3CX, le aziende possono permettersi di usare strumenti VoIP gratuiti?


Quale impatto hanno strumenti VoIP “consumer” su produttività, sicurezza ed efficienza degli impiegati rispetto a soluzioni integrate e certificate? 3CX fa luce sull’argomento.

Modena – Il mondo delle telecomunicazioni e delle UC è in costante fermento, trainato anche dall’adozione da parte dei singoli utenti di strumenti utilizzati per lo più nel privato come Whatsapp, Skype, FaceTime e Viber, che possono rappresentare anche per le società un elemento di grande innovazione rispetto alla telefonia classica. Purtroppo però questi sistemi alla lunga si rivelano inadeguati alle esigenze aziendali, insoddisfacenti in termini di collaboration e persino insicuri. Aspetti che pur risultando del tutto estranei ai consumatori e ai singoli dipendenti, sono invece all’ordine del giorno per amministratori e decisori IT.

La popolarità degli smartphone e degli strumenti gratuiti per la messaggistica aumenta in continuazione ma non è detto che tali sistemi possano soddisfare le esigenze in determinati contesti professionali. Al contrario: tali piattaforme, prima o poi, risulteranno vincolanti per la crescita del business e potrebbero persino minare l’immagine dell’azienda presso i clienti.

Tra i motivi figura innanzi tutto l’assenza di garanzie su qualità della trasmissione audio e video, elemento di primaria importanza quando si parla di uno strumento che dovrà essere adottato da tutti i dipendenti in locale e in remoto per le comunicazioni interne come con l’esterno. La scarsa qualità dell’audio inficia e limita la comprensione dell’interlocutore, rendendo la conversazione poco fluida e danneggiando in qualche modo l’attività di business in corso. Un impatto che risulta ancora più gravoso qualora si decidesse di effettuare una videochiamata. In questi casi occorre un sistema affidabile, avviabile con un click ma che soprattutto assicuri stabilità e continuità del flusso audio/video, caratteristiche che le piattaforme “free” non possono garantire.

In secondo luogo, mentre la maggior parte delle chiamate condotte via VoIP è cifrata, utilizzare strumenti VoIP gratuiti per chiamare cellulari o numeri fissi per beneficiare di tariffe più economiche non necessariamente assicura che le conversazioni siano codificate. A questo si aggiunge il fatto che anche nel caso della telefonia i responsabili IT gradiscono mantenere il controllo dell’infrastruttura, cosa impossibile con piattaforme di messaggistica e VoIP progettate per soddisfare le esigenze di singoli utenti. L’assenza di dati e registri delle chiamate gestibili in seno all’azienda rappresenta un difetto macroscopico al pari del fatto che non è possibile condividere rubriche aziendali, né integrare tali sistemi in soluzioni CRM, né gestire l’implementazione di tali sistemi in modo centralizzato, demandando all’utente configurazione e uso delle applicazioni, specie qualora questi servizi siano fruibili esclusivamente tramite smartphone. Ecco perché se un’organizzazione desidera avvalersi di una soluzione VoIP / UC professionale da impiegare in un ambiente professionale e dotata di tutte le funzionalità che ci si aspetta in un ufficio, incluso il telefono da tavolo, occorre optare per un sistema di telefonia progettato per le aziende.

Può dunque un’azienda permettere l’adozione incontrollata da parte del personale dei più diffusi sistemi di messaggistica istantanea e chiamate?

A lungo termine le realtà più dinamiche non riscontreranno benefici dall’uso collettivo di piattaforme VoIP “consumer” ma dovrebbero avvalersi da subito di soluzioni personalizzate e ottimizzate per l’uso aziendale al fine di assicurare efficienza e affidabilità sia delle comunicazioni sia della collaborazione tra impiegati. Qui si inserisce 3CX, che con PBX-Express la sua proposta di soluzione completa per le comunicazioni unificate gratuta (fino a un massimo di otto chiamate contemporanee) per un anno, punta alle PMI che necessitano di un centralino IP completo e potente ma che desiderano in primis verificare e sperimentare le nuove funzioni UC per poi decidere se abbonarsi per ottenere gli aggiornamenti del software o se acquistare la licenza commerciale. Una proposta interessante, stando alla reazione del mercato. Il riscontro presso la clientela pare confermare la strategia del vendor come vincente: molte realtà iniziano con la “Free PBX Edition” ma sono poi così impressionate dal prodotto che scelgono di passare alla licenza commerciale.

Con il suo FreePBX e PBX-Express 3CX soddisfa uno degli obiettivi principali di qualsiasi attività: il controllo dei costi e dei servizi, al fine di assicurarsi un ritorno sull’investimento quanto più immediato possibile. Ecco perché 3CX non offre solo un modello di licensing estremamente competitivo, ma restituisce al cliente il controllo totale della piattaforma, a partire da come e dove questa va implementata (nel cloud o in azienda) fino alla gestione autonoma delle estensioni necessarie e al grado di integrazione della soluzione 3CX all’interno dell’infrastruttura aziendale.

In prospettiva 3CX intende portare un elemento di discontinuità rispetto alle soluzioni legacy e a quanto c’è ancora di installato presso le aziende grazie a sistemi di comunicazione professionali che assicurano ubiquità e accessibilità trasversale (telefono tradizionale, smartphone, tablet, PC, Mac) alla piattaforma per la telefonia ed il video-conferencing.

Rendendo le comunicazioni unificate più appetibili per un’ampia fascia di utenza professionale, 3CX ha ottenuto un costante incremento delle proprie quote di mercato ed è fiduciosa di entrare a far parte della top five dei fornitori di soluzioni UC nei prossimi anni.

Continua a leggere

Tutti pronti per il GDPR


Eliminare le vulnerabilità dei sistemi informatici e gestire gli aggiornamenti facilmente con G DATA Patch Management.

Bochum (Germania)

Il 25 maggio 2018 entra in vigore il regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) dell’UE per rafforzare e unificare le modalità con cui vengono trattati i dati in Europa. Anche la protezione dell’infrastruttura IT contro attacchi informatici al fine di prevenire il furto di dati fa parte delle misure di tutela previste.  Come evidenziato dagli ultimi episodi di infezione su larga scala, l‘installazione degli aggiornamenti dei software è un tassello essenziale per mitigare i rischi dovuti allo sfruttamento di vulnerabilità di sistemi operativi e delle applicazioni potenzialmente accessibili agli aggressori. G DATA Patch Management aiuta gli amministratori di sistema ad adempiere a tali compiti e consente di installare eventuali patch immediatamente o in modo progressivo sulla rete.  In combinazione con le potenti soluzioni antivirus business di G DATA, la gestione semplificata degli aggiornamenti porta la tutela contro il furto di dati ad un livello superiore, fornendo alle società un valido aiuto in termini di compliance con il GDPR. 


Il regolamento generale sulla protezione dei dati dell’UE: Le aziende non possono farsi cogliere impreparate

Le nuove normative riguardano tutte le aziende che raccolgono e trattano dati personali, ad esempio attraverso il proprio database clienti.Queste aziende, indipendentemente dalla dimensione, devono garantire una protezione completa di tutte le informazioni sensibili attraverso tecnologie “allo stato dell’arte”, pena il dover far fronte a rigide sanzioni economiche. Chi impiega software obsoleti o non aggiorna i sistemi si pone in una situazione che può potenzialmente favorire gli attacchi informatici e corre il rischio di essere multato nel caso di una violazione dei dati. L’elaborazione di regole di conformità obbligatorie in merito al trattamento dei dati sensibili è uno dei passi necessari per garantirne la tutela. Un’altra componente importante è assicurarsi che l’infrastruttura IT sia dotata di una protezione completa contro la perdita dei dati e attacchi cyber. Proprio in questo contesto si collocano le soluzioni per la gestione del processo di patching dei sistemi. Queste consentono di installare repentinamente sulla rete gli aggiornamenti forniti dai produttori del software in uso.

La soluzione: G DATA Patch Management

Attraverso una soluzione per la gestione delle patch si affronta in modo efficace la pletora di aggiornamenti dei sistemi operativi o delle applicazioni forniti dai vendor. G DATA Patch Management è un modulo aggiuntivo che si integra nativamente nelle soluzioni di rete dello specialista della sicurezza IT e  che supporta gli amministratori nella distribuzione efficiente delle patch.

 


Vantaggi di G DATA Patch Management:
 

  • Gestione centralizzata delle patch: gli aggiornamenti vengono distribuiti ai singoli client in modalità centralizzata tramite il server di gestione è inoltre possibile eseguire un roll-out progressivo.
  • Minimizzazione dei rischi: le patch possono essere “eseguite” in un ambiente di prova per escludere eventuali problemi di compatibilità specifici sui client.
  • Sempre aggiornati: Con G DATA Patch Management, i responsabili IT si assicurano che i client utilizzino sempre le versioni più recenti del software in uso che, di conseguenza, risulterà meno vulnerabile.
  • Panoramica intuitiva: Il modulo fornisce agli amministratori una panoramica delle applicazioni e dei sistemi operativi utilizzati nella rete e l’elenco delle patch disponibili.

Per saperne di più su consultare:

https://www.gdata.it/aziende/patch-management

Continua a leggere

Petya redivivo – di nuovo


Di Petya G DATA ha già parlato nel 2016. Il ransomware si ripresenta occasionalmente con nuove vesti, l’ultima volta come “GoldenEye”. Questa nuova ondata di infezioni presenta una sola differenza: è la prima volta che Petya sfrutta un exploit proveniente dall’arsenale di un’agenzia di intelligence, portato tristemente alla ribalta con WannaCry.

Bochum – Secondo le ultime notizie diffuse dalle regioni inizialmente interessate dall’attacco e dai media, l’ondata di infezioni con il ransomware di Petya ha colpito numerosissime organizzazioni governative e private in Europa come negli Stati Uniti, tra cui una grande compagnia petrolifera, costretta – secondo indiscrezioni – a passare ai server di backup per garantire la continuità della produzione, aziende per la fornitura di energia elettrica, società di logistica e l’aeroporto di Kiev, chiuso nel tardo pomeriggio di ieri per le conseguenze dell’infezione, oltre a sistemi di pagamento elettronico in uso presso supermercati.

Nel frattempo, primi pagamenti del riscatto richiesto sono già stati versati su quello che – al momento – risulta essere l’unico portafoglio bitcoin per il quale si riconosca una relazione diretta con l’attuale campagna. G DATA sconsiglia fortemente di pagare qualsiasi riscatto! Non necessariamente il pagamento assicura che si possa di nuovo disporre dei file cifrati.  Tra l’altro, una volta scoperto che cybercriminali si stavano avvalendo di una casella di posta elettronica Posteo per lanciare l’attacco su larga scala, il provider tedesco ha bloccato l’accesso alla casella e ha informato l’Ufficio Federale per la Sicurezza Informatica. I cybercriminali non hanno più accesso alle mail ivi inviate.

Dettagli tecnici

Dalle analisi condotte dai G DATA Security Lab e da risultanze condivise dalla community infosec, l’origine dell’ondata di infezioni è stata individuata nella compromissione di un meccanismo di aggiornamento di un software ampiamente utilizzato per la contabilità. Le prime vittime sono state infettate proprio tramite l’aggiornamento di tale software. Pur avvalendosi di Eternalblue per infettare la rete locale, a differenza di  Wannacry il “nuovo” Petya non si propaga tramite Internet. Cerca invece accesso alle credenziali di amministratore per poter inserire i propri file in cartelle $admin condivise in rete. Anche la cifratura mostra tratti familiari: il ransomware verifica se ha modo di accedere ai privilegi di amministratore per sovrascrivere alcune aree del disco rigido. Qualora l’esito sia positivo, viene forzato il reboot di una macchina infetta dopo aver subito un crash. Al contrario di quanto presentato da alcuni rapporti comparsi su piattaforme di social media, in questo ransomware non è presente alcun “killswitch”.

All’attuale stato delle cose, la componente che dà luogo alla diffusione dell’ultima variante di Petya pare funzionare meglio di WannaCry su Windows XP. Oltre a ciò, la versione corrente cancella il registro degli eventi di Windows durante il processo di infezione.

Il ransomware prende di mira file con le seguenti estensioni:

.3ds .7z .accdb.  ai. asp .aspx .avhd .back .bak .c .cfg .conf .cpp .cs .ctl .dbf .disk

.djvu .doc .docx .dwg .eml .fdb .gz .h .hdd .kdbx .mail .mdb .msg .nrg .ora .ost .ova .ovf .pdf .php .pmf .ppt

.pptx .pst .pvi .py .pyc .rar .rtf .sln .sql .tar .vbox .vbs .vcb .vdi .vfd .vmc .vmdk .vmsd .vmx .vsdx .vsv .work .xls.

xlsx .xvd .zip

Un’infinità di nomi per il Petya redivivo

G DATA ha riscontrato una generalizzata confusione nell’assegnare un nome all’attuale variante del ransomware “Petya”. La base di codice è indubbiamente quella di Petya / Misha / GoldenEye, per questo motivo inizialmente intendevamo procedere usando il nome “Petya”. Altri lo hanno chiamato NotPetya, EternalPetya, PetyaBlue, Petna, PetyaWrap, Petrwrap, SortaPetya, Nyetya, Expetr e altri. Pur avendo deciso di fare riferimento a questa particolare nuova variante con il nome Petna, la denominazione con cui il ransomware è identificato resta invariata.

Clienti G DATA protetti

La variante corrente è rilevata da tutte le soluzioni G DATA come Win32.Trojan-Ransom.Petya.V e Trojan.Ransom.GoldenEye.B. Altri moduli proattivi quali l’ExploitProtection e la protezione comportamentale AntiRansomware offrono un ulteriore livello di protezione.

Countromisure e mitigazione

Ci sono diverse misure efficaci per prevenire infezioni o quanto meno mitigare i rischi:

  • Installare l’ultimo aggiornamento di Windows se possibile. Questo aggiornamento (disponibile dal mese di marzo – come già indicato nel caso di WannaCry) chiude le falle di cui si avvale l’exploit Eternalblue.
  • Per prevenire infezioni attraverso l’interfaccia di gestione di Windows (WMI), gli amministratori di sistema dovrebbero prendere alcune precauzioni, come raccomandato da Microsoft
  • L’esecuzione di un codice da remoto attraveso PSExec o WMI richiede privilegi di amministratore: si sconsiglia di garantire tali privilegi ai normali utenti.
  • Se si nota un’infezione prima che appaia la richiesta di riscatto, spegnere immediatamente il sistema. Non riavviare la macchina in nessun caso – c’è la possibilità che non tutto sia stato cifrato prima dello spegnimento forzato.

Di nuovo: raccomandiamo di non effettuare alcun pagamento di riscatto, soprattutto visto che il provider ha chiuso la casella di posta elettronica dei criminali.

Per ulteriori dettagli tecnici e aggiornamenti consultare il blog G DATA al link https://www.gdatasoftware.com/blog/2017/06/29840-petya-is-back-again

Continua a leggere

Panda Security e Stormshield siglano un’alleanza tecnologia europea contro le minacce informatiche


  • Due aziende leader nel settore della sicurezza informatica sottoscrivono un’alleanza tecnologica europea che assicurerà ai rispettivi clienti una protezione completa e globale contro il cybercrime.
  • L’accordo offre agli utenti il meglio delle soluzioni Stormshield e Panda Security per proteggere workstation e infrastrutture IT.
  • Fornisce tutti gli strumenti di gestione della sicurezza necessari per proteggere le aziende contro la violazione dei dati che cagionano in media danni per 3,7 milioni di euro.

Secondo un recente studio (1), le violazioni dei dati sono aumentate del 29% dal 2013 e in media cagionano danni per 3,7 milioni di euro alle imprese.

Panda Security, multinazionale spagnola leader in soluzioni di sicurezza endpoint, e Stormshield, azienda francese leader nella protezione delle reti aziendali, annunciano di aver siglato un’alleanza strategica europea che unisce le rispettive competenze a garanzia di una protezione ancora più efficiente delle infrastrutture e degli ambienti IT delle aziende, al fine di fornire loro un aiuto concreto nel percorso verso la trasformazione digitale. Attraverso questa alleanza strategica, i clienti avranno accesso a soluzioni uniche, progettate per rilevare e contrastare le minacce note e non note ai danni di reti, workstation e server. L’offerta congiunta darà ai clienti una visibilità completa e unificata delle minacce.

Una soluzione di sicurezza innovativa

Oltre a fornire ai clienti una soluzione unificata ed europea al 100%, che integra il meglio delle tecnologie per la sicurezza di perimetro e endpoint, questa collaborazione permetterà ai due partner di condividere esperienze e competenze in merito alle differenti minacce, al fine di aumentare significativamente il livello di protezione dei propri clienti. Nello specifico Stormshield condividerà la propria esperienza nella tutela di reti industriali e tecnologie operative. Più in generale, Panda Security e Stormshield collaboreranno a stretto contatto per fornire una protezione efficace contro minacce note e sconosciute. Questa collaborazione unica in Europa è indice del ruolo centrale che le due società informatiche europee intendono svolgere nel mercato della cybersecurity e in particolare nel campo della protezione dell’infrastruttura digitale.

Juan Santamaria, Direttore Generale di Panda Security commenta: “I firewall di nuova generazione e le funzionalità UTM perno delle soluzioni Stormshield Network Security proteggono efficacemente le reti dei nostri clienti, assicurando loro il miglior rapporto prezzo / prestazioni sul mercato. Queste soluzioni offrono una risposta completa e quanto mai necessaria all’esigenza di tutelare infrastrutture tradizionali, industriali e cloud “. Matthieu Bonenfant, Direttore Marketing di Stormshield, dichiara: “Panda Security gode di un posizionamento unico sul mercato della protezione delle workstation e delle soluzioni avanzate per la sicurezza informatica. Con Adaptive Defense, tutti i nostri clienti, indipendentemente dalla loro dimensione, beneficeranno di una sicurezza next-gen, facile da implementare e gestire. Questa soluzione si combina perfettamente con l’offerta Stormshield Endpoint Security dedicata principalmente a ambienti operativi sensibili e industriali. Siamo lieti di questa nuova alleanza e di come essa sottolinei il nostro impegno nel proporre una soluzione europea su larga scala per la sicurezza end-to-end delle infrastrutture dei nostri clienti”.

(1) 2016 Ponemon Institute Cost of a Data Breach Study

Continua a leggere

Party-Tipps: Mit FRITZ! in den Sommer starten


  • Schnelles WLAN für Freunde – der FRITZ!Hotspot
  • Das FRITZ!-Heimnetz ganz einfach erweitern
  • Mit der FRITZ!Box bequem Musik streamen
  • Mit dem FRITZ!Fon die Türsprechanlage bedienen

Berlin | Gute Musik, leckeres Essen und kühle Getränke – die Partysaison steht vor der Tür und FRITZ! hilft die perfekte Feier zu organisieren. Der FRITZ!Hotspot stellt den Gästen bequem und einfach WLAN zur Verfügung. Indem man das FRITZ!-Heimnetz ganz einfach erweitern kann, profitieren Gäste nicht nur von einer größeren Reichweite, sondern auch von einem optimalen Datendurchsatz. Außerdem übernimmt die FRITZ!Box als Mediacenter das Streamen der Lieblingsmusik. Die Musik wird entweder über Smartphone, Tablett oder PC oder über einen angeschlossenen USB-Speicher über das FRITZ!Box-Funknetz beispielsweise direkt auf WLAN- Lautsprecher übertragen. Mit dem FRITZ!Fon kann man von der Terrasse aus mit einem Tastendruck die Türsprechanlage bedienen. Mehr Tipps und Informationen erhalten Anwender unter ch.avm.de/ratgeber.

Schnelles WLAN für Gäste – Der FRITZ!Hotspot

Wenn man die letzten Urlaubsschnappschüsse auf Instagram zeigen möchte oder einen Urlaubs-Vlog auf YouTube streamt, ist schnelles Internet ein absolutes Muss. Mit dem WLAN-Gastzugang der FRITZ!Box steht Gästen im Handumdrehen ein eigener Hotspot zur Verfügung.

Dieser Hotspot ist sicher getrennt vom Heimnetz. So behält man den Überblick, welcher Gast das Netz nutzt,  kann entscheiden, ob sich verbundene Geräte untereinander austauschen können und wie schnell die Geschwindigkeit des Hotspots sein soll. Um Freunden den Zugang zum Hotspot so komfortabel wie möglich zu machen, kann auf der Benutzeroberfläche der FRITZ!Box unter „WLAN“ ganz einfach ein Infoblatt ausgedruckt werden. Darauf steht nicht nur das Passwort für den Hotspot, sondern es wird auch ein QR-Code abgebildet. Scannt man diesen Code, wird man automatisch mit dem Hotspot verbunden.

Platz für viele – Das FRITZ!-Heimnetz einfach erweitern

Die besten Partys stehen unter dem Motto „Je mehr, desto besser“. Allerdings bedeuten mehr Gäste auch mehr Endgeräte, die auf das WLAN zugreifen. Daher lohnt es sich das Funknetz durch weitere Mitglieder der FRITZ!-Familie zu ergänzen, beispielsweise mit einem FRITZ!WLAN Repeater 1750E oder einem FRITZ!Powerline 540E. Dazu einfach WLAN Repeater oder Powerline/WLAN-Adapter in die Steckdose stecken und per Tastendruck mit der FRITZ!Box verbinden. Das Funknetz hat überall denselben Namen und kann mit demselben Passwort genutzt werden. Technologien wie Crossband Repeating, Band Steering oder Multi-User MIMO sorgen nicht nur für mehr Reichweite, sondern garantieren auch einen hohen Datendurchsatz.  Und das Beste daran: Der FRITZ!Hotspot ist automatisch auch dort verfügbar, wo zum Beispiel ein FRITZ!WLAN Repeater für WLAN Abdeckung sorgt.

Die richtige Musik – FRITZ!Box als Mediacenter

Die wichtigste Frage auf einer Party: Welche Musik? Elektro, Smooth Jazz oder doch lieber etwas Rockiges? Damit genug Zeit bleibt, sich über die Auswahl der Musik Gedanken zu machen, greift die Fritz!Box bei der Technik unter die Arme. Einfach den WLAN-Lautsprecher auf der Terrasse aufstellen, per Tastendruck mit FRITZ!Box verbinden und loslegen.

Die Lieblingsmusik kann von Smartphone, Tablett oder PC über das FRITZ!Box-Funknetz direkt auf die Lautsprecher gestreamt werden. So kann man sicher gehen, dass die Streaming App die Lautsprecher auch über die FRITZ!Box erkennt. Sollte man Musik auf einer Festplatte gespeichert haben, ist das auch kein Problem. Durch die NAS-Funktion (Network Attached Storage) der FRITZ!Box kann ein USB-Speichermedium mit der Lieblingsmusik ganz einfach an der FRITZ!Box angeschlossen werden. Mit der FRITZ!App Media oder mit dem FRITZ!Fon wird dann ganz bequem die Musikwiedergabe gesteuert.

Hereinspaziert – Das FRITZ!Fon als Türöffner

Wer kennt es nicht: Man steht auf der Terrasse, die Vorbereitungen für die Party liegen in den letzten Zügen und schon klingeln die ersten Gäste an der Tür. Mit einem FRITZ!Fon ist dieses Szenario kein Problem.Denn damit kann man ganz einfach auf die Türsprechanlage zugreifen und mit einem Knopfdruck die Tür öffnen. Übrigens: Verfügt die Türsprechanlage über eine Kamera, sind die Gäste auch auf dem Displayvon FRITZ!Fon C5 oder C4 zu sehen. Die Türsprechanlage kann analog oder IP-basiert sein und sollte eine einfache IP-Kamera nutzen.

Stormshield e Schneider Electric: Storia di una partnership industriale e commerciale di successo


Nel 2015 Stormshield, uno dei leader europei nel mercato della sicurezza informatica, e Schneider Electric, specialista globale nella gestione dell’energia e nell’automazione, decisero di condividere le proprie competenze con l’intento di sensibilizzare e incrementare la consapevolezza su questioni di cybersecurity tra le realtà industriali, fornendo loro un aiuto concreto ai fini dell’adozione di misure adeguate alla salvaguardia dei propri sistemi IT e OT. Stormshied e Schneider Electric assicurano oggi controllo e gestione del flusso di dati di tre dei maggiori gruppi industriali.

Parigi, 20 giugno 2017 – L’interazione tra tecnologie dell’informazione (IT) tecnologie operative (OT) rappresenta una fonte di nuove opportunità e nuove sfide per il settore industriale. Con catene di approvvigionamento sempre più automatizzate e robotizzate, le fabbriche sono sempre più interconnesse. Questa imprescindibile apertura a flussi di dati esterni comporta inevitabilmente nuovi rischi.

Da oltre due anni, Stormshield e Schneider Electric sono impegnate in uno sforzo congiunto per rispondere a tali minacce alla sicurezza industriale. La complementarità delle rispettive aree di competenza – quella di Stormshield nella protezione di reti, server e workstation, e quella di Schneider Electric in ambito OT – ha permesso loro di sviluppare un prodotto adatto a qualsivoglia infrastruttura industriale.

 “Schneider Electric ci ha aiutato ad acquisire conoscenze e competenze in ambito industriale. Dal connubio della rispettiva esperienza è nato un prodotto di cybersecurity unico nel settore industriale. Una soluzione che offre alle realtà industriali protezione completa e proattiva per un accesso sereno all’era dell’industria 4.0”, spiega Pierre Calais, Direttore Generale di Stormshield.

Frutto della partnership con Schneider Electric, lo Stormshield Sni40 è un firewall industriale “hardenizzato”, adattato in tutti gli aspetti alle esigenze di sicurezza dei sistemi IT e OT.

Schneider Electric ha permesso a Stormshield di meglio comprendere i protocolli industriali, il settore e i suoi limiti, e di valutare le prestazioni generali del dispositivo calato in ambito industriale.  Dal canto suo Stormshield ha assicurato a Schneider Electric una maggior comprensione delle problematiche inerenti la sicurezza di reti e workstation.

Rinomata in ambito industriale, Schneider Electric ha anche avuto modo di presentare le soluzioni Stormshield alla propria clientela. Grazie a questa iniziativa, le soluzioni Stormshield sono attualmente impiegate presso tre grandi aziende che operano nel settore della trasformazione alimentare (caseifici), dei trasporti (aereoporti) e della generazione di energia elettrica.

La collaborazione con Stormshield è stata una tappa importante nel nostro percorso di sviluppo sul mercato della cybersecurity. Grazie a questa partnership siamo diventati una società di integrazione leader che opera in conformità con gli standard ANSSI per la messa in sicurezza degli impianti industriali. La nostra partnership incarna il principio del trasferimento di competenze e questi primi successi commerciali rafforzano la nostra fiducia nel potenziale di un settore industriale in costante maturazione”, afferma Yann Bourjault, Direttore della Cybersecurity di Schneider Electric France.

Continua a leggere

AV-TEST: protezione perfetta con G DATA Mobile Internet Security


La soluzione mobile ha rilevato il 100 per cento delle attuali minacce al sistema operativo Android.

Bochum (Germania) – Nell’ultimo test comparativo effettuato, AV-TEST ha analizzato 20 soluzioni di sicurezza per il sistema operativo Android, di cui ha valutato il livello di resistenza contro le attuali minacce. G Data Mobile Internet Security ha rilevato il 100 per cento di tutti i malware utilizzati nel test. Pieni voti attribuiti anche per facilità d’uso e le utili funzionalità aggiuntive. Ne consegue che G Data Mobile Internet Security ha ottenuto il massimo punteggio ottenibile, assicurandosi una collocazione ai vertici della classifica e l’ambita certificazione AV-TEST.

Attraverso scenari di test realistici, AV-TEST analizza le applicazioni di sicurezza per dispositivi mobili e il loro comportamento rispetto alle attuali minacce. Nello specifico, l’Istituto mette alla prova le capacità della soluzione utilizzando tutte le funzionalità che essa offre e testandone il grado di protezione a tutti i livelli.

Tra i criteri salienti del test anche la valutazione dell’impatto della app sull’uso dello smartphone, la possibilità di cifrare il traffico dati generato attraverso rete mobile o hotspot wifi aperti, l’efficacia del controllo genitoriale sulla navigazione.

“Le minacce per i dispositivi Android sono in costante aumento. L’uso di soluzioni efficaci per la protezione di smartphone e tablet offre sicurezza. I test eseguiti da AV-TEST mostrano quali prodotti garantiscono la migliore protezione “, ha dichiarato Andreas Marx, CEO di AV-TEST. “In questo frangente, G DATA Mobile convince regolarmente ottenendo ottimi voti in tutte le categorie di test.”

Anche Dragomir Vatkov, responsabile del Product Management di G DATA sa che il miglioramento continuo della soluzione di sicurezza è un criterio chiave per garantire la migliore protezione possibile agli utenti di device Android. “I risultati dei test condotti da AV-TEST confermano regolarmente il valore della nostra soluzione G Data Mobile Internet Security”, afferma Vatkov.”Il test attuale della nostra soluzione documenta inequivocabilmente che le nostre tecnologie di sicurezza proteggono gli utenti in modo affidabile contro le minacce informatiche. Siamo particolarmente soddisfatti che il nostro impegno quotidiano nella lotta al cybercrime dia i suoi frutti”.

Dettagli del Test:

  • Soluzioni di sicurezza testate: 20 inclusa G DATA Mobile Internet Security
  • Piattaforma / Sistema operativo: Android
  • Periodo: Maggio 2017
  • Eseguito da: AV-TEST

Sicurezza Mobile efficace sempre più essenziale

L’analisi dello status quo della sicurezza mobile condotta nel primo trimestre 2017 ha rivelato che i criminali informatici puntano a dispositivi mobili con crescente frequenza, perché molti utenti eseguono transazioni bancarie o fanno acquisti tramite smartphone o tablet. Una app di sicurezza per device Android dovrebbe includere sia un antivirus che tuteli contro trojan, virus e altri malware ma anche una protezione della navigazione e strumenti antiphishing a tutela degli utenti contro e-mail e siti web pericolosi.

G Data Mobile Internet Security assicura una protezione affidabile e completa per  dispositivi dotati di sistema operativo Android. Oltre a fornire protezione contro malware, applicazioni malevole e pericoli derivanti dalla navigazione mobile, la app di sicurezza intelligente tutela gli utenti contro le conseguenze fatali di perdita o furto del dispositivo: gli smartphone possono essere tracciati ed è possibile eliminare a distanza tutti i dati in essi memorizzati allo scopo di impedirne l’accesso da parte di terzi.

G DATA Mobile Internet Security: una panoramica

  • Protezione contro phishing e siti web dannosi attraverso un sistema di rilevazione cloud-based.
  • Protezione contro applicazioni pericolose: il controllo delle app verifica i diritti richiesti dalle stesse e avvisa qualora si installi una app particolarmente “curiosa”
  • Protezione contro malware per Android: grazie alla connessione al cloud, il sistema di scansione avanzata è sempre aggiornato alla versione attuale. L’analisi non ha alcun impatto sulle prestazioni del dispositivo e riconosce programmi malevoli.
  • Protezione contro la perdita o furto del dispositivo: qualora smartphone o tablet vengano smarriti o sottratti, tutti i dati ivi archiviati possono essere eliminati, il dispositivo può essere localizzato e bloccato.
  • Funzionalità di parental control estese e personalizzabili garantiscono un uso sicuro del dispositivo anche ai più piccoli
  • Il modulo VPN opzionale protegge contro il furto di dati all’interno di reti pubbliche

Continua a leggere