ma anche attraverso una rete capillare di punti vendita sul territorio” commenta Gianni Garita, Country Manager di AVM per l’Italia.

Parallelamente MEDIAMARKET S.p.A. si assicura l’opportunità di diversificare in modo essenziale il proprio portafoglio prodotti rispetto alla concorrenza, proponendo dispositivi e accessori premium per la rete domestica in grado di fare davvero la differenza.

Dal FRITZ!Box 7490, l’attuale top di gamma di AVM, fino al FRITZ!WLAN Repeater 310, il wi-fi extender ideale per ampliare la portata di qualunque rete wireless, la griglia di prodotti AVM progressivamente disponibile presso tutti i punti vendita Media World e Saturn è particolarmente ampia e contempla una selezione d’eccellenza di tutte le linee di prodotti FRITZ!, incluse le prese smart per l’ingresso semplice nel mondo della domotica.

Adeguate politiche di formazione del personale Media World e Saturn, strategie display studiate ad hoc per i punti vendita e l’impiego degli strumenti di divulgazione di Media World al fine di presentare la neo-acquisita linea di prodotti premium per la rete domestica, garantiranno il successo dell’operazione.
Continua a leggere

Arkoon e Netasq annunciano nuova generazione di soluzioni per la protezione delle reti informatiche


NETASQ LOGO “Stormshield Network Security” blocca gli attacchi cibernetici indipendentemente da quanto siano sofisticati.

Parigi – Arkoon e Netasq, filiali di Airbus Defence and Space e player di rilievo sul mercato della sicurezza informatica, hanno lanciato una nuova generazione di soluzioni per la protezione perimetrale. Denominata Stormshield Network Security, questa nuova linea di prodotti si aggiunge alle soluzioni Stormshield Endpoint Security (protezione dei client anche contro minacce day-0) e Stormshield Data Security (protezione dei dati), assicurando una sicurezza end-to-end alle organizzazioni oggetto di attacchi informatici.

François Lavaste, CEO di Arkoon e Netasq, afferma: “I nostri ingegneri hanno combinato i propri sforzi per sviluppare una gamma unica di soluzioni affidabili, ancora più innovative e con prestazioni ancora superiori. La tecnologia adottata per i nostri prodotti multifunzione consente alle aziende di ottimizzare il proprio livello di protezione bloccando i cyberattacchi, indipendentemente dalla rispettiva complessità.”

Stormshield Network Security comprende una serie di nove dispositivi in grado di soddisfare l’intero ventaglio di esigenze organizzative: dalla protezione dei sistemi informativi contro minacce interne ed esterne fino al monitoraggio degli accessi e dell’impiego delle workstation, assicurando nel contempo una visilbilità delle attività di rete in tempo reale. Con la propria versione virtualizzata, Stormshield Network Security prende in considerazione anche il cloud computing e le esigenze legate alla mobilità.

Le soluzioni Stormshield Network Security impiegano per la prima volta una tecnologia di sicurezza collaborativa multilivello che facilita l’interazione proattiva tra i diversi motori di protezione presenti nelle appliance. Questo approccio olistico consente di adattare i livello di protezione per i client ed i server in base alle vulnerabilità identificate o agli allarmi di sicurezza emessi.

La modularità dei prodotti della linea Stormshield Network Security ne consente l’integrazione in qualsiasi infrastruttura esistente e ne assicura la capacità di adattarsi all’evoluzione futura della rete. Grazie a un’interfaccia grafica intuitiva, gli amministratori di sistema possono implementare le soluzioni con il minimo sforzo, garantendo agli utenti una sicurezza senza compromessi. Inoltre, le soluzioni Stormshield Network Security integrano di fabbrica strumenti completi per l’analisi e la reportistica. Questi strumenti totalmente interattivi semplificano la risoluzione di eventuali problemi: la policy di sicurezza o il livello di protezione possono essere modificati in un batter d’occhio, semplicemente cliccando su un evento di sicurezza o un elemento presente in un report.

Continua a leggere

Innovare facendo leva sulle risorse esistenti: Rivit adotta le Unified Communications con Microsoft Lync e snom


Rivit è conosciuta in Italia come azienda leader nella produzione e distribuzione di sistemi per il fissaggio e utensili per l’assemblaggio e la lavorazione della lamiera. Nata nel 1973, in più di quarant’anni di esperienza l’azienda ha sviluppato un’ampia gamma di prodotti per il fissaggio industriale (rivetti a strappo, inserti, autoaggancianti, perni a saldare, bulloni a strappo, chiusure, dadi in gabbia, fascette, viteria in acciaio e plastica) e relativi utensili per la loro posa (rivettatrici per rivetti e inserti, presse, saldatrici e bullonatrici). Presente in oltre 45 Paesi, Rivit è una realtà ben radicata sul mercato nazionale e internazionale. Al centro della mission aziendale è saldo l’obiettivo della piena soddisfazione delle esigenze del cliente, che diventa per Rivit uno stimolo per crescere e proporsi come un vero partner: dove c’è metallo c’è Rivit.

INTEGRARE NUOVE TECNOLOGIE senza complicare ulteriormente l’infrastruttura IT

La sede di Rivit Srl

Nel 2006 la Rivit si dotò di un impianto analogico ai tempi funzionale ma diventato nel corso degli anni antiquato e messo anche fuori produzione dalla stessa casa produttrice. Oltre a non avere modo di configurare autonomamente interni e/o servizi di telefonia aggiuntivi come necessari ad un’azienda in piena espansione, l’ingresso in “End of Life” del centralino non garantiva più a Rivit il necessario livello di manutenzione. L’azienda incarica quindi la Centro Computer SPA, leader in Italia nelle infrastrutture e reti per le telecomunicazioni, MobileIron Gold Reseller di Microsoft oltre che partner certificato snom SCE, di valutare la sostituzione del centralino con una soluzione che consentisse di far leva sulla nuova infrastruttura IT, precedentemente virtualizzata dalla stessa Centro Computer, e favorisse l’adozione di moderni servizi per le Unified Communications. In particolare Rivit desiderava avvalersi di una piattaforma che consentisse all’azienda di smarcarsi dai vincoli del tradizionale centralino, che garantisse un abbattimento dei costi per le telefonate intrasede, che favorisse la reperibilità degli interlocutori aziendali interni ed esterni e fosse altamente personalizzabile.

Le UNIFIED COMMUNICATIONS: Rivit sceglie Microsoft Lync

Marco Pasquali, ICT Manager, Rivit S.r.l.

Considerando la distribuzione geografica dell’azienda, i più svariati strumenti di lavoro adottati sia internamente, sia dagli agenti, e a fronte di un’infrastruttura IT virtualizzata e basata al 90% su soluzioni Microsoft, Centro Computer propone a Rivit l’adozione della piattaforma per le Unified Communications Microsoft Lync®.

Oltre ad essere implementabile in forma virtualizzata e a beneficiare quindi di tutte le caratteristiche di tali sistemi in termini di alta affidabilità, tale soluzione consentiva a Rivit di evitare l’acquisizione di soluzioni di telefonia a sé stanti, quindi i conseguenti costi di implementazione e formazione ad hoc. L’integrazione tra il dominio Exchange, già presente on premise, e Lync apriva inoltre all’azienda eccellenti prospettive di ottimizzazione della collaborazione tra gli utenti aziendali e i partner commerciali, non da ultimo anche grazie alla recente acquisizione di Skype da parte di Microsoft e alla seguente federazione tra Lync e il noto client per la telefonia via internet e l’instant messaging.

In meno di un anno di utilizzo, che ha visto una migrazione graduale dei vari uffici Rivit dalla telefonia tradizionale al VoIP con Lync, l’azienda ha tratto notevoli benefici dalla visibilità multipiattaforma dello stato delle presenze degli addetti, integrandone persino l’uso nelle policy aziendali, si avvale della chat a garanzia di una maggior immediatezza dei processi aziendali e intende vagliare chi tra i propri clienti e fornitori dispone di Microsoft Lync, per ottimizzare le comunicazioni tra le diverse aziende. Grazie alla nuova soluzione per la telefonia Rivit è totalmente autonoma nella programmazione e configurazione dei messaggi del risponditore automatico e della musica di cortesia, come nella gestione dinamica delle code.

I TELEFONI SNOM UC EDITION presso RIVIT

Luca Vitali, UC Specialist, Centro Computer S.p.A.

Una volta decisa l’adozione della soluzione per le Unified Communcations Microsoft Lync, fu necessario valutare il tipo di telefono da impiegare per garantire agli utenti la massima operatività, sono infatti numerosi i terminali ottimizzati per Lync (ossia che montano il client Lync) laddove esiste una sola linea di telefoni qualificati per Lync che, pur dotati un firmware proprio, sono in grado di integrarsi nativamente con l’interfaccia di gestione Microsoft PowerShell e forniscono nel contempo caratteristiche on top, rispetto alle funzioni offerte dai telefoni che montano il client Lync.

Vagliate quindi tutte le alternative, Centro Computer SPA propone a Rivit l’installazione dei telefoni qualificati Lync snom UC Edition. I terminali snom UC Edition sono configurabili centralmente direttamente attraverso la piattaforma Microsoft tramite l’autoprovisioning, non richiedono l’installazione di server o piattaforme di supporto aggiuntive, e, oltre ad essere alimentati tramite PoE, assicurano la fruibilità di funzioni imprescindibili per chi utilizza il telefono come strumento di lavoro vero e proprio, tra cui la personalizzabilità dei tasti funzione, non disponibile con i telefoni ottimizzati per Lync, la possibilità di utilizzare contemporaneamente linee SIP di back-up in caso di malfunzionamenti del server Lync e altre caratteristiche interessanti come la funzione segretaria/direttore.

Oggi Rivit impiega 60 terminali IP snom UC Edition. I telefoni snom 710 sono utilizzati primariamente nelle sale riunioni, nelle aree comuni e presso la centralinista. Gli snom 760 sono invece in uso presso la direzione e gli snom 720 sono stati installati presso il restante personale. La serie 7xx UC Edition dei telefoni snom si è rivelata nel tempo particolarmente affidabile e soddisfacente, nonostante alcune difficoltà iniziali con apparecchi che presentavano difetti di fabbrica, risolte da Centro Computer Spa con il supporto del team di snom Italia.

Il FUTURO delle Unified Communications presso RIVIT
In un’ottica di ottimizzazione delle comunicazioni, Rivit vaglierà l’abilitazione dei client Lync sui tablet e smartphone dei propri agenti, inoltre è previsto un eventuale adeguamento dell’infrastruttura della sede commerciale presente in India. Altresì, a fronte della forte espansione dell’azienda a livello internazionale, nel prossimo futuro non si esclude l’apertura di ulteriori filiali all’estero, da collegarsi all’attuale piattaforma per le Unified Communications aziendali.

Per scaricare la presente Case Study in formato PDF, cliccare qui: snom_Rivit_Centrocomputer_CaseStudy_062014_V2

Continua a leggere

3CX e Fanvil annunciano partnership strategica


3CX-Logo-High-Resolution-1024x372Grazie alla partnership tecnologica e alla funzionalità di provisioning ‘plug and play’ del 3CX Phone System, gli utenti possono installare i telefoni IP Fanvil in pochi minuti. La partnership assicura la perfetta interoperabilità tra la piattaforma per la telefonia di 3CX e i telefoni IP Fanvil.

LONDRA UK e SHENZHENCITY CHINA – 3CX, sviluppatore del pluripremiato centralino VoIP per Windows 3CX Phone System, e Fanvil, sviluppatore e produttore di telefoni IP, annunciano oggi di aver siglato una partnership tecnologica volta a fornire agli utenti una soluzione di telefonia pienamente interoperabile.

La partnership, infatti, assicura la perfetta interoperabilità tra 3CX Phone System e i telefoni IP Fanvil, fornendo ai rivenditori e agli utenti finali Fanvil un centralino telefonico affidabile e versatile ad un prezzo accessibile. Grazie alla funzionalità di provisioning ‘plug and play’ del 3CX Phone System, gli utenti possono installare i telefoni IP Fanvil in pochi minuti. Inoltre, tutti i software e firmware che saranno rilasciati in futuro, saranno testati e convalidati sia da 3CX sia da Fanvil per garantirne la piena compatibilità. Il 3CX Phone System supporta ora i seguenti telefoni IP: Fanvil C58, C58P e Fanvil C62.

IMG_1421-e1399550312390

Un esempio di impiego dei telefoni Fanvil con il centralino IP per Windows di 3CX

Nick Galea, CEO di 3CX commenta: La combinazione delle premiata tecnologia di 3CX nell’ambito dei PBX unita ai telefoni IP a prezzi accessibili di Fanvil, offre alle aziende che cercano una soluzione affidabile, una piattaforma per le Unified Communications dal valore impareggiabile. Per i nostri rivenditori, questa partnership offre una grande opportunità per incrementare il proprio giro d’affari offrendo alle imprese orientate al passaggio ad un PBX basato su software una soluzione di telefonia estremamente conveniente.

Robbin Feng, CEO di Fanvil aggiunge: “Questa nuova partnership con 3CX Phone System conferma l’intento di Fanvil di fornire ai propri clienti una soluzione di comunicazione top di gamma. La crescita impressionante di 3CX lo identifica come uno dei principali vendor di centralini IP, grazie alla sua piattaforma basata su Windows e ricca di funzionalità che lo distingue dagli altri sistemi telefonici. Per questa ragione, ci auguriamo una relazione lunga e di successo che sarà di grande beneficio per i nostri rivenditori e i clienti condivisi “.

Continua a leggere

Capitalizzare sui propri punti di forza e sviluppare nuove strategie: Markus Schmitt-Fumian nuovo CEO di snom


Logo di snom technology AG

Nominato dal Consiglio di Sorveglianza, il nuovo CEO ha il compito di guidare l’azienda nella futura crescita.

Berlino – Il Consiglio di Sorveglianza di snom technology AG, sviluppatore e produttore di soluzioni IP, ha nominato con effetto immediato il proprio nuovo CEO: Markus Schmitt-Fumian. A posteriori della ristrutturazione interna condotta negli scorsi mesi, il consiglio ha deciso di accordare all’esperto Schmitt-Fumian il ruolo di guida dell’azienda. Insieme ai colleghi, il Dr. Michael Knieling e Usman Tahir, il nuovo CEO si focalizzerà specificamente su innovazione e futuro. 

Stefan Friese, Presidente del Consiglio di Sorveglianza di snom, dichiara: “Markus Schmitt-Fumian dispone di un forte spirito imprenditoriale e di una lunga esperienza nella direzione di aziende internazionali, svolgerà quindi un ruolo decisivo nel guidare snom verso la prossima fase di crescita e la leadership di mercato.”

Markus Schmitt-Fumian, CEO, snom technology AG

Markus Schmitt-Fumian, CEO, snom technology AG

“Sono lieto di contribuire attivamente a incrementare la nostra presenza a livello internazionale e a introdurre sul mercato una nuova e innovativa generazione di prodotti e soluzioni business”, commenta Schmitt-Fumian. “14 anni fa snom ha svolto un ruolo essenziale nel processo di affermazione dello standard SIP aperto”, così il nuovo CEO, “e negli ultimi anni è diventata una realtà presente su scala globale, con filiali nei mercati più importanti del mondo. In base alla mia esperienza internazionale, il mio obiettivo primario è dare una continuità positiva e duratura al trend di crescita dell’azienda e, nel contempo, potenziare ulteriormente la sua leadership di mercato.”  Schmitt-Fumian, 46, ha ricoperto il ruolo di Senior VP Head of Business Development & Innovation ed altre importanti cariche presso Gigaset AG e Siemens AG.

Continua a leggere