Le previsioni di G DATA per il 2018: i cybercriminali puntano a Bitcon & Co.


Società, criptovalute e IoT sempre più spesso nel mirino dei cybercriminali.

Anche nel 2017 il ransomware è stato il protagonista dell’anno per quanto concerne la sicurezza IT. WannaCry e NotPetya hanno dimostrato che i criminali hanno perfezionato le proprie tecniche e che le aziende sono oggetto di attacchi mirati. Gli esperti di sicurezza G DATA non possono dichiarare il cessato allarme per il 2018, al contrario si aspettano un ulteriore incremento del livello delle minacce. A fronte di tassi di interesse sul capitale sempre più bassi, un crescente numero di persone investe in criptovalute come i Bitcoin. I cybercriminali non sono da meno, hanno creato nuovi modelli di business illegale particolarmente lucrativi e tentano di accaparrarsi la propria fetta di criptovalute con script per il mining e altri attacchi.

G DATA prevede di chiudere il 2017 con la rilevazione di almeno dieci milioni di nuovi ceppi di malware per Windows e più o meno tre milioni e mezzo per Android. Le statistiche mostrano che il livello di minaccia è in costante aumento. Molte attività quotidiane come le transazioni bancarie o gli acquisti vengono effettuate online. La conduzione di tali attività diventa di giorno in giorno sempre più semplice grazie all’utilizzo di supporti operativi quali gli assistenti vocali e ad una migliore fruibilità. Cosa che aumenta altresì il raggio d’azione dei criminali.

“I Bitcoin e le altre criptovalute stanno infrangendo record su record. Sempre più persone si interessano alle valute digitali. I criminali sfruttano questo trend, focalizzandosi sempre più sugli utenti Internet attivi in questo ambito “spiega Tim Berghoff, G DATA Security Evangelist. “Inoltre, ci aspettiamo di vedere molti più attacchi su larga scala condotti ai danni di piattaforme che in precedenza non erano mai state prese in considerazione, dato che solo di recente soluzioni IoT, come gli assistenti personali digitali e i dispositivi domotici, sono entrati nel mercato di massa.

Sicurezza IT: previsioni 2018

  • Maggiore attenzione all’IoT: i dispositivi intelligenti sono presenti tanto in ambito residenziale quanto aziendale / industriale. L’Internet of Things non è più solo una moda, per molti utenti è uno strumento quotidiano. Nel 2018 i cybercriminali daranno vita ad attività illegali mirate.
  • Attacchi ransomware in crescita: nel 2017 i cybercriminali hanno ottenuto enormi profitti dall’utilizzo di questa forma di estorsione virtuale. Le tecniche sono diventate sempre più raffinate. In virtù di ciò, per il 2018 ci si attende un’ulteriore aumento dei malware che chiedono un riscatto.
  • Estorsione di dati riservati: il furto di dati è stato un business estremamente lucrativo per molti anni. In passato i cybercriminali hanno messo in vendita i dati ottenuti sul dark web. Gli esperti di G DATA hanno però riscontrato un trend diverso: le aziende a cui sono stati criminali minacciano le aziende alle quali hanno estorto illegalmente i dati richiedendo un riscatto.
  • Attacchi agli assistenti vocali: Sempre più utenti si affidano ad assistenti personali come Siri e Alexa. Nel 2018, gli esperti di sicurezza G DATA si aspettano primi attacchi di successo contro queste piattaforme e la nascita dei primi (?) modelli di business redditizio.
  • Nuove normative sulla protezione dei dati: La data d’entrata in vigore del GDPR Europeo si avvicina inesorabilmente. La nuova normativa entrerà in vigore il 25 maggio 2018. Molte società sono ancora molto indietro in termine di conformità alle nuove leggi. Entro la data di scadenza, le aziende dovranno garantire che i dati sensibili dei propri clienti vengano elaborati e tutelati nel rispetto della legge. G DATA ritiene che circa il 50% delle aziende non si sarà adeguato integralmente al contenuto della normativa europea prima della sua data di decorrenza.
  • Criptovalute come vettore di attacco: L’euforia generata dalle criptovalute rievoca la corsa all’oro del diciannovesimo secolo. A fronte di un investimento sempre più massiccio in monete digitali, i cybercriminali stanno compiendo sforzi concertati con l’intento di derubare gli utenti.

Continua a leggere

Fiducia nella sicurezza – una delle preoccupazioni più pressanti dell’universo Internet


Come possiamo generare fiducia nelle tecnologie che offriamo in qualità di produttore? Questa domanda è indubbiamente una delle preoccupazioni chiave che meritano attenzione e tuttavia se ne discute ben poco tra le aziende che sviluppano e producono soluzioni per la cybersecurity. E’ necesario analizzare in dettaglio l’argomento per comprenderne le sue implicazioni strategiche.

Comprendere il contesto generale

Gli eventi recenti hanno mostrato che non appena sorge il minimo dubbio sull’efficacia e l’affidabilità delle soluzioni di sicurezza queste vengono messe immediatamente in discussione. Ad esempio, il caso Snowden ha rivelato al mondo l’esistenza del catalogo ANT della NSA e quindi l’utilizzo di backdoor o altri strumenti inseriti nelle soluzioni per la sicurezza perimetrale al fine di proteggere e tutelare gli interessi degli Stati Uniti. Pur non sorprendendo nessuno, questa informazione è stata resa di pubblico dominio.

Matthieu Bonenfant, Chief Marketing Officer – ‎Stormshield

Ovviamente queste backdoor potrebbero essere state implementate goffamente per ragioni tecniche o in relazione a vulnerabilità 0-day. Molti dei produttori coinvolti hanno più volte ribadito che non hanno indebolito le proprie soluzioni deliberatamente. “Non mi permetto di giudicare questa affermazione, non è il mio lavoro”, commenta Matthieu BONENFANT, Chief Marketing Officer di Stormshield, “tuttavia, al di là del potenziale impatto sulla sovranità dei Paesi terzi che adottano queste soluzioni, le backdoor possono avere altre conseguenze drammatiche”. Basti pensare agli effetti disastrosi del leak svelato da Shadow Brokers, che segnalava numerose vulnerabilità di MS Windows utilizzate dalla NSA come backdoor. Wannacry, NotPetya, e – più recentemente – il ransomware Bad Rabbit si sono diffusi con estrema rapidità proprio grazie a questo tipo di falle.

“A mio avviso questa situazione mette in luce una delle maggiori sfide con cui i vendor di sicurezza devono confrontarsi”, chiosa Bonenfant. “Le nostre tecnologie manipolano e ispezionano file riservati, processano e archiviano dati personali, cifrano informazioni sensibili, accedono a risorse il cui uso è regolato, gestiscono identità digitali, analizzano il traffico ed il suo comportamento e molto altro”. Come garantire quindi ai clienti e all’ecosistema che queste attività sono affidabili? Come rispettare la sovranità sul dato alla luce di tutte le tensioni geopolitiche? Il fatto che la digital economy fiorisca esclusivamente in un clima di fiducia è risaputo, ma molte di queste domande ad oggi non trovano risposta.

Per i produttori di soluzioni per la sicurezza perimetrale, questa domanda è vitale considerando che la cifratura del traffico è una delle colonne portanti di un account digitale affidabile. Secondo Gartner, entro il 2019 l’80% del traffico generato dalle aziende sul web sarà cifrato, una buona notizia. Questo significa però che un numero crescente di attacchi e applicazioni malevole (ransomware incluso) si celeranno dietro al traffico HTTPS per nascondere l’infezione iniziale e prendere il controllo delle comunicazioni. Alla luce di ciò, Gartner raccomanda che le aziende e le organizzazioni formalizzino un piano pluriennale per l’implementazione di soluzioni e programmi per la decodifica e l’ispezione del flusso di dati HTTPS. La tecnica di ispezione di SSL si basa per lo più sul metodo “man-in-the-middle”, che inevitabilmente crea una falla nello scambio di comunicazioni cifrate. Una debolezza nel prodotto che conduce la decodifica e l’ispezione del traffico SSL può quindi far collassare l’intera catena di fiducia.

Potenziali soluzioni

Prima di tutto, possiamo fare affidamento sui test condotti da aziende esterne specializzate nella valutazione delle tecnologie di sicurezza, decisamente in grado di giudicare l’efficacia dei meccanismi di protezione. Tuttavia questi test, che tra l’altro non sono particolarmente a buon mercato, non si focalizzano in realtà sul design della soluzione di sicurezza in sè.

E’ altrettanto possibile fare affidamento sulle linee guida dettate dai Common Criteria, adottate da 26 Paesi. In questo caso però il produttore di soluzioni di sicurezza è colui che definisce lo spettro di valutazione, chiamato “obiettivo di sicurezza”, che può quindi essere limitato ad una piccola parte del software analizzato. Sfortunatamente solo in alcuni Paesi si misura l’importanza e si valuta la rilevanza dell’obiettivo prefissato. Per farla breve, i clienti fanno fatica a seguire il numero crescente di livelli certificazione (EAL) di Common Criteria.

Ci sono anche numerosi programmi che incentivano la ricerca di “bug”, software di analisi del codice statico o audit indipendenti volti a rilevare e correggere eventuali vulnerabilità. Queste iniziative migliorano effettivamente la sicurezza della tecnologia, a volte anche già in fase di design, tuttavia è difficile presentarle agli utenti come garanzia di affidabilità.

Infine, le certificazioni ufficiali svolgono un ruolo importante. Ad esempio in Francia, la ANSSI (l’agenzia nazionale per la sicurezza informatica) valuta il livello di affidabilità dei prodotti di sicurezza utilizzando un framework di qualificazione specifico, che è un’estensione dei principi Common Criteria. Questo framework definisce tre livelli di qualificazione basati su obiettivi di sicurezza predefiniti. Di conseguenza sono più facili da comprendere. A seconda del livello di qualificazione, si conduce una revisione indipendente del codice sulle componenti ritenute essenziali per la sicurezza, come la cifratura. Vengono analizzate anche le potenziali vulnerabilità, insieme all’ambiente fisico di sviluppo. Questo metodo fornisce la prova che i prodotti siano robusti e che non vi siano vulnerabilità sfruttabili come backdoor.

E’ necessario un framework ominivalente

Il fatto che questo framework di qualificazione sia riconosciuto esclusivamente in Francia rappresenta un problema. Ad esempio Germania e Regno Unito dispongono di un proprio framework, creato rispettivamente dal BSI (ufficio federale per la sicurezza informatica) e dal NCSC (centro nazionale per la cybersicurezza). La situazione attuale, sic stantibus, non è nè scalabile né economicamente accettabile per la maggior parte dei produttori, dato che dovrebbero far certificare i prodotti in ogni Paese. Per poter dar vita ad un unico mercato digitale in Europa, che alimenti la fiducia e assicuri la sovranità dei Paesi europei, è necessario implementare certificazioni riconosciute in tutti gli Stati membri. La commissione europea sembra aver compreso il messaggio, ha difatti lanciato di recente un’iniziativa atta a creare un framework europeo di certificazione. Questa misura costituirà un enorme passo avanti, sempre che il nuovo framework si basi sull’esperienza e sui criteri di valutazione dei Paesi che già sanno esattamente cosa fare e non indebolisca i criteri di qualificazione per far posto a chi è rimasto indietro.

La luce alla fine del tunnel

Alla fine un framework che instilli fiducia nelle tecnologie di sicurezza si svilupperà inevitabilmente attraverso una miglior collaborazione e cooperazione di tutti gli interessati nell’ecosistema cyber. Uno scambio costante tra il settore pubblico e privato, la costituzione di alleanze tra i produttori di soluzioni di cybersecurity, il coinvolgimento dei clienti nel processo di sviluppo (p.es. design collaborativo) aumenteranno senza dubbio l’affidabilità e l’efficacia dei dispositivi di sicurezza.

Continua a leggere

Una partnership d’eccellenza corona il 2017 di G DATA


Siglata la partnership con ICOS S.p.a.: Il noto distributore IT a valore aggiunto commercializza da subito le soluzioni di sicurezza G DATA Business sul territorio nazionale.

Bologna / Ferrara – Una clientela business di classe enterprise, quella servita dagli operatori di canale che si rivolgono a ICOS S.p.a per fruire di soluzioni tecnologiche allo stato dell’arte e avvalersi di competenze volte a generare valore. Rivenditori, VAR e System Integrators che da subito possono beneficiare delle pluripremiate soluzioni G DATA Business, garantendosi i vantaggi di un programma partner studiato attorno alla creazione di nuove opportunità di business e l’alta marginalità assicurata da un vendor che basa la propria intera strategia commerciale sulla soddisfazione dei propri partner.

L’accordo tra ICOS S.p.a e G DATA prevede la commercializzazione dell’intero portafoglio di soluzioni business firmate dal vendor teutonico, tra cui G DATA TOTAL CONTROL BUSINESS, piattaforma completa che consente agli amministratori di sistema di riprendere il controllo della propria infrastruttura IT grazie a strumenti altamente integrati che forniscono informazioni intelligibili in tempo reale sullo stato di qualsivoglia client nella rete e sulle misure preventive da adottare (patching, gestione e implementazione delle policy di sicurezza e molto altro), in piena conformità con il GDPR. I rivenditori ICOS potranno avvalersi altresì delle opportunità fornite dal modello commerciale “G DATA Switch & Profit” e dalla proposta di acquisto “a consumo” delle soluzioni di sicurezza del vendor grazie all’offerta G DATA Managed Endpoint Security.

Giulio Vada, Country Manager, G DATA Italia

“Siamo estremamente lieti di aver trovato in ICOS S.p.a. un partner con cui condividiamo moltissimi aspetti, a partire dall’esperienza ultratrentennale fino al desiderio di fornire agli operatori di canale soluzioni di IT Security che li aiutino a costruire valore attorno alla mera proposta di prodotti. Una comunione di intenti che i clienti ICOS potranno sperimentare già in occasione dell’evento congiunto di domani presso Ducati”, ha dichiarato Giulio Vada, Country Manager di G DATA per l’Italia.

Riccardo Maiarelli, CEO, ICOS S.p.a.

Riccardo Maiarelli – CEO, ICOS S.p.A. commenta: “Nell’era della cosiddetta ‘Digital Transformation’, si moltiplicano esponenzialmente i dati ma anche i potenziali rischi a cui essi sono soggetti, basti pensare all’esplosione del mobile computing o al fenomeno IoT. In questo contesto per un distributore come ICOS è necessario attribuire una forte attenzione a un aspetto così critico per gli ambienti IT come quello della security. Per questo abbiamo scelto di avviare una stretta partnership con G DATA, azienda che offre a noi e agli operatori di canale tutte le garanzie di un partner solido e affidabile, oltre a un prodotto di livello enterprise estremamente completo e performante, sicuramente ai vertici della categoria. Sono certo che attraverso la nostra azione congiunta saremo in grado di rispondere con successo alla crescente domanda di soluzioni in grado di contrastare efficacemente le minacce sempre nuove a cui sono soggetti i dati digitali delle imprese”.
Continua a leggere

G DATA estende le funzioni di sicurezza ai portafogli Bitcoin


Tecnologie di protezione proattive disponibili da ora in tutte le soluzioni di sicurezza G DATA Business e Consumer.

Bochum – Le criptovalute sono uno dei temi caldi del momento. Bitcoin, Ethereum e similari hanno infranto record su record. In due anni le transazioni in Bitcoin sono esplose su scala mondiale attestandosi a circa 370.000 al giorno (fonte: Blockchain – settimana dal 27.11. al 4.12.2017) grazie ad un numero di fruitori in rapidissima ascesa. I cybercriminali vogliono sfruttarne la popolarità e trovare nuovi metodi per raggirare gli utenti. Per mettere al sicuro anche i portafogli digitali, i cosiddetti “wallet”, G DATA ha perfezionato le proprie tecnologie di difesa proattive al fine di garantire ai propri utenti, privati come aziende, una protezione completa. Le funzioni di protezione estese sono disponibili da subito con tutte le soluzioni di sicurezza G DATA.

Sono oltre 19 milioni i wallet di criptovalute sulla sola piattaforma Blockchain a livello mondiale (dati del 30 novembre 2017). Ovunque ci sia una forte richiesta e la prospettiva di ricchi guadagni, i criminali non sono lontani. Negli ultimi mesi gli esperti di sicurezza G DATA hanno rilevato un numero crescente di malware che non mirano esclusivamente ai tradizionali servizi bancari online ma integrano anche funzioni atte a carpire i dati di accesso al wallet di criptovaluta. Contrariamente al classico online-banking infatti, per accedere al portafoglio digitale in molti casi è sufficiente procurarsi la password. G DATA reagisce a questa minaccia ai danni di chi utilizza Bitcoin ed estende la propria protezione anche ai più comuni portafogli di criptovaluta PC-based, tutelandoli contro l’accesso non autorizzato attraverso malware e contro transazioni indesiderate.

Aggiornamento gratuito per i clienti G DATA

I clienti G DATA con una licenza in corso di validità beneficeranno automaticamente delle funzioni aggiuntive attraverso il regolare aggiornamento delle signature.

Continua a leggere

Android nel mirino anche nel terzo trimestre 2017


G DATA pubblica la nuova statistica sui malware prodotti ai danni di Android registrati nel terzo trimestre 

Bochum- Con 810.965 nuovi malware per Android registrati nei tre mesi estivi (Giugno/Settembre 2017) e un aumento del 17% rispetto a quanto rilevato nel secondo trimestre, i rischi per gli utenti del noto sistema operativo mobile non accennano a diminuire e rappresentano una minaccia particolarmente accentuata in Italia dove circa il 66% degli utenti di smartphone usa Android (fonte: Statcounter), ma solo un utente su tre dispone di un sistema operativo aggiornato.

Rilevato un nuovo malware per Android ogni 9 secondi

Da Gennaio a Settembre gli analisti G DATA hanno identificato un totale di 2.258.387 nuovi ceppi di malware per Android, di cui 810.965 solo nel trimestre estivo, con una media di 8.815 nuovi rilevamenti al giorno, circa uno ogni nove secondi.

Gli attuali incidenti di sicurezza richiedono un ripensamento da parte dei produttori

Gli attacchi informatici come KRACK, Blueborne e Gooligan o trojan come Xafecopy continuano a fare notizia. Google solitamente reagisce velocemente e pubblica aggiornamenti di sicurezza, tuttavia questi sono frequentemente implementati solo sui suoi stessi dispositivi. In base alle più recenti statistiche di Google, su scala globale solo il 18% degli utenti Android beneficia della versione 7.0 del sistema operativo, che ha già un anno – ancor meno utenti dispongono già della versione successiva. Le falle di sicurezza sono e restano semplicemente aperte. Per molti dispositivi qualsiasi aggiornamento deve essere adattato al sistema operativo modificato del produttore di device mobili. Non è sempre chiaro se l’aggiornamento per un particolare dispositivo sarà mai disponibile.

I dispositivi mobili sono una parte indispensabile della routine digitale, sono compagni sempre presenti e sono utilizzati con crescente frequenza per lo shopping, per le transazioni bancarie oltre che per le attività professionali. Sarebbe opportuno quindi prendere precauzioni, con l’auspicio che i produttori comprendano in via definitiva l’importanza di fornire aggiornamenti o che un’adeguata legislazione imponga ai produttori l’aggiornamento tempestivo del proprio OS come vincolo per la commercializzazione del dispositivo.

Facciamo chiarezza

Indubbiamente gli utenti di tablet e smartphone Android ad oggi percepiscono poco quanto i propri dati (contatti / foto), la navigazione (phishing, infezioni drive-by, dirottamento delle sessioni) e le proprie transazioni bancarie o gli acquisti compiuti tramite device mobili siano a rischio. E’ tuttavia un dato di fatto che la situazione sia ben più allarmante di quanto a volte ipotizzato da alcuni quotidiani o testate generaliste e, di recente, da Altroconsumo, che in un recente articolo (copertina novembre 2017) sminuisce purtroppo l’oggettiva vulnerabilità di Android infondendo nei lettori un’imprudenza ingiustificata nei confronti di un livello di rischio tanto più serio quanto più obsoleto il sistema operativo utilizzato. Ricordiamo che in Italia solo poco più del 30% degli utenti di smartphone e tablet Android si avvale di Nougat (Fonte: Statcounter).

Il 70% degli utenti Android in Italia usa un sistema operativo obsoleto. Fonte: Statcounter

L’articolo di Altroconsumo conclude peraltro che l’allarmismo sull’attuale diffusione dei malware sia generato dai vendor per avvantaggiarsene e che, senza purtroppo illustrare minimamente come siano stati condotti i test, le soluzioni dei più noti produttori comunque non sarebbero in grado di proteggere gli utenti. Ciò, nonostante organizzazioni indipendenti di fama mondiale, come AV-Test, verifichino e certifichino ininterrottamente la capacità di numerosissime applicazioni di prevenire e/o bloccare anche le minacce più complesse.

Dati alla mano, oltre che per coscienza verso gli utenti Android, non possiamo che distanziarci pubblicamente da contenuti di siffatta natura.

Continua a leggere

Repetita “non” iuvant: WAP-billing in malware Android di nuova generazione


Xafecopy si maschera da app per migliorare le prestazioni della batteria

Bochum- Chi è stato indotto ad acquistare un servizio in abbonamento tramite il proprio dispositivo mobile sa quanto sia frustrante, costoso e tedioso liberarsene. Un malware scoperto di recente è in grado di sottoscrivere dozzine di abbonamenti senza che l’utente lo sappia o dia il proprio consenso. Ben amara la sorpresa, quando arriva la bolletta mensile. 

Il WAP-billing non è una novità

Questo modello di abbonamento è stato per decenni un business diffuso e lucrativo, a volte anche pubblicizzato in modo molto aggressivo su canali televisivi musicali. Inviando un messaggio contenente una parola specifica ad un numero telefonico, si ricevevano suonerie telefoniche, wallpaper oroscopi e similari ad un canone settimanale addebitato in fattura. Ciò ha causato forti critiche da parte delle associazioni dei consumatori, dato che non era sempre chiaro ai fruitori che così facendo, avrebbero sottoscritto un abbonamento.

Questo metodo chiamato “WAP-billing” è ancora in uso al giorno d’oggi come forma di pagamento per servizi o donazioni. È possibile sia inviare un messaggio con una parola chiave ad un numero preciso sia inserire il proprio numero su un sito web.

Che cosa significa esattamente WAP?

WAP è l’acronimo di Wireless Access Protocol (protocollo di accesso senza fili) e indica una categoria di tecnologie che sono la base di partenza dell’odierno Internet mobile. Nei tardi anni novanta erano disponibili dispositivi mobili che potevano accedere ad Internet via WAP, anche l’invio di MMS aveva luogo tramite WAP. Il traffico dati era addebitato ad ogni click. Inoltre WAP poteva essere utilizzato per servizi a pagamento spesso con gran dispiacere degli interessati. Nel frattempo gli operatori si sono evoluti, qualora l’utente acceda ad un servizio WAP a pagamento, dirottano dapprima la pagina per informarlo che il servizio non è gratuito.

Abusi attraverso il malware

Entrambe le modalità di fatturazione sono sfruttate da un nuovo malware Android nascosto in una app che dovrebbe “ottimizzare” la batteria del dispositivo. In realtà la app accede in background a vari siti web attivando automaticamente abbonamenti di cui l’utente sarà a conoscenza solo una volta ricevuta la fattura. Ovviamente i fornitori di servizi a pagamento sono obbligati ad implementare misure di sicurezza per evitare tali illeciti.

Infatti solitamente all’attivazione di servizi simili, l’utente deve a risolvere un CAPTCHA o inserire un codice di conferma ricevuto via SMS. Si tratta di misure che il malware Xafecopy elude simulando la pressione sui tasti e trasmettendola in background. In questo modo la app malevola può sottoscrivere un numero potenzialmente illimitato di abbonamenti.

Chiari indizi indicano l’Asia come fonte del malware.

Come proteggersi

  1. Controllare i diritti di accesso richiesti dalla app e domandarsi se siano coerenti con il compito che deve svolgere la app. Perché una app di ottimizzazione della batteria dovrebbe poter inviare messaggi a numeri a pagamento? Sebbene nelle più recenti versioni di Android sia possibile revocare determinate autorizzazioni anche dopo l’installazione, sarebbe più sicuro porsi delle domande installare l’applicazione.
  2. Chiedere al proprio operatore di bloccare l’accesso ai servizi premium. In questo modo è impossibile effettuare sottoscrizioni a servizi tramite WAP, impedendo quindi al malware di prosciugare il conto bancario della vittima mediante abbonamenti indesiderati.
  3. Installare una protezione anti-malware efficace sul proprio smartphone.

Ulteriori informazioni

Per disporre di tutti i dettagli tecnici su Xafecopy basta consultare l’analisi completa del ricercatore G DATA Nathan Stern, disponibile QUI (testo in inglese).

Continua a leggere