Allnet.Italia e AVM: consolidamento di una partnership di successo


logoavmLe due aziende, punto di riferimento per il mercato delle telecomunicazioni e del networking in Italia, estendono la propria partnership siglando un contratto diretto per la distribuzione dei dispositivi firmati AVM sul territorio nazionale. Molteplici i benefici per rivenditori e clienti.

allnet_logo_BWBerlino / Bologna – Allnet.Italia, distributore specializzato in soluzioni informatiche innovative e AVM, produttore dei pluripremiati FRITZ!Box, dispositivi all-in-one sviluppati in Germania e ideali per una fruizione a 360° della connettività internet, della fonia (tradizionale e VoIP) e dei servizi di rete in ambiente SoHo, annunciano oggi un’importante variazione della partnership esistente: valido da subito, il contratto diretto per la commercializzazione dell’intera linea di prodotti e accessori FRITZ! per una rete completa e intelligente consente ad AVM di consolidare ed estendere quanto sinora costruito con Allnet.Italia, beneficiando di tutti gli strumenti messi a disposizione dal distributore in termini di consulenza e supporto al cliente, comunicazione congiunta e logistica. Con la nuova partnership Allnet.Italia potrà proporre l’intera gamma di soluzioni AVM, inclusi gli innovativi dispositivi dotati di smart plug per un più rapido ingresso dei rivenditori Allnet.Italia sul mercato della Home Office Automation ed erogare alla propria clientela tutti i servizi a valore aggiunto per cui è nota, tra cui corsi di formazione e assistenza pre e post vendita.

Fornite con cinque anni di garanzia del produttore, le soluzioni AVM supportano una gestione unificata ed altamente intuitiva dell’intera infrastruttura di rete e telefonia, in perfetta linea con un approccio orientato all’IoT coniugato alla perfetta integrazione di tutte le funzioni avanzate, essenziali per qualsiasi attività professionale, in un solo dispositivo.

Tra queste ricordiamo gli strumenti per la massima reperibilità telefonica degli utenti, incluso un client per smartphone Android e iOS con cui telefonare tramite la propria linea VoIP o analogica anche fuori ufficio, l’elenco delle chiamate consultabile in tempo reale, con funzione click-to-call, il fax e la segreteria telefonica con invio dei messaggi via mail, la sincronizzazione della rubrica con archivi di contatti online, l’accesso remoto ai propri documenti, protetto tramite VPN.

Il versatile sistema operativo dei prodotti AVM con interfaccia tutta in italiano, il FRITZ!OS, fa dei FRITZ!Box i router premium più completi sul mercato e contempla altresì funzioni comfort di particolare interesse per professionisti, come l’integrazione del server di stampa e del NAS, l’accesso cablato o wifi per ospiti, con cui consentire a clienti e fornitori di navigare senza accedere alla rete (e quindi potenzialmente ai dati) dell’azienda, il firewall con filtro web per una maggiore produttività e sicurezza, e le funzioni di monitoraggio oltre che di commutazione di qualsiasi dispositivo collegato alle prese intelligenti di AVM, anche da remoto: un ottimo punto di partenza per l’automazione in ambito SoHo e per il controllo dei consumi degli apparecchi impiegati in ufficio.

Gianni Garita, Country Manager, AVM Italia

Gianni Garita, Country Manager, AVM Italia

Gianni Garita, Country Manager di AVM per l’Italia, afferma: “l’estensione della partnership con ALLNET.ITALIA non solo ci permette di consolidare quanto già realizzato insieme nel tempo, ma rafforza l’impatto congiunto di AVM e Allnet.Italia in settori quali il VoIP per PMI e le nuove tecnologie IoT. La nuova stretta sinergia tra il distributore e il vendor va a tutto beneficio della nostra clientela, dal mercato ISP a quello dei System Integrator, e favorirà la realizzazione di progetti specializzati come a volume. Grazie ad un ad un supporto tecnico particolarmente forte, Allnet.Italia é in grado di supportare al meglio sia i plus della gamma AVM sia l’evangelizzazione sulle tecnologie innovative e sullo stato dell’arte delle reti di nuova generazione”.

Emiliano Papadopoulos

Emiliano Papadopoulos, CEO, Allnet.Italia

Emiliano Papadopoulos, CEO di ALLNET.ITALIA conferma: “Da sempre votati alle proposta di tecnologie di nuova generazione, condividiamo con AVM un obiettivo essenziale: offrire soluzioni altamente innovative, integrate e di qualità ineccepibile, per la fruizione di tutti i benefici derivanti dall’evoluzione tecnologica. Il rafforzamento della sinergia con un brand di riferimento nel mondo delle telecomunicazioni e del networking come AVM ci consente di esprimere al meglio il nostro valore aggiunto: l’assistenza qualificata in fase di progettazione e pre vendita, il supporto nella formulazione delle soluzioni e il customer care. Il nostro team di ingegneri specializzati lavora già a stretto contatto con il vendor, fornendo al cliente un supporto a 360°. La storia di successi con AVM e i suoi prodotti ci consente di guardare con assoluto ottimismo all’esito della nuova partnership con il brand. ”

Un primo passo a conferma della nuova sinergia tra le due aziende è la presenza di AVM allo stand di Allnet.Italia presso la Smart City Exhibition, 14-16 Ottobre 2015, Bologna. Allnet.Italia sarà presente come espositore nel pad. 31 – stand 14B con soluzioni di Home Office Automation e facenti capo alla Business Unit “More” del distributore a valore bolognese.

Continua a leggere

3CX porta l’integrazione del mondo mobile ad un nuovo livello con il suo centralino “Cloud Ready”


3CX-Logo-High-Resolution-1024x372L’azienda detta il ritmo dell’innovazione nelle Unified Communications grazie ai nuovi servizi PUSH per i client smartphone, al nuovo ambiente di installazione cloud integrato e all’interfaccia utente ridisegnata.

LONDRA – 3CX, produttore del centralino di nuova generazione 3CX Phone System per Windows, annuncia oggi il lancio della Versione 14 della sua pluripremiata soluzione per le telecomunicazioni. La nuova release consente ai partner 3CX di fornire sulla stessa piattaforma un centralino cloud-based o installabile localmente: un’ottima notizia per i rivenditori che desiderano ampliare la propria offerta includendo anche servizi di centralino virtualizzati.

Nuovi client per iOS, Android e Windows Phone

I nuovi client per iOS e Android sono stati completamente ricodificati e portano la mobilità ad un nuovo livello grazie all’uso avanzato della tecnologia PUSH e al tunnel SIP integrato. Attraverso lo smartphone gli utenti sono quindi raggiungibili al proprio interno aziendale ovunque, in termini di esperienza d’uso, la conduzione delle proprie telefonate tramite lo smartphone client di 3CX non risulta più complessa rispetto a normali conversazioni via rete mobile. Grazie al servizio PUSH, che limita notevolmente l’impatto del client sulla batteria, l’applicazione resta in standby fino all’ingresso di una chiamata, ora inoltrata al client più velocemente. Una più rapida registrazione consente infine all’utente di rispondere con maggior facilità.

Nick Galea, CEO di 3CX dichiara:

“Oltre ad essere fruibile come centralino virtualizzato, la Versione 14 del nostro centralino IP impone nuovi standard di funzionamento, in particolare in termini di integrazione dei client smartphone. La tecnologia PUSH integrata nei nostri client attribuisce massima priorità alle chiamate in ingresso sul centralino 3CX, assicurando l’immediata e totale reperibilità dei collaboratori in ogni luogo e quindi un’imbattibile mobilità nella fruizione dei servizi di telefonia del nuovo 3CX Phone System. Tutto ciò, combinato alla facilità d’uso e di gestione, rende 3CX Phone System unico sul mercato.”

Integrazione del centralino virtualizzato in hosting

Con la nuova release i partner 3CX hanno l’opportunità di offrire ai propri clienti il 3CX Phone System 14 virtualizzato in hosting all’interno di un proprio pacchetto di servizi. La versione 14 della soluzione 3CX, installata su una macchina Windows come server PBX virtuale, supporta fino a 25 diverse istanze del centralino 3CX. Oltre all’eccezionale semplificazione della gestione quotidiana del centralino, in questo modo è possibile ridurre all’osso i costi di implementazione delle singole istanze. A differenza dei classici sistemi multi-account, i servizi e lo spazio di archiviazione destinato ai dati di ogni singolo centralino vengono mantenuti assolutamente separati gli uni dagli altri. Soluzioni aziendali basate sul cloud godono attualmente di un ottimo riscontro presso rivenditori e clienti. Fino al 2018 il solo settore dei centralini e dei servizi di Unified Communications (UC) erogati in modalità hosted dovrebbe generare un volume d’affari di oltre 18 miliardi di USD. Già da oggi, offrendo il 3CX Phone System in hosting, i partner 3CX possono ampliare facilmente il proprio portafoglio servizi con 3CX come centralino virtuale parallelamente alla versione installabile presso l’utente finale.

Gestione semplificata con nuove funzionalità e più operatori VoIP supportati

A livello gestionale la versione 14 presenta nuove funzionalità come la pianificazione dei processi di backup & ripristino, un maggior numero di avvisi emesessi dal sistema per tenere tutto sotto controllo ed un’interfaccia razionalizzata. Inoltre gli amministratori dispongono di nuove misure per la gestione di eventuali malfunzionamenti. Con l’edizione PRO è possibile mantenere semplicemente in standby una copia virtuale del 3CX Phone System, attivabile in un batter d’occhio in sostituzione del centralino in uso in caso di disservizio del server. Gli amministratori potranno altresì beneficiare di una serie di nuove funzionalità, come ad esempio la pianificazione dei report e l’inoltro tramite email, la gestione dello spazio sul disco da destinarsi alle caselle vocali o ad altre registrazioni, così come l’integrazione di nuovi operatori VoIP selezionabili direttamente tramite interfaccia, tra i quali Broadvoice, AMcom, Deutsche Telekom, Time Warner Cable e, per l’Italia, CloudItalia.

Videoconferenze ottimizzate

La soluzione per le videoconferenze integrata nel sistema, il 3CX WebMeeting, ha a sua volta beneficiato di diverse migliorie, a cominciare da una migliore qualità video grazie al progresso della tecnologia WebRTC. Il software presenta ora nuove funzionalità ideali per la conduzione di webinar e corsi virtuali, come ad esempio il controllo remoto dei computer dei partecipanti, la registrazione del webinar in formato standard compatibile con YouTube e la conduzione di sondaggi tra i partecipanti in tempo reale. 3CX WebMeeting offre inoltre la possibilità di cedere il controllo del meeting ad altri partecipanti e, per ridurre il consumo di banda, di caricare presentazioni PowerPoint in formato HTML prima del webinar. 3CX WebMeeting è offerto gratuitamente ai clienti 3CX per videoconferenze con un massimo di 10 participanti contemporanei. Al fine di assicurare un’ottimale esperienza d’uso, 3CX ha esteso la propria rete di server su scala globale, consentendo una trasmissione ottimale dei flussi video.

Nota per i Redattori

Per maggiori informazioni su 3CX Phone System 14 si prega di visitare:

www.3cx.it

Listino qui.

Download Links e Documentazione

Download 3CX Phone System v14: http://downloads.3cx.com/downloads/3CXPhoneSystem14.exe
Download 3CXPhone per iOS
Download 3CXPhone per Android
Download 3CXPhone per Windows
Download 3CXPhone per Mac
Download del 3CX Session Border Controller per Windows
Leggi il manuale per amministratori v14 Admin Manual
Leggi il manuale per utenti v14 User Manual
Continua a leggere

G DATA: applicazioni spia preinstallate anche su smartphone blasonati


Logo-Claim 2015 EN 4CIl produttore di sicurezza IT pubblica il Mobile Malware Report per il secondo trimestre del 2015.

Bochum (Germania) – Il 60% degli utenti della telefonia mobile in Italia utilizza uno smartphone e per quasi il 70% si avvale di dispositivi con sistema operativo Android (Fonte: comScore, luglio 2015). Ciò che ancora non è chiaro è cosa un dispositivo mobile possa svelare a terzi sul suo possessore. Dopo aver rivelato le estese funzionalità di spionaggio integrate di fabbrica nello smartphone Star N9500, gli esperti di sicurezza di G DATA hanno approfondito le ricerche e ne pubblicano i risultati nell’attuale Mobile Malware Report: in oltre 26 modelli, in parte anche di noti produttori come Huawei, Lenovo o Xiaomi, sono stati scoperti malware e applicazioni spia preinstallate nel firmware del dispositivo. Diversamente dai dispositivi Star però, gli esperti G DATA ipotizzano la presenza di intermediari che modificano il software per trafugare i dati degli ignari utenti e/o per trarre profitto da proprie pubblicità. Il Mobile Malware Report di G DATA, con i dettagli sulle rilevazioni e alcuni dei modelli coinvolti è ora disponibile online.

Android.Trojan.Andup.D_detection_en

”2,5 miliardi di persone in tutto il mondo sono online per mezzo di un dispositivo mobile. Chattare, navigare e fare acquisti online è possibile in qualsiasi luogo e momento grazie a smartphone e tablet. Parallelamente a questo sviluppo, negli ultimi tre anni si è visto aumentare in modo esponenziale il numero di applicazioni contenenti codici malevoli”, spiega Christian Geschkat, responsabile del reparto Mobile Solutions di G DATA. “Sin dallo scorso anno osserviamo un chiaro aumento di dispositivi il cui firmware viene modificato e dotato di applicazioni spia ancor prima della consegna all’utente.”

Record negativo: Più di un milione di nuovi malware per Android in sei mesi

Nel solo secondo trimestre del 2015 i laboratori G DATA hanno rilevato quotidianamente oltre 6.100 nuove applicazioni dannose. In confronto al primo trimestre dello stesso anno, in cui tali app sono state 4.900, si è registrato un aumento del 25% su base giornaliera. La prima metà dell’anno è già da record: oltre un milione di malware per Android (1.000.938) in soli sei mesi. Nel primo semestre gli esperti hanno rilevato la stessa quantità di malware per Android registrata in tutto il 2013.

Infographics Mobile MWR Q2 15 New Android Malware EN RGB

G DATA prevede oltre due milioni di nuovi malware entro la fine dell’anno.

Ulteriori previsioni

  • L’anno dei record negativi: Per la seconda metà del 2015 gli esperti di sicurezza di G DATA si aspettano un netto aumento delle app fraudolente per Android. E‘ molto probabile che il numero totale di nuovi ceppi si aggiri intorno ai due milioni.
  • Malware sempre più sofisticati: L’azienda informatica Hacking Team programma malware per servizi segreti e organismi di Stato. L’attacco cibernetico condotto ai danni di Hacking Team non ha solo reso pubblici dati sensibili sulla clientela dell’azienda ma anche i codici sorgente per malware Android. Gli esperti di sicurezza di G DATA si aspettano che i cybercriminali sfruttino questa fonte di informazioni facilmente accessibile e diffondano grandi quantità di nuovi e più maturi malware per Android.

Il Mobile Malware Report di G DATA con tutti i dettagli è disponibile online al link: https://secure.gd/dl-en-mmwr201502
Continua a leggere

AV-Test: G DATA INTERNET SECURITY PER ANDROID ottiene il massimo punteggio


Logo-Claim 2015 EN 4CG DATA ottiene il 1° posto nel test comparativo di AV-Test totalizzando il 100% nella rilevazione dei codici maligni, l’intuitività e l’utilità delle funzioni.

Bochum (Germania) – Nel suo ultimo test, l’istituto di ricerca AV-Test ha analizzato 26 soluzioni di sicurezza per Android nelle categorie protezione, funzionamento e funzioni aggiuntive. Totalizzando il 100% nella rilevazione del malware e grazie alla semplice fruibilità delle utili funzioni incluse, G DATA INTERNET SECURITY PER ANDROID ha ottenuto il 1° posto, con il massimo punteggio in tutte le categorie. G DATA ha ricevuto anche l’ambita certificazione AV-Test.

avtest_certified_mobile_2015-07

 

Dettagli del test

Soluzioni di sicurezza testate: 26
Piattaforma: Android
Eseguito da: AV-Test

 

Protezione efficace per smartphone e tablet

GDATA_Android

Clicca per allargare

G DATA INTERNET SECURITY PER ANDROID offre una protezione totale ed affidabile per dispositivi mobili con sistema operativo Android.  Oltre alla protezione contro virus, app fallaci e pericoli della navigazione, la Security-App di G DATA protegge gli utenti anche dalle fatali conseguenze derivanti dallo smarrimento o dal furto del dispositivo grazie alla possibilità di localizzare lo smartphone e di rimuovere i dati ivi salvati anche da remoto. La funzione di protezione dei minori integrata favorisce la gestione dell’utilizzo di smartphone e tablet da parte dei più piccoli. I contenuti non appropriati vengono ad esempio bloccati automaticamente dal browser per bambini. Per evitare l’improvvisa impennata dei costi telefonici dovuta alle sperimentazioni dei bambini, chiamate ed SMS possono essere disabilitate direttamente dalle impostazioni – le chiamate d’emergenza sono tuttavia sempre disponibili. I piccoli internauti potranno così navigare in tutta sicurezza: i genitori non avranno più preoccupazioni nell’affidare i propri dispositivi ai propri bambini.

Funzioni principali

  • Protezione contro phishing e pagine web pericolose tramite rilevazione cloud-based.
  • Protezione contro app pericolose: Il controllo delle app esamina le licenze delle applicazioni e avvisa in caso di app spia.
  • Protezione contro i virus per Android: tramite cloud, Advanced-Scan individua tutti i programmi dannosi ed è sempre aggiornato
  • Filtro per SMS e chiamate, consente anche di bloccare chiamate pubblicitarie e similari.
  • Protezione contro furto e smarrimento di smartphone o tablet: tutti i dati salvati possono essere eliminati ed il dispositivo bloccato oltre che localizzato
  • Protezione bambini ampia e configurabile, per permettere anche ai più piccoli di fruire dei device in tutta sicurezza

Continua a leggere

G DATA compie 30 anni: l’antivirus fu inventato nella regione della Ruhr


Logo-Claim 2015 EN 4CIn trent’anni da start-up in garage a produttore di rilevanza mondiale, G DATA, padre dell’antivirus, ringrazia i propri utenti con un’edizione promozionale delle
proprie applicazioni per la sicurezza IT.

Bochum (Germania) – G DATA celebra il suo 30esimo anniversario. Fondata nel 1985 da Kai Figge e Andreas Lüning, l’azienda diede luce tre decenni fa al primo software antivirus in assoluto. Per festeggiare il suo compleanno G DATA offre a tutti i suoi utenti un’edizione speciale di G DATA INTERNET SECURITY 2015, soluzione che ha ottenuto il riconoscimento “Miglior Acquisto” di Altroconsumo e il premio della fondazione teutonica Stiftung Warentest. L’edizione “speciale anniversario” è disponibile presso i rivenditori G DATA al prezzo di € 30 per 3 PC.

“30 anni sono molti nell’industria IT. Da quando il mio socio Andreas Lüning inventò l’antivirus, la sicurezza IT si è evoluta da area di nicchia a settore dominante, quasi quotidianamente annoverato dai media per motivi tecnici, commerciali e politici. Oggi G DATA é tra le più note aziende di sicurezza IT nel mondo,” afferma Kai Figge, membro del consiglio e co-fondatore di G DATA Software AG.

G DATA compie 30 anni: da start-up in garage ad azienda di portata globale
Nel 1985 Kai Figge e Andreas Lüning visitarono la Fiera di Hannover. Entrambi rimasero affascinati dal nuovo Atari ST presentato allo show. La richiesta di questi computer e software fu enorme sin dall’inizio. I due giovani decisero quindi di cogliere questa opportunità e di sviluppare software che commercializzarono con il nome di G DATA. I primi virus per Atari comparvero poco dopo, diffondendosi dai floppy disk via boot sector. Allora non esistevano software in grado di offrire protezione contro questo tipo di malware: un’ispirazione per Andreas Lüning che nel 1987 sviluppò il primo software in grado di scansionare i floppy disk – la prima soluzione commerciale per la sicurezza IT al mondo.

Soluzioni per la sicurezza disponibili in oltre 90 Paesi
La start-up con sede a Bochum crebbe fino a diventare un’azienda con più di 400 dipendenti in tutto il mondo. Dieci anni fa l’azienda decise di concentrarsi interamente sulla sicurezza IT. Il portfolio di prodotti include oggi soluzioni complete per la tutela di dati e informazioni critiche di aziende e consumatori, disponibili in più di 90 Paesi.

G DATA ringrazia i propri utenti per i trent’anni di successi con l’edizione celebrativa di G DATA INTERNET SECURITY ad un prezzo speciale.


GDRIS26 IT JUBI 3PC KM37 72750 3D RGBLa miglior protezione: G DATA INTERNET SECURITY

G DATA INTERNET SECURITY tutela in modo affidabile PC e dati personali– con la migliore protezione contro virus e Trojan ed un potente firewall. Ciò significa che gli utenti sono protetti contro ogni pericolo – sia che essi stiano scrivendo email, utilizzando l’online banking o semplicemente navigando.

Le caratteristiche più rilevanti in sintesi:

  • Sicurezza completa per 3 PC
  • La miglior protezione contro virus ed altri malware, certificata da enti e associazioni indipendenti
  • Protezione istantanea per email, anche con crittografia SSL
  • Protezione degli exploit: blocca i malware che sfruttano i punti deboli del software
  • Protezione contro Keylogger: automatica, in tempo reale ed indipendente dalle signature
  • Protezione contro la pirateria tramite firewall
  • Tecnologia BankGuard per online banking sicuro
  • AntiSpam contro email pubblicitarie e di phishing
  • Servizio clienti gratuito 24/7/365

Prezzo speciale: € 30 (prezzo di listino consigliato) Continua a leggere

Le soluzioni per la sicurezza G DATA pronte per Windows 10


Logo-Claim 2015 EN 4CIl produttore tedesco per la sicurezza IT rilascia un nuovo aggiornamento delle sue soluzioni dedicate all’utenza privata come commerciale. InternetSecurity 2015 anche quest’anno riceve il bollino “Miglior Acquisto” di Altroconsumo.

Bochum (Germania) – Il 29 Luglio 2015 Microsoft lancerà sul mercato Windows 10. Per assicurare la compatibilità del nuovo sistema operativo con le soluzioni G DATA, il produttore tedesco annuncia ai propri utenti la disponibilità di un nuovo aggiornamento gratuito. Le reti aziendali e gli utenti privati saranno perciò interamente protetti anche con Windows 10.  

Anche a posteriori dell’aggiornamento al nuovo OS, i sistemi IT aziendali continueranno ad essere protetti da attacchi informatici, malware e spionaggio, grazie alla serie completa di soluzioni business per la sicurezza IT: G DATA ANTIVIRUS BUSINESS, ENDPOINT PROTECTION BUSINESS e MANAGED ENDPOINT SECURITY. La gestione integrata dei dispositivi mobili assicura protezione a tutti i dispositivi Android e iOS mentre gli amministratori IT, grazie al pratico dashboard, possono monitorare in ogni momento tutti i dispositivi presenti nella rete aziendale ed il rispettivo livello di sicurezza.

La protezione continua anche per gli utenti privati, che con le soluzioni per la sicurezza G DATA ANTIVIRUS, INTERNET SECURITY e TOTAL PROTECTION non solo beneficiano di applicazioni perfettamente compatibili con Windows 10, ma si assicurano – ad esempio con INTERNET SECURITY – il prodotto che anche quest’anno ha conseguito il bollino “Miglior Acquisto” di Altroconsumo.

GDATA_Software_Italia_Srl_MIGLIOR_ACQUISTO_col

Microsoft ha segnalato ai propri utenti la disponibilità dell’aggiornamento al nuovo sistema operativo tramite una notifica nella barra delle applicazioni. Gli utenti che attualmente impiegano Windows 7 o 8.1 potranno aggiornare a Windows 10 a titolo gratuito.

Prima dell’installazione del nuovo sistema operativo è però necessario fare attenzione ai seguenti punti:

  • Gli utenti devono installare tutti gli aggiornamenti disponibili per il vecchio sistema operativo e aggiornare tutti i programmi utilizzati.
  • La soluzione di sicurezza deve essere aggiornata e la licenza ancora valida. Al momento del passaggio al nuovo sistema operativo, Windows 10 conserverà così tutte le impostazioni e le soluzioni G DATA installate.

Continua a leggere

G DATA: Sfatati i miti sulla sicurezza IT


I rischi per gli utenti Internet sono in agguato ovunque nella reteLogo-Claim 2015 EN 4C

Bochum (Germania) – Gli esperti dei G DATA SecurityLabs sfatano due miti ricorrenti sulla sicurezza IT: “non visito i siti porno quindi il mio computer non può essere infettato.” oppure “non ho niente di importante salvato sul mio computer e non ho niente da nascondere – per quale motivo dovrei essere il bersaglio di un attacco?” Purtroppo la realtà è un po’ diversa. In questo articolo gli esperti spiegano perché queste affermazioni siano, di fatto, errate e perché la sicurezza IT sia importante per ogni utente.

 Mito #1 – “Non navigo su siti pericolosi”

Uno dei risultati più eclatanti della ricerca G DATA è che non esiste ambito scevro da siti fraudolenti, il problema non riguarda quindi solo siti mal visti. Le seguenti dieci categorie di sito, rilevate nel 2014, celano infatti il 76,4% di tutti i siti con codice malevolo analizzati. Categorie di norma ritenute innocue, come tecnologia, commercio o salute, sono da annoverarsi tra le maggiori fonti di rischio per gli utenti. Al contrario, siti implicanti pornografia e gioco d’azzardo hanno un impatto minore.

diagram_website_categories_H2_2014_v1_EN_HL_lowres

Gli attacchi possono aver luogo ovunque nella rete. Alcuni settori celano maggiori rischi di infezione ma nessuno di essi è  del tutto maligno o innocuo. I cyber criminali hanno come bersaglio siti che trattano argomenti particolarmente in voga, prediligendo per lo più attacchi non mirati e rapidi da eseguire, come ad esempio infezioni di massa di siti web vulnerabili: profitti elevati col minimo sforzo.

Mito #2 – “Il mio computer non è rilevante per i cyber criminali”

Per i criminali ogni computer ha valore, nei modi più svariati.  I PC infetti possono essere integrati in botnet per poi abusarne impiegandoli come proxy, per inviare messaggi spam o come strumento per attacchi DDoS contro altri sistemi. In altri casi, le risorse della CPU del computer infetto possono essere utilizzate per ottenere valute virtuali come Bitcoins. Lo studio segnala altresì un sensibile aumento della quantità di nuovi malware usati per perpetrare attacchi a utenti di computer durante la seconda metà del 2014.

Gli esperti hanno registrato  4.150.068  nuovi tipi di malware, un aumento del 125% rispetto al primo semestre  che ha portato ad un numero complessivo di 6 milioni nel 2014, di cui un’ampia fetta spetta a malware legati alla creazione e alla manutenzione di botnet.

Anche molti dei dati contenuti nel computer rappresentano un bene prezioso per i criminali: potrebbero appropriarsi degli indirizzi email dei contatti, potrebbero trovare password non protette di account da usare in modo inappropriato, per non dimenticare dati personali tra cui immagini e  documenti, un elemento da non sottovalutare. Questi contenuti digitali potrebbero infatti essere venduti su mercati sommersi o utilizzati per ricattare gli utenti colpiti.

Internet può essere un luogo pericoloso in cui navigare, ma non c’è bisogno di preoccuparsi se non per il dato di fatto che i computer senza appropriate misure di sicurezza sono una facile preda per i criminali. Va da sé che il prezzo da pagare per un’infezione è molto più alto rispetto al costo di una soluzione di sicurezza completa.

L’articolo è stato originariamente pubblicato in lingua inglese sul blog InfoSecurityEurope: http://blogs.infosecurityeurope.com/two-major-it-security-myths-debunked/

Per ulteriori informazioni e statistiche consultare il G DATA’s Malware Report H2 2014

Continua a leggere