IT e TLC a confronto, trend e prospettive


logo_snomQuali sono le prospettive economiche della tecnologia applicata alla gestione delle comunicazioni? Quali le maggiori sfide e quale il futuro delle soluzioni? Il Dottor Michael Knieling, COO di snom technology AG condivide le sue impressioni. 

Milano +++ Reti di nuova generazione, telefoni IP e piattaforme per le Unified Communications (UC) hanno contribuito ad una drastica riduzione dei costi del traffico telefonico e all’incremento della produttività degli utenti. Nel contempo, secondo i ricercatori di IDC, il mercato dei personal computer ha subito un crollo del 14% nel primo trimestre del 2013. Dopo soli 33 anni, il PC perde quindi più velocemente importanza rispetto al classico telefono da tavolo, concepito oltre un secolo fa, laddove quest’ultimo in particolare é sopravvissuto agli “attacchi” della tecnologia anche e soprattutto perché si é rinnovato costantemente, di pari passo con essa. I telefoni IP più moderni sono veri e propri terminali con un proprio sistema operativo e, mantenendo nel tempo il proprio stato dell’arte attraverso gli aggiornamenti del firmware, proteggono gli investimenti a lungo termine. Anche in presenza di un eventuale futuro affievolimento della crescita del settore, i ricercatori di  Frost & Sullivan  prevedono comunque su scala globale un incremento del numero di nuovi telefoni installati di circa 34 milioni di unità per annum fino al 2018. Il desiderio di avvalersi di terminali che consentano di fruire di un numero sempre maggiore di funzionalità, il crescente appeal delle soluzioni per le Unified Communications, l’aumento della domanda di telefoni IP in sostituzione di quelli classici (analogici / ISDN) ed il sempre inferiore consumo elettrico dei terminali stessi, con la conseguente riduzione dei costi operativi di un impianto telefonico “next-gen” sono peraltro indicati quali fattori determinanti della crescita.

Dr. Michael Knieling, COO di snom technology

Dr. Michael Knieling, COO di snom technology

La sfida maggiore che si trova ad affrontare il settore delle telecomunicazioni oggi è la creazione di standard universali. Esiste un quantitativo straordinario di “interpretazioni” dello standard SIP (Session Initiation Protocol), che supera persino il numero di produttori di soluzioni VoIP sul mercato. Le cause sono adducibili all’origine del protocollo stesso: SIP proviene dal mondo open source, ove chiunque può contribuire con proprie idee. Ciò che è stato assolutamente una benedizione nella fase iniziale di sviluppo, oggi si rivela frenante: qualsiasi produttore può scegliere liberamente quali funzionalità del protocollo integrare nel „proprio” SIP, un vero paradosso. A mio avviso però, coloro che adottano questo tipo di approccio si troveranno in difficoltà in futuro. Per non essere scalzati dal mercato dovrebbero infatti orientarsi maggiormente ai pionieri, riconoscendone gli standard, integrare funzionalità ormai consolidate e, in quanto tali, richieste dagli utenti, sviluppando prodotti di conseguenza: solo così si può dar vita ad uno standard SIP universale.

 

Il classico telefono da tavolo ha subito innumerevoli trasformazioni nei suoi 125 anni di storia. Ma la rapidità e la mole di tali mutamenti, come osservati nell’arco degli scorsi cinque anni, e le prospettive di sviluppo dei terminali nei prossimi cinque anni, lasciano senza fiato. Basti pensare alle più note soluzioni UC, che uniscono l’operatività tipica di un centralino IP alla messaggistica istantanea e a funzioni audio, video e di teleconferenza. Attraverso la combinazione di tali soluzioni e terminali IP adeguati, gli utenti dispongono di una pletora di nuove possibilità per condividere le informazioni, la cui facile fruizione genera un aumento della produttività e dei fatturati, senza che l’azienda debba sobbarcarsi costi improbi per l’aggiornamento dell’infrastruttura IT. I servizi “hosted” semplificheranno ulteriormente, anche in futuro, l’impiego e la gestione dei telefoni IP, remotizzando le operazioni. Anche la sicurezza dei terminali avrà un ruolo determinante in futuro: le recenti discussioni sui programmi di monitoraggio PRISM, Tempora ecc. e su come vengano effettivamente trattati i dati derivanti dall’uso dei più moderni strumenti informatici hanno reso attuale come non mai tale tema delicato.

Nota: snom technology sarà presente a SMAU, area trade, stand E42.

Informazioni su snom technology AG

Oltre alla sua sede di Berlino, Germania, snom conta filiali in Italia, Francia, Regno Unito, Taiwan e Stati Uniti e, grazie alla sua rete di partner commerciali, è presente in oltre 60 Paesi.

snom sviluppa prodotti software e hardware VoIP basati sullo standard aperto SIP (Session Initiation Protocol) che offrono una perfetta interoperabilità con numerose soluzioni IP. I telefoni IP di snom garantiscono elevatissimi livelli di sicurezza e sono particolarmente indicati per l’impiego professionale, presso aziende, ISP, Carrier o presso clienti OEM. Dagli home office alle PMI fino alle grandi imprese, qualsiasi azienda può semplificare la propria comunicazione lavorativa grazie ai prodotti IP di snom. Integrando il doppio stack SIP, i telefoni IP di snom sono compatibili praticamente con qualsiasi dispositivo telefonico basato su SIP ed anche con il Microsoft® Lync™ Server, la soluzione Unified Communications firmata Microsoft. La società americana ha infatti testato diversi dispositivi di snom, certificandone la compatibilità con Lync.

Fra i propri partner, snom annovera grandi imprese del calibro di Microsoft, Deutsche Telekom e Vodafone, ma anche aziende specialistiche del settore come Axiros, ESTOS, GSMK e Patton.

Per ulteriori informazioni sulle attività di canale di snom in Italia basta consultare il sito snomchannel.it. Informazioni sull’azienda e sui prodotti sono anche reperibili sul sito www.snom.com, Twitter e Facebook. E’ anche possibile unirsi al gruppo su LinkedIn o aggiungere snom alle proprie cerchie su Google+.