G DATA: godersi le vacanze in tutta sicurezza


Logo-Claim 2015 EN 4CI consigli del produttore tedesco di soluzioni per la sicurezza IT per la tutela di smartphone, tablet e notebook in vacanza.

Bochum (Germania) – Molti utenti non desiderano rinunciare al proprio device mobile in vacanza con cui inviare saluti a parenti ed amici durante le ferie, che ci si trovi sotto l’ombrellone o nella piscina del resort selezionato. Se lo scorso anno il 45 per cento della popolazione tedesca ha portato in villeggiatura il proprio smartphone o tablet (fonte: Statista), in Italia ancor di più, ma molti dispositivi non sono sufficientemente tutelati, a tutto vantaggio dei cybercriminali che, nei luoghi di villeggiatura, hanno vita facile in termini di furto di dati e spionaggio elettronico. G DATA raccomanda ai vacanzieri di dotare il proprio compagno di viaggio digitale di una protezione completa prima di partire e condivide alcune regole di sicurezza sul luogo di villeggiatura.

I device mobili sono accompagnatori utili e pratici anche in vacanza, un paio di scatti veloci e via per e-mail, MMS o applicazioni di instant messaging ai cari a casa. „Gli hotspot gratuiti, sempre più presenti nei luoghi di villeggiatura o negli aeroporti, come i computer accessibili negli Internet Cafè sono spesso mal protetti, uno stato utile ai cybercriminali per carpire il traffico dati, accedendo facilmente a dati personali, come password o contatti, dell’ignaro turista”, spiega Eddy Willems, G DATA Security Evangelist.

G_DATA_Digital_Beach_web

Online banking e shopping in vacanza: i rischi

Eddy Willems consiglia ai vacanzieri di condure transazioni bancarie o acquisti online in anticipo o a posteriori delle ferie. Chi effettua pagamenti o acquisti tramite connettività internet pubblica, rischia di finire per direttissima nelle trappole dei cybercriminali rivelando loro, senza accorgersene, credenziali d’accesso e ulteriori informazioni personali. „I malfattori vendono le informazioni così raccolte su specifici mercati sommersi. I dati vengono poi spesso impiegati a scopo fraudolento.“

L’esperto di sicurezza IT consiglia quindi di proteggere in modo completo notebook, smartphone e tablet prima della partenza. In particolare è raccomandabile aggiornare i sistemi operativi e software in uso al fine di escludere recenti falle, oltre a dotarsi di soluzioni per proteggere laptop, smartphone e tablet, magari approfittando di particolari occasioni, come lo “speciale anniversario” del pluripremiato G DATA INTERNET SECURITY per PC e notebook o piattaforme Android.

Consigli per una vacanza riposante e sicura:

Prima della partenza:

  • Installare la soluzione di sicurezza: I vacanzieri dovrebbero dotare i propri dispositivi mobili e/o notebook di una soluzione di sicurezza di nuova generazione, come ad esempio G DATA INTERNET SECURITY.
  • Aggiornare il software: prima di partire sarebbe utile aggiornare il sistema operativo e i programmi in uso. Ciò consente di chiudere eventuali falle note, sfruttabili in remoto dai cybercriminali.
  • Attivare la protezione antifurto: Per prevenire le conseguenze di un furto dei dispositivi, gli utenti dovrebbero affidarsi ad una soluzione che contempli anche misure di protezione contro i furti. Tali soluzioni consentono di individuare il dispositivo a distanza, bloccarlo e cancellare tutti i dati ivi archiviati. Per i notebook invece si raccomanda di cifrare il disco rigido, per non consentire ai criminali di consultare i dati trafugati.
  • Fare un backup: Prima di andare in ferie, è necessario fare una copia di salvataggio di tutti i dati su disco o archivio esterno.
  • Annotare i recapiti telefonici per il blocco: I vacanzieri dovrebbero annotarsi i numeri di servizio del proprio operatore mobile e dell’emittente della propria carta di credito e bancomat. In caso di smarrimento, è possibile bloccare immediatamente la carta, la chiavetta internet o il dispositivo mobile immediatamente.

Sul luogo di villeggiatura:

  • Evitare reti wifi pubbliche: sarebbe meglio evitare l’uso di hot-spot gratuiti in hotel, aeroporti e stazioni poichè questi sono scarsamente protetti. Per l’accesso ad Internet sarebbe meglio puntare su una chiavetta UMTS o SIM LTE.
  • Attenzione agli Internet Café: I computer accessibili al pubblico non sono protetti in modo adeguato, i vacanzieri dovrebbero quindi evitare di effettuare transazioni bancarie e acquisti online tramite tali macchine oltre a non scaricare dati personali (p.es. accesso all’account di posta elettronica o social network). I criminali potrebbero spiare tali informazioni abusandone a scopo illecito.
  • Nessuna possibilità ai ladri: I dispositivi mobili non dovrebbero mai essere prestati o lasciati – seppur brevemente – in custodia a terzi. Idealmente smartphone, tablet o notebook non andrebbero portati in spiaggia o in piscina, perché è proprio qui che i ladri fanno la posta a turisti poco attenti.
  • Disattivare le reti radio: Le connessioni via radio, come wifi, bluetooth o NFC dovrebbero essere impiegate esclusivamente quando occorre, poiché rendono il dispositivo vulnerabile.
  • Disattivare la connessione dati: Per gli smartphone raccomandiamo di disattivare la connessione dati all’estero (roaming) o in prossimità dei confini di Stato, affinchè i dati trasmessi non vengano ricevuti da un operatore sconosciuto e/o particolarmente costoso. Come è noto, alcune app inviano e ricevono dati in background, generando un elevato volume di traffico senza che l’utente se ne accorga. 

Continua a leggere

Android: G DATA rileva oltre 4.500 nuovi malware al giorno


Logo_trustBochum (Germania) – Secondo un sondaggio condotto da Initiative D21, il 34% dei fruitori di servizi di online banking ha utilizzato uno smartphone o un tablet per eseguire transazioni finanziarie nel 2014. Nel complesso, il 60% dei clienti delle banche è interessato al servizio di mobile banking (fonte: Roland Berger). E questa tendenza coinvolge naturalmente anche i cyber-criminali. Gli esperti di sicurezza di G DATA, nella loro ultima relazione sui malware per i dispositivi mobili, spiegano come i criminali siano in grado di sviluppare malware ad hoc per prendere di mira gli utenti Android e intercettare dati bancari sensibili. Fra i motivi della loro predilezione per Android, vi è la popolarità che il sistema operativo riscontra a livello globale. Secondo gli analisti di mercato IDC, Android ha raggiunto una quota di mercato dell’80% circa. E la generazione di nuovi ceppi di malware va di pari passo. Solo nella seconda metà dello scorso anno, gli esperti hanno analizzato 796.993 nuovi file di malware per Android, raggiungendo la quota record di oltre 1,5 milioni di programmi malware in un anno. L’analisi di G DATA sui malware per i dispositivi mobili è disponibile online.

“Gli attacchi indirizzati agli utenti di piattaforme per l’online banking stanno aumentando. Smartphone e tablet vengono utilizzati sempre più frequentemente per effettuare operazioni finanziarie”, spiega Christian Geschkat, Mobile Solutions Product Manager di G DATA. “Pertanto, prevediamo che in futuro i criminali svilupperanno software ancora più specializzati per intercettare dati sensibili”.

796.993 nuovi ceppi di malware per Android nella seconda metà del 2014

Il numero di nuovi casi di malware per Android è aumentato del 6,1% rispetto al primo semestre del 2014. Nel 2014, gli esperti di sicurezza di G DATA hanno individuato in totale oltre 1,5 milioni di nuovi malware per Android. Nel complesso, ciò rappresenta un aumento del  malware che sfiora il 30% rispetto al 2013.

App store di terze parti: una fonte di pericolo

Gli app store alternativi rappresentano un comune percorso di distribuzione dei malware. Gli esperti di sicurezza, analizzando vari mercati di terze parti, hanno scoperto che i provider europei e americani presentano meno applicazioni infette rispetto alle controparti site in Cina o in Russia. In alcuni mercati cinesi, è stato rilevato che fino a un quarto delle applicazioni è stato infettato da malware e PUP (programmi potenzialmente indesiderati).

Tre previsioni

  • Pubblicizzare, spiare, manipolare: il caso Superfish su PC ha dimostrato che gli adware possono rendere inefficace la crittografia SSL, il che può essere sfruttato dai criminali informatici per intercettare dati sensibili. Gli esperti di sicurezza prevedono che questo trend si diffonderà anche nei dispositivi mobili.
  • Malware mirati all’intercettazione di dati bancari: il 2015 sarà caratterizzato da malware sviluppati ad hoc per attaccare banche e spiare dati finanziari. A tale scopo i cyber-criminali fanno affidamento su applicazioni bancarie fasulle o manipolate che carpiscono specificamente tali dati.
  • Dati sulle prestazioni personali ambiti dai criminali: le app dedicate al fitness e tutti gli accessori a corredo sono molto popolari sugli smartphone. Così, è sempre più frequente la registrazione e l’analisi delle proprie prestazioni sportive (“Quantified Self”). Gli esperti di sicurezza di G DATA temono un incremento nei furti di tali informazioni strettamente private.

L’analisi di G DATA sui malware per i dispositivi mobili è disponibile online all’indirizzo: https://secure.gd/dl-en-mmwr201402
Continua a leggere