Trasmissioni, scommesse, partite: cosa succederebbe se gli hacker prendessero il controllo dei Mondiali di calcio?


Anche in occasione del 21° mondiale di calcio di cui si sono già disputate le prime partite la maggior parte delle sfide avranno luogo nel mondo “reale”, in Russia, tuttavia non sono le uniche! Alcune “partite” si giocheranno anche nel mondo virtuale: che siano essi adibiti alla gestione delle trasmissioni, di piattaforme di scommesse o alla vendita di biglietti, anche i sistemi IT necessitano di una difesa ben schierata.

Come avviene con tutti gli eventi sportivi di portata globale, anche la Coppa del Mondo di calcio rappresenta un’ottima occasione per riunire i fan di questo sport ma non solo, è anche palcoscenico di tensioni tra i governi, come dimostrato dalle recenti questioni tra Russia e Ucraina. La principale differenza tra le partite sull’erba e gli attacchi virtuali è che gli hacker di solito fanno attenzione a non mostrare i loro colori: l’obiettivo è di lasciare il minor numero possibile di tracce. Le attribuzioni sono un gioco politico piuttosto che una questione di IT; ci vuole “naso” per distinguere le impronte digitali reali da quelle fasulle lasciate di proposito dagli attaccanti.

I fornitori di connettività, gli operatori televisivi e persino i router xDSL sono potenziali bersagli per raggiungere un obiettivo, che non è tanto quello di creare scompiglio tra gli spettatori interrompendo le trasmissioni quanto piuttosto quello di screditare il Paese organizzatore cagionando interruzioni del servizio di infrastrutture critiche come ospedali o reti stradali. La Russia farebbe così (ancora) notizia in ambito cyber …

Trasmissioni televisive: l’annosa questione dei diritti sulle informazioni

Qualsiasi trasmissione di una partita di calcio è esposta al rischio di pirataggio o manomissione: i cybercriminali possono limitarsi ad un semplice blocco “improvviso” del segnale (un po’ come quando Amélie Poulain staccava l’antenna del vicino per vendicarsi) fino ad attacchi molto più estesi, quasi di scala industriale. La questione è complessa: è necessario poter trasmettere informazioni, ma non troppo, fornire un servizio ai clienti (in caso di caso di canali “premium”) ma assicurarsi che gli stessi non possano abusare del segnale televisivo che ricevono per condividerlo con terzi.

Come ci si può difendere da tale pratica? Come si codificano i dati da trasmettere? Un qualsiasi utente con cattive intenzioni (o troppo buone, a seconda del punto di vista) può mettere le mani su un flusso televisivo in chiaro e inoltrarlo altrove. Un rischio che rimanda alla gestione dei diritti televisivi digitali: come garantite che qualcuno che sta guardando una trasmissione “premium” non cifrata non possa ritrasmetterla? Diversi operatori televisivi premium per quest’anno hanno optato per la fruibilità gratuita dei propri programmi sportivi, per vanificare sul nascere eventuali tentativi di pirataggio. Questa scelta però implica la necessità di identificare altre fonti di guadagno (attraverso contenuti aggiuntivi o pubblicità).

Piattaforme di scommesse e mercato nero: l’integrità dei dati è fondamentale

La sfida principale nella commercializzazione dei biglietti per via elettronica non è tanto la riservatezza dei dati, quanto la disponibilità del servizio e l’autenticità di quanto venduto. Come la precedente Coppa del Mondo in Brasile, anche il torneo di quest’anno è stato oggetto di massicce campagne di phishing atte alla vendita di biglietti fasulli. In combinazione con attacchi denial of service (DoS), la situazione potrebbe diventare esplosiva: se un sistema di accesso allo stadio non fosse in grado di distinguere i biglietti veri da quelli falsi si potrebbero generare gigantesche code all’ingresso dando luogo a problemi di sicurezza molto reali. Per assurdo, provate ad immaginare lo spettacolo che offrirebbe al mondo lo svolgimento delle semifinali o delle finali in uno stadio quasi vuoto, con la maggior parte degli spettatori bloccati ai cancelli … O giornalisti sportivi relegati alle loro sale stampa senza connessione a Internet. Ecco perché i dati devono essere protetti da firewall, essere ospitati su infrastrutture ridondate e ripristinabili tramite backup operativi, anche senza accesso a Internet.

La questione dell’integrità dei dati non dovrebbe ovviamente essere trascurata: è importante sapere se la persona giusta è in possesso del giusto biglietto. Ma dal momento che questo tipo di frode elettronica ha conseguenze meno disastrose, il problema dell’integrità ha una priorità inferiore rispetto a quello della disponibilità del servizio. L’aspetto della Coppa del Mondo in cui l’integrità dei dati è più critica, sono le piattaforme di scommesse: come assicurarsi che le vincite vadano alla persona giusta, a colui che ad esempio ha avuto l’intuizione di pronosticare l’improbabile gol con cui l’Islanda è riuscita a pareggiare con l’Argentina? Ovviamente è possibile cifrare le informazioni e in questo caso, in particolare, utilizzare la tecnologia delle firme crittografiche per assicurarsi che il pronostico sia stato inserito dalla persona giusta (il sito di scommesse, non l’hacker), al momento giusto (preferibilmente prima del gol!), e che il denaro venga poi versato nel modo giusto attraverso una transazione bancaria.
A differenza dei sistemi che privilegiano la disponibilità dei dati / servizi, ad esempio con i biglietti, in questo caso l’integrità dei dati prevale sulla disponibilità – non ha senso continuare ad utilizzare una cassaforte una volta depredata. Su un sito di scommesse online è quindi necessario assicurarsi che le scommesse siano archiviate in luoghi protetti dagli attacchi, non necessariamente con sistemi ridondati o tramite back-up ma con misure per la protezione completa della rete che combinino crittografia, parole chiave, firewall e un sistema di analisi automatizzato per identificare comportamenti fraudolenti all’interno del flusso di dati.

E le partite?

All’interno dello stadio, mentre i telecronisti sportivi hanno bisogno di un collegamento per farci vivere l’azione dal vivo, i furgoni preposti alla trasmissione della partita, con le loro enormi antenne montate sul tetto, sono per lo più autonomi e collegati direttamente ai satelliti. A meno che qualcuno non sia fisicamente lì a dirottare il segnale del furgone – e riesca a non farsi prendere – è improbabile che si possa hackerare il satellite nel pieno della trasmissione del match.

Almeno sul campo, tutti possono stare tranquilli. Per il momento, la probabilità che gli hacker manipolino in tempo reale il VAR (video assistant referee) del tiro di Gignac finito contro il palo in un gol contro il Portogallo è ancora fantascienza. E anche un VAR integralmente manomesso non potrà certo far credere che Sergio Ramos possa deviare con il pensiero il gol della squadra avversaria – ci sono (teoricamente) ancora persone reali con il compito di verificare ogni dettaglio.

E facendo attenzione a semplici regole di comportamento nel mondo digitale, anche i giocatori dovrebbero essere al riparo dai tentativi di destabilizzazione: il governo britannico si è persino spinto al punto di informare il team inglese sui rischi di attacchi informatici ai danni dei loro smartphone o delle console di gioco! Finché i giocatori non saranno androidi hackerabili da remoto, si può ancora sperare di vedere una partita condotta lealmente.

L’anello debole della catena, al momento, è e rimane la ritrasmissione della partita, non quella dal furgone, ma dalla casa del telespettatore. Una volta diffuso il match i contenuti audio o video restano indisponibili per poco tempo al di fuori del mercato tradizionale. Assicurarsi che una o anche dieci persone di fiducia si attengano ai vincoli di confidenzialità è una cosa, aspettarselo da parte di centinaia di milioni di spettatori è un’utopia.
Ma è davvero questo il problema più serio? Il 20 maggio scorso, Michel Platini ha dichiarato che la Coppa del Mondo del 1998 è stata manipolata dai suoi organizzatori per evitare una partita tra Francia e Brasile prima della finale. E se, per il prossimo Mondiale tra quattro anni lasciassimo organizzare l’evento all’Intelligenza Artificiale e agli umani giusto il gioco sul campo?

Continua a leggere

Assistenti vocali e cybersecurity: forse è già troppo tardi


Gli assistenti vocali sono più popolari che mai e dovrebbero semplificarci la vita, non spiarci. Eppure, la possibilità che essi vengano hackerati è una realtà oggettiva.

Secondo un recente studio dell’istituto Canalys, nel 2018 saranno venduti oltre 56 milioni di prodotti dotati di assistente vocale. Attraverso hub che integrano funzionalità smart tra cui Apple HomePod, Google Home e Amazon Echo, Siri, l’assistente vocale di Google, Alexa e Cortana saranno sempre più presenti nelle nostre case oltre che nei nostri smartphone. Si tratta di strumenti indubbiamente ottimi per semplificare le nostre vite e farci risparmiare tempo, ma rappresentano anche un rischio in termini di sicurezza delle informazioni, considerando la naturale iperconnettività di questi oggetti e lo scarso livello di protezione offerto. In un articolo apparso sul sito “Motherboard”, i ricercatori israeliani Tal Be’ery e Amichai Shulman – entrambi specialisti di cybersecurity – hanno postulato la seguente inquietante conclusione: “Abbiamo ancora la brutta abitudine di introdurre nuove interfacce nelle macchine senza analizzarne appieno le implicazioni in termini di sicurezza”.

(fonte: Google)

Dalla pubblicità sovversiva all’intrusione ultrasonica

Le notizie sulle vulnerabilità di questi sistemi e su casi di hackeraggio degli assistenti vocali hanno dato ragione ai due ricercatori.

Nell’aprile 2017, Burger King versò benzina su un dibattito già infuocato con una pubblicità di durata inferiore ai 15 secondi. La pubblicità consisteva di una semplice richiesta di informazioni all’assistente vocale da parte del personale della catena di fast food: “OK Google, cos’è uno Whopper?”. Sui dispositivi dei telespettatori si attivava automaticamente l’assistente vocale, che apriva in un battibaleno la pagina Wikipedia sul famoso hamburger.

Per alcuni, è stato un colpo di genio pubblicitario, per altri un chiaro esempio dei rischi connessi all’omnipresenza degli assistenti vocali. Tal Be’ery e Amichai Shulman dimostrarono altresì che gli attacchi agli assistenti vocali avrebbero potuto essere anche molto più sinistri. Trovarono infatti un metodo per aggirare la procedura di login su un computer Windows utilizzando Cortana – l’assistente virtuale di Windows 10. Come hanno fatto? Sfruttando il fatto che questo assistente non è mai “spento” e risponde a determinati comandi vocali anche quando i dispositivi sono bloccati.

Un esempio simile ma ancora più insidioso è il DolphinAttack sviluppato da alcuni ricercatori cinesi. Questa tecnica implica l’uso di comandi ultrasonici non udibili per l’uomo ma rilevati dal microfono di un computer. In questo modo, la maggior parte degli assistenti vocali può essere attivata da remoto.

Un’altra vulnerabilità dal retrogusto amaro per gli utenti Apple è data dalla possibilità di bypassare la funzione di privacy che nasconde i messaggi che altrimenti apparirebbero sulla schermata di blocco dei dispositivi. Il sito Mac Magazine brasiliano rivelò che chiunque avrebbe avuto accesso ai messaggi nascosti, semplicemente chiedendo a Siri di leggerli ad alta voce, trasformando Siri (l’assistente vocale proprietario di Apple) in modo efficace in un cavallo di Troia.

Aumentare la consapevolezza e usare la crittografia: le uniche contromisure immediatamente disponibili

“Per loro natura, i microfoni utilizzati dagli assistenti vocali, specie quelli integrati negli hub intelligenti, sono sempre attivi e rappresentano un problema per la tutela della privacy”, conferma Paul Fariello, Technical Leader di Stormshield. “Una minaccia che tuttavia risulta ridotta se si considera che per i cybercriminali è molto più semplice avvalersi di tecniche più tradizionali come il ransomware e il phishing. Crittografare i dati sensibili per impedirne l’uso in caso di furto riduce il rischio di leakage. ”

Oggi, i produttori si limitano a fornire correzioni caso per caso. “Non esistono attualmente contromisure tecnologiche per questo tipo di problema. L’unica cosa che si può fare è sensibilizzare gli utenti, un processo che però ha i suoi limiti “, precisa Fariello. A fronte dell’architettura chiusa che caratterizza i dispositivi interconnessi o gli stessi smart hub non è infatti ancora possibile dotare tali apparecchi di soluzioni di sicurezza supplementari. Alla luce dell’infinita creatività degli hacker, l’opzione migliore sembra essere quella della sicurezza by design, di responsabilità esclusiva dei produttori. Seguendo il modello delle impronte digitali, l’impronta vocale potrebbe essere la nuova password biometrica per autenticare chi ha accesso agli assistenti vocali?

Continua a leggere

Saremo presto liberi dalla maledizione delle password?


Probabilmente non tutti sanno che almeno una persona su dieci della propria cerchia di amici, parenti e conoscenti utilizza una delle 25 password più facilmente hackerabili del mondo. Sicurezza e limitazioni spesso vanno a braccetto, tuttavia a fronte del naturale desiderio di semplificare, molte persone lasciano che le proprie informazioni personali siano accessibili virtualmente da tutte le direzioni. D’altro canto, i più cauti si ritrovano con una quantità incredibile di password e codici infiniti da memorizzare, e alla fine ci si avvale dell’uno o l’altro promemoria altrettanto alla mercé del mondo. Ma è possibile che non ci sia una soluzione più semplice?

Questione di fiducia

Probabilmente sì, ma “più semplice” non è sufficiente: deve essere anche “più sicura” e “meno invasiva”. Ad esempio la soluzione che permette ad algoritmi di apprendere dalle proprie abitudini potrebbe risultare invitante: la password sarebbe necessaria solo quando il sistema non riconosce un comportamento o luogo abituale, che si tratti dell’orario di attività, dei luoghi visitati, della velocità di inserimento testi, ecc. Tuttavia consentire a Microsoft Cloud di raccogliere informazioni sui propri contenuti per compilare statistiche per alcuni può comportare un livello di trasparenza incompatibile con il concetto di protezione dei dati.

Fidarsi del sistema, come oggi fa la maggior parte della popolazione al di sotto dei 20 anni, non è da tutti. Se la generazione precedente non è così lassista quando si tratta di protezione dei dati, è perché ha ancora vivido nella memoria il tempo in cui misure di sicurezza più restrittive ricordavano agli internauti che l’hackeraggio non è una pratica riservata unicamente alle celebrità e che gli attacchi informatici diretti non avvengono solo nei film di spionaggio. È anche più semplice rilassarsi quando l’unica propria preoccupazione sono i borseggiatori: a livello aziendale però questo rischio cambia dimensione drasticamente.

Meno password, più qualità

A qualsiasi livello ci si trovi, la protezione del dispositivo (tablet, computer o telefono) e la protezione dei dati implicano due password diverse. Per la prima si stanno già cercando soluzioni alternative: oltre a modelli semplici ma facilmente riconoscibili e a sensori per la lettura delle impronte digitali (qualora si fosse d’accordo sull’archiviazione delle proprie impronte, e tenendo in conto il fatto che non esiste opzione migliore), è ora possibile sostituire 10 numeri e le 26 lettere della tastiera con 12 emoji tra 2500 disponibili e selezionarne una sequenza di 4 o 6. Alta protezione E divertimento quindi, ma, di nuovo, una sola di queste password non è sufficiente! Tra le altre alternative divertenti, Nova Spatial sta attualmente sviluppando un sistema di autenticazione basato sul riconoscimento di una determinata area su una cartina mondiale digitale, le cui coordinate geografiche vengono utilizzate come codice la cui memorizzazione non è necessaria – basta sapere dove si trova un particolare albero, piscina, incrocio o altro.

Finché non sarà possibile affidarsi alla propria memoria visiva, tramite l’utilizzo di emoji e mappe, i password manager online continuano ad aumentare. Attraverso questo genere di cassaforti virtuali come 1PassWord, LastPass o KeePass, basta un’unica “master password” per proteggere tutte le altre password archiviate e criptate. La master key è l’unica cosa di cui si ha bisogno, ma deve essere il più complicato possibile – una singola frase può già funzionare. Un esempio potrebbe essere “Apriti Sesamo!” (punteggiatura inclusa!).

L’altra faccia della biometria

A mali estremi, estremi rimedi: forse il futuro ci riserverà un processo di autenticazione più rigido tramite l’utilizzo di oggetti fisici? Un pollice, l’occhio, la voce o il viso sono i più noti esempi di una metodologia utilizzata sempre più di sovente per sbloccare i dispositivi, e che potrebbe finire con l’essere implementata anche per accedere ai profili delle piattaforme social. Gli hacker sostengono di aver raggirato il sistema di riconoscimento facciale dell’iPhone X tramite l’utilizzo di una maschera in lattice ultra-realistica, ma non ci si aspettano problemi generalizzati per i consumatori. Di conseguenza ci si aspetta un incremento dell’impiego della biometria e una maggior sofisticatezza nei prossimi decenni: si tratta semplicemente di sviluppare sensori per l’identificazione del DNA.

Questo genere di sensori sancirebbe la fine dei problemi causati da barbe o tagli di capelli che occasionalmente confondono i sistemi di riconoscimento facciale – l’unico altro problema potrebbe essere quello di avere un gemello cattivo! Jonathan Leblanc, Global Head of Developer Advocacy di Paypal, disse ancora nel 2015 che le password del futuro non saranno più scritte né memorizzate, ma piuttosto saranno impiantate, ingoiate o iniettate. Ha parlato anche di computer indossabili sotto forma di tatuaggio, sensori ECG che rilevano i dati del cuore o del riconoscimento delle vene e della pressione arteriosa. Probabilmente infallibile, ma piuttosto sgradevole… A tre anni di distanza, i tatuaggi digitali sembrano aver preso piede: il chimico Zhenan Bao, che ha recentemente sviluppato la e-skin, sottolinea le possibilità mediche e sociali di questo materiale elettronico connesso che coincide perfettamente con la pelle umana. Ma anche in questo caso ad un certo punto si ripresenterà l’ostico tema della confidenzialità: non saranno più le proprie impronte digitali ad essere utilizzate come password universali, bensì una sottile membrana elettronica posizionata sui polpastrelli e connessa allo smartphone. Da brividi, vero?

Il segreto dell’autenticazione a doppio fattore

Piuttosto che focalizzarsi sulla messa a punto di un’infallibile biometria al costo di chi sa quale invasione di privacy, probabilmente basterebbe pensare ad una semplificazione dell’autenticazione a doppio fattore. Questo sistema è già ampiamente utilizzato, soprattutto per i pagamenti online, che in genere richiedono un secondo codice inviato tramite SMS con una validità di qualche minuto. Il codice di conferma non solo può essere inviato sullo smartphone, ma anche a Google Watch, smartcard, applicazioni (per esempio con la soluzione Stormshield Data Security), token crittografato o chiavetta USB (come quella di sicurezza FIDO).

Ciò comporta però l’obbligo di portare costantemente con sé l’oggetto necessario alla ricezione del secondo codice. È più probabile lasciare a casa lo smartphone che parti del proprio corpo, a meno che il device non diventi una sorta di nuovo organo in dotazione allo “homo numericus”. Come ultima alternativa si può sempre diventare un genio in grado di memorizzare dozzine di sequenze numeriche… Your choice!

*.*

Continua a leggere

Sicurezza in Rete: non abbassare il livello di guardia è essenziale


Gli innumerevoli cyberattacchi degli ultimi temi ci hanno mostrato che un semplice incidente può avere conseguenze catastrofiche – dall’interruzione della produzione alla chiusura di interi siti produttivi, dalla perdita di dati aziendali critici fino a danni per l’immagine e la reputazione. Siamo quotidianamente confrontati con attacchi sempre più sofisticati, che mettono in risalto la difficoltà di aziende private ed enti della pubblica amministrazione di rispondere efficacemente a minacce di nuova generazione.

Occorre un cambiamento di rotta

E’ assolutamente illusiorio pensare che i cyberattacchi possano essere fermati definitivamente su due piedi. Le aziende sono chiamate a riscattarsi dall’attuale ruolo di spettatore passivo e a prendere provvedimenti. Misure di cybersecurity che per molte aziende rappresentano uno sforzo (technologico, umano, organizzativo) e di conseguenza vengono messe in panchina. Ne consegue che oltre metà delle aziende spende ancora oggi meno del 3% del proprio budget IT in sicurezza (fonte Clusif 2016).

Pierre Calais, Direttore Generale di Stormshield

Ovviamente proteggere l’azienda con soluzioni adeguate ha un costo, ma tale investimento è necessario tanto quanto siglare una polizza assicurativa: la sicurezza IT va inquadrata come colonna portante di una strategia di governance aziendale contemplando tutti gli aspetti di natura tecnologica e organizzativa.

Per evitare che le normative impongano alle aziende regole sempre più stringenti in tema di cybersicurezza, esse devono affrontare le proprie responsabilità: le decisioni in merito agli investimenti in cybersecurity non dovrebbero riguardare esclusivamente lo staff IT bensì anche il management.

Tentativi di grande effetto

Uno dei maggiori cambiamenti che abbiamo riscontrato negli attacchi è la volontà degli hacker di renderli visibili. Siamo decisamente lontani da quelle APT (Advance Persistent Threat) il cui scopo consiste nell’operare nell’ombra il più a lungo possibile. I recenti attacchi di massa hanno lo scopo di guadagnarsi la massima visibilità, esponendo su larga scala le vulnerabilità che affliggono numerosissime aziende. Tuttavia questi attacchi potrebbero essere dei meri tentativi di sondare la qualità delle difese di un’azienda. Non illudiamoci: questo è solo l’inizio, virulenza e pericolosità aumenteranno.

Rispolveriamo il senso civico per il bene della collettività

La cybersicurezza è un tema che riguarda la collettività. La proliferazione degli attacchi negli scorsi mesi dovrebbe mettere in allarme le aziende puntando i riflettori su un trend che si ripercuote pesantemetne sulla produttività aziendale.

E‘ altrettanto importante, trascendere dalla mera protezione dei dati, le organizzazioni devono assumersi il proprio ruolo rispetto a impiegati, partner e clienti. E poiché il confine tra privato e professionale svanisce progressivamente, le aziende dovrebbero farsi carico della tutela delle attività e/o identità digitali di collaboratori e clienti.

Se la collettività prendesse a cuore tali indicazioni e reagisse, potremmo forse evitare il peggo e dar vita ad un ambiente digitale sicuro per il bene di tutti.

Continua a leggere

Può essere che gli hacker vadano in ferie a luglio?


Dopo aver rilevato forti ondate di cybercriminalità a giugno abbiamo riscontrato una certa quiete fino alla fine di luglio – forse gli hacker vanno in ferie a luglio? Con lo strumento Breach Fighter, il team di Security Intelligence di Stormshield rileva e analizza i malware esaminando milioni di spam e attacchi mirati. Dagli stabilimenti balneari al ritorno di Locky – da un tipo di onda all’altra.

In vacanza a luglio e rientro in agosto?

Breach Fighter è uno strumento integrato in centinaia di migliaia di firewall di Stormshield Network Security distribuiti in tutto il mondo allo scopo di raccogliere quanti più campioni o modelli di attacco possibili. Utilizzando questo strumento, il team di Security Intelligence di Stormshield è riuscito a identificare una concreta variazione nel volume di attacchi cybernetici. Dopo i picchi verificatisi quasi quotidianamente nel mese di giugno, i volumi sono diminuiti drasticamente nel corso di luglio, con una modesta ripresa negli ultimi giorni del mese.

 

clicca qui per ingrandire

 

Non foss’altro che per il curioso periodo di calma, questa considerevole diminuzione di attacchi potrebbe suggerire che gli hacker e i loro committenti vadano in vacanza. Forse hanno dovuto scegliere tra investire fondi nelle vacanze o in nuovi attacchi malware? E hanno ripreso le proprie attività tra la fine di luglio e l’inizio di agosto per l’irrefrenabile desiderio di scoprire se e quando tra Daenerys e Jon Snow in Game of Thrones sboccerà qualcosa di più che una semplice amicizia? Oppure non volevano perdere l’occasione di influenzare gli acquisti del FC Barcelona dopo la partenza di Neymar? Fortunatamente anche attività apparentemente aride come l’analisi acribica delle minacce danno adito a ipotesi che strappano un sorriso.

Stormshield Security intelligence: prevenzione e reazione

La squadra di Security Intelligence di Stormshield ha due missioni principali: studiare e capire le minacce al fine di migliorare i prodotti Stormshield da un lato e di fornire il proprio contributo alla cybersecurity condividendo le proprie analisi e collaborando strettamente con organizzazioni professionali (CERT, istituti di ricerca, specialisti della sicurezza e altri).

Una chiara identificazione delle minacce è infatti il primo passo per affrontarle in maniera risolutiva. Come azienda votata all’innovazione, Stormshield valuta modi per combattere le minacce in modo proattivo, attraverso prodotti come Stormshield Endpoint Security, la cui capacità di bloccare minacce day zero sul nascere, senza richiedere alcun aggiornamento, è il carattere distintivo di una soluzione frutto del lavoro incessante del team di Security Intelligence.

Tramite Breach Fighter, integrato nei firewall perimetrali di Stormshield, i clienti Stormshield caricano su una sand-box nel cloud un gran numero di file da suddividere tra applicazioni legittime (goodware) e fraudolente (malware). Questo sistema di intelligence contro le minacce si avvale di strumenti proprietari, tra cui un honeypot (dati che fungono da “esca” per eventuali attacchi), un laboratorio d’analisi del malware, un linguaggio di classificazione personalizzato e algoritmi di apprendimento automatico.

Insieme a informazioni provenienti da fonti esterne, i prodotti Stormshield producono enormi quantità di informazioni e file, costantemente eviscerati dal team di Security Intelligence con l’obiettivo di disporre di un bacino di dati quanto più ampio possibile e di assicurare il miglior tasso di identificazione dei malware sul mercato.

Continua a leggere

Stiftung Warentest: G DATA Internet Security è il miglior antivirus


logo-claim-2015-3c-highresG DATA ottiene per la decima volta consecutiva giudizi eccellenti per la rilevazione dei virus.

“Nessun’altra suite di sicurezza protegge i consumatori in modo tanto meticoloso contro il malware digitale come G DATA Internet Security 2017” – questo il risultato del recente test comparativo condotto dalla tedesca Stiftung Warentest e pubblicato sulla rivista “test” (03/2017). La soluzione di sicurezza del produttore teutonico ha sorpreso la giuria con una protezione antivirus eccellente in ogni test comparativo condotto dal 2005 in poi. G DATA Internet Security 2017 è l’unica suite di sicurezza ad aver ottenuto il massimo punteggio per la scansione antivirus.

Nell’ultimo test comparativo ben 18 soluzioni di sicurezza per PC windows hanno dovuto dimostrare le proprie capacità in termini di difesa antivirus. La conclusione dei responsabili del test: “solo G DATA ha eseguito una scansione eccellente”. A impressionare non è stata solo la tecnologia antivirus. Stiftung Warentest ha anche sottolineato l’esemplare servizio al cliente offerto dall’azienda: “G DATA è l’unico produttore con termini e condizioni d’uso e linee guida per la protezione dei dati prive di difetti.”

gdris17-en-int-3pc-km16-0000000000000-rgb-002

“Il perno della nostra attività è fornire agli utenti le migliori tecnologie di difesa per la protezione dei propri dati personali” conferma Andreas Lüning, membro del board e fondatore di G DATA Software AG. “Il recente test comparativo di Stiftung Warentest ne è la riprova: siamo onorati che la suite G DATA Internet Security sia stata riconosciuta come il miglior scanner antivirus per il decimo anno consecutivo.”

Dettagli sulle procedure del test

  • Soluzioni di sicurezza testate: 18 suite, tra cui G DATA Internet Security 2017 – Valutazione complessiva: buono (2.2)
  • Condotto da Stiftung Warentest – http://www.test.de e pubblicato sulla rivista “test”, edizione 03/2017

Protezione senza soluzione di continuità: G DATA Internet Security 2017

G DATA Internet Security fornisce una protezione affidabile per PC e dati personali grazie a solide tecnologie anti ransomware, keylogger, exploit e trojan, oltre ad un potente firewall. Gli utenti di Internet sono protetti contro ogni pericolo, che essi siano conducano transazioni bancarie e acquisti online,  o stiano semplicemente navigando.

Caratteristiche principali di G DATA Internet Security 2017(*)

  • Tecnologia G DATA anti-ransomware per la protezione contro trojan e cybercriminali che estorcono denaro
  • BankGuard per l’online banking e lo shopping sicuro
  • Firewall intelligente per bloccare gli attacchi degli hacker
  • Filtro antispam contro messaggi e pubblicità indesiderata
  • Protezione phishing con monitoraggio delle email
  • Exploit protection per contrastare falle di sicurezza nel software
  • Controllo parentale per l’utilizzo appropriato del PC in base all’età dell’utente
  • Assistenza tecnica 24/7/365

(*) La suite G DATA Internet Security 2017 sarà disponibile in Italia a partire da aprile 2017

Continua a leggere