I gamer italiani? Giovani e attenti alla sicurezza


I risultati del sondaggio condotto da AVM lo scorso maggio con il coinvolgimento di quasi 13.000 gamer di Italia, Germania e Paesi Bassi, ha permesso di delineare un profilo ben definito dei partecipanti italiani. Le loro risposte potrebbero, a prima vista, sembrare molto simili a quelle fornite a livello europeo ma, entrando più nei dettagli, si ravvisano numerose differenze.AVM_Logo

Berlino | Con ben 5322 partecipanti, 4.876 dei quali hanno affermato di giocare da circa cinque ad oltre venti ore la settimana, il coinvolgimento dei gamer italiani al sondaggio condotto da AVM prima dell’estate è stato sorprendentemente alto. Grazie all’abbondanza di dettagli fornita, è stato possibile cogliere quanto il gamer italiano sia una “specie” a sè stante, solo in apparenza simile alle sue controparti internazionali.

Gamers_Survey_Italy_ITA_SPLIT_1

Poche similitudini, molte discrepanze
Per quanto riguarda le similitudini, la piattaforma di gioco preferita è, in Italia come nel Nord Europa, il PC (oltre l’86% dei partecipanti italiani), seguito dagli smartphone, selezionati, sia in combinazione con PC e console sia come piattaforma di gioco esclusiva, dal 57% dei gamer italiani. La connessione di rete impiegata per la modalità di gioco multiplayer online è, come negli altri Paesi, preferibilmente di tipo cablato (via LAN o Powerline), ma l’uso del wifi è decisamente maggiore in Italia rispetto agli altri Paesi.

Gamers_Survey_Italy_ITA_SPLIT_2

 

Di particolare interesse anche il dato inerente il router utilizzato e i giudizi sulla qualità della connessione. A differenza di Germania e Paesi Bassi, in Italia sembra non esserci un leader di mercato tra i router. Alla luce dell’eterogeneità dei produttori e dei modelli di router citati, la costantemente scarsa qualità della connessione lamentata dal 5% dei partecipanti ed i problemi occasionali menzionati dal 27% degli utenti, svelano da un lato una debolezza di natura infrastrutturale della rete internet nazionale, ma testimoniano allo stesso tempo uno sviluppo incoraggiante: circa il 67% delle risposte (oltre 4000 hanno lasciato un commento) annoverano una connessione da buona a eccellente. Sebbene tale percentuale risulti più bassa rispetto agi altri due Paesi, la graduale diminuzione del Digital Divide è evidente.

Un’ulteriore interessante discrepanza tra i tre Paesi è insita nelle preferenze per i generi di gioco: mentre altrove i giochi di strategia sono quelli che vanno per la maggiore con oltre il 46% delle preferenze, in Italia questa tipologia di giochi ottiene solamente il quarto posto in classifica, insieme ai giochi di ruolo, col 39,3% dei voti, laddove questo genere in particolare è apprezzato soltanto dal 23% degli utenti di Germania e Paesi Bassi. L’opposto avviene invece per i giochi d’azione, in cima alla classifica italiana col 58,7% delle preferenze, genere che attira nel Nord Europa solo il 36,5% dei gamer. Anche i giochi online sono più apprezzati in Italia che altrove: con una preferenza di oltre il 44%, questo genere supera del 13% i giudizi positivi di Germania e Paesi Bassi. Un dato quasi al limite dello stereotipo è infine la preferenza accordata dai gamer italiani ai giochi di sport: il livello di apprezzamento supera di un buon 8% la media nordeuropea.

Gamers_Survey_Italy_ITA_SPLIT_3

 

Le differenze nei gusti potrebbero derivare dalla chiara differenza di età dei giocatori: mettendo a confronto i tre Paesi europei emerge ad esempio che i giochi di strategia e di ruolo siano più apprezzati con l’aumentare dell’età del pubblico: la maggior parte degli intervistati italiani ha un’età compresa tra i 18 e i 49 anni (oltre l’89% dei partecipanti), i teenager rappresentano solo il 5,3% del contributo italiano così come la fascia d’età 50-69 (5,2% dei partecipanti). La fascia senior (+70), che nel nord europa risulta interessata all’universo videoludico in Italia è praticamente assente.

I gamer italiani più giovani sono anche quelli più interessati alla sicurezza rispetto agli altri Paesi e vorrebbero che il proprio router assicuri loro una maggior protezione. I teenager e la fascia d’età 18-29 rappresentano, insieme, il 60% dei partecipanti che hanno infatti indicato la sicurezza come una delle caratteristiche fondamentali del router ideale per il gaming, contro l’11% dei partecipanti di Germania e Paesi Bassi, dove i teenagers hanno del tutto tralasciato questo punto. Non si osserva invece alcuna differenza per quanto riguarda le due caratteristiche fondamentali che il router ideale dovrebbe avere: in Italia, come negli altri due Paesi, stabilità e velocità sono considerati la chiave per un’esperienza di gioco ottimale.

Un’ultima discrepanza, ma non meno interessante, riguarda la quota rosa: la partecipazione dei gamer di sesso femminile è stata scarsa ovunque ma in Italia decisamente più elevata che negli altri Paesi. Le lady gamer italiane appartengono generalmente alla fascia d’età <18-39 (circa il 70%) e trascorrono tra le 10 e le 20 ore settimanali con i videogiochi, preferibilmente su PC e smartphone.

Note per i redattori

AVM è a GamesWeek, FieramilanoCity, Padiglione 3, stand B15!

La serie di articoli sul gaming continua! Prossime comunicazioni:

  • Le aspettative dei gamer in merito al router perfetto per le proprie esigenze

Continua a leggere

L’associazione dei consumatori tedesca “Stiftung Warentest” confronta i router wireless N: sono ben tre i modelli di FRITZ!Box al primo posto!


  • I FRITZ!Box si attestano in cima alla classifica, con punteggi tra 1,6 e 1,7
  • FRITZ!Box 7390, 7330 e 6360 Cable vittoriosi nelle rispettive categorie di appartenenza
  • Elogio particolare per la funzionalità, la sicurezza e l’intuitività
  • Il FRITZ!Box 7390 ottiene il miglior punteggio nella WLAN
  • Il FRITZ!Box 7390 ottiene il massimo punteggio (“eccellente”) di 0,9 per la versatilità

Berlino – Membro del gruppo International Consumer Research & Testing, cui fanno capo le principali associazioni ed istituti di ricerca indipendenti per la tutela dei consumatori in tutto il mondo, la tedesca Stiftung Warentest ha sottoposto a severi test comparativi dodici router che supportano il protocollo wireless N. I dispositivi FRITZ!Box superano tali test attestandosi al primo posto delle rispettive categorie.

Stiftung Warentest riassume quanto emerso dall’analisi comparativa dei router wireless N con un solo commento: “tripletta di FRITZ!”. Nell’attuale test dei router wireless N, pubblicato sul numero 3/2012 della rivista test, house organ di Stiftung Warentest, sono infatti tre i prodotti FRITZ! attestatisi al primo posto. Il test ha coinvolto dodici router wireless, tra cui tre per la connettività internet VDSL, sette per la connettività internet ADSL e due router per la connettività internet via cavo. La AVM, specialista berlinese per le comunicazioni, ha ottenuto il primo posto per i propri prodotti FRITZ!Box 7390 (per VDSL e ADSL), FRITZ!Box 7330 (per ADSL) e FRITZ!Box 6360 (Cable) con valutazioni di rispettivamente 1.6, 1,7 e 1,7.

Stiftung Warentest è stata piacevolmente colpita dal modo in cui la pletora di funzionalità integrate nei dispositivi FRITZ!Box si sposa con la massima intuitività, accordando a tutti e tre i prodotti valutazioni ottime per la versatilità e la facilità d’impiego. Il massimo punteggio è stato raggiunto anche per gli aspetti inerenti la sicurezza, la cifratura della rete wireless pre-impostata di fabbrica come per le funzioni di protezione della navigazione dei minori e di controllo genitoriale. Il massimo punteggio per le prestazioni della WLAN è stato assegnato al top di gamma di AVM, il FRITZ!Box 7390.

Stiftung Warentest conclude: “tre categorie, tre vincitori, un nome: nel test i FRITZ!Box di AVM sono risultati i più sicuri ma anche i più semplici da usare, nonostante le numerose funzionalità.”

L’intera comparativa dei router wireless è reperibile sull’attuale numero di “test – Bulletin” 3/2012 oppure online all’indirizzo www.test.de.

Continua a leggere

BUFFALO perfeziona le prestazioni della propria gamma di router wireless


Logo BuffaloDue nuovi dispositivi del produttore giapponese dalle funzioni di sicurezza avanzate completano l’ampia gamma di router offerta da Buffalo.

Buffalo Technology annuncia due nuovi dispositivi che vanno ad aggiungersi alla gamma di router wireless ad alta velocità: Il router Nfiniti AirStation Wireless-N (WZR2-G300N) di seconda generazione ed il nuovo router Wireless-G High-Speed (WHR-G125), dotati entrambi di funzioni di sicurezza avanzate. Sia l’accesso Wi-Fi protetto (WPA e WPA2) sia l’AirStation One-Touch Secure System™ (AOSS) di Buffalo facilitano l’installazione di una rete protetta. La nuova funzione “Privacy Separator” integrata da Buffalo in questi apparecchi consente inoltre a più utenti di collegarsi contemporaneamente al dispositivo senza compromettere dati privati o confidenziali.

WZR2-G300NIl nuovo router Wireless-N Nfiniti, basato sulla tecnologia draft 2.0 (seconda generazione del protocollo wirless N), raggiunge una velocità di dieci volte superiore ai dispositivi standard. È ideale per la trasmissione di musica, video in alta definizione, per l’online gaming, ed é stato sviluppato per quegli utenti che desiderano usufruire di uno streaming multimediale ad alta velocità. Inoltre il dispositivo include un pulsante esterno per modificare facilmente la modalità operativa (da router ad access point e viceversa), una facile interfaccia di configurazione web-based, un server DHCP ed uno switch a quattro porte 10/100 auto-sensing.

Per gli utenti che desiderano implementare nella propria rete domestica un router robusto ad alta velocità e a bassi costi, il Router Wireless-G High Speed é la soluzione ideale. Difatti, qualora impiegato con altri dispositivi Wireless-G High Speed, questo router offre una velocità di trasmissione dati superiore del 35% rispetto a dispositivi standard 802.11g. Sviluppato per utenti inesperti di networking, individua e configura automaticamente una connessione DSL o via cavo, facilitandone l’implementazione. Anche questo dispositivo è dotato di un pulsante esterno per passare velocemente dalla modalità operativa di routing al bridging.

“Velocità, facile usabilità, sicurezza e prezzo sono oggi i fattori determinati nella selezione di un router wireless da parte dell’utente finale. Aggiungendo questi dispositivi perfezionati alla nostra linea di prodotti per il networking abbiamo ottimizzato il nostro portafoglio offrendo un’ampia scelta di prodotti adeguati ad ogni tipo di esigenza” commenta Gerardine Lynch, Product Marketing Manager di Buffalo Technology.

Continua a leggere