Android – primo trimestre 2018: una nuova app dannosa ogni 10 secondi!


G DATA teme che gli ultimi dati sul volume di malware riscontrato ai danni di Android siano il preludio di una crescente minaccia.

La sicurezza IT e Android potrebbero non escludersi più a vicenda nel 2018. Google ha già gettato le basi e vuole consegnare più velocemente gli aggiornamenti importanti agli utenti, in modo da colmare tempestivamente eventuali falle. Che sia necessario agire, a fronte del palesarsi dello spettro di una catastrofe in ambito mobile è ormai chiaro: dell’oltre 70% di utenti di dispositivi mobili che hanno preferito device Android in Italia (fonte Statcounter), solo una minima parte (6%) dispone della nuova release Oreo mentre oltre la metà degi consumatori si avvale di tablet o smartphone dotati di sistema operativo obsoleto. Gli esperti di sicurezza di G DATA vedono negli attuali volumi di malware indicatori di una minaccia più ampia. Nel solo primo trimestre, gli analisti hanno rilevato 846.916 nuovi malware per Android. Circa il 12 percento in più rispetto al primo trimestre del 2017.

Una media di 9.411 nuovi malware al giorno ai danni di Android, una nuova app dannosa ogni 10 secondi. Questi i risultati delle analisi del primo trimestre 2018. Anno per cui gli analisti G DATA prevedono circa 3,4 milioni di nuovi malware. Gli ultimi dati mostrano una crescente minaccia per gli utenti di dispositivi mobili. I criminali informatici sanno fin troppo bene che questi apparecchi tuttofare sono da tempo utilizzati per svolgere tutte le attività digitali, dallo shopping all’online-banking. Gli sviluppatori di Android fanno ogni sforzo per dotare tutti gli smartphone e i tablet di aggiornamenti in modo più efficace e tempestivo, essendo ormai chiaro che i dispositivi oggi all’avanguardia sono meno esposti agli attacchi poiché sono state chiuse numerose falle di sicurezza.

Google non certifica gli smartphone con Android obsoleto

Google non certifica più i dispositivi dotati di sistema operativo Android 7 (“Nougat”: in Italia in uso sul 36% dei dispositivi, ma uno su cinque monta ancora la versione 6 Marshmallow). La decisione non sorprende, poiché con “Project Treble” e altre misure la società sta già adottando strategie volte a convincere i produttori a dotare gli smartphone dell’ultima versione di Android in tempo utile.

Per i produttori, è molto importante che i loro dispositivi siano certificati. Questo è infatti l’unico modo per poter accedere ai Google Mobile Services, che includono tutti i servizi e le app firmate Google, incluso il Playstore. I requisiti richiesti ai produttori al fine di poter ottenere detta certificazione sono stabiliti nel cosiddetto “documento di definizione della compatibilità“.  Oggi smartphone e tablet devono essere forniti con Android 8. Ciò garantisce che “Project Treble” sia implementato su tutti i nuovi dispositivi. Ma i produttori hanno già trovato scappatoie? Questo è presumibile da un recente rapporto dei ricercatori dei Security Research Labs.

False informazioni sugli aggiornamenti di Android

Gli esperti di sicurezza criticano i produttori di smartphone perché a parer loro ingannano i clienti in merito agli aggiornamenti dei loro dispositivi e del sistema operativo Android installato. Risultano coinvolti oltre 1.000 smartphone, inclusi i dispositivi di noti produttori di fascia bassa e media. All’utente viene comunicato che il dispositivo ha ricevuto tutti gli aggiornamenti di sicurezza disponibili ed è aggiornato, quando, in realtà, non vi è traccia di alcun aggiornamento.

In diversi casi i produttori arrivano addirittura a modificare la data dell’ultimo aggiornamento senza offrire effettivamente nuovi contenuti. Gli utenti non se ne accorgono e ritengono che il loro dispositivo sia aggiornato e quindi sicuro.

L’assenza di aggiornamenti tuttavia non ha sempre luogo in malafede. Per alcuni produttori problemi di natura tecnica possono essere alla base di un processo di aggiornamento malfunzionante. Anche i processori integrati nei dispositivi sono critici: gli smartphone con chip Samsung, ad esempio, sono molto meno interessati da tale problematica rispetto ai dispositivi con processori di Mediatek. Il motivo: i produttori di smartphone si affidano ai fornitori di processori per le patch. Se i produttori di chip non consegnano, i fornitori dei dispositivi non possono pubblicare l’aggiornamento.

Il ruolo delle associazioni dei consumatori

In fase di acquisto, la questione degli aggiornamenti è foriera di confusione sia per gli utenti finali sia per i commercianti. Nel caso di smartphone di fascia bassa, a fronte di un prezzo ridotto gli acquirenti sono spesso pronti a scendere a compromessi con la qualità della fotocamera ad esempio. Tale informazione può essere facilmente reperita nella descrizione del prodotto. Ma non c’è modo di vedere quando, se o con quale frequenza il dispositivo sarà aggiornato. La maggior parte delle volte, c’è solo un riferimento alla versione del sistema operativo installato di fabbrica. Una carenza di informazioni che mette a rischio i consumatori.

A livello internazionale sono diverse le associazioni dei consumabori che anelano un cambiamento. L’anno scorso, ad esempio, l’associazione dei consumatori della Renania settentrionale – Vestfalia ha citato in giudizio un rivenditore di elettronica che offriva uno smartphone per 99 €. Già al momento della vendita, il dispositivo mostrava gravi vulnerabilità, era infatti equipaggiato con la versione 4.4 del sistema operativo Android obsoleto (“Kitkat”), introdotta per la prima volta sul mercato nel 2013.

Nonostante le notifiche dello stesso Ufficio Federale per la Sicurezza delle Informazioni (BSI) tedesco del 2016, il produttore del dispositivo non ha mai fornito alcun aggiornamento. Nonostante ci fossero gli estremi per denunciare Google quale sviluppatore di Android o il produttore del dispositivo mobile, l’associazione a preferito chiamare in giudizio il rivenditore, che, quale parte contrattuale immediata per i consumatori, ha il dovere di informare l’acquirente della presenza di falle di sicurezza non colmate (e incolmabili) nel nuovo dispositivo.

Continua a leggere

Lavorare da casa e cyber sicurezza: un connubio burrascoso


Sempre più numerose le aziende che anche in Italia adottano lo smart working, favorite dalla presenza di normative specifiche. Pratica popolare tra gli impiegati, specie in settori di mercato in cui la dinamicità del personale e quindi la mobilità delle risorse umane è la chiave del successo delle organizzazioni, lo smart working rappresenta però un rischio in termini di protezione dei dati. Le società che desiderano avvalersene dovrebbero prendere alcune precauzioni per evitare spiacevoli sorprese.

Stando a recenti stime dell’Osservatorio Smart Working della School of Management del Politecnico di Milano tra il 2013 e il 2017 i lavoratori che in Italia possono svolgere le proprie mansioni anche dal di fuori delle mura aziendali a intervalli più o meno regolari sono cresciuti di circa il 60%, complice il fatto che nel bel Paese lo Smart Working o Lavoro Agile è chiaramente disciplinato dalla Legge n.81 del 22/05/17, il cui varo ha favorito un ulteriore incremento degli “smart worker” a 350.000 unità, ossia l’8% della forza lavoro italiana, un risultato importante, sebbene ancora lontano dalla media europea, dove circa il 30% dei dipendenti si avvale dello smart working per più di un giorno alla settimana.

Lavoro a distanza: pratica popolare non scevra da rischi IT

L’86% degli impiegati intervistati da Symantec UK per un recente studio ha dichiarato di utilizzare il proprio computer personale per scopi lavorativi, di questi il 42% ha dichiarato di non aggiornare regolarmente i sistemi e le applicazioni, al contrario del 70% dei tedeschi. Se lo smart working dovesse prendere piede come ci si aspetta, il suo sviluppo potrebbe diventare il nuovo incubo per i manager IT.

Tre i rischi principali che le aziende devono essere pronte ad affrontare:

  • Gli impiegati potrebbero non essere in grado di accedere alle informazioni necessarie per lavorare
  • Contaminazione della rete aziendale tramite una falla di sicurezza del computer dell’impiegato (o vice versa)
  • Furto o perdita di dati.

Sensibilizzare gli impiegati sui rischi informatici dello smart working

Per prevenire incidenti è indispensabile sensibilizzare gli utenti sulle problematiche di sicurezza IT connesse al lavoro a distanza. Coloro che lavorano al di fuori della sede aziendale dovrebbero ricevere regolarmente promemoria relativi alle buone pratiche da implementare: aggiornamenti regolari dell’antivirus, separazione tra le email personali e quelle aziendali, l’uso di periferiche esterne (chiavette USB, dischi rigidi ecc) dovrebbe essere limitato al trasferimento di dati da un computer all’altro e similari.

“Aumentare la consapevolezza degli utenti è essenziale ma non è sufficiente” avverte Jocelyn Krystlik, Manager Data Security Business Unit di Stormshield. “Semplicemente non è realistico oggigiorno far accollare agli utenti oneri eccessivi. Le imprese non possono affidarsi esclusivamente a questo tipo di misure preventive per tutelare la propria sicurezza”.

Soluzioni di protezione basate su sistemi di identificazione e tecnologia cloud

Le imprese non possono esimersi dall’implementare misure pratiche e soluzioni tecniche al fine di limitare i crescenti rischi IT derivanti dal lavoro a distanza.

  1. Determinare il profilo dei lavoratori a distanza. Per le organizzazioni è essenziale pianificare in anticipo e stabilire un profilo per ogni tipologia di addetto, basandosi sul rispettivo ruolo e sulle informazioni sensibili a cui l’impiegato deve poter accedere, che si trovi in azienda o fuori sede. I meccanismi di sicurezza non possono essere identici per i lavoratori a tempo pieno, per quelli part-time o per coloro che lavorano unicamente nel weekend.
  2. Autenticazione dell’accesso remoto. Uno dei principali strumenti per prevenire che la rete aziendale venga hackerata è l’impiego di un sistema che identifichi il lavoratore momento del log-in (tramite ID, password, codice d’accesso singolo ecc.) e ne limiti l’accesso alle sole risorse autorizzate tramite policy.
  3. Separazione e protezione dei sistemi operativi. Oltre al tradizionale software antivirus, uno dei metodi più semplici per prevenire una contaminazione incrociata tra il computer dell’impiegato e la rete aziendale è di minimizzare i diritti di amministrazione dell’addetto sulla macchina. Ciò significa dotare i lavoratori di un PC utilizzato strettamente a fini aziendali e aggiornato regolarmente dal reparto IT.
  4. Fornire un accesso sicuro ai dati. Per la messa in sicurezza del flusso di dati tra lo smart worker e la rete aziendale è d’uopo avvalersi di una VPN (Virtual Private Network), anche se “questa tipologia di accesso cifrato ai dati sta perdendo di rilevanza a fronte dello sviluppo della tecnologia cloud”, osserva Krystlik. Attraverso le piattaforme virtuali è possibile accedere a dati aziendali sensibili in qualsiasi momento, dovunque ci si trovi, senza alcuna connessione fisica diretta. “Il cloud consente di scorrelare l’autenticazione per l’utilizzo del computer, sempre difficile da proteggere, dall’autenticazione per l’accesso alle informazioni sensibili. Alla fine ciò che conta realmente è la sicurezza dei dati che si vogliono trasferire” conclude Jocelyn Krystlik.

Le soluzioni Stormshield Network Security aumentano l’agilità aziendale in un universo “Bring-Your-Own-Everything” garantendo accesso sicuro alle risorse interne aziendali (server email, intranet, applicazioni interne, file ecc.) attraverso le più restrittive policy di sicurezza. Con Stormshield Data Security invece il produttore europeo di soluzioni per la sicurezza IT protegge efficacemente i dati aziendali. Basate sulla cifratura dei dati end-to-end dall’utente al destinatario, Stormshield Data Security assicura protezione trasparente contro attacchi “man-in-the-middle”, amministrazione abusiva dei file e perdita di dati, in linea con il GDPR.

Continua a leggere

Pulizie di primavera per la rete aziendale


La primavera è il periodo ideale per fare le grandi pulizie – non solo in ambito domestico, ma anche in ufficio. G DATA fornisce alcuni spunti per ottimizzare la sicurezza dell’infrastruttura IT.

Bochum (Germania) – Le prime giornate primaverili soleggiate inducono molti a ripulire a fondo la propria abitazione. Una buona abitudine anche per gli amministratori di sistema, che avrebbero così l’occasione di controllare a fondo perimetro e processi aziendali. A supporto delle risorse deputate alla gestione dell’infrastruttura IT aziendale, G DATA ha stilato un breve elenco di misure che, qualora implementate, aumentano significativamente il livello di sicurezza della società.

Le prime giornate davvero soleggiate fanno luce anche sugli angoli più bui delle nostre abitazioni, mettendo in mostra quanto abbiamo magari trascurato durante l’inverno e invitandoci a porvi rimedio. Lo stesso dovrebbe accadere a livello aziendale, sebbene l’infrastruttura IT e le applicazioni in uso necessitino di un tipo di pulizia differente. Per chi non ha potuto provvedere già all’inizio dell’anno alla messa a punto dei sistemi IT, la primavera è un’eccellente occasione per rimettersi in pari, e anche velocemente!

“La sicurezza IT di una società deve essere pensata come processo” spiega Tim Berghoff, G DATA Security Evangelist. “È buona prassi controllare attentamente l’infrastruttura esistente con una certa frequenza e implementare una serie di provvedimenti per evitare il verificarsi di problemi significativi”.

  • Controllare i domini Active Directory: capita sovente di lasciare attivi account di impiegati che hanno lasciato l’azienda da tempo. La possibilità che questi account, obsoleti ma attivi, vengano utilizzati abusivamente per accedere alla rete aziendale è tutt’altro che remota. Prevenirne l’abuso in realtà è piuttosto semplice. Se per qualche ragione non è possibile eliminare l’account, questo andrebbe per lo meno disabilitato. Dal momento che non è consigliabile cancellare informazioni aziendali, gli account degli ex impiegati dovrebbero sempre essere disabilitati e spostati in un’unità organizzativa corrispondente.
  • Monitorare lo spazio di archiviazione: i dischi rigidi hanno una capacità e prestazioni sufficienti in previsione dell’aumento dei dati del 2018? Un sistema per il monitoraggio della rete può dare indicazioni al riguardo. Il modulo monitora costantemente l’infrastruttura e informa gli amministratori tempestivamente su eventuali minacce alla continuità del servizio di server, client e periferiche.
  • Carico della rete: monitorare la rete può essere utile anche per controllarne l’attività, alla ricerca di indicatori di eventuali compromissioni. Tra questi sono inclusi anche software potenzialmente dannosi, che potrebbero stabilire un collegamento con l’ambiente esterno all’insaputa dell’IT Manager.
  • Preparare e testare i backup: è stato implementato un piano di backup omnicomprensivo? Forse nel 2017 sono stati aggiunti archivi o sistemi non ancora integrati nel backup aziendale. E’ certo che i backup pianificati funzionino correttamente? Un test può confermare la bontà e la completezza del piano di backup adottato e garantire una notevole riduzione dello stress in caso di emergenza.
  • Aggiornare i client: anche controllare l’inventario dei software in uso sulle diverse macchine può essere utile. Un sistema di Patch Management fornisce una panoramica dei programmi installati e delle sue versioni – senza la necessità di installare ulteriori applicazioni, qualora tale modulo sia integrato in una soluzione per la sicurezza IT. Avvalersene assicura agli amministratori una visione d’insieme e, secondariamente, consente di prendere tempestivamente decisioni sull’implementazione di eventuali misure di sicurezza – come la distribuzione delle patch o l’eliminazione di software problematici.
  • Verificare i permessi dell’utente: non tutti gli utenti necessitano di accedere a qualsiasi risorsa presente sulla rete. Chi dispone di permessi più estesi di quanto effettivamente necessario per lo svolgimento del proprio lavoro potrebbe inavvertitamente compromettere la sicurezza, per esempio in caso di infezione con malware che violano le credenziali o si procurano accesso alla rete abusando dei permessi ascritti all’utente. Questi casi palesano quanto sia importante disporre di linee guida intelligibili per la gestione degli accessi. Uno strumento di Policy Management, come quello disponibile nelle soluzioni business di G DATA, può essere d’aiuto, anche in termini di compliance.
  • Disattivare le porte USB: Molti dispositivi USB vengono riconosciuti automaticamente e configurati come dispositivi di archiviazione. Molti utenti sono ancora inconsapevoli del fatto che anche lo stick USB più degno di fiducia, perché magari prestata da un amico o collega, può invece essere la chiave per infiltrare malware nella rete aziendale. Per questa ragione gli IT manager dovrebbero valutare se e su quali macchine o per quale utente o gruppo di utenti le porte USB vadano attivate o disabilitate. Anche in questo caso un policy manager può supportare l’amministratore IT nell’impostazione di permessi specifici.
  • Corsi di formazione per la sicurezza IT: Gli attacchi cyber possono andare rapidamente a buon fine se lo staff corre rischi inutili lavorando al PC o su dispositivo mobile perché non sufficientemente informato. Basta cliccare su un link di una mail di spam o aprire un allegato. Per sensibilizzare il personale alle attuali minacce per la sicurezza IT è estremamente raccomandabile condurre corsi di formazione con una certa regolarità.

Continua a leggere

Ransomware: come proteggersi e cosa fare in caso di attacco


 

A fronte del rapido incremento dei ransomware per le aziende è di vitale importanza difendersi e sapere cosa fare in caso di attacco. Il primo passo è non cadere nella trappola del ricatto.

Se ad un furto di dati segue un attacco ransomware, è buona cosa non seguire l’esempio di Uber. La nota società americana non ha solo confermato oltre un anno dopo il misfatto di essere stata vittima di un furto di dati ma ha persino pagato agli hacker $100.000 di riscatto.

Picco di attacchi ransomware e riscatti alle stelle

Ciò che ha fatto Uber è sicuramente l’esempio migliore di cosa non fare nel caso in cui si dovesse subire un attacco soprattutto a fronte della crescita esponenziale del malware. Basta tornare agli avvenimenti dello scorso maggio. Il ransomware WannaCry aveva infettato diverse centinaia di migliaia di computer di tutto il mondo rendendo i file illeggibili. Per poterli ripristinare, un messaggio sullo schermo intimava il pagamento di un riscatto pari a $300 in Bitcoin, che sarebbe raddoppiato nel giro di qualche giorno in caso di mancato pagamento.

L’elenco di malware simili a WannaCry è lungo. Tra i ransomware in circolazione i più noti sono Cryptowall, TeslaCrypt, Locky Ransomware, Cerber Ransomware, CTB-Locker e Petya / Not Petya. L’incremento significativo della diffusione dei ransomware negli scorsi anni è altresì indice dell’accresciuto livello di rischio per gli utenti. A ciò si aggiunge quanto rilevato da Symantec negli Stati Uniti in uno studio pubblicato nell’aprile dello scorso anno: anche le aspettative degli hacker tendono ad aumentare, nel 2015 i ransomware esigevano un riscatto medio di $294 per dispositivo, nel 2016 si superava la soglia dei $1000, un importo medio confermato di recente anche da McAfee.

Rischio ransomware: grossa preoccupazione per il mondo business

Un rischio di questo calibro non può restare incontrollato. Secondo uno studio di Intermedia, questo tipo di cyberattacco viene considerato dalle aziende come la seconda minaccia più temibile (29%), preceduto solo dal malfunzionamento dell’hardware (30%). Una ricerca condotta da Osterman Research ha evidenziato che il 54% delle aziende operanti nel settore finanziario teme estremamente questo genere di minacce, mentre le aziende di trasporti figurano all’ultima posizione con un 26%.

Non meraviglia che comunque che i ransomware spaventino le aziende a livello globale: il costo annuale di questi ransomware è salito dai 325 milioni di dollari del 2015 ai 5 miliardi del 2017.

In che modo proteggere la propria azienda dai ransomware?

Esistono misure di sicurezza di base, tra cui aggiornare regolarmente i sistemi nel tempo, impiegare software antivirus di nuova generazione, non aprire allegati sospetti o messaggi da sconosciuti, e fare di tanto in tanto back-up verso un disco esterno, che sia rimovibile o cloud. Qualora queste precauzioni non vengano messe in atto o si rivelino insufficienti: non pagare! Cedere ai ricatti degli hacker non fa altro che incentivare queste pratiche illegali. Sfortunatamente non tutti prendono a cuore questa raccomandazione. La ricerca Intermedia rivela che il 59% degli impiegati di società con oltre 1000 dipendenti vittima di ransomware, pagano loro stessi il riscatto. Tuttavia, nonostante il pagamento, una vittima su cinque non riesce a recuperare i dati cifrati.

Cosa fare nel caso di un attacco ransomware

In presenza di un ransomware le aziende possono applicare diverse misure:

  • Disconnettere i sistemi dalla rete per limitare la contaminazione
  • Lasciare accesi i computer e non cercare di riavviarli; si potrebbero perdere informazioni utili all’analisi dell’attacco
  • Informare il responsabile della sicurezza della società
  • Scoprire il nome del ransomware (una versione datata potrebbe avere un antidoto per recuperare i file). Per riuscire a farlo bisogna andare sul sito nomoreransom.org e scaricare lo strumento di decriptazione disponibile per alcuni tipi di ransomware
  • Tentare di ripristinare i dati utilizzando sistemi di back-up automatici di qualche sistema operativo o tramite il proprio sistema di back-up
  • Recuperare i file da un servizio di stoccaggio dati come Dropbox nel caso in cui il computer fosse stato sincronizzato con questo genere di servizio

Gli attacchi ransomware spesso bypassano tipologie convenzionali di protezione impiegate sulle singole postazioni di lavoro e possono andare a buon fine nonostante in azienda si tengano corsi sulle best practice di sicurezza. Stormshield Endpoint Security, con i suoi meccanismi di hardenizzazione dei sistemi operativi, offre una protezione proattiva di alto livello contro le attuali minacce digitali.

Continua a leggere

G DATA estende le funzioni di sicurezza ai portafogli Bitcoin


Tecnologie di protezione proattive disponibili da ora in tutte le soluzioni di sicurezza G DATA Business e Consumer.

Bochum – Le criptovalute sono uno dei temi caldi del momento. Bitcoin, Ethereum e similari hanno infranto record su record. In due anni le transazioni in Bitcoin sono esplose su scala mondiale attestandosi a circa 370.000 al giorno (fonte: Blockchain – settimana dal 27.11. al 4.12.2017) grazie ad un numero di fruitori in rapidissima ascesa. I cybercriminali vogliono sfruttarne la popolarità e trovare nuovi metodi per raggirare gli utenti. Per mettere al sicuro anche i portafogli digitali, i cosiddetti “wallet”, G DATA ha perfezionato le proprie tecnologie di difesa proattive al fine di garantire ai propri utenti, privati come aziende, una protezione completa. Le funzioni di protezione estese sono disponibili da subito con tutte le soluzioni di sicurezza G DATA.

Sono oltre 19 milioni i wallet di criptovalute sulla sola piattaforma Blockchain a livello mondiale (dati del 30 novembre 2017). Ovunque ci sia una forte richiesta e la prospettiva di ricchi guadagni, i criminali non sono lontani. Negli ultimi mesi gli esperti di sicurezza G DATA hanno rilevato un numero crescente di malware che non mirano esclusivamente ai tradizionali servizi bancari online ma integrano anche funzioni atte a carpire i dati di accesso al wallet di criptovaluta. Contrariamente al classico online-banking infatti, per accedere al portafoglio digitale in molti casi è sufficiente procurarsi la password. G DATA reagisce a questa minaccia ai danni di chi utilizza Bitcoin ed estende la propria protezione anche ai più comuni portafogli di criptovaluta PC-based, tutelandoli contro l’accesso non autorizzato attraverso malware e contro transazioni indesiderate.

Aggiornamento gratuito per i clienti G DATA

I clienti G DATA con una licenza in corso di validità beneficeranno automaticamente delle funzioni aggiuntive attraverso il regolare aggiornamento delle signature.

Continua a leggere

G DATA Managed Endpoint Security: sicurezza a consumo


Con la nuova licenza MES il vendor teutonico rivoluziona la percezione dei costi della sicurezza, assicurando la fruibilità delle proprie soluzioni Endpoint Protection e Total Control Business a canone mensile.

La progressiva trasformazione di applicazioni in “SaaS” e di servizi di gestione del parco installato in “Managed Services” spinge sempre più spesso aziende e rivenditori specializzati a valutare nuove modalità di erogazione di soluzioni e servizi. Con G DATA Managed Endpoint Security G DATA risponde all’esigenza di abbattere investimenti e costi operativi di un’adeguata tutela dell’infrastruttura IT con una formula “a consumo”.

Grazie a G DATA Managed Endpoint Security, le aziende che non dispongono di uno staff votato esclusivamente alla sicurezza IT non devono più scendere a compromessi in termini di protezione e monitoraggio quotidiano della propria infrastruttura: la nuova formula MES consente loro infatti di affidare tale compito al proprio fornitore di servizi IT senza che lo stesso debba trovarsi presso l’azienda. Combinazione ideale tra la convenienza e la comodità dei servizi gestiti, G DATA Managed Endpoint Security offre tutti i vantaggi delle soluzioni business di fascia alta del vendor teutonico in un pacchetto “all-inclusive” per partner e clienti.

 

Clicca e aggiungi: gestione delle licenze in tempo reale con un click

La piattaforma MES di G DATA consente di gestire da remoto l’intero parco installato presso uno specifico cliente. Oltre a presentare tutte le funzioni centralizzate per la configurazione di policy e filtri applicabili a singoli client, gruppi o all’intera azienda, al deployment remoto di patch e al monitoraggio costante dello stato operativo dei sistemi, la soluzione MES assicura al fornitore di servizi IT e ai suoi clienti assoluta trasparenza anche in merito ai costi. Qualora nel tempo sia necessario aggiungere ulteriori client, l’operatore dovrà semplicemente inserire le nuove licenze nella sua dashboard per avviare il processo di fatturazione mensile. Questo processo automatizzato azzera quindi l’eventuale rischio di overhead dovuto all’acquisto di licenze non necessarie in previsione di una crescita dell’azienda, o al contrario, di sottodimensionamento. Il rivenditore potrà acquisire e installare licenze in totale autonomia e in tempo reale. In un’ottica di sicurezza come processo e non come mero prodotto, il rivenditore potrà aggiungere al mero canone per la licenza una serie di servizi a valore che faranno la vera differenza nel pacchetto “all-inclusive” personalizzato per i propri clienti.

Un ulteriore highlight della piattaforma è che la console di gestione MES è multitenant, una caratteristica che consente al provider di servizi di sicurezza gestita di occuparsi dei propri clienti, visualizzare report per ogni azienda gestita, adottare misure di sicurezza ad hoc per l’uno o l’altro cliente tramite una singola interfaccia, ottimizzando quindi i costi di acquisto di un server ad hoc per ogni cliente, azzerandone l’impatto sul canone che andrà a fatturare al cliente.

Sicurezza all’avanguardia e gestita, ma pagata a consumo

Le organizzazioni che optano per una fruizione delle soluzioni G DATA Endpoint Protection e G DATA Total Control Business in modalità MES, beneficiano di una gestione professionale e quotidiana della sicurezza IT da parte del proprio fornitore e della serenità di avvalersi di suite di sicurezza dotate di tecnologie di nuova generazione per la tutela contro malware, ransomware dirottamento di sessioni e transazioni bancarie, vulnerabilità ed exploit su qualsiasi client di rete (Windows, Mac, Linux, Android, iOS), il tutto a consumo.

Continua a leggere