Prevenire incidenti informatici e reagire tempestivamente: da oggi è più semplice con G DATA Total Control Business


L’innovativa suite per il monitoraggio dello stato operativo di client e server in tempo reale facilita la manutenzione dell’infrastruttura IT in conformità con il GDPR. Alla base della nuova soluzione, la nuova release delle applicazioni per la sicurezza IT aziendale firmate G DATA.

Bochum- Una strategia di risposta agli incidenti informatici non può fare a meno di un controllo totale delle risorse IT aziendali. G DATA Total Control Business è la risposta di G DATA alle esigenze di tutte le aziende del segmento PMI che scelgono di integrare la sicurezza IT nel risk management, anche e soprattutto a fronte dei nuovi adempimenti imposti dal GDPR. 

Il futuro della sicurezza è la correlazione

Una strategia di risposta agli incidenti informatici non può fare a meno di un controllo totale delle risorse IT aziendali. Gli amministratori di sistema tuttavia devono confrontarsi con sfide gravose quando si tratta di proteggere adeguatamente la propria rete a causa della crescente eterogeneità dei dispositivi ad essa connessi. Per questo motivo occorrono sistemi che facilitino la gestione centralizzata di tutti i dispositivi, semplificandone il controllo.  Un controllo possibile solo se le informazioni fornite dalle soluzioni in uso sono presentate in tempo reale, in modo intelligibile e correlato.

Disponibile da subito, G DATA Total Control Business porta la sicurezza IT ad un livello superiore, ancorandola saldamente al risk management. Oltre ad offrire una protezione affidabile contro gli attacchi esterni ed un controllo costante dell’infrastruttura essenziale per la produttività aziendale, l’innovativa suite assicura la compliance al GDPR.

 

Nello specifico, G DATA Total Control Business monitora la rete verificando lo stato operativo dei sistemi più importanti per la produttività aziendale e notificando in tempo reale eventuali disservizi e o comportamenti anomali delle macchine. La suite semplifica la manutenzione di periferiche e client attraverso una piattaforma di patch management che velocizza la chiusura di vulnerabilità come quelle sfruttate da WannaCry e Petya, ma non solo. Anche la nuova soluzione beneficia da subito della nuova tecnologia anti-ransomware integrata in tutte le applicazioni per la sicurezza aziendale firmate G DATA e consente di gestire policy e filtri centralmente, anche per i dispositivi mobili, trattati alla stregua di qualsiasi altro client di rete.

Funzioni principali

  • Protezione totale contro minacce online con sicurezza multilivello per client Windows, Mac e Linux
  • Tecnologia Anti-Ransomware
  • G DATA Mobile Device Management: integrazione di tutti i dispositivi Android o iOS nella rete di protezione, applicazione centralizzata di policy e filtri come per tutti gli altri client
  • Protezione da vulnerabilità e exploit
  • G DATA BankGuard per la tutela delle transazioni effettuate tramite online banking
  • USB Keyboard Guard contro l’uso fraudolento di chiavette USB
  • Protezione della posta elettronica
  • Piena funzionalità anche al di fuori della rete aziendale, per laptop e dispositivi mobili
  • Dashboard chiara che mostra tutte le informazioni rilevanti in maniera intuitiva
  • Inventario hardware e software di tutti i client – amministrazione semplificata, possibile anche da remoto tramite interfaccia web
  • Network monitoring per un controllo totale dell’infrastruttura di rete, dalla stampante al server
  • Patch management per chiudere in tempo reale le vulnerabilità dei sistemi

Continua a leggere

G DATA semplifica la migrazione verso soluzioni di sicurezza “Made in Germany”


Il produttore di suite complete per la sicurezza informatica lancia Switch & Profit, un’innovativa campagna cross-grade.

Bochum – Al via la campagna Switch & Profit di G DATA, formula innovativa con cui il vendor favorisce le aziende che desiderano migrare da una soluzione di terzi a piattaforme per la sicurezza IT concepite e sviluppate in Europa. Il grande numero e la natura degli scandali relativi alla tutela di dati e privacy degli ultimi anni e la recente decisione del governo statunitense di vietare l’uso di software di sicurezza russi all’interno di istituzioni pubbliche hanno suscitato non poche incertezze presso molte aziende, che ora si chiedono fino a che punto possano fidarsi del vendor selezionato. I dati generati utilizzando il prodotto sono tutelati contro l’accesso da parte di terzi? Con lo slogan “Riponi la tua fiducia nella sicurezza tedesca”, la proposta G DATA consta della sostituzione di qualsiasi altro software di sicurezza in uso a tariffe vantaggiose, accollandosi i costi della migrazione e assicurando la stessa tariffa speciale anche per il primo rinnovo delle licenze.

“La direttiva dell’amministrazione statunitense di cambiare vendor di sicurezza ha cagionato molti dubbi tra le imprese locali. Noi offriamo ai professionisti IT l’opportunità di avvalersi delle nostre soluzioni efficaci e affidabili,” sostiene Giulio VADA, Country Manager di G DATA Italia, “assicurando loro nel contempo che i loro dati sono trattati secondo le normative europee e rimangono anche in Europa”.

Giulio Vada, Country Manager, G DATA Italia

G DATA Switch & Profit: una panoramica

L’innovativa formula cross-grade di G DATA è fruibile da subito. Oltre a condizioni commerciali di sicuro interesse sulle licenze, G DATA si accolla le spese di migrazione altrimenti a carico dell’utente finale e/o del rivenditore e assicura le stesse condizioni di acquisto anche in occasione del primo rinnovo. Ovviamente il vendor assisterà i clienti in tutta la fase di migrazione e implementazione.

G DATA Switch & Profit si applica a tutte le soluzioni G DATA Business, inclusa la nuova suite di sicurezza G DATA Total Control Business, highlight della presenza del vendor a SMAU Milano e oggetto di un annuncio ufficiale nei prossimi giorni.

I miei dati restano in Europa!

Nel 2011, G DATA ha siglato l’iniziativa “no backdoor” di TeleTrusT (https://www.teletrust.de/en/teletrust/ziele-und-nutzen/). Tale accordo proibisce al produttore teutonico di soluzioni per la sicurezza IT di implementare qualsiasi possibilità di accesso riservata ai servizi segreti. Oltre a fornire un livello di protezione ottimale, le suite G DATA non presentano alcuna backdoor al fine di garantire ai propri utenti che la loro fiducia è ben riposta. Potersi fidare è essenziale per le aziende che prendono sul serio la privacy e gli adempimenti richiesti dal GDPR. Infine G DATA limita al minimo indispensabile la raccolta e l’elaborazione dei dati forniti dagli utenti, proprio nel rispetto del GDPR. Per di più, tali dati sono elaborati esclusivamente in Europa.

Continua a leggere

Sicurezza in Rete: non abbassare il livello di guardia è essenziale


Gli innumerevoli cyberattacchi degli ultimi temi ci hanno mostrato che un semplice incidente può avere conseguenze catastrofiche – dall’interruzione della produzione alla chiusura di interi siti produttivi, dalla perdita di dati aziendali critici fino a danni per l’immagine e la reputazione. Siamo quotidianamente confrontati con attacchi sempre più sofisticati, che mettono in risalto la difficoltà di aziende private ed enti della pubblica amministrazione di rispondere efficacemente a minacce di nuova generazione.

Occorre un cambiamento di rotta

E’ assolutamente illusiorio pensare che i cyberattacchi possano essere fermati definitivamente su due piedi. Le aziende sono chiamate a riscattarsi dall’attuale ruolo di spettatore passivo e a prendere provvedimenti. Misure di cybersecurity che per molte aziende rappresentano uno sforzo (technologico, umano, organizzativo) e di conseguenza vengono messe in panchina. Ne consegue che oltre metà delle aziende spende ancora oggi meno del 3% del proprio budget IT in sicurezza (fonte Clusif 2016).

Pierre Calais, Direttore Generale di Stormshield

Ovviamente proteggere l’azienda con soluzioni adeguate ha un costo, ma tale investimento è necessario tanto quanto siglare una polizza assicurativa: la sicurezza IT va inquadrata come colonna portante di una strategia di governance aziendale contemplando tutti gli aspetti di natura tecnologica e organizzativa.

Per evitare che le normative impongano alle aziende regole sempre più stringenti in tema di cybersicurezza, esse devono affrontare le proprie responsabilità: le decisioni in merito agli investimenti in cybersecurity non dovrebbero riguardare esclusivamente lo staff IT bensì anche il management.

Tentativi di grande effetto

Uno dei maggiori cambiamenti che abbiamo riscontrato negli attacchi è la volontà degli hacker di renderli visibili. Siamo decisamente lontani da quelle APT (Advance Persistent Threat) il cui scopo consiste nell’operare nell’ombra il più a lungo possibile. I recenti attacchi di massa hanno lo scopo di guadagnarsi la massima visibilità, esponendo su larga scala le vulnerabilità che affliggono numerosissime aziende. Tuttavia questi attacchi potrebbero essere dei meri tentativi di sondare la qualità delle difese di un’azienda. Non illudiamoci: questo è solo l’inizio, virulenza e pericolosità aumenteranno.

Rispolveriamo il senso civico per il bene della collettività

La cybersicurezza è un tema che riguarda la collettività. La proliferazione degli attacchi negli scorsi mesi dovrebbe mettere in allarme le aziende puntando i riflettori su un trend che si ripercuote pesantemetne sulla produttività aziendale.

E‘ altrettanto importante, trascendere dalla mera protezione dei dati, le organizzazioni devono assumersi il proprio ruolo rispetto a impiegati, partner e clienti. E poiché il confine tra privato e professionale svanisce progressivamente, le aziende dovrebbero farsi carico della tutela delle attività e/o identità digitali di collaboratori e clienti.

Se la collettività prendesse a cuore tali indicazioni e reagisse, potremmo forse evitare il peggo e dar vita ad un ambiente digitale sicuro per il bene di tutti.

Continua a leggere

Tutti pronti per il GDPR


Eliminare le vulnerabilità dei sistemi informatici e gestire gli aggiornamenti facilmente con G DATA Patch Management.

Bochum (Germania)

Il 25 maggio 2018 entra in vigore il regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) dell’UE per rafforzare e unificare le modalità con cui vengono trattati i dati in Europa. Anche la protezione dell’infrastruttura IT contro attacchi informatici al fine di prevenire il furto di dati fa parte delle misure di tutela previste.  Come evidenziato dagli ultimi episodi di infezione su larga scala, l‘installazione degli aggiornamenti dei software è un tassello essenziale per mitigare i rischi dovuti allo sfruttamento di vulnerabilità di sistemi operativi e delle applicazioni potenzialmente accessibili agli aggressori. G DATA Patch Management aiuta gli amministratori di sistema ad adempiere a tali compiti e consente di installare eventuali patch immediatamente o in modo progressivo sulla rete.  In combinazione con le potenti soluzioni antivirus business di G DATA, la gestione semplificata degli aggiornamenti porta la tutela contro il furto di dati ad un livello superiore, fornendo alle società un valido aiuto in termini di compliance con il GDPR. 


Il regolamento generale sulla protezione dei dati dell’UE: Le aziende non possono farsi cogliere impreparate

Le nuove normative riguardano tutte le aziende che raccolgono e trattano dati personali, ad esempio attraverso il proprio database clienti.Queste aziende, indipendentemente dalla dimensione, devono garantire una protezione completa di tutte le informazioni sensibili attraverso tecnologie “allo stato dell’arte”, pena il dover far fronte a rigide sanzioni economiche. Chi impiega software obsoleti o non aggiorna i sistemi si pone in una situazione che può potenzialmente favorire gli attacchi informatici e corre il rischio di essere multato nel caso di una violazione dei dati. L’elaborazione di regole di conformità obbligatorie in merito al trattamento dei dati sensibili è uno dei passi necessari per garantirne la tutela. Un’altra componente importante è assicurarsi che l’infrastruttura IT sia dotata di una protezione completa contro la perdita dei dati e attacchi cyber. Proprio in questo contesto si collocano le soluzioni per la gestione del processo di patching dei sistemi. Queste consentono di installare repentinamente sulla rete gli aggiornamenti forniti dai produttori del software in uso.

La soluzione: G DATA Patch Management

Attraverso una soluzione per la gestione delle patch si affronta in modo efficace la pletora di aggiornamenti dei sistemi operativi o delle applicazioni forniti dai vendor. G DATA Patch Management è un modulo aggiuntivo che si integra nativamente nelle soluzioni di rete dello specialista della sicurezza IT e  che supporta gli amministratori nella distribuzione efficiente delle patch.

 


Vantaggi di G DATA Patch Management:
 

  • Gestione centralizzata delle patch: gli aggiornamenti vengono distribuiti ai singoli client in modalità centralizzata tramite il server di gestione è inoltre possibile eseguire un roll-out progressivo.
  • Minimizzazione dei rischi: le patch possono essere “eseguite” in un ambiente di prova per escludere eventuali problemi di compatibilità specifici sui client.
  • Sempre aggiornati: Con G DATA Patch Management, i responsabili IT si assicurano che i client utilizzino sempre le versioni più recenti del software in uso che, di conseguenza, risulterà meno vulnerabile.
  • Panoramica intuitiva: Il modulo fornisce agli amministratori una panoramica delle applicazioni e dei sistemi operativi utilizzati nella rete e l’elenco delle patch disponibili.

Per saperne di più su consultare:

https://www.gdata.it/aziende/patch-management

Continua a leggere

WannaCry ovvero “ritorno al futuro”


Il nostro universo interconnesso sta vivendo una crisi importante dovuta all’ormai sensazionalistico ransomware WannaCry, aka WannaCrypt, WanaCrypt0r o WCry, diffusosi a macchia d’olio in pochissimo tempo con modalità che richiamano alla memoria un passato non proprio recente. Matthieu Bonenfant, Chief Marketing Officer, Stormshield, condivide le sue riflessioni.

Assediate da tempo dalla minaccia del ransomware, molte organizzazioni sono riuscite a volare sotto i radar dei cybercriminali mentre altre hanno adottato misure preventive incrementando la consapevolezza degli utenti e impiegando tecnologie di nuova generazione per la propria sicurezza. Tuttavia WannaCry è parso a tutti dotato di una “nuova arma” che ne incrementa a dismisura la potenziale diffusione e il danno cagionato.  Una volta infettato un singolo sitema tramite – per esempio – l’apertura di un allegato, questo malware di nuova generazione è in grado di diffondersi automaticamente in modo del tutto trasparente senza intervento umano, replicandosi quasi istantaneamente su tutte le macchine insufficientemente protette nella rete aziendale. Ma è davvero così?

Quindi qual è la novità? In realtà nessuna, sfortunatamente.

La situazione attuale dà adito a parallelismi con un’esperienza altrettanto caotica del passato. Circa 10 anni fa il worm Conficker obbligò numerose aziende e organizzazioni a disattivare le proprie reti informatiche, chiudere temporaneamente punti di vendita, interrompere catene logistiche, persino l’areonautica militare subì blocchi operativi. Questo worm, che continuava ad assumere nuove forme, si è diffuso in un lampo e ha infettato milioni di sistemi in tutto il mondo. A quei tempi liberarsi dal worm richiese sforzi enormi in termini monetari, di energie, risorse e tempo. Alla fine di questa battaglia, le aziende colpite erano così traumatizzate da essere determinate a non rivivere mai più un’esperienza del genere. “Mai più” è diventato il mantra di un congruo numero di responsabili IT che avevano finalmente fatto esperienza dell’impatto dei rischi informatici sulle proprie attività aziendali.

Ed eccoci qui, dieci anni dopo.  Potremmo dire che è cambiato ben poco da allora, dato che la stessa ricetta ha dimostrato la stessa efficacia dieci anni dopo. Conficker e WannaCry usano lo stesso metodo di propagazione: sfruttano da remoto una vulnerabilità critica di Microsoft attraverso i servizi SMB e NetBIOS. In entrambi i casi, la patch era disponibile mesi prima che il malware fosse lanciato. Dieci anni dopo la stessa tecnica continua a creare subbuglio nelle aziende. Purtroppo non risulta esistere un grafico simile a quello del maggio 2017 prodotto dal SANS Internet Storm Center sull’uso via internet della porta SMB (TCP/445), ma anche allora gli strumenti per il monitoraggio del traffico mostravano un picco simile durante la fase di propagazione di Conficker.

Il picco di utilizzo della porta SMB (TCP/445) durante la propagazione del malware WannaCrypt (maggio 2017).

Gli strumenti che avrebbero cambiato completamente il corso della storia

La cosa più spiacevole nel caso di WannaCry è che la situazione avrebbe potuto essere facilmente evitata o quanto meno ampiamente mitigata: due mesi fa Microsoft ha rilasciato una patch di sicurezza per la vulnerabilità del servizio SMB sfruttata per la diffusione del malware. Molti esperti avevano emesso avvisi riguardo alla criticità di tale falla, riferendosi esplicitamente a Conficker.

Un mese dopo, il gruppo di hacker noti come Shadow Brokers ha persino diffuso il codice rubato alla NSA che sfruttava questa vulnerabilità. Un’informazione passata in sordina e nota ai più solo ora che l’attacco è in corso è oggetto dell’interesse dei media.

Le aziende e le organizzazioni hanno avuto un ampio lasso di tempo per applicare la patch o la soluzione che avrebbe relegato WannaCry al rango di “semplice” ransomware, come tutti quelli con cui noi, quale produttore di soluzioni per la sicurezza IT, ci confrontiamo quotidianamente.

Oltre ad applicare tempestivamente le patch di sicurezza, tecnologie come quelle presenti in Stormshield Endpoint Security basate sull’analisi comportamentale e non sulle mere signature, assicurano una risposta reale a minacce simili a WannaCry, bloccando lo sfruttamento di vulnerabilità anche qualora non siano note o prevenendo azioni malevole, come la cifratura illegittima dei file. Una soluzione che protegge egregiamente anche sistemi basati su Windows XP o Windows 2000, spesso ancora impiegati in infrastrutture critiche, che necessitano di speciali attenzioni.

Conclusioni

Come Conficker, anche WannaCry ha dimostrato che una maggiore consapevolezza dei rischi informatici, adatte misure per la mitigazione di tali rischi e un’applicazione tempestiva delle patch di sicurezza prodotte dai vendor sono sicuramente lo strumento migliore per evitare di incappare ciclicamente negli stessi problemi. Non resta che da chiedersi se “repetita juvant”.

Data breach – le aziende hanno perso il contatto con la realtà?


I numerosi partecipanti ad una recente indagine si sono detti sereni in merito alla strategia di cybersecurity adottata nella propria azienda. però alla luce dei recenti casi di violazione dei dati, questa fiducia pare malriposta. Ma alla fine del tunnel si intravede una luce: governi e aziende tributano alla sicurezza informatica una crescente attenzione e all’interno delle grandi aziende la consapevolezza delle minacce è aumentata considerevolmente, ma purtroppo non in modo uniforme.

Nel quadro dello studio intitolato Building Confidence – The Cybersecurity Conundrum , Accenture ha condotto un sondaggio con 2000 responsabili di cybersecurity in merito alla rispettiva percezione del livello di sicurezza complessivo della propria azienda. Il numero di intervistati che afferma di avere molta fiducia nelle strategie adottate è impressionante. La maggior parte delle aziende coinvolte nell’indagine conferma altresì di essere riuscita a modificare la cultura aziendale integrandovi con successo una maggior attenzione verso la sicurezza con il sostegno del rispettivo top management.

Giulio Vada, Country Manager, G DATA Italia

Compliance vs. Sicurezza

Premesse più che rosee, se non fosse per l’allarmante aumento del numero di casi di data breach. Questa dicotomia tra la sensazione di sicurezza percepita e la reale capacità di un’azienda di affrontare le minacce è probabilmente dovuta a un impiego errato degli strumenti di governance della sicurezza e a una errata allocazione del relativo budget. Nel momento cruciale le organizzazioni paiono porsi e rispondere alle domande sbagliate. Tra queste i quesiti più pressanti sono “qual è la posta in gioco” e “in cosa dobbiamo investire”, ma entrambe le domande necessitano di una risposta che contempli la messa in sicurezza dei propri asset. La conseguenza di tutto ciò è che le aziende hanno serie difficoltà nel bloccare attività fraudolente e a prevenire attivamente la violazione dei propri dati. Secondo lo studio, circa un terzo dei tentativi mirati a rendere inefficaci le misure di sicurezza adottate per garantirsi accesso indebito ai dati ha successo. I problemi più comuni fanno capo alla modalità di investimento delle aziende e all’approccio alla sicurezza che ne deriva: a volte l’impellente necessità di essere conformi alle normative va in conflitto con una mitigazione efficace dei rischi informatici che potrebbero avere conseguenze ben più negative per l’azienda. La compliance richiede grandi sforzi economici e organizzativi, ma non protegge l’azienda.

Strategie efficaci

Quindi cosa può fare un’organizzazione quando si confronta con questi temi? Abbiamo già sottolineato che l’approccio a “cerotto” adottato dai più nei confronti della sicurezza informatica è una piaga. Una valutazione approfondita dei rischi è l’unico modo per affrontare il problema, al contrario di strategie atte a risolvere singole criticità e in quanto tali prive di una visione d’insieme. Sorprendentemente la maggior parte delle aziende non conosce neanche il reale valore degli asset da proteggere. Una moderna cultura della gestione del rischio permetterebbe ai team deputati alla sicurezza di identificare i rischi e condurre una semplice analisi costi/benefici per valutare l’utilità di qualsiasi investimento in una specifica misura di sicurezza.

Ciò che dà da pensare è la grave carenza di iniziative di formazione. L’acquisizione di competenze sulla sicurezza è essenziale e dovrebbe essere una delle aree in cui investire molto al fine di incrementare il livello di consapevolezza dei singoli impiegati. Gli stessi impiegati andrebbero visti come “consumatori” della sicurezza. Un impiegato ben preparato può fornire supporto ai team di sicurezza e contribuisce ad incrementare la fiducia nelle misure adottate dall’organizzazione. Peraltro, se gli impiegati sono sufficientemente informati e consci degli indicatori, possono aiutare ad identificare e prevenire incidenti di sicurezza. Il coinvolgimento attivo degli impiegati nella sicurezza potenzierà senza dubbio il livello di protezione complessivo dell’organizzazione.

Quindi, per finire, un incremento della fiducia nella sicurezza va benissimo, fintanto che l’azienda è davvero pronta a rispondere alle minacce informatiche e a raggiungere un livello di maturità superiore.

Continua a leggere

Porta aperta sul cuore


Come la ricerca e i fondi di investimento influenzano la sicurezza dei dispositivi medici interconnessilogo-claim-2015-3c-highres

Sebbene il titolo abbia un che di romantico, il contesto è davvero inquietante: da un recente comunicato dell’agenzia americana per il controllo di alimenti e farmaci (FDA) una specifica linea di pacemaker risulta presentare vulnerabilità che li rendono accessibili a distanza. Il produttore ha rilasciato un aggiornamento del firmware che dovrebbe chiudere tale falla.

La connettività dei dispositivi medici presenta indubbiamente una serie di indiscutibili vantaggi sia per i pazienti sia per il personale medico e paramedico. Anziché presentarsi personalmente presso lo studio medico, cosa che, a dipendenza della gravità della malattia è già di per sé una sfida, i pazienti possono sottoporsi a controlli di routine da remoto, senza dover metter piede fuori dalla propria abitazione. Il monitoraggio a distanza di particolari parametri vitali corrisponde per tutti i soggetti interessati ad un enorme risparmio di tempo e risorse, in grado di entusiasmare i più, se solo non vi fossero i moniti dei ricercatori sulle potenziali minacce costituite da sistemi violabili.

Un esempio interessante è il recente caso del produttore leader di pacemaker, la St. Jude Medical: una ricerca condotta da MedSec e Muddy Waters Capital ha evidenziato che il trasmettitore radio collegato a Internet per il monitoraggio in remoto dei valori cardiaci e del funzionamento del dispositivo impiantato era potenzialmente accessibile a terzi che avrebbero potuto riconfigurarlo cagionando un più rapido esaurimento della batteria, un forte disagio fisiologico al paziente e una compromissione dell’effettiva funzionalità del dispositivo in caso di necessità. L’unico requisito per procurarsi accesso al dispositivo impiantato era la vicinanza del paziente all’apparecchio per la trasmissione dei dati.

Questo è solo uno dei numerosi casi segnalati dal 2015 ad oggi in cui si riscontra un livello di sicurezza lontano anni luce dagli attuali standard. Uno dei motivi è che il processo di certificazione dei dispositivi medici, dalle pompe di insulina ai sistemi per la narcosi in sala operatoria, fino ai dispositivi per l’erogazione intravenosa automatica di medicinali, richiede anni, oltre ad un enorme investimento da parte dei produttori. Nel caso di dispositivi il cui malfunzionamento pregiudica l’incolumità dei pazienti, i requisiti sono estremamente complessi e talmente limitanti da rendere impossibile qualsiasi aggiornamento, anche nel caso di patch necessarie per chiudere eventuali falle: qualsiasi modifica richiederebbe una nuova certificazione.

g_data_securityblog_hacking_pacemakers_preview_78194w600h400

E se un giorno..

Se pensiamo al fenomeno dei ransomware, ci vuole ben poco per ipotizzare che dei malintenzionati possano un giorno estorcere denaro ai pazienti, ospedali o studi medici minacciando di disattivare i sistemi di supporto vitale in caso di

mancato pagamento del riscatto. Per affrontare questa sfida non vi sono alternative alla stretta collaborazione tra ricercatori e produttori, una collaborazione che non dovrebbe essere limitata ai soli dispositivi ma estesa anche alle piattaforme online cui molti di questi sono oggi collegati. Le ricerche degli ultimi anni hanno evidenziato quanto si sia lontani da un’integrazione della sicurezza sin dalle prime fasi della produzione. Va da sé che anche il processo di certificazione dovrebbe essere accelerato. Lo sviluppo nell’ambito della sicurezza IT ha raggiunto un grado di evoluzione notevole, procedure prolungate rappresentano un chiaro ostacolo al progresso e alla tutela efficace dei fruitori di questi dispositivi.

Vulnerabilità che arrichiscono gli insider

Il caso della St. Jude Medical conferma quanto sia essenziale il ruolo della sicurezza informatica nello sviluppo di tali apparecchi. La posta in gioco per gli attori è molto alta: la reputazione di un produttore può subire ingenti danni se la sicurezza dei propri dispositivi è compromessa. Gli interessi finanziari viaggiano di pari passo: danni alla reputazione di un produttore avranno un riscontro diretto sulla redditività delle sue azioni. La St. Jude Medical stava per essere acquisita dalla Abbot Laboratories per 25 miliardi di dollari proprio al momento della pubblicazione dei risultati dell’analisi sulle vulnerabilità dei dispositivi ad opera di MedSec e Muddy Waters Capital. Entrambe hanno attuato vendite allo scoperto e acquisti a termine antecedenti alla pubblicazione dei risultati della ricerca, anticipando le eventuali cadute del valore azionario dovute alla pubblicazione. La St. Jude Medical ha presentato una denuncia formale contro entrambe le aziende, il processo è in corso.

Questo caso lascia adito a scenari di stretta collaborazione tra esperti di alta finanza e ricercatori nel settore della sicurezza IT. Insieme possono sfruttare le proprie conoscenze da insider realizzando enormi profitti attraverso operazioni di borsa preventive alla pubblicazione dei risultati delle ricerche. Ovviamente i produttori hanno tutto l’interesse a prevenire questa evenienza migliorando efficacemente la sicurezza dei loro prodotti. Dall’altro lato però ci troviamo di fronte ad un dilemma etico di dimensioni epocali: si genera volutamente un profitto sulla base di conoscenze e informazioni che non solo possono mettere in pericolo la vita dei pazienti ma che, come in questo caso, non vengono neanche fornite ai produttori. I cosidetti “Bug Bounties” sono una vera manna per i ricercatori di sicurezza informatica che segnalano al produttore eventuali falle di sicurezza consentendo loro di porvi rimedio prima della pubblicazione della ricerca. A seconda della gravità di una determinata vulnerabilità un Bug Report può assicurare al ricercatore introiti a sei cifre. Se fosse dimostrato che l’approccio seguito da MedSec e Muddy Waters Capital frutti guadagni ancora maggiori (la sentenza non è stata ancora emessa), ciò potrebbe influenzare il modo in cui i ricercatori utilizzano le conoscenze che acquisiscono.

Continua a leggere