Cybersicurezza: quanta paura bisogna avere della macchina del caffè?


Il caffè è il carburante quotidiano dell’occidentale medio, come vivere senza? Proprio questa abitudine è risultata fatale ad un’industria petrolchimica che si è trovata ad affrontare le conseguenze di un’infezione da ransomware.

Nel luglio dello scorso anno, l’IT manager di una società petrolchimica con diverse fabbriche in Europa gestite sia in locale sia da remoto, fu contattato perché la sala di controllo locale di uno dei siti produttivi risultava fuori servizio. Una breve descrizione dell’accaduto fu sufficiente per capire che si trattava di un’infezione da ransomware (proprio uno dei tanti in circolo a metà dell’anno scorso). Per debellare il virus, l’IT manager decise inizialmente di reinizializzare tutti i sistemi formattandoli e reinstallando tutto, ma malgrado ciò poco tempo dopo i computer risultavano ancora infetti, sebbene nessuno fosse direttamente collegato alla sala di controllo locale.

Come ha fatto un semplice ransomware non targettizzato a colpire la rete di un’azienda che collabora con molti fornitori ed esperti di cybersicurezza? Sono diverse le strategie applicabili per limitare l’estensione della superficie vulnerabile. Un’attenta analisi fece luce sul rebus informatico: un paio di settimane prima era stata installata in azienda una nuova macchina del caffè di ultima generazione.

Dotata di collegamento Internet, la nuova macchina era in grado di inviare automaticamente gli ordini di rifornimento alla casa madre. Si dà il caso che per tale attività si collegasse alla stessa rete della sala di controllo locale anziché appoggiarsi a una rete wifi isolata, aprendo involontariamente le porte al malware. Fortunatamente questo incidente non ha avuto un impatto di maggiore entità sulla produttività aziendale, ma risulta molto istruttivo.

La superficie di attacco consta della somma delle potenziali aree esposte, sfruttabili per garantirsi un accesso non autorizzato a determinate risorse dell’ambiente digitale. Queste aree includono anche l’hardware di rete (tra cui i firewall), i server Web, le applicazioni esterne, i servizi di rifornimento e i dispositivi mobili che possono accedere a informazioni o servizi di valore.

Rappresentazione schematica dell’azienda al momento dell’infezione.

Qui di seguito le strategie di protezione raccomandate da Stormshield, noto produttore di soluzioni di sicurezza per reti industriali, al fine di evitare situazioni analoghe.

Soluzione numero 1: dotarsi di una soluzione per la protezione degli endpoint

Con “Endpoint Protection” ci si riferisce a software di sicurezza di consuetudine installati sulla maggior parte dei dispositivi. Il software di sicurezza può includere anche un antivirus, un firewall personale, un software antiintrusioni e altri programmi di protezione. Se i computer della sala di controllo locale fossero stati dotati di tale protezione, il ransomware non avrebbe avuto modo di diffondersi.

Soluzione numero 2: Creare una rete segmentata

La segmentazione della rete consta nel separare in sottoreti dispositivi, cablaggio e applicazioni che connettono, trasportano, trasmettono, monitorano o salvaguardano i dati. Ciò garantisce una maggior discrezionalità nel trattamento di ogni singolo segmento, permettendo di applicare soluzioni di sicurezza più forti laddove fosse necessario e limitando l’impatto di una possibile infezione malware o qualsiasi altro comportamento malevolo ad un singolo frammento della rete.Con una rete di questo tipo due segmenti separati non possono comunicare tra di loro, il virus non avrebbe quindi potuto raggiungere i computer della sala di controllo locale e la macchina del caffè avrebbe potuto fare solo ciò che le riesce meglio: il caffè.

Soluzione numero 3: implementare una migliore protezione perimetrale e attivare un’ispezione profonda dei pacchetti

La Deep Packet Inspection o DPI monitora e filtra pacchetti di dati all’interno della rete aziendale non appena passano il punto di controllo. Ne esamina possibilmente anche lo header al fine di rilevare discordanze con il protocollo, virus, spam o intrusioni, utilizzando anche criteri aggiuntivi per stabilire se il pacchetto è legittimo o meno.Tale meccanismo di filtro del firewall avrebbe evitato ogni tipo di connessione tra la sala di controllo centrale e la macchina del caffè. Anche qualora fosse stato necessario collegare le due, tale connessione sarebbe stata monitorata tramite Deep Packet Inspection. In entrambi i casi il virus sarebbe stato scartato per direttissima, proprio come un caffè dal sapore terribile.

Soluzione numero 4: implementare il controllo della comunicazione tra le applicazioni di rete

Il controllo della comunicazine tra le applicazioni di rete consente di autorizzare esclusivamente il passaggio di un set di comandi o messaggi predefiniti, anche nel caso in cui gli altri non vengano bloccati dal filtro DPI perché legittimi a livello di protocollo. Questo doppio controllo avrebbe bloccato la trasmissione del ransomware ai sistemi della sala di controllo locale.

Soluzione numero 5: smettere di bere caffè

Questa soluzione è facile, e si può riferire anche a chi beve te. Se però venissero messi in pratica i consigli sopracitati, non dovrebbe essere necessario arrivare fino a questo punto… Caffè con o senza zucchero?Conclusione: come proteggere la propria azienda dalla macchina del caffè?

Stormshield raccomanda di implementare tutte le soluzioni di difesa possibili. Più strategie di tutela vengono applicate, più si limita la superficie di attacco e si riduce il potenziale impatto di una minaccia informatica.

Continua a leggere

SID 2018: più sicurezza su Internet


 

I consigli di G DATA per un utilizzo più sicuro dei social network e altre piattaforme online

 

Bochum (Germania) – Nel mese di novembre dello scorso anno gli italiani hanno trascorso almeno due ore online nel giorno medio (dati Audiweb). I giovani in particolare dedicano molto del proprio tempo ai social network o utilizzando servizi di messaggistica online, spesso senza curarsi di tutelare propri dati personali, mettendo a rischio le proprie identità digitali. Un’altra minaccia in cui si può incappare quando si ha a che fare con il world wide web è il cyberbullismo. Quest’anno il Safer Internet Day (SID), iniziativa UE spalleggiata da istituzioni, società, organizzazioni, associazioni e privati, è all’insegna del motto “crea, connettiti e condividi rispetto: un internet migliore comincia da te” e ha come obiettivo quello di sensibilizzare gli utenti ai pericoli di Internet. Per rimarcare l’importanza di questa giornata europea di prevenzione, G DATA non solo ha avviato con l’inizio del mese gli incontri con le scuole per educare allievi e insegnanti ad un uso consapevole di Internet ma fornisce consigli riguardanti la sicurezza e suggerisce come gli internauti possono tenere monitorati i propri dati sensibili.

Ransomware, phishing, cyberbullismo – la lista delle minacce su Internet è davvero lunga. Gli internauti sono facili vittime di attacchi andati a segno, nel qual caso devono confrontarsi con la perdita dei propri dati personali o con conseguenze di più vasta portata.

“Molti utenti Internet non prendono seriamente la tutela della propria identità digitale perché ignari dei rischi o perché non si ritengono obiettivi interessanti per gli attacchi dei cybercriminali, facilitando le attività dei predatori” spiega Tim Berghoff, Security Evangelist di G DATA. “Con pochi accorgimenti, gli utenti possono proteggersi dagli attacchi online, dal cyberbullismo e similari”.

E’ della stessa opinione anche Mauro Ozenda, lo specialista incaricato da G DATA della formazione nelle scuole, che domani, 7 febbraio, giornata mondiale contro il bullismo e il cyberbullismo nelle scuole, incontrerà allievi, insegnanti e genitori dell’Istituto Comprensivo 1 di Asti, dopo gli incontri del 2 e 3 febbraio a Chiaravalle in provincia di Ancona (Istituto Comprensivo M. Montessori, Istituto Comprensivo R.L. Montalcini) e a Jesi (Liceo Classico V. Emanuele). Il 21 febbraio sarà presso la Scuola Audiofonetica di Brescia.

“Sono ormai numerosi gli Istituti Comprensivi del Nord Italia consapevoli dell’importanza dell’educazione digitale dei ragazzi. Stiamo ricevendo un eccellente riscontro da Torino, Milano, Alessandria, Sondrio, Verona e altre città” conferma Ozenda, che nell’arco della giornata formativa incontrerà al mattino i ragazzi e nel pomeriggio i genitori.I consigli G DATA per un “Safer Internet Day” (e non solo)

  • Chiudere le falle di sicurezza: aggiornare i sistemi consente di avvalersi di sistemi operativi e applicazioni allo stato dell’arte ma non solo, installando gli aggiornamenti gli utenti possono chiudere eventuali vulnerabilità dei sistemi, altrimenti sfruttabili dai cybercriminali.
  •  Proteggersi con una suite per la sicurezza IT: una potente soluzione per la sicurezza IT dovrebbe essere parte integrante della dotazione di base di qualsiasi PC. La protezione non dovrebbe limitarsi alla rimozione di virus ma dovrebbe prevedere un filtro per lo spam, un firewall e la protezione in tempo reale contro le minacce online.
  • Spam per direttissima nel cestino digitale: è essenziale cancellare le e-mail di spam e non aprire in nessun caso link o file allegati
  • Password sicure: ci si dovrebbe dotare di una password differente per ogni account online, dai social network alla posta elettronica. La password dovrebbe constare di una sequenza arbitraria di numeri e lettere maiuscole e minuscole.
  • Proteggere la navigazione dei bambini: i genitori dovrebbero insegnare ai figli come utilizzare internet in modo sicuro. Il parental control può essere d’aiuto, prevenendo l’accesso dei minori a siti con contenuti inappropriati quali droga, violenza, pornografia, ecc.
  • Attenzione agli URL brevi: essendo in qualche modo codificati quindi non interpretabili, i link abbreviati possono condurre direttamente ad una trappola. Gli internauti devono quindi prestare particolare attenzione ed evitare di cliccare su link di dubbia provenienza
  • Non rivelare troppo della propria identità: chi utilizza i social network non dovrebbe rivelare troppe informazioni personali e sarebbe opportuno evitare di condividere sul proprio profilo dati sensibili come l’indirizzo postale o il numero di telefono cellulare
  • Non tutti gli utenti dei social sono amici: gli utenti dei social network spesso ricevono richieste di amicizia da sconosciuti. La richiesta di contatto dovrebbe essere accettata solo qualora si conosca la persona in questione, e, idealmente, se si è effettivamente amici.

Continua a leggere

Di G DATA e Reale Mutua la soluzione “Insurtech” per le PMI


Insieme al noto istituto assicurativo torinese e al broker Margas, il produttore di soluzioni di sicurezza informatica teutonico dà vita ad una formula di CyberInsurance congiunta, dedicata ai propri clienti, in previsione dell’imminente entrata in vigore del nuovo Regolamento per la protezione dei dati personali (GDPR).

Bologna / Torino / Padova

Uno studio pubblicato di recente sull’impatto economico sostenuto dalle aziende per gli incidenti informatici in Italia rivela un importo di poco inferiore ai 100.000 Euro per le PMI e di poco inferiore al milione di Euro per le grandi aziende. Un valore statistico in crescita anche alla luce del nuovo provvedimento del Garante, che, anticipando il nuovo Regolamento europeo, impone agli operatori economici e alla PA di comunicare tempestivamente le violazioni o gli incidenti informatici subiti. Ma non solo.

Al rischio di furto di dati sensibili, ai sensi del nuovo GDPR, concorre anche l’eventuale vulnerabilità dell’infrastruttura di operatori a cui le aziende hanno commissionato servizi che richiedono la condivisione dei propri dati riservati (come nel caso di sistemi di gestione della clientela ospitati nel cloud o dei dati forniti agli operatori privati del mercato postale nazionale dai rispettivi committenti). In caso di incidente, le conseguenze ricadono in primis quasi interamente sul titolare del trattamento, ossia l’azienda, spesso impreparata ad affrontare tali danni. Le imprese non dovrebbero preoccuparsi solo dei rischi legati alla propria sicurezza ma anche dell’intrinseca debolezza dei processi legati al trattamento e all’elaborazione dei dati rispetto alle esigenze normative. L’accresciuto rischio di una potenziale inadempienza complica infatti la situazione ed espone a conseguenze economiche difficilmente prevedibili.

Privacy & Cyber Risk: la formula Insurtech integrata per mitigare l’impatto economico degli incidenti informatici

Giulio Vada, Country Manager, G DATA Italia

G DATA individua nel principio della Data Protection by design e della Accountability (responsabilità) i due elementi chiave del nuovo Regolamento europeo. “Consapevoli che la progressiva digitalizzazione dell’attività aziendale contribuisca ad aumentare l’esposizione dei dati ai rischi informatici e le aziende a danni inaspettati, abbiamo lavorato alacremente ad una soluzione Insurtech che integra tecnologie di sicurezza con una polizza assicurativa per la Responsabilità Civile (Accountability). Denominata Privacy & Cyber Risk, la nuova RC è dedicata alle PMI, che avranno così modo di prepararsi efficacemente al GDPR e di intraprendere più serenamente il percorso virtuoso che li porterà alla piena compliance normativa”, così Giulio Vada, country Manager di G DATA Italia commenta la stretta collaborazione instauratasi tra il vendor, Società Reale Mutua di Assicurazioni e Margas, broker padovano specializzato in assicurazioni cyber. Secondo G DATA infatti la Cyber Insurance dovrebbe entrare a far parte della preparazione all’imminente GDPR e essere prevista come strumento di risk management aziendale.

Andrea Bertalot, Vice Direttore Generale, Reale Mutua Assicurazioni

“Una polizza ben strutturata e direttamente collegata ad una soluzione di sicurezza di nuova generazione, in grado di prevenire attivamente le minacce informatiche, può rivelarsi l’arma vincente per le aziende che, nella fase di transizione e a posteriori dell’entrata in vigore del GDPR, desiderano ridurre attivamente il rischio informatico e avvalersi nel contempo di strumenti per il trasferimento del rischio residuo proteggendosi contro imprevisti finanziari” aggiunge Andrea Bertalot, Vice Direttore Generale di Reale Mutua.

Cesare Burei, CEO, Margas

“Se ti viene sottoposta un’esigenza, cerca di soddisfarla” dichiara Cesare Burei, CEO di Margas. “La nostra esperienza quasi ventennale maturata in ambito Cyber Insurance e la stretta collaborazione con La Società Reale Mutua di Assicurazioni, ci hanno consentito di trovare un trait d’union tra il mercato assicurativo e quello di G DATA, portando valore aggiunto ad entrambi e fornendo uno strumento di salvaguardia in più alle imprese che beneficiano da subito di questa collaborazione sinergica.”

La soluzione assicurativa Privacy & Cyber Risk è accessibile esclusivamente in concomitanza con l’impiego delle suite di sicurezza business G DATA e sosterrà finanziariamente i fruitori nei casi di richieste di risarcimento danni da parte di terzi per:

  • diffusione di dati personali (leakage)
  • ‎trasmissione di ransomware
  • ‎pubblicazione di informazioni lesive della reputazione e della privacy di terzi, come conseguenza di un incidente informatico.

Ovviamente, un’assicurazione non può sostituirsi ad una gestione, o Governance, dei dati che preveda adeguate politiche di protezione e sia incastonata nel più generale processo di gestione del rischio d’impresa. Per questo motivo ogni organizzazione è chiamata a mettere in atto tutte le azioni necessarie per prevenire l’accesso non autorizzato alle proprie risorse (data leak prevention). “Nell’attuale contesto di relativa insicurezza, la vera sfida per le imprese è di guardare a se stesse in maniera olistica, con un approccio che incorpori le persone, i processi e le informazioni. L’errore classico è di considerare la sicurezza come un problema meramente tecnologico. Con Privacy & Cyber Risk intendiamo contribuire ad un cambiamento di rotta”, conclude Vada.

Continua a leggere

Le previsioni di G DATA per il 2018: i cybercriminali puntano a Bitcon & Co.


Società, criptovalute e IoT sempre più spesso nel mirino dei cybercriminali.

Anche nel 2017 il ransomware è stato il protagonista dell’anno per quanto concerne la sicurezza IT. WannaCry e NotPetya hanno dimostrato che i criminali hanno perfezionato le proprie tecniche e che le aziende sono oggetto di attacchi mirati. Gli esperti di sicurezza G DATA non possono dichiarare il cessato allarme per il 2018, al contrario si aspettano un ulteriore incremento del livello delle minacce. A fronte di tassi di interesse sul capitale sempre più bassi, un crescente numero di persone investe in criptovalute come i Bitcoin. I cybercriminali non sono da meno, hanno creato nuovi modelli di business illegale particolarmente lucrativi e tentano di accaparrarsi la propria fetta di criptovalute con script per il mining e altri attacchi.

G DATA prevede di chiudere il 2017 con la rilevazione di almeno dieci milioni di nuovi ceppi di malware per Windows e più o meno tre milioni e mezzo per Android. Le statistiche mostrano che il livello di minaccia è in costante aumento. Molte attività quotidiane come le transazioni bancarie o gli acquisti vengono effettuate online. La conduzione di tali attività diventa di giorno in giorno sempre più semplice grazie all’utilizzo di supporti operativi quali gli assistenti vocali e ad una migliore fruibilità. Cosa che aumenta altresì il raggio d’azione dei criminali.

“I Bitcoin e le altre criptovalute stanno infrangendo record su record. Sempre più persone si interessano alle valute digitali. I criminali sfruttano questo trend, focalizzandosi sempre più sugli utenti Internet attivi in questo ambito “spiega Tim Berghoff, G DATA Security Evangelist. “Inoltre, ci aspettiamo di vedere molti più attacchi su larga scala condotti ai danni di piattaforme che in precedenza non erano mai state prese in considerazione, dato che solo di recente soluzioni IoT, come gli assistenti personali digitali e i dispositivi domotici, sono entrati nel mercato di massa.

Sicurezza IT: previsioni 2018

  • Maggiore attenzione all’IoT: i dispositivi intelligenti sono presenti tanto in ambito residenziale quanto aziendale / industriale. L’Internet of Things non è più solo una moda, per molti utenti è uno strumento quotidiano. Nel 2018 i cybercriminali daranno vita ad attività illegali mirate.
  • Attacchi ransomware in crescita: nel 2017 i cybercriminali hanno ottenuto enormi profitti dall’utilizzo di questa forma di estorsione virtuale. Le tecniche sono diventate sempre più raffinate. In virtù di ciò, per il 2018 ci si attende un’ulteriore aumento dei malware che chiedono un riscatto.
  • Estorsione di dati riservati: il furto di dati è stato un business estremamente lucrativo per molti anni. In passato i cybercriminali hanno messo in vendita i dati ottenuti sul dark web. Gli esperti di G DATA hanno però riscontrato un trend diverso: le aziende a cui sono stati criminali minacciano le aziende alle quali hanno estorto illegalmente i dati richiedendo un riscatto.
  • Attacchi agli assistenti vocali: Sempre più utenti si affidano ad assistenti personali come Siri e Alexa. Nel 2018, gli esperti di sicurezza G DATA si aspettano primi attacchi di successo contro queste piattaforme e la nascita dei primi (?) modelli di business redditizio.
  • Nuove normative sulla protezione dei dati: La data d’entrata in vigore del GDPR Europeo si avvicina inesorabilmente. La nuova normativa entrerà in vigore il 25 maggio 2018. Molte società sono ancora molto indietro in termine di conformità alle nuove leggi. Entro la data di scadenza, le aziende dovranno garantire che i dati sensibili dei propri clienti vengano elaborati e tutelati nel rispetto della legge. G DATA ritiene che circa il 50% delle aziende non si sarà adeguato integralmente al contenuto della normativa europea prima della sua data di decorrenza.
  • Criptovalute come vettore di attacco: L’euforia generata dalle criptovalute rievoca la corsa all’oro del diciannovesimo secolo. A fronte di un investimento sempre più massiccio in monete digitali, i cybercriminali stanno compiendo sforzi concertati con l’intento di derubare gli utenti.

Continua a leggere

Fiducia nella sicurezza – una delle preoccupazioni più pressanti dell’universo Internet


Come possiamo generare fiducia nelle tecnologie che offriamo in qualità di produttore? Questa domanda è indubbiamente una delle preoccupazioni chiave che meritano attenzione e tuttavia se ne discute ben poco tra le aziende che sviluppano e producono soluzioni per la cybersecurity. E’ necesario analizzare in dettaglio l’argomento per comprenderne le sue implicazioni strategiche.

Comprendere il contesto generale

Gli eventi recenti hanno mostrato che non appena sorge il minimo dubbio sull’efficacia e l’affidabilità delle soluzioni di sicurezza queste vengono messe immediatamente in discussione. Ad esempio, il caso Snowden ha rivelato al mondo l’esistenza del catalogo ANT della NSA e quindi l’utilizzo di backdoor o altri strumenti inseriti nelle soluzioni per la sicurezza perimetrale al fine di proteggere e tutelare gli interessi degli Stati Uniti. Pur non sorprendendo nessuno, questa informazione è stata resa di pubblico dominio.

Matthieu Bonenfant, Chief Marketing Officer – ‎Stormshield

Ovviamente queste backdoor potrebbero essere state implementate goffamente per ragioni tecniche o in relazione a vulnerabilità 0-day. Molti dei produttori coinvolti hanno più volte ribadito che non hanno indebolito le proprie soluzioni deliberatamente. “Non mi permetto di giudicare questa affermazione, non è il mio lavoro”, commenta Matthieu BONENFANT, Chief Marketing Officer di Stormshield, “tuttavia, al di là del potenziale impatto sulla sovranità dei Paesi terzi che adottano queste soluzioni, le backdoor possono avere altre conseguenze drammatiche”. Basti pensare agli effetti disastrosi del leak svelato da Shadow Brokers, che segnalava numerose vulnerabilità di MS Windows utilizzate dalla NSA come backdoor. Wannacry, NotPetya, e – più recentemente – il ransomware Bad Rabbit si sono diffusi con estrema rapidità proprio grazie a questo tipo di falle.

“A mio avviso questa situazione mette in luce una delle maggiori sfide con cui i vendor di sicurezza devono confrontarsi”, chiosa Bonenfant. “Le nostre tecnologie manipolano e ispezionano file riservati, processano e archiviano dati personali, cifrano informazioni sensibili, accedono a risorse il cui uso è regolato, gestiscono identità digitali, analizzano il traffico ed il suo comportamento e molto altro”. Come garantire quindi ai clienti e all’ecosistema che queste attività sono affidabili? Come rispettare la sovranità sul dato alla luce di tutte le tensioni geopolitiche? Il fatto che la digital economy fiorisca esclusivamente in un clima di fiducia è risaputo, ma molte di queste domande ad oggi non trovano risposta.

Per i produttori di soluzioni per la sicurezza perimetrale, questa domanda è vitale considerando che la cifratura del traffico è una delle colonne portanti di un account digitale affidabile. Secondo Gartner, entro il 2019 l’80% del traffico generato dalle aziende sul web sarà cifrato, una buona notizia. Questo significa però che un numero crescente di attacchi e applicazioni malevole (ransomware incluso) si celeranno dietro al traffico HTTPS per nascondere l’infezione iniziale e prendere il controllo delle comunicazioni. Alla luce di ciò, Gartner raccomanda che le aziende e le organizzazioni formalizzino un piano pluriennale per l’implementazione di soluzioni e programmi per la decodifica e l’ispezione del flusso di dati HTTPS. La tecnica di ispezione di SSL si basa per lo più sul metodo “man-in-the-middle”, che inevitabilmente crea una falla nello scambio di comunicazioni cifrate. Una debolezza nel prodotto che conduce la decodifica e l’ispezione del traffico SSL può quindi far collassare l’intera catena di fiducia.

Potenziali soluzioni

Prima di tutto, possiamo fare affidamento sui test condotti da aziende esterne specializzate nella valutazione delle tecnologie di sicurezza, decisamente in grado di giudicare l’efficacia dei meccanismi di protezione. Tuttavia questi test, che tra l’altro non sono particolarmente a buon mercato, non si focalizzano in realtà sul design della soluzione di sicurezza in sè.

E’ altrettanto possibile fare affidamento sulle linee guida dettate dai Common Criteria, adottate da 26 Paesi. In questo caso però il produttore di soluzioni di sicurezza è colui che definisce lo spettro di valutazione, chiamato “obiettivo di sicurezza”, che può quindi essere limitato ad una piccola parte del software analizzato. Sfortunatamente solo in alcuni Paesi si misura l’importanza e si valuta la rilevanza dell’obiettivo prefissato. Per farla breve, i clienti fanno fatica a seguire il numero crescente di livelli certificazione (EAL) di Common Criteria.

Ci sono anche numerosi programmi che incentivano la ricerca di “bug”, software di analisi del codice statico o audit indipendenti volti a rilevare e correggere eventuali vulnerabilità. Queste iniziative migliorano effettivamente la sicurezza della tecnologia, a volte anche già in fase di design, tuttavia è difficile presentarle agli utenti come garanzia di affidabilità.

Infine, le certificazioni ufficiali svolgono un ruolo importante. Ad esempio in Francia, la ANSSI (l’agenzia nazionale per la sicurezza informatica) valuta il livello di affidabilità dei prodotti di sicurezza utilizzando un framework di qualificazione specifico, che è un’estensione dei principi Common Criteria. Questo framework definisce tre livelli di qualificazione basati su obiettivi di sicurezza predefiniti. Di conseguenza sono più facili da comprendere. A seconda del livello di qualificazione, si conduce una revisione indipendente del codice sulle componenti ritenute essenziali per la sicurezza, come la cifratura. Vengono analizzate anche le potenziali vulnerabilità, insieme all’ambiente fisico di sviluppo. Questo metodo fornisce la prova che i prodotti siano robusti e che non vi siano vulnerabilità sfruttabili come backdoor.

E’ necessario un framework ominivalente

Il fatto che questo framework di qualificazione sia riconosciuto esclusivamente in Francia rappresenta un problema. Ad esempio Germania e Regno Unito dispongono di un proprio framework, creato rispettivamente dal BSI (ufficio federale per la sicurezza informatica) e dal NCSC (centro nazionale per la cybersicurezza). La situazione attuale, sic stantibus, non è nè scalabile né economicamente accettabile per la maggior parte dei produttori, dato che dovrebbero far certificare i prodotti in ogni Paese. Per poter dar vita ad un unico mercato digitale in Europa, che alimenti la fiducia e assicuri la sovranità dei Paesi europei, è necessario implementare certificazioni riconosciute in tutti gli Stati membri. La commissione europea sembra aver compreso il messaggio, ha difatti lanciato di recente un’iniziativa atta a creare un framework europeo di certificazione. Questa misura costituirà un enorme passo avanti, sempre che il nuovo framework si basi sull’esperienza e sui criteri di valutazione dei Paesi che già sanno esattamente cosa fare e non indebolisca i criteri di qualificazione per far posto a chi è rimasto indietro.

La luce alla fine del tunnel

Alla fine un framework che instilli fiducia nelle tecnologie di sicurezza si svilupperà inevitabilmente attraverso una miglior collaborazione e cooperazione di tutti gli interessati nell’ecosistema cyber. Uno scambio costante tra il settore pubblico e privato, la costituzione di alleanze tra i produttori di soluzioni di cybersecurity, il coinvolgimento dei clienti nel processo di sviluppo (p.es. design collaborativo) aumenteranno senza dubbio l’affidabilità e l’efficacia dei dispositivi di sicurezza.

Continua a leggere

Tutti parlano di «exploit», ma di cosa si tratta esattamente?


Immaginate che il recinto del vostro giardino sia danneggiato. Forse vi è noto che la recinzione presenti delle brecce o forse non ancora. Una cosa è certa: qualsiasi malintenzionato può avvalersene per fare irruzione nel vostro giardino e farsi strada verso casa vostra utilizzando i vostri attrezzi da giardino. Analogamente ciò accade con le falle di sicurezza sul vostro computer: i cybercriminali mirano a scovarne il più possibile per condurre i propri attacchi.

Come funziona un attacco con exploit?

Gli exploit sono piccoli programmi che individuano e sfruttano falle nella sicurezza. Il malware, come per esempio un ransomware, viene caricato solo in un secondo momento (“Payload”). Ecco come avviene un attacco.

1. Identificare le vulnerabilità
Gli exploit possono essere nascosti in un documento Word o essere scaricati automaticamente semplicemente visitando una pagina web. Cercano quindi punti attaccabili nell’applicazione con
cui sono stati scaricati (lettori di documenti, browser web ecc.).

2. Depositare un codice malevolo
Quando gli exploit trovano una vulnerabilità adatta, collocano un codice malevolo da qualche parte nella memoria del vostro computer.

3. Manipolazione dei processi delle applicazioni
Un’applicazione funziona compiendo tanti piccoli processi che hanno luogo in successione. L’avvio di un processo dipende dalla conclusione corretta del precedente, un
flusso stabilito esattamente nel codice di programmazione.Gli exploit sono programmati per modificare la sequenza originale in modo da dirottare il flusso dell’applicazione sul codice
manipolato. Ne consegue che non viene eseguito il normale codice dell’applicazione, bensì il codice dannoso infiltrato in precedenza.

4. Attivazione
Una volta attivato il malware può accedere alle funzioni del programma in cui è penetrato e a tutte le funzioni generalmente accessibili del sistema operativo. Quindi l’exploit raccoglie informazioni sul sistema e può scaricare ulteriori codici maligni da Internet.

5. Scaricamento del malware
A questo punto ransomware, trojan bancari o altri malware vengono scaricati sul computer.

Come arrivano gli exploit sul mio computer?

Gli exploit si diffondono prevalentemente in due modi. Nel primo caso si scaricano sul computer navigando, celati dagli altri contenuti della pagina web che si sta visitando. Nel secondo caso si celano nei documenti allegati alle e-mail, in chiavette USB, su hard disk esterni e simili.

Exploit “drive-by”

Lo scaricamento di exploit “drive-by” avviene “di passaggio” senza che l’utente se ne accorga. A tale scopo i cybercriminali manipolano direttamente i banner pubblicitari sulle pagine web o i server a cui sono collegati in modo piuttosto subdolo: tale trucco viene utilizzato anche su pagine affidabili. Basta un click sulla pubblicità per avviare il download in background. Il programma dannoso scaricato cerca quindi vulnerabilità nel browser o tra i plug-in.

L’infezione “drive-by” è quella più utilizzata per diffondere exploit kit. I kit consistono in una raccolta di exploit con obiettivi multipli. Molti kit presentano spesso strumenti per attaccare Flash, Silverlight, PDF Reader e browser web come Firefox e Internet Explorer.

Exploit nei file

Questa modalità di infezione è la più utilizzata per attaccare aziende. Gli exploit vengono diffusi sistematicamente attraverso PDF manipolati e allegati alle e-mail. Il file si presenta come una fattura o un’inserzione ma contiene exploit che dopo l’apertura sfruttano le vulnerabilità di Adobe Reader. Lo scopo di tali attacchi solitamente è lo spionaggio (APT).

Perché le applicazioni sono soggette a vulnerabilità?

Chi sviluppa software scrive righe su righe di codice in diversi linguaggi di programmazione. Spesso i programmatori si avvalgono di librerie di codici messe a disposizione da altri sviluppatori. Con la grande quantità di codici di programmazione e la crescente complessità delle applicazioni sfuggono immancabilmente degli errori.

Una volta venuti a conoscenza delle vulnerabilità insite nel codice delle proprie applicazioni, i produttori di software diffondono una versione “riparata” del programma (“Patch”), scaricabile dagli utenti che fanno uso del software.

Come mi difendo dagli exploit?

Per chiudere il maggior numero di falle possibili, al fine di ridurre quanto più possibile la superficie d’attacco, è consigliabile installare gli aggiornamenti del software per i programmi più importanti. È altresì essenziale dotarsi di una soluzione di sicurezza di nuova generazione in grado di riconoscere gli exploit zero-day, come le suite G DATA, una funzione che sopperisce al fatto che il più delle volte passano diverse settimane tra la scoperta della falla e il rilascio/ installazione di una patch sul dispositivo vulnerabile. Va da sé infatti che il periodo tra l’individuazione di una falla non nota al produttore da parte dei cybercriminali e la distribuzione di una patch sia ovviamente il più pericoloso.

Continua a leggere

G DATA Managed Endpoint Security: sicurezza a consumo


Con la nuova licenza MES il vendor teutonico rivoluziona la percezione dei costi della sicurezza, assicurando la fruibilità delle proprie soluzioni Endpoint Protection e Total Control Business a canone mensile.

La progressiva trasformazione di applicazioni in “SaaS” e di servizi di gestione del parco installato in “Managed Services” spinge sempre più spesso aziende e rivenditori specializzati a valutare nuove modalità di erogazione di soluzioni e servizi. Con G DATA Managed Endpoint Security G DATA risponde all’esigenza di abbattere investimenti e costi operativi di un’adeguata tutela dell’infrastruttura IT con una formula “a consumo”.

Grazie a G DATA Managed Endpoint Security, le aziende che non dispongono di uno staff votato esclusivamente alla sicurezza IT non devono più scendere a compromessi in termini di protezione e monitoraggio quotidiano della propria infrastruttura: la nuova formula MES consente loro infatti di affidare tale compito al proprio fornitore di servizi IT senza che lo stesso debba trovarsi presso l’azienda. Combinazione ideale tra la convenienza e la comodità dei servizi gestiti, G DATA Managed Endpoint Security offre tutti i vantaggi delle soluzioni business di fascia alta del vendor teutonico in un pacchetto “all-inclusive” per partner e clienti.

 

Clicca e aggiungi: gestione delle licenze in tempo reale con un click

La piattaforma MES di G DATA consente di gestire da remoto l’intero parco installato presso uno specifico cliente. Oltre a presentare tutte le funzioni centralizzate per la configurazione di policy e filtri applicabili a singoli client, gruppi o all’intera azienda, al deployment remoto di patch e al monitoraggio costante dello stato operativo dei sistemi, la soluzione MES assicura al fornitore di servizi IT e ai suoi clienti assoluta trasparenza anche in merito ai costi. Qualora nel tempo sia necessario aggiungere ulteriori client, l’operatore dovrà semplicemente inserire le nuove licenze nella sua dashboard per avviare il processo di fatturazione mensile. Questo processo automatizzato azzera quindi l’eventuale rischio di overhead dovuto all’acquisto di licenze non necessarie in previsione di una crescita dell’azienda, o al contrario, di sottodimensionamento. Il rivenditore potrà acquisire e installare licenze in totale autonomia e in tempo reale. In un’ottica di sicurezza come processo e non come mero prodotto, il rivenditore potrà aggiungere al mero canone per la licenza una serie di servizi a valore che faranno la vera differenza nel pacchetto “all-inclusive” personalizzato per i propri clienti.

Un ulteriore highlight della piattaforma è che la console di gestione MES è multitenant, una caratteristica che consente al provider di servizi di sicurezza gestita di occuparsi dei propri clienti, visualizzare report per ogni azienda gestita, adottare misure di sicurezza ad hoc per l’uno o l’altro cliente tramite una singola interfaccia, ottimizzando quindi i costi di acquisto di un server ad hoc per ogni cliente, azzerandone l’impatto sul canone che andrà a fatturare al cliente.

Sicurezza all’avanguardia e gestita, ma pagata a consumo

Le organizzazioni che optano per una fruizione delle soluzioni G DATA Endpoint Protection e G DATA Total Control Business in modalità MES, beneficiano di una gestione professionale e quotidiana della sicurezza IT da parte del proprio fornitore e della serenità di avvalersi di suite di sicurezza dotate di tecnologie di nuova generazione per la tutela contro malware, ransomware dirottamento di sessioni e transazioni bancarie, vulnerabilità ed exploit su qualsiasi client di rete (Windows, Mac, Linux, Android, iOS), il tutto a consumo.

Continua a leggere