Android colabrodo: 8.400 nuovi malware al giorno nel primo trimestre 2017.


Il livello di rischio rimane allarmante, ma non è dovuto solo all’alacre attività dei cybercriminali.

Con una quota di mercato del 72 per cento a livello mondiale, il sistema operativo Android domina chiaramente il mercato della telefonia mobile. In Italia, circa il 69 per cento dei possessori di smartphone utilizza un dispositivo Android (Fonte: Statcounter, marzo 2017). Nel primo trimestre 2017, gli esperti dei G DATA Security Labs hanno individuato oltre 750.000 nuovi malware per Android, in media 8.400 nuove app dannose al giorno, una ogni dieci secondi.

Ancora troppo bassa la diffusione di Android 7

La vulnerabilità del sistema operativo Android, come di altri sistemi operativi, non é una novità. Molte aziende, tra cui Microsoft, Adobe o la stessa Google rilasciano con regolarità aggiornamenti di sicurezza. I proprietari di dispositivi Nexus o Pixel ricevono queste patch direttamente da Google. Purtroppo però la quota dei possessori dei “Googlefonini” è molto ridotta (nel mese di marzo 2017 in Italia oltre il 40% dei naviganti con smartphone Android impiegava dispositivi Samsung – fonte Statcounter), e attualmente, su scala globale, solo il 4.9 per cento degli utenti Android beneficia della versione 7 del sistema operativo sul proprio dispositivo, nonostante Nougat sia disponibile dal 7 agosto 2016 (status al 04.2017 Fonte: Google).

Tale enorme dilatazione dei tempi di consegna degli aggiornamenti dipende in massima parte dal fatto che quando Google rilascia una patch o una nuova versione del proprio sistema operativo, i produttori e gli operatori devono adattarla ai propri dispositivi. Il tutto richiede un’eternità e in alcuni casi tale processo non ha proprio luogo, forse perché la strategia di mercato per cui, su base annuale, sono immessi sul mercato nuovi top di gamma lascia poco spazio alla cura dei modelli precedenti (comunque ancora commercializzati poiché recenti) e della pletora di dispositivi di gamma medio-bassa. Per gli utenti ciò comporta l’esposizione a inutili rischi. Considerando l’impatto dei dispositivi mobili sulla quotidianità personale e aziendale, beneficiare di frequenti aggiornamenti di sicurezza che chiudono falle del sistema operativo è essenziale.

Come proteggersi

A differenza di Windows, per chi acquista un dispositivo sia esso uno smartphone o un tablet Android, non è sempre possibile determinare per quanto tempo e se il produttore renderà disponibili i dovuti aggiornamenti di sicurezza. Dotarsi di una soluzione completa per la protezione dei propri dati e delle proprie credenziali contro trojan come BankBot, contro malware in genere, tentativi di phishing, di dirottamento delle sessioni e di infezione drive-by è assolutamente un must. Di fronte al crescente volume e alla sofisticatezza delle minacce e al grado di obsolescenza dei sistemi operativi presenti sulla stragrande maggioranza degli smartphone e tablet Android, stare attenti non è sufficiente.

Conclusioni

Sebbene le moderne soluzioni complete per la sicurezza mobile siano in grado di tutelare gli utenti, riteniamo quanto mai opportuna una massiccia riduzione dei tempi di reazione da parte di tutti i produttori e un repentino cambio di rotta nei processi di distribuzione degli aggiornamenti di Android.

Continua a leggere

MWC 2017: sicurezza mobile componente basilare della rivoluzione digitale


logo-claim-2015-3c-highresG DATA presenta al Mobile World Congress 2017 di Barcellona le proprie soluzioni di sicurezza completa per smartphone e tablet. Padiglione 6, stand 6B40.

Il leitmotiv del Mobile World Congress 2017 è “basilare” (elemental), uno slogan che simbolizza egregiamente il grado di integrazione dei dispositivi mobili nel nostro quotidiano. Nella nostra penisola il 70% dei consumatori è connesso a Internet unicamente attraverso smartphone e tablet o attraverso device mobili in combinazione con dispositivi desktop. Gli Italiani inoltre trascorrono più tempo su mobile che su desktop, al mobile fa capo infatti il 64% della durata totale delle connessioni (fonte:comScore, analisi 2016). Altrettanto rapidamente cresce il numero di minacce ai danni dei device mobili: con 3.246.284 nuove istanze di malware per Android nel 2016, corrispondente ad un aumento del 40% anno su anno, i cybercriminali hanno messo a segno un nuovo record. A fronte della sua redditività, questo mercato è di forte interesse per i cybercriminali che escogitano metodi sempre più creativi per attirare utenti ignari nella propria trappola.

gdata-infographic-mmwr-h2-16-new-android-malware-per-year-en-rgb

G DATA illustrerà come gli utenti possono rendere sicuri i propri dispositivi mobili con sistema operativo Android e iOS e salvaguardare la propria identità digitale, e come le aziende possano mettere in atto efficaci misure di Mobile Device Management dal 27 febbraio al 2 marzo in occasione del Mobile World Congress di Barcellona, padiglione 6 – stand 6B40.

 

Highlight di G DATA al Mobile World Congress

  • Secure Chat per iOS e Android
    L’applicazione G DATA Secure Chat consente di condurre chat temporizzate, protette attraverso una crittografia multipla che garantisce anche lo scambio sicuro di file multimediali. Già inclusa nella suite G DATA Mobile Internet Security per Android, l’applicazione sarà disponibile a breve anche per dispositivi iOS.
  • Modulo VPN integrato
    Anche gli utenti iOS potranno beneficiare di questa funzionalità integrata nel G DATA Mobile Internet Security. Non sarà quindi più necessario installare ulteriori soluzioni per la protezione del traffico dati nelle reti pubbliche di hotel, bar, ristoranti, aeroporti. Il modulo VPN integrato può essere posto automaticamente in background quando l’utente mobile naviga in Internet, controlla le e-mail o effettua le proprie transazioni bancarie.
  • Status del livello di insicurezza mobile
    Le 3.246.284 nuove istanze di malware per Android identificate nel corso del 2016 rappresentano un nuovo record negativo, corrispondente ad un incremento del 40 percento rispetto al 2015 ai danni di una componente ormai basilare per la nostra quotidianità. Oltre a svolgere attività di online-banking, spedire messaggi o navigare in internet tramite smartphone, gli utenti impiegano questi tuttofare sempre più spesso come telecomando per dispositivi IoT. A Barcellona gli esperti di sicurezza di G DATA presenteranno i più recenti attacchi perpetrati contro utenti privati e aziende. Come si possono affrontare in modo efficace le sfide del mondo mobile?

mwc2017

Continua a leggere

3CX: Luci e ombre della mobile enterprise


L’enterprise mobility è la chiave del successo delle aziende nel prossimo futuro, ma solo se si minimizzano fattori che possono minarne l’efficacia.3CX-Logo-High-Resolution-1024x372
L’opinione di 3CX.

Modena – Sono numerosissimi gli istituti di ricerca indipendenti a livello globale che vedono il futuro di infrastrutture e telecomunicazioni evolversi a medio termine da “mobile friendly” a “mobile only”, specie presso quelle aziende con un management molto articolato o con numerosi collaboratori sul territorio, tra cui personale commerciale o operatori dell’assistenza tecnica. Una trasformazione che, a detta degli analisti, dovrebbe seguire lo stesso percorso tracciato da applicazioni accessibili inizialmente anche tramite web e che ora sono esclusivamente fruibili tramite web e infrastrutture accessibili anche tramite cloud oggi esclusivamente cloud-based. Più che “se”, secondo gli analisti c’è da chiedersi quando vivremo concretamente questa trasformazione.

In Italia, con l’eccezione di pochi settori di mercato tra cui quello informatico, dove già da tempo la maggior parte dei collaboratori opera per lo più da remoto, sono ancora poche le misure attuate in favore del “lavoro agile”. Tutti i settori però sono accomunati da un uso ormai imprescindibile dei dispositivi mobili, piattaforme da cui non si può che beneficiare, mettendo a frutto i vantaggi della digital transformation, tanto più necessaria alle aziende, quanto più aumenta la concorrenza internazionale.

“Dall’incremento della mobilità in azienda, che venga traslata o meno in ‘lavoro agile’, ci si aspettano risvolti estremamente positivi in termini di produttività, abbattimento dei costi e gestione della clientela, e – a lungo termine – effetti positivi anche a livello sociale, quali una riduzione del gender gap e un maggior equilibrio tra vita privata e attività professionale dei singoli collaboratori”, conferma Loris Saretta, Sales Manager Italy / Malta di 3CX, motivo per cui gli investimenti in infrastrutture e applicazioni che favoriscano l’enterprise mobility saranno forieri, secondo IDC, di un giro d’affari globale di 1.7 trilioni di dollari entro il 2020. La corsa all’enterprise mobility però presenta anche alcuni aspetti che possono ridurre se non minare l’efficacia di tali investimenti.

“Le aziende che intendono investire in enterprise mobility devono fare i conti con una realtà, che vede da un lato la necessità di ottimizzare collaborazione e comunicazione con gli impiegati remoti che sono oggettivamente più isolati rispetto alle controparti presso la sede aziendale e, dall’altro, un nuovo livello di minaccia alla riservatezza di dati e comunicazioni”, sottolinea Saretta. Fattori che, se non presi debitamente in considerazione, danno luogo ad un fallimento immediato dei progetti di incremento della mobilità.

Restringendo il campo alle soluzioni UC aziendali, l’uso degli smartphone per lo più promiscuo professionale/privato mette in difficoltà i reparti IT, che, se da un lato devono garantire la sicurezza delle conversazioni condotte tramite smartphone e dei dati a cui si accede tramite questo strumento, dall’altro devono assicurare agli utenti la libera fruibilità del proprio cellulare. Ecco perché, sempre secondo IDC, uno dei cavalli trainanti del business generato dall’incremento della mobilità saranno proprio sistemi per la messa in sicurezza e la gestione di tali dispositivi. Focalizzata da sempre sulla massima sicurezza delle conversazioni, 3CX offre alle aziende softphone client per piattaforme mobili (Android, iOS, Windows e MAC) gratuiti si collegano al centralino aziendale tramite tunnel/proxy SIP integrato, per una cifratura punto punto dei dati e delle conversazioni. Ciò implica che anche in presenza di app private e/o malevole che richiedono indiscriminatamente l’accesso ai contatti e al microfono del dispositivo, i dati e le conversazioni condotte tramite i client 3CX sono protetti.

Anche la proliferazione di app su smartphone o tablet è uno dei frutti della corsa alla mobility che indubbiamente non favorisce la semplificazione dei processi aziendali, né tantomeno consente all’impiegato di ottimizzare le proprie attività. Al contrario obbliga il collaboratore remoto, che ha oggettivamente esigenze di comunicazione molto più pressanti dei suoi pari in sede, a acrobatismi tra più applicazioni anche solo per interfacciarsi con colleghi, superiori e clienti. Se poi in azienda si impiegano sistemi CRM o ERP, accedere ai dati dei clienti da chiamare o a informazioni aggiornate e rilevanti per la telefonata da condurre, richiede in genere l’utilizzo di ulteriori app. Doversi avvalere di più app per condurre una telefonata “informata” con un cliente o per consultarne i recapiti, per avviare una videoconferenza o anche solo per sapere se un collega è reperibile risulta alla lunga oberoso, cagionando l’abbandono dei nuovi strumenti.

Con l’ultimo aggiornamento, 3CX ha reso l’integrazione dei propri client con le piattaforme mobili ancora più trasparente. Le chiamate in arrivo sui nuovi client per iOS e Android sono trattate dal sistema esattamente come le chiamate ricevute tramite rete mobile. E’ possibile rispondervi anche in presenza di blocco schermo e, qualora arrivi una chiamata su rete mobile durante la telefonata condotta tramite il client 3CX, è possibile metterla in attesa o inoltrarla alla segreteria. Allo stesso modo, trasformare una chiamata condotta con il client 3CX in una videoconferenza web è questione di un click. Niente interruzioni, niente ritardi, niente hardware o app ad hoc. I client forniscono inoltre in una singola app tutte le funzionalità UC (instant messaging, stato presenze, e servizi comfort) erogate dal centralino e offrono accesso a tutte le informazioni disponibili a sistema, tra cui rubriche e informazioni presenti nel CRM, con cui la soluzione UC di 3CX si integra nativamente e a cui trasmette automaticamente i log della chiamata, al fine di registrare l’avvenuta presa di contatto con quello specifico cliente, riducendo anche il tempo necessario per la reportistica.

“Con soluzioni UC allo stato dell’arte, sicure ed altamente interoperabili come la piattaforma 3CX, avvalersi in modo nomadico del proprio interno telefonico aziendale e di tutti i servizi UC erogati dal sistema è molto semplice, nonché sicuro. Questo è il nostro contributo attivo alla digital transformation di infrastrutture e sistemi per le telecomunicazioni, oggi sempre più mobile-driven”, conclude Saretta.

Continua a leggere

Giocattoli vs privacy: facciamo il punto


logo-claim-2015-3c-highresTrascorso il Natale facciamo il punto su una tipologia di gioco che sicuramente avrà trovato posto sotto l’uno o l’altro albero. Se l’oggetto dei desideri è stato un gioco elettronico vale la pena fare attenzione: talvolta una semplice bambola si rivela molto più “smart” di quanto voglia farci credere.

Bambole affamate di dati
Non sono poche le segnalazioni relative alla scarsa sicurezza nei giocattoli “intelligenti”. Già nel 2015 le “Hello Barbie” hanno destato attenzione poiché elaboravano dati inviandone parte a server nel cloud senza previo consenso né tutela, motivo per cui ai tempi la Mattel, produttore di “Hello Barbie” si assicurò il famigerato “Big Brother Award”. Ad un anno di distanza alcune ricerche hanno evidenziato che anche i giocattoli della Genesis Toys, non ancora commercializzati in Italia ma acquistabili online in qualsiasi momento, raccolgono numerosissime informazioni. La denuncia sottoposta il sei dicembre scorso alla Federal Trade Commission statunitense elenca dettagliatamente i dati raccolti da bambole e robot di Genesis oltre a dati GPS e registrazioni vocali:

  • Nome del bambino
  • Nome dei genitori
  • Alimento preferito
  • In quale scuola va il bambino
  • Programmi TV preferiti
  • Principessa preferita
  • Giocattolo preferito

Va da sé che la raccolta di tali dati estremamente personali e la loro trasmissione via internet metta in allarme numerosissime persone. Se tali dati cadessero nelle mani di delinquenti, non possiamo che aspettarci conseguenze disastrose. Nessuno desidera che informazioni sensibili come l’indirizzo di casa o della scuola sia reso noto a potenziali predatori, ancor meno che questi dispongano di informazioni note altrimenti solo alla cerchia familiare. Inoltre tali giocattoli smart sono microspie ideali, poiché nascoste nel miglior posto possibile, la bambola che siede proprio al centro della stanza. Configurabili tramite app per iOS e Android, tali giocattoli si connettono allo smartphone via bluetooth. La app richiede un eccessivo numero di autorizzazioni, tra cui anche l’accesso al microfono dello smartphone, senza però motivare concretamente la richiesta di tali autorizzazioni.

genesis-doll

Elaborazione Dati
I dati raccolti, come quelli vocali, non vengono elaborati da Genesis Toys.
La tecnologia alla base del riconoscimento vocale del giocattolo è fornita da un secondo produttore, la Nuance Communications.
I dati raccolti vengono inviati a server negli USA per essere analizzati dal produttore. Una pratica non insolita, chi si avvale di Siri su iPhone o iPad accede al pendant Apple di una simile infrastruttura. Fatte salvo poche eccezioni, l’analisi del linguaggio ha luogo sempre sul cloud, poiché la sua elaborazione richiede una potenza di calcolo ben superiore a quella di uno smartphone o di un giocattolo per bambini.
Supponendo che lo smartphone venga impiegato prevalentemente dagli adulti, la situazione si fa particolarmente critica se si parla di dati riguardanti i minori. Anche la VTech in passato ha subito dure critiche per l’accidentale divulgazione di migliaia di dati riguardanti bambini causata da una falla dei loro servizi Web, un incidente in seguito a cui hanno modificato i propri termini e condizioni nel tentativo di scaricare ogni responsabilità di futuri incidenti sui genitori.
Benvenuti nella giungla (legale)
Siamo onesti:
Quando è stata l’ultima volta che abbiamo letto per intero i termini e le condizioni d’uso o di licenza di un software o di una appliccazione prima di accettarli?
Né Genesis Toys né Nuance Communications nascondono come vengono impiegati i dati raccolti tramite i giocattoli. Quasi tutte le informazioni sono elencate nelle condizioni d’uso. Tuttavia alcune clausole sono formulate in modo talmente vago ([…]raccoglie dati per uso interno[…] ) o velato, da rendere necessaria una lettura particolarmente attenta. Chi desidera sapere esattamente come Nuance impiega i dati raccolti, viene indirizzato con un link alle linee guida di Nuance sulla protezione dei dati, dove si menziona esplicitamente, che i dati vengono usati anche a scopo pubblicitario. Non ci sorprende quindi che i giocattoli diventino piattaforme per il piazzamento di prodotti o servizi. La versione statunitense delle bambole risulta affermare chiaramente che adora andare a Disney World e che l’Epcot Center sia la sua attrazione preferita.
Gran parte delle motivazioni della denuncia a carico di Genesis verte sul fatto che il gruppo target per cui sono stati prodotti tali giocattoli non sia in grado di dare il proprio consenso ai termini ed alle condizioni del produttore in modo legalmente vincolante (in Italia a norma di legge solo al compimento del 18 anno di età). Inoltre il produttore non può neanche verificare in modo irrefutabile, se i genitori hanno dato il loro consenso.

Cosa possono fare i genitori
Preoccuparsi, alla luce di tali notizie, è una reazione normale, dato che produttori di giocattoli blasonati hanno tenuto in passato una condotta non proprio esemplare in merito alla protezione della privacy. Fare però di tutta l’erba un fascio condannando tutti i giocattoli elettronici non contribuisce a migliorare la situazione. Al contrario, tali notizie e informazioni dovrebbero spronare i genitori di valutare con maggior attenzione se è opportuno acquistare l’uno o l’altro giocattolo, istruendo il più chiaramente possibile i propri figli in merito all’uso appropriato dell’oggetto, una volta acquistato.

Continua a leggere

App store di terze parti – isola felice di Gooligan


Logo-Claim-2015-3c-highresIl fatto che numerose app a pagamento sullo store Google ufficiale siano disponibili gratuitamente tramite store di terze parti risulta per alcuni utenti particolarmente allettante. Un recente studio su un nuovo malware Android denominato “Gooligan” mostra però che tali applicazioni nascondono numerose insidie.

Bochum (Germania) – Secondo la recente analisi di Checkpoint i dispositivi più colpiti sarebbero quelli su cui sono installate versioni più datate del sistema operativo Android. Gooligan utilizza ben due vulnerabilità note e documentate, al fine di violare l’accesso root del dispositivo. Come risultato, il dispositivo installa autonomamente altre applicazioni. In tal modo, il numero di download di queste applicazioni viene gonfiato, incrementandone di conseguenza il ranking nello store. Per coloro ai quali questo approccio suona familiare, nella scorsa metà dell’anno, anche il malware HummingBad, che utilizzava la stessa procedura, ha dato importanti spunti di discussione.

Quali sono i rischi?

Dal momento che Gooligan, come HummingBad, viola il dispositivo, il cybercriminale ha accesso indiscriminato a tutti i dati archiviati sul dispositivo. Sebbene, allo stato attuale, non siano noti accessi indesiderati a immagini o documenti personali, a livello squisitamente tecnico non sussisterebbe alcun limite a tale manipolazione.

Per scaricare più applicazioni Gooligan trafuga il cosiddetto token* di autenticazione per l’account Google dell’utente. Se il malintenzionato è venuto in possesso di questo token, sarà in grado di accedere a tutti i servizi Google di cui il titolare del conto è fruitore. Misure di sicurezza come l’autenticazione a due livelli in questo caso perdono la propria efficacia, poiché – dalla prospettiva dei server di Google – il token risulta essere corretto e regolarmente registrato.

Quanti dispositivi sono interessati?

Potenzialmente tutti i telefoni e tablet Android su cui è installato Android 4 o Android 5 e con i quali sono state scaricate applicazioni da app store di terzi. Dispositivi con versioni di Android più recenti non sono colpiti dalla minaccia.

Tuttavia, per un numero purtroppo elevato di dispositivi le versioni più recenti di Android non sono (ancora) disponibili. Le versioni “Kit Kat” e “Lollipop” cubano ancora per quasi il 60% dei sistemi operativi installati sui dispositivi in uso su scala mondiale. Terreno fertile per Gooligan che non pare avere un targeting verticale contro un particolare gruppo di utenza o specifiche aziende ma colpisce indiscriminatamente chiunque.

g_data_blog_android_stats_77948w859h530

Quali misure ha intrapreso Google?

Google ha già contattato e informato gli utenti colpiti e revocato i token violati, rendendoli inutilizzabili per i cybercriminali. Gli interessati devono registrarsi nuovamente dopo aver rimosso il malware. Purtroppo, l’unico metodo affidabile per rimuovere Gooligan dai dispositivi infetti è resettare il dispositivo. Questo metodo permette di rimuovere l’accesso illegittimo alla root e assicura che l’applicazione incriminata venga rimossa. Eventuali applicazioni il cui ranking ha beneficiato delle attività di Gooligan sono già state rimosse da Google Play.

Infine Checkpoint ha stilato un elenco di applicazioni manifestamente infettate da Gooligan.

I consigli di sicurezza di G DATA

  • La protezione più efficace è l’uso di una versione Android aggiornata, priva quindi delle falle sfruttate da Gooligan. Dal momento che questo non è sempre possibile, è necessario fare attenzione quando si utilizzano applicazioni scaricate da fonti non ufficiali. Come rilevato dai ricercatori G DATA infatti, un quarto delle applicazioni presenti su piattaforme di terzi è infetto.
  • Particolare cautela è consigliata se uno smartphone o un tablet, appartenente alle categorie di rischio di cui sopra, viene utilizzato in un ambiente business. A seconda del modo in cui i dati sono archiviati e elaborati su tali dispositivi, possono essere accessibili a persone non autorizzate.
  • L’installazione di una protezione efficace contro i malware sui dispositivi mobili non è quindi solo un extra ma un must. Questo vale sia per i privati sia in azienda.

—–

* Token di autenticazione

Il token può essere paragonato al tipico badge di un dipendente. Il vettore della scheda può muoversi con essa nell’edificio, senza doversi legittimare ulteriormente. Qualora tale badge venga rubato, il ladro potrà muoversi altrettanto liberamente nell’edificio come il legittimo detentore del badge, beneficiando degli stessi privilegi di accesso del derubato.

Continua a leggere

Il sondaggio estivo di G DATA: l’80% non rinuncia a internet in ferie


Logo-Claim-2015-3c-highresI dispositivi mobili sono i compagni di viaggio più popolari – la sicurezza, invece, rimane al palo.

Bochum (Germania) | Estate, sole e sicurezza – in spiaggia o in montagna, i vacanzieri non rinunciano ad essere online, neanche in viaggio. Per questo motivo il 74% porta con sé lo smartphone. Il 31% invece preferisce il tablet. Solo uno su cinque mette in valigia un notebook. Questi i risultati di un’indagine estiva condotta su un campione di 1000 utenti internet. Ma in che modo si accede a internet in vacanza? Il 69% dei viaggiatori si avvale di hotspot wifi aperti in hotel, negli aeroporti o al ristorante. Il 21% si avvale di internet café e di terminali a disposizione di chiunque. Tutti inviti al furto dei dati personali, non solo le mere credenziali di accesso ai diversi servizi online. G DATA raccomanda di proteggere i propri compagni digitali in modo adeguato prima di partire e fornisce ulteriori consigli utili per godersi le ferie.

Condividere selfie scattati in spiaggia o foto dell’appetitoso piatto servito al ristorante, o controllare rapidamente il meteo locale é praticamente impossibile se non si é online durante il periodo più bello dell’anno. Il wifi è ormai disponibile quasi ovunque, che si tratti di hotel, ostelli o altre strutture di ospitalità estiva. Nelle località di villeggiatura, molti caffè, bar e ristoranti offrono hotspot gratuiti per attirare più clienti. In questo modo i vacanzieri possono restare in contatto con amici e familiari anche in viaggio. Tuttavia molti dispositivi mobili non sono affatto protetti e i cybercriminali hanno davvero gioco facile.

GDATA Infographic Summer Survey 2016 EN RGB

“Gli obiettivi più popolari sono gli hotspot aperti negli aeroporti e negli hotel. Questi punti d’accesso dispongono generalmente di una scarsa protezione, i cybercriminali possono facilmente spiare tutto il traffico e carpire informazioni su carte di credito, password, email e altri dati personali. Tutti dettagli che vengono trasformati in denaro sonante attraverso forum del dark web o di cui è possibile abusare per altre attività criminali. Per questo motivo i turisti dovrebbero evitare ad ogni costo di condurre transazioni bancarie o di fare acquisti online durante le ferie” consiglia Tim Berghoff, G DATA Security Evangelist. L’esperto elargisce un ulteriore consiglio per i social network. “Le foto delle vacanze non dovrebbero essere postate pubblicamente su facebook o altri social, ma condivise eventualmente a posteriori, per non far sapere ai cybercriminali che che proprio in quel momento a casa vostra non c’è nessuno”.

Buone norme da osservare prima di partire:

  • Prenotazioni: E’ raccomandabile fare attenzione anche in fase di pianificazione delle ferie. I portali con strabilianti offerte per l’estate sono spesso strumenti di phishing. Consigliamo di prenotare solo attraverso portali di viaggio globalmente riconosciuti e di impiegare una soluzione di sicurezza che protegga la stessa navigazione.
  • Software: Disporre di un’applicazione di sicurezza é una buona opzione per mettere i bastoni tra le ruote ai cybercriminali. In vacanza tali app aiutano anche a localizzare I dispositivi persi o rubati e forniscono in alcuni casi indizi sulle attività dei ladri. I dati sensibili possono essere facilmente cancellati remotamente tramite smartphone, tablet o notebook dotati di soluzioni di sicurezza specifiche.
  • Aggiornamenti: Aggiornare il software del dispositivo prima di partire é importante: chiudere potenziali falle con gli aggiornamenti è la cura di bellezza pre-vacanze ideale per il vostro compagno digitale.
  • Backup: Idealmente nessuno dovrebbe portare con sé in vacanza dati o informazioni riservate. Qualora non si abbiano alternative, un backup regolare risulta essenziale, che sia salvato su un disco di archiviazione esterno (USB o similari) o sul cloud tramite la soluzione di sicurezza installata.

Cosa considerare una volta raggiunto il luogo di villeggiatura:

  • Hotspot wifi: Ormai quasi tutti gli hotel e i caffé dispongono del wifi. Molto utile ma anche molto rischioso. I criminali possono spiare facilmente le email scambiate tramite tali punti di accesso o carpire dati critici come i dettagli della carta di credito, le password e similari. Consiglio importante: E’ opportuno effettuare transazioni bancarie o d’acquisto prima o dopo le ferie.
  • Internet café: Impossibile farsi un’idea concreta del livello di sicurezza offerto o sapere se il PC messo a disposizione non sia infettato da malware. Non é opportuno loggarsi su account sensibili tramite i PC di questi café o delle lobby in albergo, idealmente bisognerebbe navigare in modalità “incognito” per evitare che eventuali dati immessi vengano archiviati dal sistema. Al termine della sessione, bisogna scollegarsi da qualunque account su cui ci si è loggati e cancellare la cronologia di navigazione.
  • Social network: Occorre stare attenti a ciò che si posta pubblicamente sui social network durante le ferie. I criminali utilizzano tali dati per creare vere e proprie mappe su cui evidenziare le proprietà non occupate in un dato momento. Per questa reagione, i ricordi più belli delle ferie dovrebbero essere inviati privatamente ad amici o parenti e condivisi su facebook o altri social solo una volta rientrati.
  • Disabilitare le reti wireless: Le funzioni bluetooth e wireless dovrebbero essere disattivate quando non sono impiegate, esse rappresentano infatti un possibile punto d’accesso per attaccare il dispositivo.

Continua a leggere

Dispositivi mobili e vulnerabilità: perché un cambio di rotta è sempre più necessario


Logo-Claim-2015-3c-highresGli aggiornamenti di sicurezza del firmware di smartphone e tablet devono raggiungere l’utente in modo tempestivo.

Quando e come i produttori di smartphone e tablet decidono se chiudere le falle di sicurezza dei propri dispositivi? Questa ed altre domande sono state poste dalla Federal Trade Commission (FTC) e dalla Federal Communications Commission (FCC) ai vari produttori di device mobili negli Stati Uniti, richiedendo spiegazioni ed una chiara presa di posizione in merito.[1] Tale richiesta dimostra che la questione della protezione dei dispositivi mobili contro la criminalità informatica assume una crescente importanza. Anche G DATA ha più volte richiamato l’attenzione su questo argomento. [2]

OpenPadlock
Nuovi modelli di punta con cadenza annuale

Molti produttori di smartphone immettono ogni anno nuovi modelli di punta sul mercato, cui si affiancano una pletora di dispositivi di fascia medio-bassa e a basso costo. In sede di acquisto, all’utente non è chiaro se e per quanto tempo il proprio smartphone o tablet sia tutelato attraverso importanti aggiornamenti di sicurezza. Per rilasciare un update che chiude importanti vulnerabilità, è necessario considerare un infinito numero di variabili, tra cui ad esempio il fatto che gli operatori stessi devono adattare tali aggiornamenti alla versione di Android che hanno impiegato nei dispositivi brandizzati. Tutte queste variabili, provocano un sostanziale ritardo nel ciclo di rilascio di tali aggiornamenti all’utente.

Google rilascia aggiornamenti con regolarità

Google, quale sviluppatore del sistema operativo Android, dà il buon esempio e, come Microsoft con i suoi “patch days”, ha impostato una cadenza mensile per gli aggiornamenti di sicurezza. Purtroppo però, dal giorno in cui vengono rilasciati tali aggiornamenti al momento effettivo in cui raggiungono la maggior parte degli utenti, trascorrono settimane o addirittura mesi, con un forte impatto sulla sicurezza del dispositivo. Vulnerabilità critiche restano quindi aperte – e sfruttabili da eventuali aggressori – per un considerevole periodo di tempo.

Un inutile rischio per la sicurezza degli utenti

Tutto ciò rappresenta un rischio inutile per gli utenti, specialmente se consideriamo il ruolo ormai primario assunto da smartphone e tablet nella vita privata e nelle attività professionali di ciascuno di noi. Secondo uno studio condotto dalla ING-DiBa, il 47% dei correntisti conduce le proprie transazioni bancarie online tramite smartphone o tablet. E’ soprattutto quando svolgiamo attività come online-banking o shopping che è importante poter contare su una sicurezza completa, ma non solo, anche le aziende, i cui dipendenti impiegano tali dispositivi per la conduzione delle proprie attività, hanno il massimo interesse nell’assicurarsi che tali dispositivi siano dotati delle più recenti patch di sicurezza: una falla sfruttabile dai cybercriminali può essere fonte di ingenti quanto indesiderati danni economici.

Occorre un cambiamento di rotta

A nostro avviso è essenziale che si instauri una stretta sinergia tra i produttori dei dispositivi e sviluppatori di sistemi operativi. In tal senso è auspicabile la definizione di processi e procedure grazie alle quali gli aggiornamenti, specie quelli legati alla sicurezza del sistema operativo, raggiungano gli utenti tempestivamente. I cybercriminali hanno da tempo indirizzato la loro attenzione verso i dispositivi mobili, sviluppando e propagando malware sempre più sofisticati proprio per tali piattaforme [3], motivo per cui una rapida fruibilità degli aggiornamenti di sicurezza dovrebbe essere prioritaria per sviluppatori, produttori e, soprattutto, per gli utenti.


[1] https://www.ftc.gov/news-events/press-releases/2016/05/ftc-study-mobile-device-industrys-security-update-practices
[2] https://public.gdatasoftware.com/Presse/Publikationen/Malware_Reports/G_DATA_MobileMWR_Q3_2015_EN.pdf
[3] https://public.gdatasoftware.com/Presse/Publikationen/Malware_Reports/EN/G_DATA_MobileMWR_Q4_2015_EN.pdf

Continua a leggere