Tutti parlano di «exploit», ma di cosa si tratta esattamente?


Immaginate che il recinto del vostro giardino sia danneggiato. Forse vi è noto che la recinzione presenti delle brecce o forse non ancora. Una cosa è certa: qualsiasi malintenzionato può avvalersene per fare irruzione nel vostro giardino e farsi strada verso casa vostra utilizzando i vostri attrezzi da giardino. Analogamente ciò accade con le falle di sicurezza sul vostro computer: i cybercriminali mirano a scovarne il più possibile per condurre i propri attacchi.

Come funziona un attacco con exploit?

Gli exploit sono piccoli programmi che individuano e sfruttano falle nella sicurezza. Il malware, come per esempio un ransomware, viene caricato solo in un secondo momento (“Payload”). Ecco come avviene un attacco.

1. Identificare le vulnerabilità
Gli exploit possono essere nascosti in un documento Word o essere scaricati automaticamente semplicemente visitando una pagina web. Cercano quindi punti attaccabili nell’applicazione con
cui sono stati scaricati (lettori di documenti, browser web ecc.).

2. Depositare un codice malevolo
Quando gli exploit trovano una vulnerabilità adatta, collocano un codice malevolo da qualche parte nella memoria del vostro computer.

3. Manipolazione dei processi delle applicazioni
Un’applicazione funziona compiendo tanti piccoli processi che hanno luogo in successione. L’avvio di un processo dipende dalla conclusione corretta del precedente, un
flusso stabilito esattamente nel codice di programmazione.Gli exploit sono programmati per modificare la sequenza originale in modo da dirottare il flusso dell’applicazione sul codice
manipolato. Ne consegue che non viene eseguito il normale codice dell’applicazione, bensì il codice dannoso infiltrato in precedenza.

4. Attivazione
Una volta attivato il malware può accedere alle funzioni del programma in cui è penetrato e a tutte le funzioni generalmente accessibili del sistema operativo. Quindi l’exploit raccoglie informazioni sul sistema e può scaricare ulteriori codici maligni da Internet.

5. Scaricamento del malware
A questo punto ransomware, trojan bancari o altri malware vengono scaricati sul computer.

Come arrivano gli exploit sul mio computer?

Gli exploit si diffondono prevalentemente in due modi. Nel primo caso si scaricano sul computer navigando, celati dagli altri contenuti della pagina web che si sta visitando. Nel secondo caso si celano nei documenti allegati alle e-mail, in chiavette USB, su hard disk esterni e simili.

Exploit “drive-by”

Lo scaricamento di exploit “drive-by” avviene “di passaggio” senza che l’utente se ne accorga. A tale scopo i cybercriminali manipolano direttamente i banner pubblicitari sulle pagine web o i server a cui sono collegati in modo piuttosto subdolo: tale trucco viene utilizzato anche su pagine affidabili. Basta un click sulla pubblicità per avviare il download in background. Il programma dannoso scaricato cerca quindi vulnerabilità nel browser o tra i plug-in.

L’infezione “drive-by” è quella più utilizzata per diffondere exploit kit. I kit consistono in una raccolta di exploit con obiettivi multipli. Molti kit presentano spesso strumenti per attaccare Flash, Silverlight, PDF Reader e browser web come Firefox e Internet Explorer.

Exploit nei file

Questa modalità di infezione è la più utilizzata per attaccare aziende. Gli exploit vengono diffusi sistematicamente attraverso PDF manipolati e allegati alle e-mail. Il file si presenta come una fattura o un’inserzione ma contiene exploit che dopo l’apertura sfruttano le vulnerabilità di Adobe Reader. Lo scopo di tali attacchi solitamente è lo spionaggio (APT).

Perché le applicazioni sono soggette a vulnerabilità?

Chi sviluppa software scrive righe su righe di codice in diversi linguaggi di programmazione. Spesso i programmatori si avvalgono di librerie di codici messe a disposizione da altri sviluppatori. Con la grande quantità di codici di programmazione e la crescente complessità delle applicazioni sfuggono immancabilmente degli errori.

Una volta venuti a conoscenza delle vulnerabilità insite nel codice delle proprie applicazioni, i produttori di software diffondono una versione “riparata” del programma (“Patch”), scaricabile dagli utenti che fanno uso del software.

Come mi difendo dagli exploit?

Per chiudere il maggior numero di falle possibili, al fine di ridurre quanto più possibile la superficie d’attacco, è consigliabile installare gli aggiornamenti del software per i programmi più importanti. È altresì essenziale dotarsi di una soluzione di sicurezza di nuova generazione in grado di riconoscere gli exploit zero-day, come le suite G DATA, una funzione che sopperisce al fatto che il più delle volte passano diverse settimane tra la scoperta della falla e il rilascio/ installazione di una patch sul dispositivo vulnerabile. Va da sé infatti che il periodo tra l’individuazione di una falla non nota al produttore da parte dei cybercriminali e la distribuzione di una patch sia ovviamente il più pericoloso.

Continua a leggere

Cybersicurezza nell’industria: un progetto strategico da non sottovalutare


A fronte della maggior interazione tra i sistemi industriali tradizionali e la OT (tecnologia operativa), le minacce informatiche relative ai settori ingegneristico e produttivo rappresentano un pericolo rilevante. Tra i numerosi settori industriali, le società energetiche e logistiche hanno già subito attacchi basati sulle vulnerabilità ivi riscontrate negli ultimi anni. Attacchi che hanno messo in luce il fatto che il cyberterrorismo non nuoccia esclusivamente alla produzione ma anche alla reputazione dell’azienda attiva in ambito industriale. L’adozione di solide politiche di sicurezza da parte delle organizzazioni è perciò essenziale per proteggersi non solo dalle minacce attuali ma anche dagli attacchi futuri, sempre più sofisticati e inevitabili.

Proteggere la linea di produzione dalla A alla Z

Qualsiasi vulnerabilità nella rete fornisce un potenziale accesso agli hacker mettendo a rischio sia l’infrastruttura dell’azienda sia i suoi dati, i suoi impiegati e i suoi clienti. Nel caso particolare delle società di pubblica utilità, anche l’ambito in cui operano. I nuovi attacchi mettono regolarmente in mostra le debolezze dei sistemi privi di protezione. Tuttavia, in ambito industriale, i limiti operativi cui sono vincolate le organizzazioni riducono le possibilità di aggiornare i sistemi e/o svecchiare l’infrastruttura IT. Dato che la produzione è un processo continuo che non può essere interrotto, si dà scarsa priorità a qualsiasi modifica ai sistemi.

Ecco perché dotarsi di dispositivi che centralizzino la cybersecurity, coprendo simultaneamente sia l’Operational Technology (OT) sia l’Information Technology (IT) pare una scelta sensata per assicurare che i sistemi produttivi beneficino di una combinazione di misure di protezione ad hoc senza alcun impatto sulla prosuzione.

Workstation: non più anello debole nella catena di sicurezza

In un ambiente Microsoft Windows, che ritroviamo quasi ovunque nel settore industriale, le workstation sono da sempre il punto debole dell’intero sistema. Un impianto efficiente deve essere in grado di contrastare cyberattacchi particolarmente aggressivi così come di porre automaticamente rimedio alla negligenza e/o all’errore umano – ad oggi la maggiore causa di incidenti informatici. Fenomeni, che possono essere affrontati, avvalendosi di varie funzionalità avanzate come l’analisi comportamentale o il controllo delle periferiche come chiavi USB pre-registrate o pre-scansite, per evitare il rischio oggettivo di esposizione del sistema a varie tipologie di intrusione.

Tutelare le postazioni di lavoro remote e l’accesso remoto all’infrastruttura

È indubbio che la distanza tra i sistemi industriali e Internet si stia accorciando sempre più, anche a fronte del fatto che tali sistemi o la relativa manutenzione vengano trasferiti sempre più spesso nel cloud o remotizzati al fine di ottimizzare i processi. Tale apertura però ne incrementa l’esposizione ai cybercriminali perennemente alla ricerca di una falla nell’armatura. I produttori e gli ingegneri sono impegnati primariamente nella progettazione di sistemi innovativi ma la loro integrazione con le reti implica la necessità di tributare maggior attenzione alle modalità con cui si garantisce accesso remoto all’infrastruttura e alla protezione delle workstation remote.

Robert Wakim Offer Manager – Stormshield Industry Business Unit

Garantire un’alta disponibilità della rete

Nonostante la loro solidità, i sistemi operativi industriali non sono al sicuro da attacchi né compatibili con gli ambienti interconnessi odierni. Considerata la convergenza tra OT e IT, è più che mai necessario trovare un equilibrio tra la disponibilità della rete e la tutela contro gli attacchi informatici. Conditio sine qua non dell’alta disponibilità è che sistemi soggetti a vulnerabilità rimangano “aperti” per l’esecuzione delle operazioni anche in presenza di condizioni che possano cagionare disservizi.

Capire la differenza tra i rischi relativi all’ OT e all’ IT non è più importante, benché si stiano facendo passi in avanti in tal senso in ambito industriale. L’avvicinamento tra ambienti OT e IT è solo un vantaggio per le aziende, ma per beneficiarne efficacemente è essenziale proteggere entrambi, assicurandosi la massima disponibilità dei sistemi e combattendo attivamente il rischio di cyberattacchi.

Continua a leggere

Quando le Unified Communications diventano strumento per la compliance


Per assicurarsi la conformità agli standard PCI o al GDPR è necessario tutelare i dati sin dalla prima condivisione delle informazioni tra cliente e azienda: spesso già nei call center.

Oggi come mai prima si tributa massima attenzione alla salvaguardia dei dati sensibili. Il nuovo regolamento europeo per la protezione dei dati (GDPR) è solo l’ultimo di un lungo elenco di oneri a carico delle aziende, spesso già alle prese con l’adempimento agli standard per la protezione dei dati e la sicurezza delle transazioni effettuate con carte bancarie (PCI). Alle organizzazioni è richiesto un aumento del livello di sicurezza sulla base di strategie per la protezione dei dati imperniate sulle modalità di archiviazione e tutela delle informazoni trattate da una data organizzazione. Ma a partire da dove? Nel caso di aziende dotate di call center o centri di contatto cui vengono comunicati i dati della carta di credito o informazioni personali sensibili da parte dei clienti, con quali strumenti le aziende proteggono i clienti e se stesse?

Nick Galea, CEO 3CX

Conoscere i rischi

Già in occasione di questo primo contatto i dati sono esposti a numerosi rischi, accidentali come intenzionali. Per errore o disinformazione, l’operatore di un call center potrebbe per esempio registrare più dettagli sulle modalità di pagamento selezionate dal cliente di quanto autorizzato dagli standard PCI o archiviare tali dati su supporti poco sicuri. Analogamente, il GDPR impone specifiche limitazioni in merito a quando e come le organizzazioni possono archiviare dati, per quanto tempo e in che modo li tutelano. Inoltre, le imprese devono essere pronte a condividere i dati con i clienti o con altre aziende, qualora il cliente ne faccia richiesta. Una richiesta che spesso giungerà in primis al call center.

I rischi non si limitano a fattori interni all’organizzazione. Aggressori esterni potrebbero vedere il call center come l’anello più debole nella sicurezza di un’organizzazione: la necessità di rendere accessibili i dati a operatori e clienti e l’incidenza dell’errore umano si trasformano facilmente in una violazione delle informazioni riservate. Alla luce di sanzioni legate all’adempienza agli standard PCI che aumentano esponenzialmente a dipendenza dalla somma dei dati messi a rischio e del tempo necessario per identificare e correggere eventuali problemi e a fronte delle sanzioni previste dal GDPR, che possono ammontare a diversi milioni di euro in base al fatturato aziendale, le sole conseguenze finanziarie dell’inadempienza possono essere catastrofiche. Se poi vi aggiungiamo i potenziali danni reputazionali è chiaro che le organizzazioni devono garantire la massima tutela dei dati dei clienti a partire dall’avamposto più esterno del proprio perimetro.

Assumere il controllo

Le imprese possono fare molto per proteggere i loro clienti e se stesse attraverso un uso corretto dell’infrastruttura per le telecomunicazioni. Ogni call center è sicuramente dotato di linee guida e protocolli che gli operatori sono tenuti a seguire per assicurare che i dati siano protetti. Adottando le Unified Communications l’azienda si assicura la vigilanza su ogni canale di comunicazione con il centro di contatto, dalla messaggistica istantanea, alle chiamate, fino ai moduli utilizzati dai dipendenti per l’inserimento dati, riducendo notevolemente il rischio di errore o eventuali tentativi fraudolenti di alterare il processo di registrazione delle informazioni.

Una soluzione per le Comunicazioni Unificate (UC) ben progettata non è solo in grado di registrare tutte le comunicazioni, quindi di dimostrare la non colpevolezza degli operatori in caso di necessità o di identificare rapidamente una qualsivoglia attività dolosa. Le UC possono anche garantire che le informazioni sensibili, come i dettagli della carta di credito, siano archiviate al posto giusto, nel formato corretto, riducendo il rischio che gli impiegati dispongano di troppe informazioni. Allo stesso modo, è possibile limitare le comunicazioni tra clienti e operatori o tra gli stessi dipendenti a specifici canali e determinati orari – riducendo nuovamente il rischio di un’eccessiva condivisione dei dati.

Limitare le vulnerabilità

Utilizzare le UC per ridurre l’incidenza di errori cagionati dall’uomo contribuisce ad arginare una singola vulnerabilità, ma le organizzazioni devono proteggersi anche contro attacchi esterni. Il primo più probabile obiettivo di qualsiasi attacco al call center saranno gli operatori stessi: se dovessero comunicare informazioni sensibili poiché raggirati, sarà piu difficile individuare l’attacco. In primo acchito parrebbe quindi che i dipendenti siano il solo punto debole e che il mero monitoraggio delle comunicazioni non sia tutela sufficiente in situazioni simili, ma non è così. A fronte della dismissione delle linee telefoniche tradizionali in favore di linee telefoniche basate su IP (SIP trunking), garantirsi accesso alla rete aziendale tramite l’infrastruttura per la telefonia via Internet è un obiettivo particolarmente allettante per i cybercriminali. Anche qualora un attacco andato a buon fine non infici la riservatezza dei dati dei clienti, esso può avere altre implicazioni, ad esempio l’attaccante potrebbe prendere possesso dei telefoni IP per avvalersene tramite reti robocall.

Le organizzazioni dovrebbero informarsi sul livello di sicurezza garantito dal fornitore della linea IP (SIP trunk), e quindi decidere se è il caso di adottare ulteriori misure di protezione: il gestore della linea ha adottato sistemi in grado di riconoscere, individuare e respingere quanto meno gli attacchi noti?

E’ fuor di dubbio che il controllo sia un elemento essenziale nella tutela contro gli attacchi esterni. Ma se i dispositivi utilizzati dagli operatori sono autorizzati a svolgere esclusivamente determinate mansioni e possono comunicare solo a senso unico, il rischio che se ne abusi per carpire dati è potenzialmente ridotto. Ci sono ovviamente anche strumenti tecnici per proteggere la connessione, implementati in soluzioni UC di nuova generazione, che spaziano dalla cifratura dei dati e delle comunicazioni al monitoraggio di ogni comportamento sospetto indice di minaccia.

Conformità alle normative- imposizione o opportunità?

Per quanto oneroso, un corretto approccio agli adempimenti normativi favorisce lo sviluppo delle pratiche migliori a tutela dei consumatori e clienti, oltre a consentire alle aziende di lavorare meglio grazie all’adozione di tecnologie allo stato dell’arte. A fronte degli standard PCI, del GDPR e dei regolamenti sulla protezione della privacy a venire, le imprese che impostano la gestione dei propri rapporti con la clientela su strategie di controllo e tutela dei canali di comunicazione impiegati tramite Unified Communications avranno un vantaggio competitivo.

Continua a leggere

WannaCry ovvero “ritorno al futuro”


Il nostro universo interconnesso sta vivendo una crisi importante dovuta all’ormai sensazionalistico ransomware WannaCry, aka WannaCrypt, WanaCrypt0r o WCry, diffusosi a macchia d’olio in pochissimo tempo con modalità che richiamano alla memoria un passato non proprio recente. Matthieu Bonenfant, Chief Marketing Officer, Stormshield, condivide le sue riflessioni.

Assediate da tempo dalla minaccia del ransomware, molte organizzazioni sono riuscite a volare sotto i radar dei cybercriminali mentre altre hanno adottato misure preventive incrementando la consapevolezza degli utenti e impiegando tecnologie di nuova generazione per la propria sicurezza. Tuttavia WannaCry è parso a tutti dotato di una “nuova arma” che ne incrementa a dismisura la potenziale diffusione e il danno cagionato.  Una volta infettato un singolo sitema tramite – per esempio – l’apertura di un allegato, questo malware di nuova generazione è in grado di diffondersi automaticamente in modo del tutto trasparente senza intervento umano, replicandosi quasi istantaneamente su tutte le macchine insufficientemente protette nella rete aziendale. Ma è davvero così?

Quindi qual è la novità? In realtà nessuna, sfortunatamente.

La situazione attuale dà adito a parallelismi con un’esperienza altrettanto caotica del passato. Circa 10 anni fa il worm Conficker obbligò numerose aziende e organizzazioni a disattivare le proprie reti informatiche, chiudere temporaneamente punti di vendita, interrompere catene logistiche, persino l’areonautica militare subì blocchi operativi. Questo worm, che continuava ad assumere nuove forme, si è diffuso in un lampo e ha infettato milioni di sistemi in tutto il mondo. A quei tempi liberarsi dal worm richiese sforzi enormi in termini monetari, di energie, risorse e tempo. Alla fine di questa battaglia, le aziende colpite erano così traumatizzate da essere determinate a non rivivere mai più un’esperienza del genere. “Mai più” è diventato il mantra di un congruo numero di responsabili IT che avevano finalmente fatto esperienza dell’impatto dei rischi informatici sulle proprie attività aziendali.

Ed eccoci qui, dieci anni dopo.  Potremmo dire che è cambiato ben poco da allora, dato che la stessa ricetta ha dimostrato la stessa efficacia dieci anni dopo. Conficker e WannaCry usano lo stesso metodo di propagazione: sfruttano da remoto una vulnerabilità critica di Microsoft attraverso i servizi SMB e NetBIOS. In entrambi i casi, la patch era disponibile mesi prima che il malware fosse lanciato. Dieci anni dopo la stessa tecnica continua a creare subbuglio nelle aziende. Purtroppo non risulta esistere un grafico simile a quello del maggio 2017 prodotto dal SANS Internet Storm Center sull’uso via internet della porta SMB (TCP/445), ma anche allora gli strumenti per il monitoraggio del traffico mostravano un picco simile durante la fase di propagazione di Conficker.

Il picco di utilizzo della porta SMB (TCP/445) durante la propagazione del malware WannaCrypt (maggio 2017).

Gli strumenti che avrebbero cambiato completamente il corso della storia

La cosa più spiacevole nel caso di WannaCry è che la situazione avrebbe potuto essere facilmente evitata o quanto meno ampiamente mitigata: due mesi fa Microsoft ha rilasciato una patch di sicurezza per la vulnerabilità del servizio SMB sfruttata per la diffusione del malware. Molti esperti avevano emesso avvisi riguardo alla criticità di tale falla, riferendosi esplicitamente a Conficker.

Un mese dopo, il gruppo di hacker noti come Shadow Brokers ha persino diffuso il codice rubato alla NSA che sfruttava questa vulnerabilità. Un’informazione passata in sordina e nota ai più solo ora che l’attacco è in corso è oggetto dell’interesse dei media.

Le aziende e le organizzazioni hanno avuto un ampio lasso di tempo per applicare la patch o la soluzione che avrebbe relegato WannaCry al rango di “semplice” ransomware, come tutti quelli con cui noi, quale produttore di soluzioni per la sicurezza IT, ci confrontiamo quotidianamente.

Oltre ad applicare tempestivamente le patch di sicurezza, tecnologie come quelle presenti in Stormshield Endpoint Security basate sull’analisi comportamentale e non sulle mere signature, assicurano una risposta reale a minacce simili a WannaCry, bloccando lo sfruttamento di vulnerabilità anche qualora non siano note o prevenendo azioni malevole, come la cifratura illegittima dei file. Una soluzione che protegge egregiamente anche sistemi basati su Windows XP o Windows 2000, spesso ancora impiegati in infrastrutture critiche, che necessitano di speciali attenzioni.

Conclusioni

Come Conficker, anche WannaCry ha dimostrato che una maggiore consapevolezza dei rischi informatici, adatte misure per la mitigazione di tali rischi e un’applicazione tempestiva delle patch di sicurezza prodotte dai vendor sono sicuramente lo strumento migliore per evitare di incappare ciclicamente negli stessi problemi. Non resta che da chiedersi se “repetita juvant”.

Quando i dati raccolti dai giocattoli connessi al cloud sono alla mercè di chiunque


Oltre 800.000 credenziali di accesso ai servizi e 2 milioni di registrazioni vocali accessibili per settimane in Rete

Da qualche giorno la stampa riporta il caso della Spiral Toys, produttore dei pelouche „Cloudpets“ connessi al cloud, che consentono di registrare e inviare messaggi vocali tra bambini e genitori anche da remoto. Per omissione delle più elementari regole di sicurezza, queste registrazioni sensibili sono state accessibili a estranei per settimane via Internet. Il caso riguarda oltre 800.000 utenti registrati.

La situazione

Non è una novità che un operatore archivi online le registrazioni vocali degli utenti per poi elaborarle. Chiunque impieghi Apple Siri, Google Home o Amazon Echo si avvale di infrastrutture simili. I servizi vocali vengono offerti sempre più spesso e pur presentando notevoli vantaggi non sono scevri da rischi. Gli operatori hanno tutto l’interesse a proteggere questi dati dall’accesso indesiderato, le conseguenze di una potenziale fuga o perdita dei dati sono infatti catastrofiche sia per gli utenti sia per l’operatore. Il caso di Spiral Toys è un esempio lampante di come possa verificarsi un tale incidente: alcuni esperti di sicurezza hanno riscontrato che due banche dati del produttore erano raggiungibili via Internet senza alcuna protezione.

 

Buone intenzioni, errori elementari e pessimo timing

Le due le banche dati accessibili per più settimane a chiunque ne conoscesse l’indirizzo web, contenevano oltre nove Gigabyte di dati tra cui, tra le altre cose, tutte le registrazioni vocali trasmesse tra bambini e genitori. Come dichiarato dall’esperto di sicurezza Troy Hunt, il nome assegnato alle banche dati fa presupporre che le stesse non fossero impiegate produttivamente, bensì a scopo di test. Disporre di sistemi di prova raggiungibili via Rete non è inusuale, tuttavia in questo caso sono stati fatti due gravi errori. Innanzitutto le piattaforme di test non devono mai contenere i dati reali dei clienti, proprio per evitare compromissioni e fughe di dati. In secondo luogo il produttore ha omesso di implementare uno dei consigli di sicurezza più elementari per sistemi MongoDB: proteggere le banche dati contro accessi indesiderati con adeguate misure di autenticazione.

La banca dati contenente le registrazioni vocali includeva anche i nomi utente e le password dei fruitori del servizio. Sebbene per l’elaborazione delle password il produttore avesse impiegato un buon algoritmo di cifratura (bcrypt), gli utenti non erano tenuti a seguire alcuna linea guida per la creazione delle password, la piattaforma accettava come password anche un singolo carattere oppure combinazioni di caratteri ritenute da tempo insicure (p.es. „123246“, „qwertz“, „password“ e similari).

A peggiorare le cose in termini di timing è il fatto che le banche dati MongoDB in generale sono state oggetto preferenziale di attacco ransomware da parte dei cybercriminali nelle scorse settimane proprio a fronte di falle dovute a numerosi errori di configurazione. Errori di questo tipo sono già stati forieri in passato di fughe di dati che hanno interessato notevolmente l’opinione pubblica, come nel caso di noti operatori mobile o telco.

Effetti e conseguenze

Le conseguenze immediate dell’incidente per la Spiral Toys sono primariamente di natura finanziaria: negli ultimi giorni il valore delle azioni è crollato intorno ai 50 centesimi di dollaro. Per i clienti invece l’incidente ha come effetto la perdita di fiducia nei giocattoli con connessione Internet, e non sono i soli. Di recente, a posteriori di una apposita perizia legale, l’Agenzia federale delle Reti tedesca ha vietato la vendita della bambola „My Friend Cayla“ in Germania classificandola strumento di sorveglianza. Il caso di Spiral Toys conferma anche una delle nostre previsioni per il 2017: Gli operatori cloud saranno oggetto di attacchi la cui conseguenza è la perdita di dati.

Continua a leggere

Criminali a caccia dei vostri punti fedeltà e non solo


logo-claim-2015-3c-highresI programmi fedeltà con le rispettive carte sono molto apprezzati anche nel nostro Paese. Non stupisce quindi l’interesse dei cybercriminali nei dati dei detentori di tali carte fedeltà. I G DATA Security Labs hanno analizzato alcuni dei numerosi attacchi di phishing ai danni dei possessori della carta Payback, che in Germania è ormai tanto importante quanto la tessera sanitaria o il bancomat. Ecco come proteggersi nel caso in cui si fosse oggetto di campagne di phishing volte a carpire i vostri dati.

Bochum – Le carte fedeltà con raccolta punti tramite cui l’emittente accorda sconti presso i più diversi negozi o premi tramite catalogo ai propri utenti sono da sempre oggetto di discussione. Seppure molti trovino sgradevole il fatto che si consenta oggettivamente a terzi di analizzare le proprie abitudini d’acquisto, specie se la carta fedeltà è impiegabile in più negozi, i più se ne dimenticano a fronte dei premi e/o dell’indubbio risparmio che deriva dalla raccolta punti. G DATA ha analizzato alcune recenti campagne di phishing ai danni degli utenti di carte Payback in Germania, il cui obiettivo era proprio la raccolta dei dati personali dei detentori.

Sembra legittima ma non lo è: la mail di phishing

Come ammesso dalla stessa Payback, le email relative all’ultima campagna di phishing erano fatte davvero molto bene. A prima vista i messaggi appaiono legittimi, sebbene il mittente si sia firmato come “Payback.de Service” in luogo della firma ufficiale sulle comunicazioni Payback che si limita ad un “Payback Service” senza alcuna indicazione geografica.

gdata_blog_payback_scam_email1_v1_78012w526h900

 

Altra fonte che assicura credibilità al messaggio è che il destinatario indicato è corretto.

Il nome menzionato corrisponde ai dati reali così come l’indirizzo email citato nella sezione “Il tuo account Payback”. Salvo per alcune eccezioni le email analizzate presentano un layout identico ai messaggi originali di Payback. Sono davvero pochi e facilmente sorvolabili gli elementi che consentono all’utente di riconoscere che si tratta di un falso.

Gli indicatori della frode

  • Il dominio del mittente reale non corrisponde a quello del mittente presunto.
  • Il 15 ° anniversario di Payback Germania, promosso nei messaggi analizzati, è stato nel 2015. La “promozione anniversario” era scaduta da tempo al momento dell’invio della mail, Payback Germania esiste ormai da oltre 16 anni.
  • Il testo, accattivante ma generico, recita “clicca qui e raddoppia i tuoi punti”. Una mail ufficiale avrebbe presentato una formulazione tipo: “Assicurati la chance di raddoppiare i tuoi punti” con un probabile collegamento alla landing page di un gioco a premi, non direttamente alla pagina per il login.
  • Il carattere attorno al pulsante su cui cliccare è differente rispetto al resto del testo della email.
  • Le URL collegate al pulsante non hanno nulla a che vedere con il programma Payback.
  • Spesso e volentieri le offerte stagionali promosse dai cybercriminali sono completamente fuori luogo, come nel caso di offerte estive inviate in pieno inverno o promozioni per anniversari già passati o ancora da venire.

I siti di phishing

Le email analizzate indirizzavano i destinatari a due differenti siti web. I domini sono stati scelti accuratamente per lo scopo prefissato e chi non vi presta attenzione cade facilmente nella trappola senza sospettare niente:

• paybrack.pw
• paybaecks.pw

Al momento dell’analisi, entrambi i domini, ora offline, erano ospitati sullo stesso server presso la BlazingFast LLC, un servizio di hosting ubicato in Ucraina.

Entrambi i siti web si presentavano esattamente identici al sito Payback.

gdata_blog_payback_scam_website_copy_v1_78009w941h589

L’unica differenza è che il modulo in cui inserire i propri dati di accesso non era l’originale. I dati lì inseriti non venivano inoltrati a Payback ma ad un server controllato dai cybercriminali: www. loginpage .online. Tale dominio, ora offline, era ospitato negli USA e risultava anch’esso di proprietà della BlazingFast LLC.
Una rapida ricerca tramite dei più popolari motori di ricerca mostra che l’azienda non sia proprio priva di macchia. Riguardo alla conduzione di queste attività di phishing si specula che i criminali si siano avvalsi di siti hackerati. Il primo server infatti ospitava in realtà la pagina di un rivenditore brasiliano di impianti per l’aria condizionata. La pagina web risulta spesso coinvolta in attacchi di phishing di cui uno addirittura lanciato di recente contro i clienti di una banca brasiliana.

Quali sono i pericoli di questo tipo di phishing?

In generale si sottovalutano i rischi legati ad un accesso indesiderato al proprio account per la gestione dei punti della carta fedeltà, infondo si raccolgono solo punti. Purtroppo non è così, dietro a quell’account si nascondono informazioni di enorme valore per i cybercriminali e addirittura moneta sonante.

  1. Le emittenti di tali carte fedeltà necessitano dei dati personali per poter inviare i premi e per mantenere in funzione il proprio modello di business. Oltre ai nominativi completi spesso e volentieri sono richiesti la data di nascita, l’indirizzo di casa, il numero di telefono e, nei casi in cui sia previsto un rimborso in denaro, anche i dettagli bancari. Una volta ottenuti i dati per effettuare il login tramite phishing, i cybercriminali accedono indisturbati a tutti questi dati, li utilizzano o li rivendono.
  2. Una volta effettuato l’accesso, i criminali possono anche letteralmente svuotare il conto punti. Possono farsi recapitare i premi facendoli inviare a prestanomi per poi rivenderli, possono girare i punti su altri account di programmi fedeltà dei partner dell’emittente della carta (p.es. farsi dare il corrispettivo in miglia) o farsi emettere voucher e buoni sconto, per acquisti in qualsiasi negozio legato al circuito della carta fedeltà.

Consigli e suggerimenti

  • Se non lo avete ancora fatto, modificate la modalità di accesso al vostro conto impostandola su nome utente e password (da cambiarsi regolarmente) al posto della combinazione di numero cliente e codice avviamento postale o data di nascita, dato che questi ultimi elementi sono più facilmente reperibili da parte dei cyber criminali.
  • Valutate se è davvero necessario ricevere la newsletter del programma fedeltà. Se decidete di disabbonarvi dal servizio newsletter, quando riceverete eventuali offerte non potranno che suonare le sirene d’allarme.
  • Diffidate da offerte che sembrano troppo belle per essere vere (tipo raddoppia i tuoi punti ora!) e verificatene la reale esistenza andando direttamente sul sito dell’emittente della carta, senza cliccare alcun link della mail.
  • Verificate sempre la corrispondenza tra il dominio del mittente ipotetico e quello realmente utilizzato. Qualora non corrisponda a quello di solito impiegato dall’emittente della carta, non date seguito alcuno a tale messaggio.

Continua a leggere

Buoni propositi per il 2016: sei consigli di G DATA per un nuovo anno in sicurezza


Il produttore di soluzioni per la protezione di PC e device mobili invita gli internauti a verificare livello e adeguatezza della propria sicurezza digitaleLogo-Claim-2015-3c-highres

Bochum (Germania) – Chi di voi, a posteriori delle festività natalizie, non ha mai formulato i tradizionali buoni propositi per l’anno che verrà? Non siete i soli! Smettere di fumare o praticare più sport sono ancora i propositi più gettonati. Gli utenti di Internet però dovrebbero sfruttare questo periodo dell’anno anche per verificare la propria sicurezza digitale. Computer, smartphone e tablet sono dotati di una soluzione di sicurezza completa ed aggiornata? E’ buona pratica eliminare tutti gli account online inutilizzati, installare tutti gli aggiornamenti disponibili per programmi e sistema operativo e sostituire regolarmente la password degli account attivi – i cybercriminali avranno del filo da torcere! Qui di seguito G DATA riassume i buoni propositi più rilevanti in tema di protezione digitale, per un 2016 sicuro.

“Nel corso del prossimo anno, il numero di attacchi cibernetici e di programmi dannosi per PC e dispositivi mobili continuerà ad aumentare. Gli internauti dovrebbero quindi sfruttare il periodo tra Natale e Capodanno per mettere in sicurezza i propri smartphone, tablet e PC, assicurandosi un 2016 più sicuro. Modificate le password, fate un back-up di foto e contatti e aggiornate i programmi“, consiglia Eddy Willems, Evangelist di G DATA.

Sei buoni propositi per la sicurezza digitale nel 2016

  • Installare una soluzione per la sicurezza IT: Un efficiente software di sicurezza fa parte dell’equipaggiamento di base di qualsiasi PC o dispositivo mobile. La soluzione dovrebbe garantire protezione dai programmi dannosi e altre minacce online ed essere manutenuta regolarmente, da parte del produttore, tramite aggiornamenti. Se la licenza scade, è bene prolungarla o valutare l’acquisto di una nuova soluzione. A tal proposito riteniamo essenziale confrontare le diverse soluzioni offerte sul mercato prima di procedere all’acquisto.
  • Eseguire tutti gli aggiornamenti: Il sistema operativo ed i programmi installati su PC e dispositivi mobili dovrebbero essere sempre aggiornati. I programmi obsoleti che non vengono più aggiornati dal produttore dovrebbero essere eliminati ed eventualmente sostituiti con nuove applicazioni.
  • Eliminare gli account inutilizzati: Che si tratti di account per i pagamenti, social network, negozi online o account email, gli utenti di internet possiedono spesso molteplici “identità”, la maggior parte delle quali inutilizzate. Per minimizzare il rischio di furto dei dati bisognerebbe liberarsi di quelle non più necessarie.
  • Modificare le password: Le password per gli account su negozi online o social network dovrebbero essere modificate regolarmente: una password sicura è formata da una sequenza casuale di cifre e lettere maiuscole e minuscole. Evitare l’utilizzo di parole contenute nei vocabolari. Seguendo queste semplici regole risalire ad una password sarà un compito davvero duro per i cybercriminali.
  • Mettere in sicurezza i dati importanti: Tramite un backup è possibile mettere in sicurezza tutti i dati, come foto e video di famiglia. Una copia del sistema permette invece di salvare il disco rigido con tutti i programmi installati. Soluzioni per la sicurezza efficaci, come G DATA TOTAL PROTECTION, comprendono spesso un modulo per il backup; l’acquisto di un software aggiuntivo non è quindi necessario.
  • App da fonti sicure: Le applicazioni dovrebbero essere scaricate esclusivamente da app store affidabili, come Google Play su Android, o dai siti dei produttori previo controllo di legittimità, in qualsiasi caso.

Continua a leggere