Android nel mirino anche nel terzo trimestre 2017


G DATA pubblica la nuova statistica sui malware prodotti ai danni di Android registrati nel terzo trimestre 

Bochum- Con 810.965 nuovi malware per Android registrati nei tre mesi estivi (Giugno/Settembre 2017) e un aumento del 17% rispetto a quanto rilevato nel secondo trimestre, i rischi per gli utenti del noto sistema operativo mobile non accennano a diminuire e rappresentano una minaccia particolarmente accentuata in Italia dove circa il 66% degli utenti di smartphone usa Android (fonte: Statcounter), ma solo un utente su tre dispone di un sistema operativo aggiornato.

Rilevato un nuovo malware per Android ogni 9 secondi

Da Gennaio a Settembre gli analisti G DATA hanno identificato un totale di 2.258.387 nuovi ceppi di malware per Android, di cui 810.965 solo nel trimestre estivo, con una media di 8.815 nuovi rilevamenti al giorno, circa uno ogni nove secondi.

Gli attuali incidenti di sicurezza richiedono un ripensamento da parte dei produttori

Gli attacchi informatici come KRACK, Blueborne e Gooligan o trojan come Xafecopy continuano a fare notizia. Google solitamente reagisce velocemente e pubblica aggiornamenti di sicurezza, tuttavia questi sono frequentemente implementati solo sui suoi stessi dispositivi. In base alle più recenti statistiche di Google, su scala globale solo il 18% degli utenti Android beneficia della versione 7.0 del sistema operativo, che ha già un anno – ancor meno utenti dispongono già della versione successiva. Le falle di sicurezza sono e restano semplicemente aperte. Per molti dispositivi qualsiasi aggiornamento deve essere adattato al sistema operativo modificato del produttore di device mobili. Non è sempre chiaro se l’aggiornamento per un particolare dispositivo sarà mai disponibile.

I dispositivi mobili sono una parte indispensabile della routine digitale, sono compagni sempre presenti e sono utilizzati con crescente frequenza per lo shopping, per le transazioni bancarie oltre che per le attività professionali. Sarebbe opportuno quindi prendere precauzioni, con l’auspicio che i produttori comprendano in via definitiva l’importanza di fornire aggiornamenti o che un’adeguata legislazione imponga ai produttori l’aggiornamento tempestivo del proprio OS come vincolo per la commercializzazione del dispositivo.

Facciamo chiarezza

Indubbiamente gli utenti di tablet e smartphone Android ad oggi percepiscono poco quanto i propri dati (contatti / foto), la navigazione (phishing, infezioni drive-by, dirottamento delle sessioni) e le proprie transazioni bancarie o gli acquisti compiuti tramite device mobili siano a rischio. E’ tuttavia un dato di fatto che la situazione sia ben più allarmante di quanto a volte ipotizzato da alcuni quotidiani o testate generaliste e, di recente, da Altroconsumo, che in un recente articolo (copertina novembre 2017) sminuisce purtroppo l’oggettiva vulnerabilità di Android infondendo nei lettori un’imprudenza ingiustificata nei confronti di un livello di rischio tanto più serio quanto più obsoleto il sistema operativo utilizzato. Ricordiamo che in Italia solo poco più del 30% degli utenti di smartphone e tablet Android si avvale di Nougat (Fonte: Statcounter).

Il 70% degli utenti Android in Italia usa un sistema operativo obsoleto. Fonte: Statcounter

L’articolo di Altroconsumo conclude peraltro che l’allarmismo sull’attuale diffusione dei malware sia generato dai vendor per avvantaggiarsene e che, senza purtroppo illustrare minimamente come siano stati condotti i test, le soluzioni dei più noti produttori comunque non sarebbero in grado di proteggere gli utenti. Ciò, nonostante organizzazioni indipendenti di fama mondiale, come AV-Test, verifichino e certifichino ininterrottamente la capacità di numerosissime applicazioni di prevenire e/o bloccare anche le minacce più complesse.

Dati alla mano, oltre che per coscienza verso gli utenti Android, non possiamo che distanziarci pubblicamente da contenuti di siffatta natura.

Continua a leggere

Repetita “non” iuvant: WAP-billing in malware Android di nuova generazione


Xafecopy si maschera da app per migliorare le prestazioni della batteria

Bochum- Chi è stato indotto ad acquistare un servizio in abbonamento tramite il proprio dispositivo mobile sa quanto sia frustrante, costoso e tedioso liberarsene. Un malware scoperto di recente è in grado di sottoscrivere dozzine di abbonamenti senza che l’utente lo sappia o dia il proprio consenso. Ben amara la sorpresa, quando arriva la bolletta mensile. 

Il WAP-billing non è una novità

Questo modello di abbonamento è stato per decenni un business diffuso e lucrativo, a volte anche pubblicizzato in modo molto aggressivo su canali televisivi musicali. Inviando un messaggio contenente una parola specifica ad un numero telefonico, si ricevevano suonerie telefoniche, wallpaper oroscopi e similari ad un canone settimanale addebitato in fattura. Ciò ha causato forti critiche da parte delle associazioni dei consumatori, dato che non era sempre chiaro ai fruitori che così facendo, avrebbero sottoscritto un abbonamento.

Questo metodo chiamato “WAP-billing” è ancora in uso al giorno d’oggi come forma di pagamento per servizi o donazioni. È possibile sia inviare un messaggio con una parola chiave ad un numero preciso sia inserire il proprio numero su un sito web.

Che cosa significa esattamente WAP?

WAP è l’acronimo di Wireless Access Protocol (protocollo di accesso senza fili) e indica una categoria di tecnologie che sono la base di partenza dell’odierno Internet mobile. Nei tardi anni novanta erano disponibili dispositivi mobili che potevano accedere ad Internet via WAP, anche l’invio di MMS aveva luogo tramite WAP. Il traffico dati era addebitato ad ogni click. Inoltre WAP poteva essere utilizzato per servizi a pagamento spesso con gran dispiacere degli interessati. Nel frattempo gli operatori si sono evoluti, qualora l’utente acceda ad un servizio WAP a pagamento, dirottano dapprima la pagina per informarlo che il servizio non è gratuito.

Abusi attraverso il malware

Entrambe le modalità di fatturazione sono sfruttate da un nuovo malware Android nascosto in una app che dovrebbe “ottimizzare” la batteria del dispositivo. In realtà la app accede in background a vari siti web attivando automaticamente abbonamenti di cui l’utente sarà a conoscenza solo una volta ricevuta la fattura. Ovviamente i fornitori di servizi a pagamento sono obbligati ad implementare misure di sicurezza per evitare tali illeciti.

Infatti solitamente all’attivazione di servizi simili, l’utente deve a risolvere un CAPTCHA o inserire un codice di conferma ricevuto via SMS. Si tratta di misure che il malware Xafecopy elude simulando la pressione sui tasti e trasmettendola in background. In questo modo la app malevola può sottoscrivere un numero potenzialmente illimitato di abbonamenti.

Chiari indizi indicano l’Asia come fonte del malware.

Come proteggersi

  1. Controllare i diritti di accesso richiesti dalla app e domandarsi se siano coerenti con il compito che deve svolgere la app. Perché una app di ottimizzazione della batteria dovrebbe poter inviare messaggi a numeri a pagamento? Sebbene nelle più recenti versioni di Android sia possibile revocare determinate autorizzazioni anche dopo l’installazione, sarebbe più sicuro porsi delle domande installare l’applicazione.
  2. Chiedere al proprio operatore di bloccare l’accesso ai servizi premium. In questo modo è impossibile effettuare sottoscrizioni a servizi tramite WAP, impedendo quindi al malware di prosciugare il conto bancario della vittima mediante abbonamenti indesiderati.
  3. Installare una protezione anti-malware efficace sul proprio smartphone.

Ulteriori informazioni

Per disporre di tutti i dettagli tecnici su Xafecopy basta consultare l’analisi completa del ricercatore G DATA Nathan Stern, disponibile QUI (testo in inglese).

Continua a leggere

Tutti parlano di «exploit», ma di cosa si tratta esattamente?


Immaginate che il recinto del vostro giardino sia danneggiato. Forse vi è noto che la recinzione presenti delle brecce o forse non ancora. Una cosa è certa: qualsiasi malintenzionato può avvalersene per fare irruzione nel vostro giardino e farsi strada verso casa vostra utilizzando i vostri attrezzi da giardino. Analogamente ciò accade con le falle di sicurezza sul vostro computer: i cybercriminali mirano a scovarne il più possibile per condurre i propri attacchi.

Come funziona un attacco con exploit?

Gli exploit sono piccoli programmi che individuano e sfruttano falle nella sicurezza. Il malware, come per esempio un ransomware, viene caricato solo in un secondo momento (“Payload”). Ecco come avviene un attacco.

1. Identificare le vulnerabilità
Gli exploit possono essere nascosti in un documento Word o essere scaricati automaticamente semplicemente visitando una pagina web. Cercano quindi punti attaccabili nell’applicazione con
cui sono stati scaricati (lettori di documenti, browser web ecc.).

2. Depositare un codice malevolo
Quando gli exploit trovano una vulnerabilità adatta, collocano un codice malevolo da qualche parte nella memoria del vostro computer.

3. Manipolazione dei processi delle applicazioni
Un’applicazione funziona compiendo tanti piccoli processi che hanno luogo in successione. L’avvio di un processo dipende dalla conclusione corretta del precedente, un
flusso stabilito esattamente nel codice di programmazione.Gli exploit sono programmati per modificare la sequenza originale in modo da dirottare il flusso dell’applicazione sul codice
manipolato. Ne consegue che non viene eseguito il normale codice dell’applicazione, bensì il codice dannoso infiltrato in precedenza.

4. Attivazione
Una volta attivato il malware può accedere alle funzioni del programma in cui è penetrato e a tutte le funzioni generalmente accessibili del sistema operativo. Quindi l’exploit raccoglie informazioni sul sistema e può scaricare ulteriori codici maligni da Internet.

5. Scaricamento del malware
A questo punto ransomware, trojan bancari o altri malware vengono scaricati sul computer.

Come arrivano gli exploit sul mio computer?

Gli exploit si diffondono prevalentemente in due modi. Nel primo caso si scaricano sul computer navigando, celati dagli altri contenuti della pagina web che si sta visitando. Nel secondo caso si celano nei documenti allegati alle e-mail, in chiavette USB, su hard disk esterni e simili.

Exploit “drive-by”

Lo scaricamento di exploit “drive-by” avviene “di passaggio” senza che l’utente se ne accorga. A tale scopo i cybercriminali manipolano direttamente i banner pubblicitari sulle pagine web o i server a cui sono collegati in modo piuttosto subdolo: tale trucco viene utilizzato anche su pagine affidabili. Basta un click sulla pubblicità per avviare il download in background. Il programma dannoso scaricato cerca quindi vulnerabilità nel browser o tra i plug-in.

L’infezione “drive-by” è quella più utilizzata per diffondere exploit kit. I kit consistono in una raccolta di exploit con obiettivi multipli. Molti kit presentano spesso strumenti per attaccare Flash, Silverlight, PDF Reader e browser web come Firefox e Internet Explorer.

Exploit nei file

Questa modalità di infezione è la più utilizzata per attaccare aziende. Gli exploit vengono diffusi sistematicamente attraverso PDF manipolati e allegati alle e-mail. Il file si presenta come una fattura o un’inserzione ma contiene exploit che dopo l’apertura sfruttano le vulnerabilità di Adobe Reader. Lo scopo di tali attacchi solitamente è lo spionaggio (APT).

Perché le applicazioni sono soggette a vulnerabilità?

Chi sviluppa software scrive righe su righe di codice in diversi linguaggi di programmazione. Spesso i programmatori si avvalgono di librerie di codici messe a disposizione da altri sviluppatori. Con la grande quantità di codici di programmazione e la crescente complessità delle applicazioni sfuggono immancabilmente degli errori.

Una volta venuti a conoscenza delle vulnerabilità insite nel codice delle proprie applicazioni, i produttori di software diffondono una versione “riparata” del programma (“Patch”), scaricabile dagli utenti che fanno uso del software.

Come mi difendo dagli exploit?

Per chiudere il maggior numero di falle possibili, al fine di ridurre quanto più possibile la superficie d’attacco, è consigliabile installare gli aggiornamenti del software per i programmi più importanti. È altresì essenziale dotarsi di una soluzione di sicurezza di nuova generazione in grado di riconoscere gli exploit zero-day, come le suite G DATA, una funzione che sopperisce al fatto che il più delle volte passano diverse settimane tra la scoperta della falla e il rilascio/ installazione di una patch sul dispositivo vulnerabile. Va da sé infatti che il periodo tra l’individuazione di una falla non nota al produttore da parte dei cybercriminali e la distribuzione di una patch sia ovviamente il più pericoloso.

Continua a leggere

G DATA Managed Endpoint Security: sicurezza a consumo


Con la nuova licenza MES il vendor teutonico rivoluziona la percezione dei costi della sicurezza, assicurando la fruibilità delle proprie soluzioni Endpoint Protection e Total Control Business a canone mensile.

La progressiva trasformazione di applicazioni in “SaaS” e di servizi di gestione del parco installato in “Managed Services” spinge sempre più spesso aziende e rivenditori specializzati a valutare nuove modalità di erogazione di soluzioni e servizi. Con G DATA Managed Endpoint Security G DATA risponde all’esigenza di abbattere investimenti e costi operativi di un’adeguata tutela dell’infrastruttura IT con una formula “a consumo”.

Grazie a G DATA Managed Endpoint Security, le aziende che non dispongono di uno staff votato esclusivamente alla sicurezza IT non devono più scendere a compromessi in termini di protezione e monitoraggio quotidiano della propria infrastruttura: la nuova formula MES consente loro infatti di affidare tale compito al proprio fornitore di servizi IT senza che lo stesso debba trovarsi presso l’azienda. Combinazione ideale tra la convenienza e la comodità dei servizi gestiti, G DATA Managed Endpoint Security offre tutti i vantaggi delle soluzioni business di fascia alta del vendor teutonico in un pacchetto “all-inclusive” per partner e clienti.

 

Clicca e aggiungi: gestione delle licenze in tempo reale con un click

La piattaforma MES di G DATA consente di gestire da remoto l’intero parco installato presso uno specifico cliente. Oltre a presentare tutte le funzioni centralizzate per la configurazione di policy e filtri applicabili a singoli client, gruppi o all’intera azienda, al deployment remoto di patch e al monitoraggio costante dello stato operativo dei sistemi, la soluzione MES assicura al fornitore di servizi IT e ai suoi clienti assoluta trasparenza anche in merito ai costi. Qualora nel tempo sia necessario aggiungere ulteriori client, l’operatore dovrà semplicemente inserire le nuove licenze nella sua dashboard per avviare il processo di fatturazione mensile. Questo processo automatizzato azzera quindi l’eventuale rischio di overhead dovuto all’acquisto di licenze non necessarie in previsione di una crescita dell’azienda, o al contrario, di sottodimensionamento. Il rivenditore potrà acquisire e installare licenze in totale autonomia e in tempo reale. In un’ottica di sicurezza come processo e non come mero prodotto, il rivenditore potrà aggiungere al mero canone per la licenza una serie di servizi a valore che faranno la vera differenza nel pacchetto “all-inclusive” personalizzato per i propri clienti.

Un ulteriore highlight della piattaforma è che la console di gestione MES è multitenant, una caratteristica che consente al provider di servizi di sicurezza gestita di occuparsi dei propri clienti, visualizzare report per ogni azienda gestita, adottare misure di sicurezza ad hoc per l’uno o l’altro cliente tramite una singola interfaccia, ottimizzando quindi i costi di acquisto di un server ad hoc per ogni cliente, azzerandone l’impatto sul canone che andrà a fatturare al cliente.

Sicurezza all’avanguardia e gestita, ma pagata a consumo

Le organizzazioni che optano per una fruizione delle soluzioni G DATA Endpoint Protection e G DATA Total Control Business in modalità MES, beneficiano di una gestione professionale e quotidiana della sicurezza IT da parte del proprio fornitore e della serenità di avvalersi di suite di sicurezza dotate di tecnologie di nuova generazione per la tutela contro malware, ransomware dirottamento di sessioni e transazioni bancarie, vulnerabilità ed exploit su qualsiasi client di rete (Windows, Mac, Linux, Android, iOS), il tutto a consumo.

Continua a leggere

G DATA semplifica la migrazione verso soluzioni di sicurezza “Made in Germany”


Il produttore di suite complete per la sicurezza informatica lancia Switch & Profit, un’innovativa campagna cross-grade.

Bochum – Al via la campagna Switch & Profit di G DATA, formula innovativa con cui il vendor favorisce le aziende che desiderano migrare da una soluzione di terzi a piattaforme per la sicurezza IT concepite e sviluppate in Europa. Il grande numero e la natura degli scandali relativi alla tutela di dati e privacy degli ultimi anni e la recente decisione del governo statunitense di vietare l’uso di software di sicurezza russi all’interno di istituzioni pubbliche hanno suscitato non poche incertezze presso molte aziende, che ora si chiedono fino a che punto possano fidarsi del vendor selezionato. I dati generati utilizzando il prodotto sono tutelati contro l’accesso da parte di terzi? Con lo slogan “Riponi la tua fiducia nella sicurezza tedesca”, la proposta G DATA consta della sostituzione di qualsiasi altro software di sicurezza in uso a tariffe vantaggiose, accollandosi i costi della migrazione e assicurando la stessa tariffa speciale anche per il primo rinnovo delle licenze.

“La direttiva dell’amministrazione statunitense di cambiare vendor di sicurezza ha cagionato molti dubbi tra le imprese locali. Noi offriamo ai professionisti IT l’opportunità di avvalersi delle nostre soluzioni efficaci e affidabili,” sostiene Giulio VADA, Country Manager di G DATA Italia, “assicurando loro nel contempo che i loro dati sono trattati secondo le normative europee e rimangono anche in Europa”.

Giulio Vada, Country Manager, G DATA Italia

G DATA Switch & Profit: una panoramica

L’innovativa formula cross-grade di G DATA è fruibile da subito. Oltre a condizioni commerciali di sicuro interesse sulle licenze, G DATA si accolla le spese di migrazione altrimenti a carico dell’utente finale e/o del rivenditore e assicura le stesse condizioni di acquisto anche in occasione del primo rinnovo. Ovviamente il vendor assisterà i clienti in tutta la fase di migrazione e implementazione.

G DATA Switch & Profit si applica a tutte le soluzioni G DATA Business, inclusa la nuova suite di sicurezza G DATA Total Control Business, highlight della presenza del vendor a SMAU Milano e oggetto di un annuncio ufficiale nei prossimi giorni.

I miei dati restano in Europa!

Nel 2011, G DATA ha siglato l’iniziativa “no backdoor” di TeleTrusT (https://www.teletrust.de/en/teletrust/ziele-und-nutzen/). Tale accordo proibisce al produttore teutonico di soluzioni per la sicurezza IT di implementare qualsiasi possibilità di accesso riservata ai servizi segreti. Oltre a fornire un livello di protezione ottimale, le suite G DATA non presentano alcuna backdoor al fine di garantire ai propri utenti che la loro fiducia è ben riposta. Potersi fidare è essenziale per le aziende che prendono sul serio la privacy e gli adempimenti richiesti dal GDPR. Infine G DATA limita al minimo indispensabile la raccolta e l’elaborazione dei dati forniti dagli utenti, proprio nel rispetto del GDPR. Per di più, tali dati sono elaborati esclusivamente in Europa.

Continua a leggere

CCleaner con ospite sgradito “a bordo”, una breve analisi


Alcuni ricercatori hanno riscontrato che la versione 5.33 della nota applicazione di manutenzione del sistema “CCleaner” è gravata da software malevolo. Oltre ad invitare gli utenti ad aggiornare l’applicazione con la versione 5.34, G DATA analizza la situazione tracciando parallelismi con altri casi simili.

Bochum – Per circa un mese la nota applicazione “CCleaner”, impiegata per ottimizzare le prestazioni, proteggere la privacy e pulire i registri di sistema dei PC Windows, è stata distribuita con un passeggero clandestino. I ricercatori di Talos hanno scoperto che la versione infetta dell’applicazione è stata resa disponibile tramite i server di download ufficiali del produttore. Due fatti rendono questo incidente particolarmente esplosivo: in primis l’applicazione è molto comune. Secondo i dati del produttore, l’applicazione è stata scaricata oltre due miliardi di volte in tutto il mondo. Il numero di utenti interessati è quindi indiscutibilmente elevato. In secondo luogo la versione infetta di CCleaner è stata firmata con un certificato valido. Tale certificato, tra l’altro, dovrebbe garantire che un’applicazione provenga da un produttore affidabile. Pertanto, chi utilizza un certificato valido rubato per firmare un malware ha modo di raggiungere un ampio numero di utenti. Windows non esegue infatti applicazioni non firmate se le impostazioni di sistema non sono state manipolate precedentemente.

I clienti G DATA sono protetti

La versione contraffatta del CCleaner è stata resa disponibile tra il 15 agosto e il 12 settembre tramite la pagina di download ufficiale e viene riconosciuta da tutte le soluzioni G DATA come Win32.Backdoor.Forpivast.A  

Il produttore ha già rilasciato una versione “ripulita”. Gli utenti che attualmente si avvalgono della versione 5.33 dovrebbero aggiornare l’applicazione all’attuale 5.34. Nelle versioni gratuite del programma gli aggiornamenti non sono automatizzati. In questo caso l’attuale file di installazione dovrà essere scaricato e installato.

File scaricabili compromessi? Niente di nuovo sotto il sole

Il fatto, che la versione infetta (5.33) sia stata firmata con un certificato valido può essere un indicatore di diversi problemi di sicurezza, a partire da una vulnerabilità nel processo di firma del produttore fino ad una possibile compromissione dell’organizzazione che ha rilasciato il certificato. Tuttavia, firmare un software dannoso con certificati validi rubati o distribuire versioni compromesse di software affidabili attraverso siti di download ufficiali non è certamente una novità. In passato, è già accaduto con un client torrent per Mac e con una distribuzione Linux. Lo stesso ransomware “Petna” (Petya o NotPetya che dir si voglia) è stato diffuso utilizzando l’infrastruttura di aggiornamento di un software per la gestione finanziaria.

Gli autori di malware si fanno carico di uno sforzo crescente per poter infettare il maggior numero di sistemi nel più breve tempo possibile. In questo quadro, il percorso di distribuzione del software risulta un obiettivo molto remunerativo per i criminali che desiderano assicurarsi una vasta diffusione del proprio software dannoso. Se l’infiltrazione in una fase del ciclo produttivo dei software ha successo, avrebbe conseguenze dirette – e anche questo è già accaduto in passato.

Continua a leggere