Android nel mirino anche nel terzo trimestre 2017


G DATA pubblica la nuova statistica sui malware prodotti ai danni di Android registrati nel terzo trimestre 

Bochum- Con 810.965 nuovi malware per Android registrati nei tre mesi estivi (Giugno/Settembre 2017) e un aumento del 17% rispetto a quanto rilevato nel secondo trimestre, i rischi per gli utenti del noto sistema operativo mobile non accennano a diminuire e rappresentano una minaccia particolarmente accentuata in Italia dove circa il 66% degli utenti di smartphone usa Android (fonte: Statcounter), ma solo un utente su tre dispone di un sistema operativo aggiornato.

Rilevato un nuovo malware per Android ogni 9 secondi

Da Gennaio a Settembre gli analisti G DATA hanno identificato un totale di 2.258.387 nuovi ceppi di malware per Android, di cui 810.965 solo nel trimestre estivo, con una media di 8.815 nuovi rilevamenti al giorno, circa uno ogni nove secondi.

Gli attuali incidenti di sicurezza richiedono un ripensamento da parte dei produttori

Gli attacchi informatici come KRACK, Blueborne e Gooligan o trojan come Xafecopy continuano a fare notizia. Google solitamente reagisce velocemente e pubblica aggiornamenti di sicurezza, tuttavia questi sono frequentemente implementati solo sui suoi stessi dispositivi. In base alle più recenti statistiche di Google, su scala globale solo il 18% degli utenti Android beneficia della versione 7.0 del sistema operativo, che ha già un anno – ancor meno utenti dispongono già della versione successiva. Le falle di sicurezza sono e restano semplicemente aperte. Per molti dispositivi qualsiasi aggiornamento deve essere adattato al sistema operativo modificato del produttore di device mobili. Non è sempre chiaro se l’aggiornamento per un particolare dispositivo sarà mai disponibile.

I dispositivi mobili sono una parte indispensabile della routine digitale, sono compagni sempre presenti e sono utilizzati con crescente frequenza per lo shopping, per le transazioni bancarie oltre che per le attività professionali. Sarebbe opportuno quindi prendere precauzioni, con l’auspicio che i produttori comprendano in via definitiva l’importanza di fornire aggiornamenti o che un’adeguata legislazione imponga ai produttori l’aggiornamento tempestivo del proprio OS come vincolo per la commercializzazione del dispositivo.

Facciamo chiarezza

Indubbiamente gli utenti di tablet e smartphone Android ad oggi percepiscono poco quanto i propri dati (contatti / foto), la navigazione (phishing, infezioni drive-by, dirottamento delle sessioni) e le proprie transazioni bancarie o gli acquisti compiuti tramite device mobili siano a rischio. E’ tuttavia un dato di fatto che la situazione sia ben più allarmante di quanto a volte ipotizzato da alcuni quotidiani o testate generaliste e, di recente, da Altroconsumo, che in un recente articolo (copertina novembre 2017) sminuisce purtroppo l’oggettiva vulnerabilità di Android infondendo nei lettori un’imprudenza ingiustificata nei confronti di un livello di rischio tanto più serio quanto più obsoleto il sistema operativo utilizzato. Ricordiamo che in Italia solo poco più del 30% degli utenti di smartphone e tablet Android si avvale di Nougat (Fonte: Statcounter).

Il 70% degli utenti Android in Italia usa un sistema operativo obsoleto. Fonte: Statcounter

L’articolo di Altroconsumo conclude peraltro che l’allarmismo sull’attuale diffusione dei malware sia generato dai vendor per avvantaggiarsene e che, senza purtroppo illustrare minimamente come siano stati condotti i test, le soluzioni dei più noti produttori comunque non sarebbero in grado di proteggere gli utenti. Ciò, nonostante organizzazioni indipendenti di fama mondiale, come AV-Test, verifichino e certifichino ininterrottamente la capacità di numerosissime applicazioni di prevenire e/o bloccare anche le minacce più complesse.

Dati alla mano, oltre che per coscienza verso gli utenti Android, non possiamo che distanziarci pubblicamente da contenuti di siffatta natura.

Continua a leggere

Repetita “non” iuvant: WAP-billing in malware Android di nuova generazione


Xafecopy si maschera da app per migliorare le prestazioni della batteria

Bochum- Chi è stato indotto ad acquistare un servizio in abbonamento tramite il proprio dispositivo mobile sa quanto sia frustrante, costoso e tedioso liberarsene. Un malware scoperto di recente è in grado di sottoscrivere dozzine di abbonamenti senza che l’utente lo sappia o dia il proprio consenso. Ben amara la sorpresa, quando arriva la bolletta mensile. 

Il WAP-billing non è una novità

Questo modello di abbonamento è stato per decenni un business diffuso e lucrativo, a volte anche pubblicizzato in modo molto aggressivo su canali televisivi musicali. Inviando un messaggio contenente una parola specifica ad un numero telefonico, si ricevevano suonerie telefoniche, wallpaper oroscopi e similari ad un canone settimanale addebitato in fattura. Ciò ha causato forti critiche da parte delle associazioni dei consumatori, dato che non era sempre chiaro ai fruitori che così facendo, avrebbero sottoscritto un abbonamento.

Questo metodo chiamato “WAP-billing” è ancora in uso al giorno d’oggi come forma di pagamento per servizi o donazioni. È possibile sia inviare un messaggio con una parola chiave ad un numero preciso sia inserire il proprio numero su un sito web.

Che cosa significa esattamente WAP?

WAP è l’acronimo di Wireless Access Protocol (protocollo di accesso senza fili) e indica una categoria di tecnologie che sono la base di partenza dell’odierno Internet mobile. Nei tardi anni novanta erano disponibili dispositivi mobili che potevano accedere ad Internet via WAP, anche l’invio di MMS aveva luogo tramite WAP. Il traffico dati era addebitato ad ogni click. Inoltre WAP poteva essere utilizzato per servizi a pagamento spesso con gran dispiacere degli interessati. Nel frattempo gli operatori si sono evoluti, qualora l’utente acceda ad un servizio WAP a pagamento, dirottano dapprima la pagina per informarlo che il servizio non è gratuito.

Abusi attraverso il malware

Entrambe le modalità di fatturazione sono sfruttate da un nuovo malware Android nascosto in una app che dovrebbe “ottimizzare” la batteria del dispositivo. In realtà la app accede in background a vari siti web attivando automaticamente abbonamenti di cui l’utente sarà a conoscenza solo una volta ricevuta la fattura. Ovviamente i fornitori di servizi a pagamento sono obbligati ad implementare misure di sicurezza per evitare tali illeciti.

Infatti solitamente all’attivazione di servizi simili, l’utente deve a risolvere un CAPTCHA o inserire un codice di conferma ricevuto via SMS. Si tratta di misure che il malware Xafecopy elude simulando la pressione sui tasti e trasmettendola in background. In questo modo la app malevola può sottoscrivere un numero potenzialmente illimitato di abbonamenti.

Chiari indizi indicano l’Asia come fonte del malware.

Come proteggersi

  1. Controllare i diritti di accesso richiesti dalla app e domandarsi se siano coerenti con il compito che deve svolgere la app. Perché una app di ottimizzazione della batteria dovrebbe poter inviare messaggi a numeri a pagamento? Sebbene nelle più recenti versioni di Android sia possibile revocare determinate autorizzazioni anche dopo l’installazione, sarebbe più sicuro porsi delle domande installare l’applicazione.
  2. Chiedere al proprio operatore di bloccare l’accesso ai servizi premium. In questo modo è impossibile effettuare sottoscrizioni a servizi tramite WAP, impedendo quindi al malware di prosciugare il conto bancario della vittima mediante abbonamenti indesiderati.
  3. Installare una protezione anti-malware efficace sul proprio smartphone.

Ulteriori informazioni

Per disporre di tutti i dettagli tecnici su Xafecopy basta consultare l’analisi completa del ricercatore G DATA Nathan Stern, disponibile QUI (testo in inglese).

Continua a leggere