Da Snom rimborsi a cinque cifre a sole 9 settimane dal lancio del nuovo programma partner


I rivenditori specializzati hanno accolto con entusiasmo il nuovo programma partner Snom. A poco meno di 100 giorni di distanza dall’annuncio, il vendor ha già rimborsato al canale bonus addizionali post-vendita sui telefoni IP nell’ordine delle cinque cifre. 

Berlino – Con il nuovo programma partner, lanciato di recente, il produttore di soluzioni VoIP professionali che spaziano dai telefoni IP da tavolo, ai cordless IP DECT e terminali per conferenze telefoniche, è riuscito con successo ad entusiasmare i propri partner in tutta Europa. Questo quanto emerge dall’impressionante bilancio dei primi 100 giorni di attività. Il produttore berlinese ha già deliberato il pagamento di bonus post-vendita nell’ordine delle cinque cifre. Questi sconti aggiuntivi sono appannaggio di partner Silver e Gold certificati e vengono erogati per ogni dispositivo acquistato presso un distributore Snom ufficiale.

Gernot Sagl, Amministratore Delegato di Snom Technology GmbH:
Il programma di canale con l’erogazione di bonus post-vendita interpreta appieno le esigenze dei rivenditori specializzati. ”

Gernot Sagl, CEO di Snom

“Come dimostrato dall’elevato importo che, peraltro con sommo piacere, abbiamo già versato ai nostri partner in tutta Europa, il canale a valore ha capito che il nostro nuovo programma partner assicura vantaggi economici tangibili”, conferma Gernot Sagl, amministratore delegato di Snom. “L’importo saldato mostra la proattività di Snom nella partnership con i rivenditori specializzati.”

I rivenditori interessati possono registrarsi su partner.snom.com e beneficiare dei numerosi benefici della partnership una volta conclusa l’attivazione.

I rivenditori possono incontrare Snom al CeBIT

In occasione del CeBIT con concept rivisitato e nuova data, i VAR e i partner avranno modo di interfacciarsi personalmente con Snom. Lo specialista berlinese della telefonia IP presenterà ad Hannover, nel padiglione 13, Stand C84, numerose novità. Oltre agli highlight di prodotto della marca premium, il vendor condividerà con gli interessati tutti i dettagli del nuovo partner program e formule commerciali innovative.

Continua a leggere

CEBIT 2018: Snom si presenta al Business Festival con molte novità


Per il debutto del nuovo CeBIT, con concept rivisitato e data modificata, lo specialista berlinese della telefonia IP Snom ha in serbo numerose novità che lasceranno il segno in termini di design e funzionalità. Oltre a presentare i nuovi prodotti di punta, il produttore premium di Berlino fornirà anche dettagli relativi al programma di canale annunciato di recente e a nuove formule commerciali innovative.

  • La nuova gamma di telefoni bianchi, particolarmente eleganti e pensati per ambienti che richiedono un livello di design appropriato, sarà indubbiamente una gioia per gli occhi. La nuova linea spazia dai telefoni di fascia bassa ai terminali high-end con i modelli D785, D7, D735 e D715. Lo Snom D785 appartiene all’ultima generazione di telefoni IP Snom. Con il suo nuovo design elegante, il Bluetooth integrato, un ampio display a colori ad alta risoluzione e un comodo secondo display per la gestione dinamica dei contatti, questo terminale è dotato di tutte le funzioni necessarie per soddisfare qualsiasi esigenza.

  • Il telefono IP Snom D735, dotato di sensore, stupisce gli utenti con effetti speciali: avvicinando la mano al display, esso mostra automaticamente il menù del terminale o informazioni definite dall’utente, tra cui logo aziendale, l’ora, l’identità e altro. Lo Snom D735 è un telefono VoIP di ultima generazione per gli utenti aziendali che necessitano di un rapido accesso alle informazioni più rilevanti (ad esempio l’elenco delle chiamate con il nome dell’interlocutore e la ragione sociale dell’azienda). Il display TFT a colori da 11,3 cm (4,3”) assicura sia una migliore visualizzazione dei menù sia la possibilità di integrare elementi grafici specifici per l’azienda, come logotipi o altre immagini.
  • Anche il nuovo modello di punta della serie 3, lo Snom D385, si presenta con un grande display dai colori brillanti. Insieme al nuovo terminale IP della serie 7, fa parte dei telefoni tecnologicamente più avanzati di nuova generazione firmati Snom. Sul display è possibile impostare fino a 24 tasti per l’accesso immediato a gruppi di chiamata, funzioni e selezione rapida e visualizza tutte le informazioni in modalità dinamica. Il secondo schermo integrato, particolarmente pratico, consente di fruire di molte applicazioni più agevolmente e di gestire i contatti dinamicamente. Il Bluetooth integrato arrotonda il profilo di questo telefono, in grado di soddisfare ogni esigenza – anche la più elevata.
  • Il dongle DECT A230 è per contro il perfetto accessorio per qualsiasi telefono da tavolo Snom: è sufficiente collegare l’adattatore USB all’unità vivavoce (Snom C52), per avvalersi di una soluzione per conferenze telefoniche estremamente conveniente e facile da implementare. La connessione ha luogo tramite DECT, consente quindi di posizionare telefono e vivavoce anche lontani l’uno dall’altro, e si rivela ideale nel caso in cui, durante una riunione in un ufficio, si indica spontaneamente una conferenza telefonica. L’A230 è la soluzione perfetta per le aree in cui installare un dispositivo per teleconferenze ad hoc, dotato di un proprio numero interno, sarebbe eccessivo.
  • L’auricolare DECT USB A170 con una portata interna di fino a 50 mt offre un’elevata flessibilità e mobilità. Il modello può essere utilizzato sia su PC sia con telefoni Snom senza doverlo riposizionare.

“Così come il CeBIT si è reinventato nel 2018, anche Snom è ripartita 18 mesi fa”, commenta Gernot Sagl, CEO di Snom. “L’incremento del fatturato dimostra che le attività supplementari, conseguenza del nuovo inizio, danno i propri frutti. Al CeBIT presenteremo nuovi prodotti interessanti, in grado di entusiasmare il mercato”.

Continua a leggere

Snom e Yeastar: una lunga storia fatta di interoperabilità


Ancora più stretta la collaborazione tecnica tra lo specialista berlinese della telefonia IP Snom e Yeastar, produttore leader di centralini e gateway VoIP. Come risultato di questa partnership, entrambe le aziende annunciano oggi congiuntamente che i telefoni VoIP Snom supportano da subito il provisioning automatico delle soluzioni Yeastar.

Berlino – Il supporto delle funzionalità di configurazione automatica dei terminali Snom risale addirittura al MyPBX Yeastar di prima generazione. Nel tempo entrambe le aziende non hanno risparmiato risorse e energie per garantire la reciproca piena interoperabilità. Ora, l’intera gamma di telefoni IP Snom, incluso lo Snom D785, il telefono da scrivania più avanzato e di ultima generazione e il telefono per conferenza WiMi C520 con microfoni DECT, ha superato con successo tutti i test di interoperabilità con il VoIP PBX Yeastar S-Series da cui riceve in modo automatico e rapido tutti i parametri per l’autoconfigurazione.

“Siamo entusiasti di poter estendere la partnership di lunga data con Snom includendovi ulteriori terminali”, ha dichiarato Alan Shen, CEO di Yeastar, “Dal momento che sempre più aziende e operatori telefonici scelgono i telefoni IP di Snom, supportarne il provisioning automatico tramite il centralino Yeastar S-Series risulta essenziale oltre che apprezzato presso i nostri clienti condivisi. Attualmente stiamo lavorando con Snom all’interoperabilità tra i terminali e il centralino Yeastar per il cloud.”

Mark Wiegleb, Head of Interop & Integration di Snom

Mark Wiegleb, Head of Interop & Integration di Snom, condivide l’entusiasmo relativo ad una più stretta collaborazione con Yeastar: “Il centralino IP Yeastar S-Series dispone di una tecnologia per la telefonia aziendale all’avanguardia che armonizza perfettamente con la gamma di terminali IP Snom, siano essi telefoni o dispositivi per le conferenze telefoniche. Estendiamo continuamente il nostro portafoglio prodotti con l’obiettivo di diventare il produttore di telefoni IP numero uno al mondo. In tutto questo è più che positivo poter contare su partner tecnici come Yeastar”.

Continua a leggere

3CX aiuta Avignon Tourisme a decollare


Con un numero di dipendenti che a seconda della stagione varia di 70 unità, diverse sedi dislocate nella città e l’esigenza di erogare un servizio d’eccellenza ai viaggiatori, Avignon Tourisme ha selezionato la piattaforma UC completa di 3CX per rinnovare la propria infrastruttura telefonica, ormai non più in grado di soddisfare le esigenze dell’ente.

Cipro – Quale località con una storia di secoli e ricca di monumenti, Avignone, città della Francia sudorientale, pullula di turisti di provenienza internazionale. Che si visiti il Palazzo dei Papi o che si sia diretti per lavoro al Centro Congressi Internazionale del Parco delle Esposizioni, si può sempre contare sugli uffici di Avignon Tourisme, che si occupa della gestione e della manutenzione di tutti i siti caratteristici di Avignone ed offre ai turisti l’assistenza necessaria per godere appieno di tutte le meraviglie che questa città ha da offrire.

Tuttavia, gestire il patrimonio culturale di Avignone utilizzando un sistema telefonico altrettanto datato si stava rivelando un compito decisamente arduo. Avignon Tourisme conta tra le 130 e le 200 persone a seconda della stagione e per crescere in termini di efficienza economica e operativa, necessitava di rinnovare la piattaforma per le telecomunicazioni con un sistema all’avanguardia, che favorisse la mobilità degli operatori e soprattutto assicurasse la massima flessibilità nell’implementazione di interni aggiuntivi nella sede centrale e nelle sedi remote e facilitasse la gestione delle linee telefoniche a disposizione dell’ente.

Pascal Borel, responsabile dei sistemi informativi di Avignon Tourisme conferma: “La nostra infrastruttura telefonica constava di un centralino per ogni singola sede, con tutti i costi di noleggio, per le conversazioni e la manutenzione di sistemi separati che ciò comportava. Peraltro il sistema non supportava le moderne funzionalità delle Unified Communications”.

Dopo aver passato in rassegna numerosi altri sistemi, Pascal Borel scoprì che 3CX offriva la soluzione in grado di soddisfare tutte le esigenze della sua organizzazione, che oggi si avvale di connettività Internet in fibra ottica e 20 linee telefoniche tramite SIP trunk con un enorme risparmio sui costi per le chiamate tra le sedi e verso l’esterno. L’ente impiega oltre 100 telefoni IP Snom, telefoni Cisco e 3CX client per smartphone per gli operatori stagionali e quelli sul campo. Per Avignon Tourisme era altresì importante poter assegnare linee telefoniche con un click a qualsivoglia sede a seconda del fabbisogno, impostare centralmente in pochi minuti le code di chiamata più efficaci per offrire ai turisti un servizio d’eccellenza, grazie al 3CX call flow designer integrato e gestire centralmente la configurazione del sistema per poi trasmettere via autoprovisioning tutte le impostazioni ai terminali dislocati nelle differenti sedi.

Installazione senza interruzione del servizio a garanzia di un completo rinnovamento del sistema

Nel mondo del turismo il servizio clienti è la chiave del successo. Anche per questo Pascal Borel era consapevole che la transizione a 3CX doveva essere implementata senza interrompere l’operatività degli utenti, evitando downtime che si sarebbero ripercossi sui viaggiatori. Dato che 3CX gira sui più comuni sistemi operativi, sia l’installazione sia l’impiego pratico risultano particolarmente semplici. E grazie all’intuitività di utilizzo della soluzione 3CX, non fu necessario sottoporre il personale di Avignon Tourisme ad alcun training.

La trasformazione tecnologica di Avignon Tourisme

Grazie a 3CX e all’impiego della telefonia VoIP via SIP Trunk, Avignon Tourisme ottenne immediati benefici, a partire dalla dismissione di centralini e all’azzeramento dei costi di leasing e manutenzione. Secondo Borel, l’impiego della piattaforma UC di 3CX ha assicurato na necessaria flessibilità per la configurazione e l’utilizzo della telefonia, restituendo alla società il pieno controllo del proprio sistema telefonico. Il personale riconobbe anche un miglioramento in termini di mobilità tra i diversi siti, incluse le località più remote.

*.*

Continua a leggere

Snom si presenta all’inizio dell’anno con tre prodotti avanzati.


Nuovo telefono IP di punta, il D785, nuova soluzione DECT Single-Cell compatibile con GAP, e nuovi altoparlanti aggiuntivi per la soluzione per conferenze.

Berlino – Con il debutto del nuovo anno, Snom, specialista berlinese della telefonia IP, annuncia un nuovo apparecchio per ognuna delle sue linee di prodotto primarie. Indubbiamente eccezionale, il nuovo D785 è ora disponibile anche in Italia. Ad esso si aggiunge il nuovo M215 SC, un bundle IP-DECT dal prezzo vantaggioso ed un design attraente. Per ciò che concerne il settore delle conferenze, il modulo di espansione C52-SP consente di estendere la portata audio. Tutti i prodotti sono già disponibili.

„Siamo molto felici di rendere disponibile il nuovo D785 in grandi quantità”, – afferma Armin Liedtke, Head of Global Sales di Snom- “Molti clienti aspettano con ansia il nostro nuovo capolavoro!” Lo Snom D785 fa parte della generazione di telefoni più innovativa e avanzata di Snom. Con il nuovo design elegante, il grande display a colori ad alta definizione e il secondo pratico display questo telefono, il cui prezzo di listino raccomandato è di € 271, offre tutte le funzioni per soddisfare ogni esigenza.

Lo M215 SC completa il portafoglio DECT over IP per SoHo. La soluzione DECT compatibile con GAP (Generic Access Profile) non offre solo un buon rapporto qualità-prezzo ma consente anche di usufruire di tutta la gamma di funzioni di telefonia avanzata, per cui Snom è noto.

Alla stazione base dello M200 SC possono essere collegati fino a sei terminali cordless M15 SC di Snom. Questi telefoni possono gestire fino a sei differenti account SIP e quattro telefonate contemporanee. Grazie al grande display, la tastiera illuminata e un’eccellete qualità del suono, lo M15 SC amplia con stile la linea di prodotti DECT di Snom nonostante sia particolarmente competitivo: il prezzo di listino raccomandato per il cordless e per la stazione base a cella singola ammonta a € 122.

Il modulo di estensione C52-SP senza fili per i telefoni da conferenza C520-WiMi consente di beneficiare delle conferenze telefoniche sia in sale riunioni particolarmente capienti sia in uffici dislocati in stanze diverse. Al telefono per conferenze Snom C520-WiMi possono essere connessi fino a tre dispositivi wireless C52-SP, che fungono da vivavoce a tutti gli effetti. Il prezzo di listino raccomandato è di € 149.

„Presentando già a gennaio ben tre prodotti innovativi ci siamo mossi in tempo da record” conferma Liedtke, “dato che per il 2018 prevediamo molte novità, questo non rimarrà certo l’unico annuncio, neanche per il mese di gennaio.”

Continua a leggere

Snom Technology entra nel Gruppo VTech


snom_logoIl leader mondiale dei telefoni cordless acquisisce lo specialista tedesco del VoIP

Berlino – Hong Kong | Snom Technology AG, azienda berlinese leader a livello mondiale nella produzione di  telefoni Voice over IP (VoIP) avanzati per le aziende (www.snom.com), entrerà a far parte del Gruppo VTech (www.vtech.com). Con sede a Hong Kong, il Gruppo VTech opera a livello internazionale ed è uno dei maggiori produttori al mondo di telefoni cordless, nonché leader mondiale nel settore dei prodotti di e-learning. Entrambe le realtà auspicano chiare sinergie di respiro globale, non da ultimo in ambito commerciale e in termini di sviluppo del prodotto.

Maggiore presenza sui mercati mondiali grazie all’impegno con VTech

images“Siamo veramente lieti di avere, con Vtech, un proprietario della nostra azienda solido, internazionale e di grande successo “, così il CEO di Snom Gernot Sagl ha commentato l’impegno assunto con VTech.

“In qualità di maggior produttore di telefoni cordless al mondo e grazie alla sua profonda competenza tecnologica e alla forte presenza commerciale internazionale VTech ci offrirà un supporto decisivo nello sviluppo e nella commercializzazione di telefoni VoIP di elevatissima qualità, a tutto vantaggio dei nostri clienti, su scala globale”.

Incremento delle attività di Snom in Asia e Nord America

André Deloch, Presidente del Board di Snom, ha commentato l’acquisizione dell’azienda da parte di Vtech come segue: “La combinazione dei punti di forza di VTech e Snom favorirà il rafforzamento della posizione di mercato ed il consolidamento della leadership tecnologica di entrambe le aziende. Per le attività di Snom, la presenza di VTech avrà risvolti positivi ed immediati, soprattutto nella regione Asia/Pacifico e nel Nord America”.

Nuove sinergie per sviluppo e vendite

“Il VoIP è il futuro della comunicazione aziendale e il settore si sta già muovendo verso infrastrutture per le Unified Communications basate sul cloud”, così H. Tong, presidente di VTech Telecommunications Ltd., ha commentato l’investimento.

“In qualità di pioniere in questo campo, da molteplici anni Snom sviluppa con estremo successo nuove e moderne soluzioni basate sulle tecnologie IP che riescono a soddisfare pienamente le esigenze delle aziende a livello mondiale. L’acquisizione sarà foriera di sinergie decisive tra Snom e VTech in termini di sviluppo di hardware e software, miglioramento dell’efficienza operativa e di sfruttamento di canali commerciali più ampi per i telefoni VoIP”.

La transazione sarà soggetta all’approvazione da parte delle rispettive autorità di regolamentazione competenti.

Chi è VTech

VTech è il principale fornitore al mondo di prodotti elettronici di apprendimento per bambini, dall’infanzia fino all’età scolare, nonché il più grande produttore al mondo di telefoni cordless. L’azienda offre altresì servizi di produzione Contract di alta qualità.

Con sede a Hong Kong e innovativi impianti di produzione in Cina, VTech opera attualmente in undici paesi e regioni del mondo. Il Gruppo VTech conta circa 27.000 dipendenti, dei quali 1.500 sono specialisti impiegati in centri di ricerca e sviluppo negli Stati Uniti, in Canada, in Germania, a Hong Kong e in Cina.

L’azienda è stata fondata nel 1976 e, con i suoi sofisticati ed innovativi prodotti, è un pioniere nel campo dei giocattoli elettronici di apprendimento, che divertono e al tempo stesso incoraggiano ad imparare i bambini in tutto il mondo. VTech può contare su decenni di storia di successo ed offre una vasta gamma di prodotti di telecomunicazione che offrono ai clienti le più moderne tecnologia incorniciate da design accattivanti. VTech è anche uno dei principali fornitori al mondo di servizi di produzione elettronica, offrendo ai propri clienti soluzioni chiavi in mano in numerosissimi ambiti.

L’obiettivo di VTech è sviluppare, produrre ed offrire prodotti innovativi e di alta qualità che riducano al minimo l’impatto sull’ambiente e, allo stesso tempo, creino un reale valore sostenibile per i propri stakeholder e per la società nel suo complesso.

Per maggiori informazioni, visitare www.vtech.com.

Chi è Snom

Fondata nel 1996, Snom è una multinazionale tedesca con sede a Berlino, Germania, e rappresenta il primo marchio leader nel mondo dei telefoni VoIP professionali per le aziende. Snom conta filiali totalmente proprie negli Stati Uniti e a Taiwan, e uffici secondari in Italia, nel Regno Unito e in Francia.

L’ingegnerizzazione tedesca firmata Snom è rinomata in tutto il mondo ed è garanzia di robustezza, elevata qualità e ricchezza di funzioni per i suoi telefoni business. Tutti i dispositivi della casa Snom sono universalmente compatibili con le principali piattaforme PBX che operano secondo lo standard SIP I prodotti Snom vengono commercializzati dai suoi distributori a una rete di oltre 25.000 rivenditori a valore aggiunto in tutto il mondo.

Per maggiori informazioni, visitare www.snom.com.

 

Perchè anche il CFO é interessato ai progetti di migrazione al VoIP? E’ tutta una questione di “ROI”


snom_logoE’ fuor di dubbio che il telefono IP migliore del mondo e con il design più elegante non verrebbe acquistato se non rispondesse alle aspettative aziendali in merito ai costi. In ambito B2B parliamo ovviamente di TCO (total cost of ownership) che include il costo di acquisto, installazione, gestione dei terminali e del ROI, il ritorno sugli investimenti. Chi progetta un telefono IP deve tener presente ognuno di questi aspetti. La pressione esercitata sulle aziende in termini di rispetto degli obiettivi finanziari rende peraltro il Direttore Finanziario una figura le cui esigenze risultano fondamentali, se si intende assicurare il successo di una linea di telefoni IP sul mercato.

Costo di acquisto

Sul mercato sono presenti centinaia di modelli di telefoni IP, con un prezzo che spazia da € 50 per telefoni di base a fino a € 1000, per i terminali criptati, usati a livello governativo.

I softphone sono i telefoni IP più semplici e più economici, molti sono addirittura disponibili gratuitamente. Si tratta di software specializzati installati direttamente su PC, laptop o smartphone. La presenza di una cornetta non è necessaria ma, per comodità dell’utente e per una migliore qualità vocale, i softphone vengono impiegati con headset di buona qualità o con telefoni USB.

Tra i telefoni IP di fascia bassa si trovano terminali con una dotazione funzionale minimale. Le caratteristiche standard includono l’inoltro dell’ID del chiamante, una limitata capacità di condurre conferenze telefoniche e tasti per la composizione rapida. Salendo di prezzo si guadagna in funzionalità e migliora la qualità audio, si dispone di funzioni aggiuntive, come viva-voce, ampie funzionalità per le conferenze, cronologia delle chiamate, tasti funzione programmabili e supporto di filtri audio lato software.

Con l’aumentare del prezzo si acquisiscono caratteristiche avanzate come il supporto per la segreteria telefonica e le opzioni CTI. Si guadagnano inoltre nuove opzioni di connettività, che permettono di passare da terminali IP con porta Ethernet ad altri con connessione tramite WiFi e Gigabit Ethernet, più porte USB e perfino Bluetooth.

Al vertice della gamma, tralasciando i telefoni specializzati come i già menzionati terminali criptati, troviamo complessi telefoni professionali dotati di un’altissima qualità audio e in grado di eliminare i rumori, il che li rende ideali per luoghi affollati e uffici rumorosi. Alcuni sono dotati di opzioni personalizzabili per l’integrazione nei processi aziendali e di display a colori con minibrowser.

Ogni utente, in base al proprio ruolo, ha esigenze individuali e ricerca funzionalità differenti per il proprio telefono IP. Un dirigente potrebbe desiderare il telefono IP più recente, mentre una centralinista potrebbe essere interessata soltanto al numero di chiamate effettuabili contemporaneamente. Molti utenti richiedono funzioni standard come la messa in attesa, il trasferimento di chiamata, il parcheggio della chiamata e il conferencing.  Ciò che influisce maggiormente sul costo del telefono IP è però la presenza di un viva-voce di alta qualità, di un grande display e di tastierino estensibile.

Per selezionare il telefono IP adatto è quindi necessario prendere in esame una gran varietà di apparecchi e costi, oltre che il grado di integrabilità dei telefoni nei processi aziendali. Valutare quale tipo di telefono si adatti maggiormente alla propria realtà, permetterà all’azienda di risparmiare denaro a lungo termine. Fondamentale è che il prezzo rifletta l’importanza di determinate funzionalità per il business.

snom_760_IMG_1547_print

Costi di implementazione

La telefonia VoIP in modalità “hosted” viene adottata sempre più spesso, al fine di evitare costi eccessivi ed un incremento della complessità della rete dovuta all’installazione dell’infrastruttura per la telefonia in loco. Gli utenti vi ricorrono soddisfatti di poter predire i costi in cui incorreranno con largo anticipo. Per il produttore di telefoni IP ciò implica esclusivamente che non è più l’utente finale a richiedere terminali facili da installare ma piuttosto il carrier, l’esigenza persiste. I costi d’installazione e configurazione oltre che di formazione per la fruizione di soluzioni IP variano molto da vendor a vendor e anche da installazione a installazione. Il numero di persone necessarie per l’implementazione delle configurazioni da remoto e la complessità dell’installazione del server/PBX andranno, ad esempio, ad influenzare i costi.

L’Auto Provisioning può essere utile per ridurre i costi d’implementazione, in quanto trasmette ai telefoni tutti i parametri di configurazione generali e specifici e gestisce l’esecuzione del firmware. Tali applicazioni consentono alla clientela aziendale e ai service provider di ridurre i costi grazie alla configurazione automatica da remoto ed alla gestione ininterrotta del telefono IP.

L’applicazione per l’Auto Provisioning di Snom consente di amministrare un numero illimitato di telefoni Snom da remoto (configurazione e assistenza tecnica), in questo modo sarà possibile collegare il telefono IP Snom alla rete locale e avviarlo senza bisogno di una precedente configurazione.

I telefoni IP possono essere configurati manualmente o, in modo molto più semplice ed immediato, utilizzando la funzione di configurazione automatica plug and play. Il telefono si configura da sé scaricando un file di configurazione generato dal centralino prodotto da partner tecnologici o dal DHCP del telefono stesso. Il responsabile dell’installazione dovrà semplicemente approvare la registrazione dell’apparecchio e assegnargli un numero interno. Il server invierà un link con il file per il provisioning al telefono. Una volta ricevuto il link, la configurazione avverrà al volo e il terminale sarà pronto per l’utilizzo. In caso di aggiornamenti del firmware, è sufficiente riavviare il telefono.

Per tenere sotto controllo i costi di ogni soluzione IP a lungo termine è quindi fondamentare selezionare telefoni progettati per provisioning da remoto.

Costi di gestione

E’ stato scritto molto riguardo al costo totale di piattaforme per la telefonia IP. E’ difficile stabilire i costi gestionali in dettaglio senza essersi prima imbattuti in essi, ma solitamente tendono ad essere più alti durante i primi due anni di utilizzo di una nuova tecnologia. Una volta acquisita la competenza necessaria i costi di gestione calano, in media, del 20%. Senza l’installazione di soluzioni che ne assicurino l’amministrazione da remoto, è molto facile per un’azienda investire tutti quanto invece risparmiato con la migrazione alla telefonia IP in gestione e monitoraggio della nuova piattaforma telefonica.

L’interfaccia grafica di un centralino IP o server per la telefonia IP è molto più fruibile rispetto a quelle dei PBX tradizionali, facilitando variazioni e integrazioni. Dal momento che i telefoni sono basati sul protocollo IP e quindi del tutto simili ai PC,  si ricollegano immediatamente al server PBX anche quando vengono spostati da una porta di rete ad un’altra.

Ciò rende possibile un risparmio considerevole rispetto a situazioni in cui il semplice spostamento del telefono necessitava di modifiche nel cablaggio e quindi di un installatore telefonico a pagamento. Tuttavia, se il telefono IP viene spostato ad una sede remota dove è necessaria una configurazione locale a posteriore di un reset, è possibile incorrere in costi. Il modo migliore per tenere sotto controllo questi costi è selezionare da un lato un terminale con gestione e configurazione remota e dall’altro optare per un vendor che non rilasci un numero eccessivo di aggiornamenti del firmware, che richiedono un reset e la riconfigurazione del telefono.

La raccomandazione é di mantenere bassi i costi operativi assicurando che l’interfaccia del terminale consenta agli utenti remoti di simulare l’uso del tastierino del telefono e le funzioni speciali dello stesso.

Il ROI dei telefoni IP

L’idea di passare alla telefonia IP solamente per il risparmio sta lentamente scomparendo, anche se non ancora del tutto. Durante i primi anni del VoIP le aziende necessitavano di un ritorno sugli investimenti (ROI) per giustificare la sostituzione di apparecchiature collaudate con nuove tecnologie. Ora le aziende si trovano già nella fase di sostituzione delle soluzioni di telefonia tradizionali, perciò il ROI perde importanza e ci si focalizza su altri vantaggi, come funzioni semplificate, maggiore produttività e applicazioni collaborative integrate voce/dati/video.

Per essere chiari, il netto risparmio conseguito nei primi due anni di impiego può essere facilmente intaccato se il telefono IP non è quello adatto e deve essere sostituito, a causa della scelta di un modello non adeguato alle esigenze e all’effettivo utilizzo.

*.*

Informazioni su Snom Technology AG

Fondata nel 1996 con sede a Berlino, Snom è una multinazionale tedesca riconosciuta su scala globale quale primo produttore di telefoni VoIP per aziende e marchio leader del settore. Snom è proprietaria esclusiva delle sue filiali in USA, Gran Bretagna, Francia, Italia e Taiwan.

Noti per la robustezza, l’elevato livello qualitativo e l’estrema versatilità, i telefoni business firmati Snom, ingegnerizzati in Germania, sono sviluppati esclusivamente per operatori IT e installatori telefonici qualificati e certificati. Tutti i prodotti Snom, azienda che attualmente conta oltre quattro milioni di installazioni dei propri terminali in tutto il mondo, sono universalmente compatibili con le principali piattaforme PBX basate sullo standard SIP. I terminali IP Snom sono venduti attraverso i distributori agli oltre 25.000 rivenditori a valore aggiunto certificati Snom in tutto il mondo.

Per maggiori informazioni pregasi consultare: www.snom.com.