Sicurezza personale e stile: il connubio vincente di Amuleto


Su Indiegogo il gioiello “smart” che azzera il tempo necessario per richiedere aiuto in caso di grave necessità. I primi dispositivi saranno forniti a luglio di quest’anno.

Vilnius – Il tempo è un fattore particolarmente critico qualora si venga minacciati, si subiscano violenze o si soffra di un malore improvviso. Non sempre le potenziali vittime o chi necessita urgentemente di assistenza medica ha la possibilità di richiedere aiuto telefonicamente o il tempo di cercare un eventuale dispositivo salvavita nella borsa. Amuleto risolve questo problema con stile.

Accessorio gradevole sul polso di qualunque donna, Amuleto offre molto più che risultare piacevole alla vista. Il gioiello integra un dispositivo connesso allo smartphone attraverso un modulo bluetooth a basso consumo energetico, attraverso cui invia messaggi di allerta e notifiche sulla posizione ad amici e parenti in tutte le situazioni in cui si rende necessario chiedere aiuto repentinamente. Essendo indossato, é difficile dimenticarlo o che se ne venga privati in caso di borseggio.

A differenza di altre soluzioni dotate di simili funzioni, Amuleto riduce a zero l’impatto estetico negativo tipico dei dispositivi “salvavita”, per lo più prodotti in plastica. Il braccialetto disegnato a mano e costituito da una scocca in argento sterling ed una fascia in vera pelle, si adatta a qualsiasi stile di abbigliamento. E’ l’opzione perfetta per qualsiasi donna che non voglia scendere a compromessi in termini di outfit. 

“Non passa giorno senza leggere notizie scioccanti in merito a casi di abusi e violenze sulle donne con esito drammatico”, commenta Dovile Butnoriene, Co-fondatrice di Amuleto. “In molte di queste situazioni la vittima avrebbe forse avuto una chance se avesse chiesto subito aiuto o se fosse stato possibile localizzarla in tempo zero. Per questo motivo abbiamo integrato in un piccolo gioiello un minuscolo dispositivo in grado di allertare amici e parenti premendo un pulsante. Una soluzione che ogni donna, che desideri sentirsi sicura, indosserebbe senza remore. Dopo quasi due anni di intensa ricerca e sviluppo, siamo oggi in grado di proporre al grande pubblico Amuleto, il nostro braccialetto smart. ”

Come funziona

Sulla scocca d’argento del braccialetto alloggia un piccolo pulsante. In caso di necessità, chi lo indossa preme semplicemente il pulsante per due secondi. Amuleto invierà un messaggio di allerta associato all’attuale ubicazione della persona ad un elenco di contatti d’emergenza precedentemente selezionati tramite la app dedicata.

Inoltre, per assicurarsi un costante livello di protezione, messaggi automatici saranno inviati anche nel caso in cui Amuleto e lo smartphone risultino disconnessi (ad esempio in caso di furto della borsetta) o qualora il livello della batteria risulti critico.

 Privacy salvaguardata

“Per noi europei assicurarsi che i dispositivi connessi allo smartphone non si tramutino in oggetti spia è particolarmente importante”, conferma Mindaugas Butnorius, fondatore di Amuleto. “Amuleto comunica in tempo reale posizione e richiesta d’aiuto solo se si preme il pulsante apposito. A differenza di altri wearable o app per smartphone, né il dispositivo né la app tracciano o condividono i movimenti o lo storico degli spostamenti di chi lo indossa.”

Caratteristiche

  • Puro argento sterling 925
  • Tecnologia Bluetooth Low Energy
  • Connettore Micro USB
  • Fascia in vera pelle
  • Batteria ricaricabile
  • Durata della batteria: 3 settimane
  • 70 metri di distanza operativa
  • Peso della scocca in argento 18 grammi
  • Dimensioni della scocca: 3 cm (lunghezza), 1,5 cm (larghezza), 0,7 cm (spessore)

Disponibilità

Il produttore ha selezionato la nota piattaforma di crowdfunding Indiegogo per lanciare Amuleto sul mercato globale, dando così al pubblico la possibilità di informarsi sull’innovativo gioiello salvavita e di contribuire alla produzione di massa dell’accessorio, fruendo di un interessante sconto “early bird”. I dispositivi ordinati saranno consegnati in tutto il mondo nel mese di luglio p.v.

Continua a leggere

Un nuovo malware ogni 4,2 secondi: G DATA presenta il primo trimestre 2017


“Non credere ad alcuna statistica che non abbia falsificato tu stesso”, usava dire Winston Churchill. Gli esperti di sicurezza di G DATA condividono quanto rilevato nel primo trimestre 2017 rapportandone i risultati ai trend registrati nel 2016.

Nel 2016 l’azienda ha rilevato 6.834.443 nuovi ceppi di malware per workstation, pari ad un incremento del 32,9% rispetto al 2015. Un trend che non accenna a rallentare neanche nel 2017: nel solo primo trimestre G DATA ha registrato 1.852.945 nuovi tipi di applicazioni malevole. Ciò corrisponde ad un nuovo campione di malware ogni 4,2 secondi, un valore che supera del 72,6% le rilevazioni degli analisti G DATA nello stesso periodo del 2016. Gli esperti di sicurezza G DATA pronosticano un nuovo record negativo di 7,41 milioni di nuovi malware entro la fine dell’anno.

 

Il malware in categorie

La quota predominante dei programmi malevoli consta di cavalli di troia prodotti tipicamente allo scopo di scaricare ulteriore malware, rilevare i caratteri digitati sulla tastiera, trafugare password, integrare la macchina infetta in botnet per la conduzione di attacchi DDoS. Al secondo posto in classifica figura l’adware, che lo scorso anno cubava per il 4,9% delle rilevazioni totali ma già nel primo trimestre 2017 è responsabile del 13,9% del malware registrato.

Anche il ransomware è aumentato notevolmente. Tra il primo ed il secondo semestre 2016 si è quasi decuplicato e nel solo primo trimestre 2017 ha mancato di poco i valori registrati nell’intera seconda metà dello scorso anno. Ma attenzione: „il ransomware ha cagionato danni ingenti destando un notevole interesse su scala globale, ma la quota di questo tipo di malware rispetto al totale non è quasi misurabile”, specifica Ralf Benzmüller, Direttore dei G DATA SecurityLabs, che aggiunge “l’adware invece è una delle categorie di malware più produttive, ma non viene quasi percepito dagli utenti”.

Obiettivi del malware: Windows, script e makro

Come d’abitudine, la parte preponderante dei malware per workstation mira a piattaforme Windows, obiettivo del 99,1% delle applicazioni malevole rilevate. Seguono, sebbene a lunga distanza, script, java applets e macro.

Continua a leggere

Tele Alpin AG und FRITZ!Box Cable von AVM: eine fünfjährige Erfolgsgeschichte


Neben dem Kabelfernsehanschluss bietet die Tele Alpin AG seit 1998 auch den Zugang zum Internet an. Vor 5 Jahren entschloss der Full-Service-Provider seinen Abonnenten einen WLAN-fähigen Router zur Verfügung zu stellen. In diesem Rahmen stellte sich für den privaten, unabhängigen Kabelnetzbetreiber die Frage, ob man dabei auf eine für sich ad hoc produzierte Hardware setzen solle, wie es bei anderen Anbietern der Fall ist, oder ob man hierfür lieber auf die Expertise bekannter Netzwerkhersteller zurückgreifen wolle.

Nach eingehender Wirtschaftlichkeits- und Kundennutzen-Analyse, gefolgt von einer sorgfältigen Testphase, wurde die damals aktuelle FRITZ!Box 6320 Cable des Berliner Kommunikationsspezialisten AVM als Plattform für die Bereitstellung der Tele Alpin-Dienste ausgewählt. «Mit einer WLAN-Geschwindigkeit von 150 Mbit/s auf dem 2,4-Frequenzband, einem Gigabit LAN-Port, einer eingebauten Telefonanlage mit DECT-Basis und Anschluss für analoge Telefone, gekoppelt mit der bekannten Funktionsvielfalt der AVM-Firmware, entsprach die FRITZ!Box Cable allen unseren Anforderungen» bestätigt Philipp von Holzen, Technischer Geschäftsleiter Tele Alpin AG.

Von der FRITZ!Box 6320 über die 6360 hinweg bis hin zur FRITZ!Box 6490 Cable, dem heutigen Flaggschiff von AVM für Kabelnetze, klappte die Internetverbindung, die Telefonie und die Übertragung digitaler Kabelfernsehsender auf Anhieb. «Von Modell zu Modell lieferte die FRITZ!Box unseren Kunden zuverlässig die je nach Abonnement maximal verfügbare Internetbandbreite» fügt Philipp von Holzen hinzu.

Aus dem Potential der FRITZ!Box schöpfen, um neue Dienste anzubieten

Eine Funktionalität, der ursprünglich keine grosse Bedeutung beigemessen wurde, sich allerdings mit der FRITZ!Box 6360 und 6490 Cable im Laufe der Zeit als besonders vorteilhaft erwies, ist die Unterstützung externer Telefonanlagen z.B. durch den integrierten ISDN-S₀-Bus. «Wir haben zahlreiche Kunden, darunter einige Hotels, die trotz der angekündigten ISDN-Abschaffung, die eigene ISDN-Anlage mitsamt Telefonen weiterhin nutzen möchten, unabhängig davon, über welches Protokoll oder Medium die Telefonie vom Provider bereitgestellt wird» sagt Herr von Holzen. «Im Umkehrschluss haben wir auch Kunden, darunter einige Praxen, die nach einem Parallellauf der ISDN- und FRITZ!Box-Telefonanlage über mehrere Monate hinweg, Erstere abgekoppelt haben und nun in den Genuss der vielen hochmodernen Komfortdiensten des Telefonsystems der FRITZ!Box gekommen sind». Erwähnenswert dabei zum Beispiel die Anbindung von IP-Türsprechanlagen als Nebenstellen, mit Visualisierung des Besuchers auf dem FRITZ!Fon, und die Möglichkeit, die Tür per Knopfdruck über das Telefon aufzumachen. Diese Funktion ermöglichte es zum Beispiel der Tele Alpin AG, in den letzten sechs Monaten bei zwei Seilbahnbetrieben einen «On-Demand»Fahrtdienst einzurichten. Über eine IP-Türsprechanlage der Firma Mobotix, die als IP-Nebenstelle im Telefonsystem der FRITZ!Box registriert wurde, wird ein Anruf von der Talstation über das FRITZ!Box-Netzwerk bei der Bergstation abgesetzt. Dadurch können die Mitarbeiter der Bergstation die Seilbahnfahrt auf Abruf veranlassen.

Richtfunkantenne Bergstation

 

FRITZ!Box als Richtfunkendgerät

 

Je höher der Kundennutzen, desto höher die Kundenbindung

Dies, kurz gefasst, die Erfahrung der Tele Alpin AG mit der FRITZ!Box. «Mit dem AVM-Router sind wir in der Lage, unseren Kunden alles (Kabelinternet, -TV, Telefonie) aus einer Hand anzubieten oder nur einzelne Dienste freizuschalten, ganz nach Kundenwunsch. Der Kabelnetzbetreiber schränkt desweiteren die Funktionalität des FRITZ!OS nicht ein und gestattet seinen Kunden den vollen Zugriff auf die FRITZ!Box. «Für manche Benutzer sind die Kindersicherung und der WLAN-Gastzugang unerlässlich, manch anderer benötigt einen VPN-Zugang zum eigenen Netz bzw. freut sich, über die MyFRITZ!App auch von unterwegs die komplette Kontrolle über sein Heimnetz zu haben. Ein weiterer möchte mehrere VoIP-Leitungen konfigurieren, um private und geschäftliche Anrufe zu trennen und über eine andere Rufnummer Faxe zu empfangen, ein vierter möchte seine Konfiguration fürs Online-Gaming optimieren» erklärt Herr von Holzen. «Die FRITZ!Box 6490 Cable ist heute der vielfältigste Kabelrouter am Markt. Die Zufriedenheit unserer Kunden hängt einerseits von der Qualität unseres Netzes, andererseits vom ausserordentlichen Funktionsumfang der FRITZ!Box ab. Es wäre ein Fehler, unseren Kunden diese Freiheit und die Experimentierfreude durch funktionell unzulängliche Geräte bzw. durch ‘Branding-Massnahmen’ zu nehmen.» Allein bei den von AVM regelmässig veröffentlichten Firmware-Updates gestattet sich der Provider vor Ausrollen eine Testphase, um sich der Kompatibilität des neuen FRITZ!OS mit dem eigenen Kabel- und Glasfasernetzes zu vergewissern. «Je nach Umfang der von AVM eingeführten Verbesserungen und neuen Funktionen nehmen die Tests maximal zwei bis drei Wochen ab Verfügbarkeit der neuen Firmware in Anspruch» bestätigt Herr von Holzen.

Eine starke Partnerschaft

Der Tele Alpin AG ist es besonders wichtig, den eigenen Abonnenten den besten Service zu garantieren. AVM unterstützt den Provider mit seiner über 30-jährigen Expertise. Dank der ausführlichen, stets aktuellen Produktdokumentation und der umfangreichen Wissensdatenbank mit hilfreichen Konfigurationstipps sind die meisten Benutzerfragen von vorn herein geklärt. Das technische Personal von Tele Alpin verfügt zudem über ein tiefgreifendes Know-How und bietet den Kunden bei Bedarf sogar 24/7 Support. Darüber hinaus können im Allgemeinen FRITZ!Box-Benutzer jederzeit auf den AVM-Kundendienst zurückgreifen. «Mit vielleicht 10 defekten Geräten in den ganzen fünf Jahren, verzeichnen wir kaum Ausfälle mit den Routern, dabei zählen wir mittlerweile über 2000 zufriedene FRITZ!Box-Benutzer. Die Stabilität und Robustheit der AVM-Produkte sucht ihresgleichen» fügt Herr von Holzen hinzu.

FRITZ!Box und Tele Alpin: ein Best-Practice Beispiel

Zusammenfassend ist die Tele Alpin AG mit der vor fünf Jahren getroffenen Entscheidung sehr zufrieden. «Sollte es die FRITZ!Box nicht mehr geben, so wäre dies ein grosser Rückschritt für Tele Alpin. Mit dem All-in-One-Gerät von AVM können wir unser Serviceangebot flexibel gestalten und dabei unseren Kunden die Möglichkeit geben, von einem zukunftsweisenden, massgeschneiderten Heimnetz zu profitieren, das heute schon für die Entwicklungen von morgen bereit ist».

Continua a leggere

Telefonia IP quo vadis: le 5 tendenze per il 2017 in Italia


L’avvento della telefonia VoIP ha dato luogo a nuovi scenari competitivi nel mondo della piccola e media impresa. Pur nella confusione di un mercato come quello italiano che è ancora lontano dall’essere completamente orientato al VoIP aperto e direttamente fruibile per l’utente finale, le imprese cominciano a riconoscere i vantaggi economici e operativi oltre che l’efficienza in termini di organizzazione del lavoro della telefonia tramite IP. Iniziano anche le prime migrazioni ai servizi di telefonia internet erogati tramite cloud. Chiunque oggi operi nel settore del VoIP, sia esso fornitore o utente finale, deve prestare attenzione alla continua evoluzione della tecnologia e ai cambiamenti di approccio da parte dei fornitori di connettività e telefonia. Senza la pretesa di possedere la sfera di cristallo, con questo articolo descriviamo alcuni scenari che si delineeranno nel corso dell’anno nel mercato del VoIP, contestualizzando la ricaduta dei trend internazionali sulla situazione italiana.

Il 5G e la banda ultralarga

Nel resto del mondo si discute già di un possibile avvento della tecnologia 5G entro il 2020 e le istituzioni europee si stanno accordando per assegnare le frequenze TV alla banda larga mobile. In Italia prevale la linea secondo cui si passerà al 5G nel 2022, con almeno due anni di ritardo rispetto agli USA. Non è da escludersi però che la copertura 4G/LTE verrà estesa, poiché ove la rete 4G/LTE è già stabile, l’utente dispone di una banda sufficiente per un corretto funzionamento del VoIP in mobilità e per la fruizione di servizi internet avanzati. A fronte di questo sviluppo é anche prevedibile che i piani di abbonamento dati mobile saranno adeguati alle crescenti esigenze di banda da parte dell’utenza. Tutto questo trova conferma nel fatto che se da un lato in un contesto internazionale appare evidente che la vera rivoluzione del VoIP mobile potrà avvenire solo con il passaggio alla tecnologia 5G, dall’altro si prevede che gli utenti di telefonia mobile VoIP su scala globale saranno oltre 1 miliardo nel corso del 2017.

Ciò premesso, è altrettanto chiaro che ancor prima di pensare al 5G, l’Italia deve colmare l’annoso gap tecnologico in tema di banda larga e ultralarga. Una questione su cui le autorità di settore Agcom e Antitrust stanno cercando di accelerare il passo. Secondo i dati ufficiali foniti dal Ministero dello Sviluppo Economico attraverso Infratel italia (società in-house del Ministero dello Sviluppo Economico, soggetto attuatore del Piano nazionale Banda Larga e del Progetto Strategico Banda ultralarga) questa è ad oggi la situazione italiana nel contesto europeo:

Italia Media Europea
Popolazione servita da banda da
2 a 20Mbit (ADSL/2/2+)
96.9% 97%
Popolazione servita da banda
a 30Mbit (FTTN)
35.4% 58%
Popolazione servita da banda
a 100Mbit (FTTH)
11% 18,7%

Considerando che stiamo parlando di dati medi europei appare evidente l’arretratezza strutturale italiana, ma la situazione nel nostro Paese si sta finalmente evolvendo. Open Fiber S.p.A. (Of), la società del Gruppo Enel nata a dicembre 2015, si è aggiudicata un’ importante gara a livello nazionale lo scorso 7 marzo e si sta apprestando a portare la la fibra ottica a banda ultralarga (BUL) in tutta Italia. La tecnologia utilizzata è qualla Fiber to the Home (FTTH), l’unica in grado di supportare velocità di trasmissione di fino a 1 Gbps in download e upload. Il piano di sviluppo dovrebbe inizialmente coinvolgere 6 regioni (Abruzzo e Molise, Emilia Romagna, Lombardia, Toscana e Veneto) e dovrebbe avviarsi a breve.

La rete sarà data in concessione per 20 anni e rimarrà di proprietà pubblica. Le lavorazioni saranno articolate in diverse fasi a partire da giugno fino alla fine del 2018. Va sottolineato che si tratterà di allacciamenti in FTTH ossia di fibra ottica portata direttamente all’interno delle aziende e delle abitazioni private. Tale tipologia di allacciamento non va confusa con linee FTTN, FTTC e FTTB che seguono un percorso diverso e prevedono la fornitura della connettività con terminazione su doppino in rame (tecnologia VDSL).

La tecnologia LTE, il futuro 5G e la diffusione della della fibra ottica agevoleranno senza dubbio il telelavoro e l’impiego di servizi VoIP ma non sono l’unico fattore che determinerà l’aumento del numero di persone che utilizzano servizi di telefonia via Internet.

(c) 123rf.com

Trasparenza delle reti e della connettività

Indipendentemente dai progressi qualitativi delle infrastrutture per le telecomunicazioni, uno dei principali ostacoli all’attuale espansione del VoIP in Italia è dato dalla sostanziale “chiusura” delle linee telefoniche fornite dagli operatori.

Nonostante il 95% delle informazioni vocali viaggi già da tempo tramite IP sulle principali dorsali Italiane, la consegna domestica e aziendale della linea avviene ancora, nella fase terminale, con tecnologie analogiche o interfacce digitali ormai superate. Come produttore di soluzioni per le comunicazioni unificate con la missione di garantire la massima interoperabilità delle nostre piattaforme con l’ecosistema aziendale, non possiamo che chiederci che senso abbia trasportare tutte le telefonate in VoIP attraverso l’Italia per poi consegnarle con tecnologie obsolete. Eppure, per quanto insensato, è pratica diffusa obbligare il cliente business ad acquistare apparati (gateway) per la riconversione in VoIP del segnale ricevuto. Proprio per questo motivo cresce in Italia il numero degli operatori VoIP che, riconosciuto l’alto potenziale di questa situazione, erogano servizi di telefonia tramite SIP Trunk, sgravando le aziende dall’acquisto di apparecchi aggiuntivi e allineandosi da subito alla best practice europea che si avvale di SIP Trunk come modalità di consegna standard delle linee telefoniche.

Con l’avvento della banda ultralarga e, soprattutto, con l’aumento della domanda di servizi web liberamente fruibili e interfacciabili previsto in Italia nel corso dei prossimi 3 anni, le politiche protezionistiche adottate da alcuni operatori italiani sono destinate a scomparire progressivamente. Peraltro, direttive stringenti in merito al SIP Trunk come modalità di erogazione standard delle linee telefoniche su IP dovrebbero arrivare dall’Europa entro il 2018, si spera che l’Italia recepisca velocemente le indicazioni fornite.

L’inarrestabile corsa all’integrazione e il cloud

Il VoIP non è l’unico servizio di cui le aziende italiane fruiscono via Internet. Accanto ad esso ritroviamo tutti i principali servizi di Customer Relationship Management, applicazioni per la produttività aziendale e il back-office. Una tendenza che spinge un crescente numero di fornitori di soluzioni VoIP a produrre piattaforme integrate con le più diffuse soluzioni di CRM, ERP e altri software enterprise. Il particolare interesse dimostrato dai responsabili aziendali verso questo tipo di convergenza, dato l’ovvio incremento dell’efficienza dei collaboratori, porterà ad avere soluzioni sempre più evolute: il concetto di semplice “centralino VoIP” o “centralino telefonico”, come lo conosciamo, è destinato a svanire, sostituito da piattaforme di comunicazione unificata altamente integrate di nuova generazione.

La sicurezza al primo posto

Forbes ha citato recentemente la sicurezza come una delle prime tre preoccupazioni che le imprese avranno durante il 2017. E’ un dato di fatto che, con le dovute eccezioni, i servizi di telefonia via Internet sono più vulnerabili ad attacchi delle linee e dei telefoni fissi tradizionali. I sistemi home-made ed i PBX basati su software open source obsoleto o non aggiornato sono i primi ad essere esposti a possibili violazioni. Anche le piattaforme VoIP sul cloud sono soggette a rischi e, per quanto riguarda gli attacchi al cloud, il 2017 in generale è visto come un anno da bollino rosso.

I fornitori di soluzioni e piattaforme VoIP non possono prescindere dall’investimento in misure di sicurezza. Alcuni produttori di soluzioni per la telefonia IP, tra cui 3CX, sono in prima linea nel garantire e anticipare i più elevati standard di sicurezza e cifratura delle conversazioni. Alle aziende che antepongono la sicurezza alla fruizione delle moderne piattaforme per le telecomunicazioni raccomandiamo di affidarsi a prodotti sicuri, testati e verificati sul campo in un contesto possibilmente internazionale, e di evitare accuratamente l’utilizzo di prodotti VoIP sviluppati assemblando semplicemente parti di codice fornito da terze parti.

Potenziali criticità della Rete

Il VoIP ha una moltitudine di vantaggi al proprio attivo ma non è l’unica tecnologia a far uso della rete Internet.

Con “Internet of Things” (IoT) identifichiamo essenzialmente ogni dispositivo collegato ad altri dispositivi attraverso la grande rete. La rilevanza economica dell’IoT e quindi dell’interconnessione e della remotizzazione di moltissimi processi aziendali è testimoniata in Italia dalle attuali politiche volte a favorire l’adozione di macchinari di nuova generazione e soluzioni IoT nelle industrie (Industrial Internet of Things). Su scala globale si prevede che dagli oltre 6 miliardi di dispositivi presenti sull’IoT nel 2016 si passerà a 21 (alcuni sostengono addirittura 27) miliardi entro il 2020. Uno sviluppo tanto fulmineo potrebbe dar luogo a colli di bottiglia in termini di banda nel corso dei prossimi anni. Naturalmente l’ottimizzazione dell’uso della banda da parte di singoli dispositivi e la qualità delle connessioni rappresenteranno un fattore fondamentale per il continuo successo della telefonia IP in ambito aziendale.

Conclusioni

I sistemi Voice over IP sono disponibili ovunque, con una flessibilità mai vista prima. Essi forniscono una serie di vantaggi rispetto ai tradizionali centralini telefonici legacy, tra cui – nel caso dei produttori più innovativi – la capacità di rispondere oggi alle esigenze future. Una concorrenza molto articolata assicura un costante miglioramento dei servizi, l’integrazione di caratteristiche sempre più avanzate e una massiccia riduzione dei costi d’accesso e di fruizione della telefonia IP, già comunque più competitivi rispetto a qualunque soluzione PBX di tipo tradizionale.

Nuove infrastrutture, nuovi modi di utilizzare la rete, servizi integrati, comunicazioni unificate, in Italia siamo in piena fase di sviluppo, è quindi essenziale essere preparati per ciò che il VoIP ha in serbo per noi nei prossimi anni. Per i professionisti e gli imprenditori informati e che seguono l’evoluzione del mercato, la strada da perseguire per guadagnare un vantaggio competitivo è comunque già evidente.

Data breach – le aziende hanno perso il contatto con la realtà?


I numerosi partecipanti ad una recente indagine si sono detti sereni in merito alla strategia di cybersecurity adottata nella propria azienda. però alla luce dei recenti casi di violazione dei dati, questa fiducia pare malriposta. Ma alla fine del tunnel si intravede una luce: governi e aziende tributano alla sicurezza informatica una crescente attenzione e all’interno delle grandi aziende la consapevolezza delle minacce è aumentata considerevolmente, ma purtroppo non in modo uniforme.

Nel quadro dello studio intitolato Building Confidence – The Cybersecurity Conundrum , Accenture ha condotto un sondaggio con 2000 responsabili di cybersecurity in merito alla rispettiva percezione del livello di sicurezza complessivo della propria azienda. Il numero di intervistati che afferma di avere molta fiducia nelle strategie adottate è impressionante. La maggior parte delle aziende coinvolte nell’indagine conferma altresì di essere riuscita a modificare la cultura aziendale integrandovi con successo una maggior attenzione verso la sicurezza con il sostegno del rispettivo top management.

Giulio Vada, Country Manager, G DATA Italia

Compliance vs. Sicurezza

Premesse più che rosee, se non fosse per l’allarmante aumento del numero di casi di data breach. Questa dicotomia tra la sensazione di sicurezza percepita e la reale capacità di un’azienda di affrontare le minacce è probabilmente dovuta a un impiego errato degli strumenti di governance della sicurezza e a una errata allocazione del relativo budget. Nel momento cruciale le organizzazioni paiono porsi e rispondere alle domande sbagliate. Tra queste i quesiti più pressanti sono “qual è la posta in gioco” e “in cosa dobbiamo investire”, ma entrambe le domande necessitano di una risposta che contempli la messa in sicurezza dei propri asset. La conseguenza di tutto ciò è che le aziende hanno serie difficoltà nel bloccare attività fraudolente e a prevenire attivamente la violazione dei propri dati. Secondo lo studio, circa un terzo dei tentativi mirati a rendere inefficaci le misure di sicurezza adottate per garantirsi accesso indebito ai dati ha successo. I problemi più comuni fanno capo alla modalità di investimento delle aziende e all’approccio alla sicurezza che ne deriva: a volte l’impellente necessità di essere conformi alle normative va in conflitto con una mitigazione efficace dei rischi informatici che potrebbero avere conseguenze ben più negative per l’azienda. La compliance richiede grandi sforzi economici e organizzativi, ma non protegge l’azienda.

Strategie efficaci

Quindi cosa può fare un’organizzazione quando si confronta con questi temi? Abbiamo già sottolineato che l’approccio a “cerotto” adottato dai più nei confronti della sicurezza informatica è una piaga. Una valutazione approfondita dei rischi è l’unico modo per affrontare il problema, al contrario di strategie atte a risolvere singole criticità e in quanto tali prive di una visione d’insieme. Sorprendentemente la maggior parte delle aziende non conosce neanche il reale valore degli asset da proteggere. Una moderna cultura della gestione del rischio permetterebbe ai team deputati alla sicurezza di identificare i rischi e condurre una semplice analisi costi/benefici per valutare l’utilità di qualsiasi investimento in una specifica misura di sicurezza.

Ciò che dà da pensare è la grave carenza di iniziative di formazione. L’acquisizione di competenze sulla sicurezza è essenziale e dovrebbe essere una delle aree in cui investire molto al fine di incrementare il livello di consapevolezza dei singoli impiegati. Gli stessi impiegati andrebbero visti come “consumatori” della sicurezza. Un impiegato ben preparato può fornire supporto ai team di sicurezza e contribuisce ad incrementare la fiducia nelle misure adottate dall’organizzazione. Peraltro, se gli impiegati sono sufficientemente informati e consci degli indicatori, possono aiutare ad identificare e prevenire incidenti di sicurezza. Il coinvolgimento attivo degli impiegati nella sicurezza potenzierà senza dubbio il livello di protezione complessivo dell’organizzazione.

Quindi, per finire, un incremento della fiducia nella sicurezza va benissimo, fintanto che l’azienda è davvero pronta a rispondere alle minacce informatiche e a raggiungere un livello di maturità superiore.

Continua a leggere

Cambio gomme: oltre la metà degli italiani monta pneumatici deteriorati


L’indagine condotta a inizio marzo dallo specialista degli pneumatici 123gomme.it su un campione rappresentativo di 1000 intervistati, mette in luce il ruolo essenziale dell’autofficina di fiducia nel reperimento di informazioni, lascia però anche trasparire un primato preoccupante, quello di chi corre grossi rischi prima di sostituire i propri pneumatici.

Il passaggio dagli pneumatici invernali a quelli estivi a partire dal 15 aprile p.v. rappresenta per molti automobilisti anche un’occasione per sostituire l’intero treno di gomme. Il sondaggio commissionato da 123gomme.it e condotto sul territorio nazionale all’inizio di marzo dall’istituto di ricerca indipendente Norstat, valuta le abitudini degli Italiani in merito alla sostituzione del set di pneumatici: dove si reperiscono le informazioni sul potenziale nuovo acquisto e cosa decreta che è davvero giunto il momento di acquistare un nuovo treno di gomme?

(c) 123rf.com

Reperimento informazioni: risicata la maggioranza di chi si fida dell’officina

Quando si tratta di acquistare un nuovo treno di gomme, il 40% del campione maschile e il 42% del campione femminile, senza variazioni rilevanti tra le diverse aree geografiche del Paese, non ricerca alcuna informazione. Si rivolge al contrario direttamente al rivenditore o all’officina di fiducia, ritenendo che proponga i migliori pneumatici. Internet contende quasi a pari merito il primato delle officine con un 38% degli intervistati che o confronta i top seller tra gli pneumatici proposti dai  negozi online  e reperisce poi informazioni mirate sul treno di gomme desiderato su appositi forum (il 34% degli intervistati di sesso maschile contro il 20% delle intervistate di sesso femminile), oppure confronta semplicemente i prezzi online e acquista il set più economico (8%), essendo dell’opinione che ormai uno pneumatico valga l’altro. Il 14% degli intervistati fa invece affidamento sulle esperienze della propria cerchia familiare o di amicizie. Con un 23% sul totale delle partecipanti femminili, la percentuale delle donne che ha selezionato questa risposta supera di gran lunga quella maschile (11%). Infine l’8% afferma di optare sempre per la stessa marca di gomme presente sulla vettura al momento dell’acquisto, ritenendo che lo pneumatico selezionato dal produttore sia il migliore per la propria automobile.

Infografica 123gomme.it

Quel 51% che rischia troppo prima di acquistare nuovi pneumatici

I mille intervistati del sondaggio di 123gomme.it hanno risposto molto chiaramente alla domanda relativa a cosa li spinge ad acquistare un nuovo treno di gomme. Gli intervistati che confidano nel giudizio dell’autofficina sullo stato di deterioramento degli pneumatici sono solo il 49% (ma in totale il 57% delle donne che hanno partecipato al sondaggio). Il 51% pospone l’acquisto fino a correre gravi rischi per la propria sicurezza. La suddetta quota si compone di un 26% degli intervistati, che conferma la propria propensione all’acquisto solo quando riscontra un comportamento anomalo degli pneumatici durante la guida. Il 15% (con un 16% degli intervistati nell’Italia nordoccidentale e un 17% degli intervistati dell’Italia centrale) indica invece che acquista nuove gomme solo in presenza di  fessure che superino 1,5 cm di profondità e 10 cm di lunghezza. Considerando che questa risposta è frutto della creatività di 123gomme.it al fine di misurare le competenze degli italiani in merito alla sicurezza stradale, risulta allarmante che un discreto numero di intervistati l’abbia reputata verosimile. Segue chi ritiene opportuno sostituire il treno di gomme quando gli pneumatici raggiungono l’età media massima, ossia all’incirca ogni sette anni (7%), e un esiguo 3% di intervistati che invece acquista nuovi pneumatici solo quando viene multato perché il battistrada è troppo sottile, una percentuale che sale al 4% nell’Italia nordoccidentale e al 5% a nordest, ma scende al 2% tra le intervistate.

Continua a leggere