Le videoconferenze modificheranno l’assetto futuro degli uffici?


3cx-logo-high-resolution-1024x372E’ assodato ormai che l’impiego delle videoconferenze in azienda favorisca lo svecchiamento tecnologico e incrementi la produttività. In occasione del recente studio di Bluejeans Network condotto su un campione di 4000 impiegati, circa l’85% ha dichiarato che l’utilizzo delle videoconferenze assicura loro una maggior creatività nella gestione dei rapporti con colleghi e clienti. Un dato confermato anche da Harvard Business Review, che certifica come l’interazione vis-à-vis sia – di fatto – lo sprone più forte all’innovazione creativa negli uffici di oggi.

Non meraviglia quindi che le aziende, che vogliono beneficiare del valore aggiunto di una interazione personale tra gli impiegati e con i clienti, stiano spendendo su scala globale ingenti somme di denaro per offrire strumenti e strutture che incoraggino i propri impiegati a comunicare tra loro e con la clientela in modo più estemporaneo: SkullCandy, azienda svizzera nota per i suoi headsets, ha addirittura sviluppato delle scrivanie a forma di pezzi di un puzzle, quindi più facilmente componibili in un unico tavolo per riunioni. Indubbio in questo caso il contributo all’attività fisica degli impiegati, tenuti a spostare le scrivanie passando da una riunione all’altra!

Alla luce di ciò, la domanda è: se oggi è possibile condurre videoconferenze de visu gratuite persino tramite smartphone dove e quando si vuole, ha senso ridisegnare gli spazi lavorativi sperando che gli impiegati non si limitino alle sole quattro chiacchiere fatte di fianco al distributore di bevande? Le videoconferenze sono diventate strumenti facilmente fruibili per gli impiegati grazie a soluzioni UC di nuova generazione e risultano particolarmente efficaci per la cura dei rapporti con la clientela, oltre che efficienti in termini di abbattimento delle spese di trasferta, ma vengono davvero impiegate per aumentare la redditività aziendale e velocizzare i processi operativi? Sempre secondo Harward Business Review, gli impiegati che già intrattengono rapporti tra di loro conducono sorprendentemente più videoconferenze rispetto a quelli che non si vedono mai. Un incontro del tutto informale magari sul corridoio dà luogo ad una riunione, sempre vis-à-vis, tramite video.

Quanto è importante il linguaggio del corpo in una negoziazione?

Quanto è importante il linguaggio del corpo in una negoziazione?

Sono numerose le aziende che già utilizzano le videoconferenze per favorire una comunicazione diretta tra impiegati e clienti, assicurando quel tocco personale che solo un incontro de visu offre. Le soluzioni sono adottate da chi offre servizi per meglio illustrare le proprie proposte, dalle assicurazioni per analizzare insieme agli assicurati eventuali richieste di rimborso danni, anche le banche impiegano queste tecnologie per interagire con la clientela, specie quando si tratta di consulenze su eventuali investimenti, in modo da poter “interpellare” in qualsiasi momento l’esperto di settore per ulteriori delucidazioni. Chi utilizza le videoconferenze, lo fa per negoziare e chiudere delle opportunità di business, attività ben più semplici se è possibile vedere il potenziale cliente e reagire al suo linguaggio corporeo, tramite video. Allo stesso modo, il management può dare istruzioni personali al team commerciale locale fornendo loro i giusti strumenti per lavorare con i potenziali clienti. I casi d’uso di queste tecnologie sono davvero numerosi.

Ecco perché la messaggistica istantanea e le videoconferenze sono ormai priorità per la maggior parte delle aziende, e perché 3CX, produttore delle note soluzioni per le Unified Communications, ha deciso di integrare la tecnologia WebRTC nella propria piattaforma e offre funzionalità di tele- e videoconferenza tramite i softphone o client per smartphone senza costi aggiuntivi. La videoconferenza si lancia con un paio di click, e senza ulteriori indugi è possibile vedere il proprio interlocutore o aggiungere altri colleghi o partecipanti esterni alla conversazione. Per dirla con le parole degli studi precedentemente citati, 3CX è un abilitatore di creatività. Se si intente favorire tale creatività nella propria organizzazione, prima di consultare un architetto, sarebbe raccomandabile scoprire cosa può fare una soluzione di telefonia all’avanguardia per la propria azienda.

Chi è 3CX

3CX è un’azienda di canale al 100% che sviluppa e commercializza il proprio 3CX Phone System, il pluripremiato centralino IP software-based basato su standard aperti e in grado di rinnovare le telecomunicazioni sostituendo i PBX proprietari tradizionali. Con 3CX Phone System le aziende tagliano i costi delle comunicazioni e incrementano la propria produttività e mobilità.

Con il sistema di videoconferenze WebRTC integrato, i client per smartphone Android, iOS e Windows oltre a quelli per Mac e PC, il 3CX Phone System assicura alle organizzazioni la fruibilità di una soluzione completa per le Unified Communications chiavi in mano.

50.000 clienti in tutto il mondo impiegano le soluzioni 3CX, tra questi Boeing, McDonalds, Hugo Boss, Ramada Plaza Antwerp, Harley Davidson, Wilson Sporting Goods e Pepsi. Con l’intento di essere territorialmente vicini ai propri clienti, 3CX ha sedi negli Stati Uniti, Sudafrica, Russia, Gran Bretagna, Germania, Hong Kong, Italia, e Australia.

Ulteriori informazioni su 3CX sono reperibili anche su FacebookTwitter.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...